21 Febbraio 2024
Punte di Freccia

Baudelaire. Gli abissi e le ali del gigante – Roberto Pecchioli

  Duecento anni fa, nel 1821, nasceva a Parigi Charles Baudelaire, gigante delle lettere francesi, autore dei Fiori del Male, una delle raccolte poetiche più importanti della letteratura universale, per qualcuno il Dante della modernità, un termine che inventò egli stesso in versi bellissimi: “la bellezza passeggera e fugace della vita attuale, l’essenza di ciò

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

Platone e l’Amore – Mario Michele Merlino

Platone c’insegna che con Amore non si scherza. Se ci afferra, dispettoso fanciullo, demone nell’accezione antica, cioè tra la divinità e l’uomo, non ci molla ci travolge ci stravolge. Ecco perché l’oggetto del nostro amore è sempre bello, mentre colui che ama è sempre brutto. Cesare Pavese: ‘E’ buio il mattino che passa senza la

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

Avevo un Capo – Mario Michele Merlino

Fine anni ’70, a Catanzaro, durante una delle innumerevoli fasi del processo. Non sempre presente. Dalla notte del 12 dicembre ho dovuto attendere la fine solo nel gennaio 1986. Non intendo, però, né qui né altrove, fare la cronistoria con annessa lamentazione. Di altro mi va parlare. Una sera scendo a Soverato, con avvocato e

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

Dio, Patria e Famiglia – Mario Michele Merlino

Tempo di festività. Reiterati auguri. Sentiti alcuni, formali altri. E tornano abusate e retoriche parole d’ordine di una destra becera ed esangue. Con luoghi comuni falsi e ipocriti, mascherati da linguaggi imperiosi e promesse d’essere cambiamento. Oggi mi gira storto, siate comprensivi o cambiate schermata. ‘Dio, Patria, Famiglia’, come vedete porto rispetto e le scrivo

Leggi l'articolo
Letteratura Punte di Freccia

La voce degli spiriti eroici – Mario Michele Merlino

Nata da un’idea ed a cura di Mario Merlino, la trasposizione teatrale del racconto di Mishima Yukio La voce degli spiriti eroici (1966) si realizza con libero accorgimento senza però alcun stravolgimento di significato. La rappresentazione s’incentra in rito a cui partecipa il medesimo scrittore ed atto ad evocare gli spiriti irati di coloro che

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

La Repubblica dei Vinti – Mario Michele Merlino

‘Musica di sentimenti’, così definì Marinetti quel Quarto d’ora di poesia della X MAS composto nel medesimo giorno, all’alba del 2 dicembre del ’44, insonne, in cui il suo cuore cedette, stroncato dalla deficienza cardiaca contratta sul fronte russo. La poesia, come sapevano bene i Greci, a preservare l’opera e il nome. Non un’ode al

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

La Grande Onda(*) – Mario Michele Merlino

Consentite ad un vecchio professore in pensione di prendere le mosse con una citazione. Autorevole. E’ di Berto Ricci che, in data 1 giugno 1938 (coincidenza. Trent’anni prima), scrive: ‘Si farà l’ordine nuovo se sapremo non vergognarci di essere, noi, e noi soli, il Disordine che crea’. Una chiave di lettura – fra le molteplici

Leggi l'articolo
Punte di Freccia Storia

Eroi – Mario Michele Merlino

Con il 4 novembre si conclude il centenario della Grande Guerra, 4 novembre 1918, l’anno della Vittoria. Siccome, però, siamo un paese fortunato, secondo l’abusata tiritera di Berthold Brecht di non necessitare d’eroi, giornali libri e televisione hanno privilegiato l’ottusità del generale Cadorna il numero dei disertori la tragedia delle decimazioni la rotta di Caporetto.

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

Eco di sentimenti – Mario Michele Merlino

Ci sono molte ragioni per avere a cuore la Germania – ragioni legate agli studi di filosofia (lo sanno bene gli ‘amici’ Stirner e Nietzsche e Heidegger) agli accadimenti storici (ultima e non ultima la battaglia di Berlino, aprile ’45) verso l’arte (Il cavaliere la Morte e il Diavolo del Duerer o il Liebestraum di

Leggi l'articolo
Punte di Freccia

Nel silenzio dei monti l’altro… – Mario Michele Merlino

Quando è nato in me il bisogno – linguaggio del corpo – di perdermi per sentieri e boschi e guardare verso le cime e ascoltare vento e silenzio? Soprattutto perché? Io che sono cresciuto, in tanta parte d’infanzia e adolescenza, sulla riva dell’Adriatico e avendo a confine la piatta linea dell’orizzonte. Unico rilievo le tre

Leggi l'articolo