14 Maggio 2024
Politica

L’ossessione antifascista – Enrico Marino

La Costituzione è antifascista e il 25 Aprile è la festa di tutti gli italiani. Con l’ossessiva ripetizione di queste due colossali megabufale la sinistra italiana ha celebrato e inquinato l’ennesima festa della cosiddetta Liberazione. La guerra civile terminata nel 1945, ma trascinatasi con un seguito di vendette, violenze e omicidi a opera dei partigiani

Leggi l'articolo
Politica

Dichiararsi antifascisti? — Enrico Marino

«Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione.». Con questa formula presidenti del Consiglio e ministri giurano fedeltà alla Repubblica e assumono i loro rispettivi ruoli. Dalla celebrazione di questo rito arcaico discende l’obbligo al rispetto delle leggi e,

Leggi l'articolo
Politica

Soccombere al degrado sociale ed umano o prepararsi a superarlo? – Paolo D’Arpini

Le varie nazioni del pianeta, con l’aumento di  attentati terroristici e conflitti, dimostrano la loro incapacità di affrontare l’emergenza  che si profila all’orizzonte, mancando completamente di “intelligenza” e di idee idonee a contrastare le violenze ed i rovesciamenti delle strutture sociali e comunitarie. Anche  l’Italia è presa da una deriva guerrafondaia,  seguendo una escalation matematica

Leggi l'articolo
Politica

La democrazia impopolare – Roberto Pecchioli

La democrazia è diventata impopolare. Lo attesta il crollo della partecipazione al suo rito più sacro, le elezioni. La tendenza riguarda l’intero Occidente, in cui ormai un elettore su due non si reca a votare. Le recentissime elezioni portoghesi hanno fatto eccezione, ma nel paese lusitano la contrapposizione era fortissima, alimentata da scandali di corruzione

Leggi l'articolo
Politica

Cosa succede in Italia – Fabio Calabrese

Io, lo sapete, ne avrete avuta la riprova su queste pagine, non ho molta passione per quello che si chiama “il teatrino della politica”, preferisco la tematica di ampio respiro a quel tipo di discorsi amati d certi commentatori politici che a ogni sondaggio discettano all’infinito su ogni mezzo punto perduto o guadagnato da questa

Leggi l'articolo
Letteratura Politica

HPL poeta politico: una guida tascabile – 8^ parte – Francesco G. Manetti

8^ parte – Inizia un nuovo decennio e appare il fantasma di Ezra Pound: 1920 – 1922 Con il terzo decennio del XX secolo le poesie di Lovecraft diventano ancora più “rarefatte” nel numero; pochi versi, dunque, e fra questi troviamo rari esemplari di quelli che noi abbiamo definito “politici”. Da notare che si sono

Leggi l'articolo
Politica

La farsa elettorale – Umberto Bianchi

      Clima di quasi-festa ed euforia, in casa del nostrano blocco dei “sinistrati”, che già pregusta la raccolta di vittorie ed allori elettorali a gogò, a rivincita delle umiliazioni e dei cascatoni di questi ultimi anni. Il tutto, condito da un’espressione “l’inizio di un nuovo percorso”, che dovrebbe far molto pensare, non solo

Leggi l'articolo
Politica

Quell’aggettivo di troppo: Enrico Marino

Dal lontano 1978, il 7 gennaio di ogni anno si celebra ad Acca Larentia, ex sezione del Movimento Sociale a Roma, il rito del “PRESENTE!” in ricordo di tre giovani assassinati da un gruppo di fuoco comunista e da un capitano dei Carabinieri, seppure successivamente assolto. E ogni anno centinaia di ragazzi si riuniscono davanti

Leggi l'articolo
Politica

Pensieri sparsi sull’attualità politica – Luigi Morrone

1) Sul reddito di cittadinanza. L’ultimo mio voto “utile” risale al 1994. Dopo, o non ho votato, o ho votato per partiti dello zerovirgola. Ebbene, nel 1996 votai, appunto, per un partito dello zerovirgola, la Fiamma Tricolore che, nel suo programma, prevedeva l’istituzione del “Salario di inserimento sociale”[1], un sostegno alla disoccupazione involontaria spettante a

Leggi l'articolo
Filosofia

In opposta direzione – Lorenzo Merlo

Rispetto a dove ci sta portando la politica, dovremmo andare in direzione opposta. Ma la sveglia non ha suonato. Siamo in netto ritardo sullo svolgersi della giornata. Le scelte sono già state prese. Non solo senza di noi, ma molto tempo prima che ci svegliassimo. È un’osservazione distribuibile a tutte le circostanze politiche di quest’epoca

Leggi l'articolo