15 Luglio 2024
Breviario Ribelle Società

Femminismo di genere, montature e menzogne – Roberto Pecchioli

La triste vicenda dell’omicidio di Giulia Cecchettin ha scatenato una sfacciata operazione politica, culturale e sociologica contro l’universo maschile. Il caso è stato montato sino al parossismo da un’accorta regia mediatica che obbedisce agli ordini delle centrali della guerra cognitiva che attacca ogni aspetto della nostra estenuata civilizzazione. Assolutamente priva di interesse per la sorte della povera ragazza veneta, l’operazione ha come filo conduttore la demonizzazione del cosiddetto patriarcato. A nulla sono valse le puntualizzazioni di intellettuali come Massimo Cacciari circa l’insussistenza nella nostra società del patriarcato, il dominio dei padri e in generale degli uomini . La verità cede dinanzi alla menzogna diffusa a reti unificate da un apparato di manipolazione scattato all’unisono; le parole sono piegate al significato voluto dal sistema culturale, mediatico, accademico al servizio dell’oligarchia di potere.

Per quanto certi dell’inutilità delle nostre, di parole, proviamo a ribaltare la narrazione, mostrando come il baccano che ha accompagnato la vicenda della ragazza –vittima strumentalizzata da sciacalli – sia una tappa del processo di distruzione dei fondamenti della società e dell’essere umano che viene da lontano. La strategia consiste nel manipolare e poi dominare le società, minando valori e principi per farli crollare dall’interno promuovendo la corruzione e la depravazione dei concetti, perché, “una volta che la società sarà depravata, gli esseri umani perderanno ogni fede” (Johan A. Weishaupt, fondatore degli Illuminati di Baviera).

La “distruzione creativa” promossa dall’alto mina ogni giorno il vecchio ordine, dall’economia alla scienza, alla letteratura, all’arte, all’architettura, al cinema, alla politica e al diritto. Si basa sulla creazione di conflitti artificiali: la guerra dei sessi è un elemento chiave. In questi giorni è all’opera un violento spirito di bellicosità contro gli uomini, derubricati zoologicamente a “maschi”, oggetto di ogni tipo di accuse. La bellicosità urlata è una strategia ideata da Edward Bernays, considerato il padre della propaganda e dell’ingegneria sociale, eufemisticamente celata dietro il sistema delle pubbliche relazioni, espressione coniata dallo stesso Bernays.

 Questo spirito bellicoso è al centro di tutti i movimenti culturali postmoderni, compresa la lobby LGTBI. “ La bellicosità con la sua concomitante emozione di rabbia è una costante umana. il consulente per le pubbliche relazioni ha nell’istinto bellicoso un’arma potente per ottenere il sostegno o l’opposizione del pubblico ad un punto di vista che gli interessa.

Quando non c’è bellicosità, è molto difficile che coloro che non sono direttamente coinvolti nella questione mantengano l’interesse. Coloro che sono coinvolti manterranno l’interesse nonostante l’assenza di dibattito. Ma per coloro per i quali il problema è estraneo e distante, deve esserci un ulteriore fattore di interesse. Perché la questione abbia significato per loro, deve fornire un fattore di lotta, di suspense e di vittoria”. Uno dei punti fondamentali della postmodernità è l’abolizione della famiglia naturale, definita spregiativamente “tradizionale”. Lo spirito bellicoso dell’ingegneria sociale è orientato al raggiungimento di questo obiettivo fornendo appunto “ un fattore di lotta”, nella fattispecie l’omicidio di Giulia. L’ applicazione dello spirito bellicoso al femminismo storico che chiedeva giustamente parità di diritti per le donne ha fatto emergere un movimento agonistico antimaschile diventato la degradazione delle rivendicazioni delle prime ondate. Si tratta del “femminismo di genere”, un’ ideologia nata all’ Università di San Diego nel 1969, progettata e finanziata dalla Fondazione Ford, sotto il cui patrocinio è stata sviluppata una nuova disciplina, denominata Women’s Studies (studi sulle donne, un campo accademico che attinge a metodi femministi e interdisciplinari per porre le vite e le esperienze delle donne al centro dello studio), diffusa nel primi anni Settanta con il sostegno finanziario delle fondazioni dei miliardari “filantropi”, in particolare Ford e Rockefeller.

Il femminismo di genere è emerso dalla politica radicale degli anni Sessanta, segnato dalla filosofia della Scuola di Francoforte, in particolare di Herbert Marcuse, dalla scuola francese strutturalista (Michel Foucault) oltreché dall’influenza di libri-culto come I dannati della terra di Frantz Fanon. E’ una tendenza profondamente intrisa del marxismo culturale sganciato dal collettivismo economico promosso dai francofortesi, diventato la modalità ideologica dominante in Occidente. Un attivismo assai noto è quello dei collettivi Femen, consistente nell’ irruzione iconoclasta di militanti seminude nei luoghi simbolo del potere “patriarcale”. Esso trae origine dalle pratiche della “Women’s International Terrorist Conspiracy from Hell” (Cospirazione Terroristica Internazionale delle Donne dell’Inferno), il cui acronimo WITCH significa strega. Il nome fu adottato da diversi gruppi femministi che si formarono negli Stati Uniti dopo il 1968. Il loro attivismo si svolgeva sotto forma di “zapping”, una rappresentazione di guerriglia che mescolava teatro di strada e protesta, con cui attiravano l’attenzione, generavano umorismo, denunce politiche e rivendicazioni economiche contro aziende e agenzie governative. Nello sviluppo mediatico del caso della sfortunata Giulia, questo potrebbe spiegare alcuni simboli apparsi sull’abbigliamento della sorella, diventata portavoce di un violento sentimento antimaschile. Il movimento adottò come simbolo la figura della strega in quanto considerata la prima donna a combattere contro l’oppressione. Secondo la studiosa Cynthia Eller, “scegliendo quel simbolo, le femministe si sono identificate con tutto ciò che alle donne era insegnato che non dovevano essere: brutte, aggressive, indipendenti e malvagie. Le femministe presero questo simbolo e lo trasformarono in un emblema del potere femminile, della conoscenza, dell’indipendenza e del martirio.” A partire dall’iconografia della strega, settori femministi giunsero ad abbracciare il “dianismo”, una forma di neopaganesimo orientato al culto di Diana, la Dea Madre. Analoga è la moderna “wicca”, adottata da alcuni movimenti femministi.

Il femminismo di genere è un’ideologia il cui obiettivo è la decostruzione delle strutture “patriarcali” (famiglia, religione, scienza, linguaggio), interpretate come mere “costruzioni sociali”. Una esponente di punta è la filosofa post strutturalista americana Judit Butler, militante LGBT, tra le prime a teorizzare la maternità come obbligo imposto dall’eteropatriarcato. Il femminismo di genere attribuisce alle donne una superiorità morale rispetto agli uomini, assegnando loro ossessivamente il ruolo di “vittime” oppresse e represse dal patriarcato. Animata dallo spirito di bellicosità alla Bernays e dal principio di distruzione creativa, la corrente è un filone del pensiero globalista che cerca la sua attuazione generando conflitti e scontri “ di genere” per corrodere dall’interno la società. La guerra dei sessi – donne contro uomini – e degli “orientamenti sessuali” – omosessuali contro etero – è uno degli scenari alimentati con il pieno consenso delle centrali di potere, in ogni tempo interessate a promuovere la divisione sociale. Secondo il femminismo di genere, il sesso è una mera differenziazione morfologica; ciò che conta veramente nella definizione dei ruoli maschile e femminile è la parola “genere”. Il principio è la lotta contro la distinzione tra i sessi, una lezione risalente a Simone de Beauvoir, musa di Jean Paul Sartre, storica autrice de Il secondo sesso, la cui frase iconica era “donna non si nasce, si diventa”. Non si può tacere che la stessa Beauvoir, assieme a Sartre, a Michel Foucault, al linguista Roland Barthes e al caposcuola della corrente decostruzionista Jacques Derrida, sottoscrisse nel 1977 una petizione al parlamento francese tesa alla depenalizzazione di ogni rapporto sessuale consenziente tra adulti e minori di quindici anni. Diverse esponenti del femminismo di genere arrivano ad affermare che ogni relazione eterosessuale è uno stupro e che il lesbismo è la condizione naturale delle donne. Naomi Wolf ha asserito che la bellezza femminile è un imposizione del patriarcato per distoglierle dal loro sviluppo personale.

E’ questa la cornice dell’assalto al cielo antipatriarcale cui assistiamo nel nome di Giulia. Se alla guerra dei sessi si aggiungono l’aborto come diritto universale, totem pseudo religioso, e la promozione dell’ideologia di genere LGTBQI+, si riconoscono chiaramente alcuni obiettivi fondamentali del globalismo: la riduzione della popolazione mondiale (neo malthusianesimo) e la distruzione della famiglia, tasselli essenziali per la costruzione del Nuovo Ordine Mondiale. Non sorprende quindi l’ossessione abortista, declinata come diritto alla salute riproduttiva, espressione a cavallo tra zootecnia ed eugenetica. La maternità è considerata una malattia, un costrutto e una costrizione sociale che limita l’ autorealizzazione femminile, imposta dall’eteropatriarcato. La fondatrice della prima clinica per aborti negli Stati Uniti nel 1915 fu Margaret Sanger, uno dei modelli del femminismo di genere, fondatrice dell’American Planned Parenthood League, da cui ebbe origine la International Planned Parenthood Federation ( IPPF), di cui fu prima presidente. Oggi Planet Parenthood, ricchissima destinataria di finanziamenti dalle grandi fondazioni “filantropiche” e dalla vasta rete delle organizzazioni progressiste occidentali, è al centro delle politiche di “salute riproduttiva” e gode enorme influenza presso ONU, Unione Europea, Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale. Segui il denaro e capirai motivi, protagonisti ed obiettivi delle attuali scelte politiche e antropologiche. La Fondazione Ford è una delle principali sostenitrici del globalismo liberista, insieme con istituzioni simili, le Fondazioni Rockefeller, Carnegie, Turner, Mc Arthur, Bill e Melinda Gates, la Open Society di George Soros, il CFR (Consiglio delle Relazioni Estere), l’USAID (Agenzia Americana per l’Aiuto alla Sviluppo) e il NED (National Endowment for Democracy, Fondo Nazionale per la Democrazia), queste ultime emanazioni del deep State americano.

Oggi metà dei progetti finanziati dalla Fondazione Ford sono dedicati alla promozione dei movimenti di genere. Uno dei suoi portavoce più influenti è la giornalista di origine ebrea Gloria Steinem, che in gioventù apparteneva all’ala più radicale della CIA nella lotta contro il comunismo (The CIA Old Boys) – incaricata di diffondere il neo femminismo nei media più importanti del mondo. Il femminismo di genere è la perversione globalista del femminismo storico, la lotta per la parità di diritti tra uomini e donne. Questa deriva è stata denunciata da importanti figure femministe, come la francese Elisabeth Badinter ne La strada degli errori (2005) diventato un best sellers contro ogni aspettativa, e Camille Anna Paglia, americana, autrice di libri di grande impatto sulla cultura contemporanea: Sexual personae” (1990), Sex, art and American culture” (1992) Vamps & tramps. (1994). “E’ di un’ingenuità totale attribuire la colpa di tutti i mali dell’universo agli uomini bianchi imperialisti. Non c’è umorismo, tutto è sermone, e nel femminismo accademico e intellettuale quello che si vede è un atteggiamento assolutamente dittatoriale.” La pensatrice americana Christina Hoff Sommer, autrice di Who Stole Feminism from Us? (Chi ci ha rubato il femminismo?) afferma che “c’è sempre stata una certa fobia degli uomini in alcune donne del movimento, questo è innegabile. Ma erano marginali. Oggi, almeno nelle università, sono le protagoniste del dibattito. La mascolinità viene trattata come una patologia bisognosa di cura. Quasi tutti gli studi di genere attribuiscono la maggior parte dei mali della società agli uomini e al patriarcato”.

La terza ondata di femminismo è costruita su bugie e iperboli. Una, osserva Hoff Sommer, è la disuguaglianza salariale. “Le donne guadagnano meno degli uomini, ma perché studiano materie diverse, lavorano in campi diversi e per meno ore. Quando si valutano tutti questi fattori, la differenza quasi scompare. Ma questo non viene detto negli studi di genere. Secondo lei, “il vero femminismo dovrebbe aiutare le donne che lottano contro i delitti d’onore, l’escissione dei genitali, i matrimoni forzati, le aggressioni con l’acido e le frustate”, anziché lamentarsi come vittime immaginarie di oppressioni pressoché inesistenti nelle società occidentali, dove godono di una posizione sconosciuta nelle altre parti del mondo. Parole importanti, ma inutili. I padroni del discorso hanno deciso diversamente e dobbiamo applaudire menzogne e generalizzazioni per non apparire arretrati, violenti, maschilisti (dopo quella di razzismo, l’accusa più infamante). Non possiamo neppure affermare che attorno al cadavere di una ragazza sfortunata si sta svolgendo una campagna di odio forsennato tesa a distruggere quanto resta non del patriarcato, ma della figura del maschio della specie umana. Una guerra insensata utile solo a chi domina il mondo. Curioso che siano maschi bianchi eterosessuali.

5 Comments

  • Primula Nera 30 Novembre 2023

    Una piccola considerazione, anche a rischio di andare un po’(ma credo non troppo) off topic .Il tema dei principi che salvavano le principesse dal mostro, tra l’altro antichissimo(Ercole che salva Esione, Perseo che salva Andromeda, etc), che poi diventò uno dei topoi della letteratura cavalleresca medievale e della fiaba, insegnava ai giovanissimi maschi che era cosa giusta e onorevole rischiare la propria vita per salvare una donna in pericolo. Anche questo aspetto è visto ora come un residuo del patriarcato ; così nelle storie moderne la principessa si salva da sola o (addirittura) è lei a salvare il principe dal drago (come cominciano a insegnare nelle scuole primarie…).
    Poi però si lamentano del fatto che tanti ragazzi non abbiano abbastanza empatia verso le donne…

  • Primula Nera 30 Novembre 2023

    Fiabe popolari ,prodotti dalle civiltà contadine patriarcali,insegnavano alle giovinette, come nel caso di”Cappuccetto rosso “,a non fidarsi degli sconosciuti o di gente ambigua in generale. Le fiabe contemporanee insegnano invece ad aprirsi all’altro, all’incontro col diverso(sempre buono e arricchente), e di tanto in tanto sbuffano contro il patriarcato ( ormai inesistente come un altro baubau buono alla bisogna…il fasciiismooo…).

    • Primula Nera 30 Novembre 2023

      “…prodotte dalle civiltà contadine…”

  • Alessandro 6 Dicembre 2023

    Condivido tutto o quasi. In verità il transumanesimo, la cultura woke e non ultimo il lobbismo LGBT non sono altro che creature del neofemminismo, ma attenzione: non cadiamo nell’errore di pensare che il femminismo delle precedenti ondate fosse qualcosa di più decente; semplicemente, al contrario di quanto accade oggi, era un fenomeno di nicchia, quindi non riusciva a esprimere tutta la sua virulenza ( si leggano i due illuminanti volumi di Gasco Altaba dedicati all’argomento). Mesi fa scrissi, a commento di uno dei tanti ottimi articoli pubblicati su questo portale, che il femminismo è il nemico, in quanto sovrastruttura dell’odierna fase del capitalismo: entrambi, per ragioni diverse che sarebbe troppo lungo spiegare, mirano a distruggere quel poco di buono che è stato costruito faticosamente nell’arco di decenni se non secoli in Occidente. Sono l’emergenza democratica, altro che femminicidio. E la scandalosa strumentalizzazione mediatica di un caso di cronaca nera è solo l’ultimo di tanti episodi vergognosi passati invece sotto silenzio, senza alcuna reazione maschile o comunque degli individui di buon senso. Almeno in quest’ultima occasione qualche segnale di reazione si è palesato, e questo articolo lo testimonia. Vedremo cosa accadrà in futuro, quando alzeranno ancor di più il tiro. Chissà che l’addormentato nel bosco non abbia iniziato a destarsi

    • Alessandro 6 Dicembre 2023

      Ovviamente quando accenno al transumanesimo faccio riferimento agli aspetti “gender” del fenomeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *