9 Aprile 2024
Spiritualità

Il destino e la camicia – Livio Cadè

«Sic volvere parcas» (“Così filavano le Parche”)

(Virgilio)

 

Una questione fondamentale

«Non sono mai riuscito a trovare in nessun libro o in nessun discorso del mio prossimo qualcosa che fosse abbastanza convincente da poterlo contrapporre anche per un solo istante al mio radicato senso della fatalità che governa questo mondo abitato dall’uomo». Queste parole di Conrad han sempre suscitato in me risonanze profonde. Spesso mi son ripetetuto quel che la Sibilla dice a Enea, «desine fata deum flecti sperare precando», smetti di sperare che, pregando Dio, cambi il destino.

Credo che tutti abbiano in sé l’idea di qualcosa che deve fatalmente accadere. L’avvenire appare a volte come qualcosa che nasce cammin facendo, tendenza latente e volubile, a volte come già interamente scritto. A tutti è capitato di passare, con una rivoluzione copernicana dello sguardo, da una visione egocentrica della propria vita a una fatocentrica e pensare “era scritto”. Prospettiva che, male afferrata, può gettarci in una condizione di totale impotenza o di filosofico nichilismo.

Il problema metafisico per eccellenza, a mio parere, non è infatti l’essere o la verità, ma la libertà. Destino e libertà sono compatibili? I Magi che indovinano dalla posizione degli astri la nascita del Salvatore, vi vedono anche una inamovibile croce, o Cristo è libero di seguire altre strade? Quando le streghe gli predicono l’imminente trono, v’è per Macbeth un’alternativa all’uccidere Duncan? Che la Terra sia rotonda, che sia il Sole a girarle intorno o viceversa, mi appare questione di poco conto rispetto al chiedersi: sono io a creare il mio destino o è il contrario? Perché crediamo che i nostri moti interiori e le nostre vicende sfuggano al rigore delle leggi che guidano il corso dei corpi celesti e governano i fenomeni naturali?

Considerazioni preliminari

Di fatto, nessuno sceglie liberamente di nascere, quando e dove, da quali genitori, d’esser maschio o femmina, uomo o scarafaggio. Succede però che, giunto a una certa età, dotato d’un corpo e d’un cervello di cui non sa quasi nulla, l’uomo si convinca d’essere l’artefice e il pilota della propria esistenza. Solo quando pensa ad eventi cruciali, agli incontri che gli hanno cambiato la vita, al morire, gli sale forse alle labbra la parola destino.

Il nostro senso comune poggia su un esistenzialismo – che potremmo dire tolemaico – così organizzato: a) io sono il perno intorno a cui ruota il destino, b) la vita è una piatta superficie di linee che vanno dal passato al futuro c) queste linee indicano una correlazione di cause che posso in certa misura controllare. Il fatalismo produce un ribaltamento di prospettive: a) è il destino il centro intorno a cui io giro in orbite invariabili, b) il futuro scorre verso il passato, rendendo manifesto qualcosa che è già scritto e che non posso mutare, c) la vita non è un piano lineare ma una sfera che contiene insieme passato, presente e futuro, e al cui interno tutto è già avvenuto.

C’è anche un fatalismo intermedio, che non contraddice la nostra abituale visione tolemaica dell’esistenza. Solo la depura della libertà umana, costringendola in uno schema meccanicistico per cui, una volta formata la linea del tempo e innescata la serie delle cause, tutto avviene in modo automatico e irreversibile. Teoricamente, disponendo di dati sufficienti, potremmo dunque prevedere il nostro futuro come si prevede un’eclissi o l’istante esatto in cui il Sole tramonterà.

Se la guardiamo pragmaticamente, si può dire che la questione è irrilevante, dato che, così come l’uomo è vissuto per millenni pensando che la Terra fosse piatta e che il Sole le girasse intorno, allo stesso modo non gli cambierebbe sostanzialmente nulla credere al Fato. Continuerebbe a fare le cose che ha sempre fatto, a cercar di soddisfare i propri desideri e di non soffrire. Per altro, potrebbe obiettare che, se si sente un essere libero, questo è il suo destino, e non gli serve indagare al riguardo. E avrebbe ragione. Tuttavia, è privilegio dell’uomo porsi domande inutili.

Il gioco fatale

Nel mio caso, il primo dubbio fatalista mi venne che ero ancora ragazzino, mentre giocavo a restà ‘n camisa. Così è detto dalle mie parti un gioco talmente elementare che un bimbo di tre anni potrebbe battere un genio della matematica. Si tratta di mescolare il mazzo di 40 carte, dividerlo esattamente a metà tra i due giocatori e poi, a turno, calare la carta che sta in cima al proprio mazzetto. Se è un asso, il nostro avversario ci dovrà cedere una delle sue carte, se è un 2, dovrà darcene due, se è un 3, tre. E lo stesso faremo noi se la carta dell’altro giocatore sarà un asso, un 2 o un 3. Si va avanti a giocare finché uno dei due non ha più carte, ovvero “resta in camicia”.

Un giorno, imberbe fanciullo, notai l’inflessibile e irrevocabile determinismo di quel gioco. Infatti i due giocatori non hanno alcuna possibilità di influenzare il corso della partita. L’esito è deciso a priori dalla combinazione casuale in cui le carte si trovano disposte all’inizio. Nessuna importanza hanno, come in altri giochi, l’intelligenza o la memoria, l’audacia, l’intuito, la capacità di bluffare. Tutto ciò che si deve fare è calare la prima carta, il resto è destino.

Giocavo con una vecchia prozia dall’animo candido. Si chiamava Eva. Aveva perso il marito in guerra. Costui era solito dire: “la pallottola che mi ucciderà non l’hanno ancora fabbricata”. Invece cadde in un’imboscata, in Albania. Era scritto che  restasse vedova. Poi un giorno una telefonata le comunicò che il primo dei suoi tre figli, un ragazzo di 27 anni, era annegato. Destino. Ma quando giocava a camicia con me la zia sorrideva. Sembrava contenta di perdere, o rallegrarsi del fatto che fossi io a vincere.

Educare alla responsabilità

Il restà ‘n camisa mi rivelò l’occulta presenza del Fato. Mi chiesi se anche nella vita tutto fosse deciso in anticipo da un indifferente rimescolamento di atomi, da una meccanica successione di eventi rigidamente predeterminati, inevitabili. Solo un’aleatoria combinazione di semi, che non ha nessun nesso con la nostra volontà. Quel dilemma, che cupamente minacciava di abbattere dalle fondamenta il mio pensiero etico e religioso, non mi abbandonò più. Si mise a navigare, finendo con l’arenarsi nelle secche della metafisica.

In seguito imparai giochi in cui un residuo di elementi fortuiti – l’avere carte buone o cattive – era compensato dall’applicazione di virtù intellettuali, di facoltà mnemoniche e intuitive, giochi che educano alla logica e alla fiducia in sé stessi, dove l’esito della partita è una nostra responsabilità. Mi appassionai agli scacchi, dove la fortuna non ha importanza. Ma lo sconcertante enigma del restà ‘n camisa mi aveva ormai profondamente e irreparabilmente segnato. Quelle 40 carte, allegoria di un destino inesorabile, mi seguivano come ombre. Ora sembravano le leggi di un rigoroso determinismo cosmico, ora simboli dell’ineluttabile “volontà di Dio”.

Cominciai a pensare che se il destino è scritto, debba esistere un modo di leggerlo. Di fatto, la mente umana ha natura divinatoria. Ancor oggi, nonostante due secoli di positivismo, ci scorre nel sangue un passato di profezie, vaticini, oracoli, voli d’uccelli, viscere di animali, gusci di tartaruga, steli di achillea, fondi di caffè, sfere di cristallo, oroscopi, tarocchi, linee della mano, vaghi presagi, misteriosi presentimenti, e tutto ciò che può nascere dall’idea di un futuro prestabilito. Ufficialmente l’uomo moderno chiede alla scienza di scrutare il domani, ma la scienza è miope, mentre la fede e l’immaginazione vedono lontano.

Il fatalismo nel cristianesimo

Anche la nostra inveterata educazione religiosa giustifica questa propensione alla preveggenza. Nell’Antico Testamento troviamo centinaia di profezie, visioni del futuro, sogni premonitori. La venuta del Messia è predetta con secoli di anticipo, e Cristo è persuaso che lo attenda il martirio appunto perché così è scritto. Solo per un attimo cede a un dubbio umano: «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice».Se vuoi. Dunque, neppure lui sa con certezza quale sia la volontà di Dio.

Un’ombra di scetticismo scivola forse sulle profezie cui ha sempre creduto. Forse spera in un destino condizionale, che ancora possa mutare. Eppure, lui stesso afferma che i capelli del nostro capo sono contati, predice il tradimento di Giuda, prevede che Pietro lo rinnegherà tre volte prima dell’alba, lasciando intendere che ogni cosa è prefissata. Così noi dovremmo credere che l’Apocalisse contenga una rivelazione di ciò che ineluttabilmente accadrà negli ultimi tempi. Ma se gli ultimi tempi sono già scritti, perché non i penultimi?

Si dirà che la preveggenza non avalla di per sé teorie predeterministiche. Infatti, posso prevedere in anticipo che se mangerai un piatto di Amanita falloide morirai, ma questo non ti priva della libertà di decidere. In effetti certe profezie sembrano condizionali, aver cioè valore di monito, di esortazione a una conversione della volontà e dei comportamenti. Tuttavia, nemmeno la nostra interiorità pare sottrarsi alla predestinazione. “Infatti, è Dio che produce in voi il volere e l’agire” scrive l’apostolo Paolo ai Filippesi. Esito coerente e radicale di questo pensiero è l’idea calvinista secondo cui è Dio a decidere con eterno decreto quale sarà la sorte dell’uomo, se sarà santo o reprobo, salvo o dannato.

Fatalismi classici

Il fatalismo non è però prerogativa di una tradizione giudeo-cristiana, è “quod ubique, semper, ab omnibus creditum est”, fenomeno ubiquitario e proteiforme. Per Omero, gli eventi “siedono sulle ginocchia degli Dei”. Tanto gli preme questo concetto che, tra Iliade e Odissea, lo ripete quattro volte. La tragedia greca crea il paradigma dell’uomo che sa d’esser sottomesso al destino, e che per questo emana un’aura di tragicità. Edipo conosce il suo fato, e invano cercherà di sfuggirgli. Dovrà uccidere il padre e giacere con la madre, perché l’oracolo l’ha predetto.

Le tre Moire (μοῖρα è “destino”) hanno l’ufficio di tessere, filare e troncare la vita dei mortali, ossia di deciderne l’inizio, il procedere e la fine. Il mondo latino ereditò quella figlie della Notte, chiamandole Parche. Gli antichi romani son fatalisti, ma credono, come i Greci, di potersi propiziare gli Dei – e quindi il destino – con rituali e sacrifici. Seneca, più severamente, cita lo stoico Cleante: il destino conduce chi lo asseconda, trascina chi gli si oppone (“ducunt volentem fata, nolentem trahunt”). Lo stesso concetto ritroviamo in Tacito: “quae fato manent non vitantur” (non si può sfuggire al destino) e più tardi, con più vivace forma, in Dante: “che giova ne le fata dar di cozzo?”.

Abhinavagupta, uno dei massimi filosofi indiani, vissuto nel Kashmir medievale, dice che accade solo ciò che Shiva, nella sua suprema libertà, ha deciso. A chi gli obietta: “allora, perché non starsene seduti senza far nulla?”, risponde: “se è questo che Shiva vuole, resterai seduto a far nulla. Ma se vuole che tu sollevi delle pietre, le solleverai”. Per Ibn ‘Atā’ Allāh, mistico egiziano del tredicesimo secolo, “non v’è respiro senza che Dio attui in noi un Suo decreto”. Perciò “è al culmine dell’ignoranza chi vuole che, nel tempo, accada altro da ciò che Dio vi manifesta”. Per chi crede nella Provvidenza, questo fatalismo è antidoto alla paura, balsamo per l’ansietà.

Anche il cosmo, col suo transito di astri e corpi celesti, par fissare in noi un destino. Quando nasciamo – ma secondo alcuni nell’istante del concepimento – l’universo imprimerebbe nelle nostre cellule una sorta di pellicola cinematografica. La nostra vita comincia così a srotolarsi, a proiettare le immagini registrate in lei. Qualcuno cerca di ammorbidire questo intransigente fatalismo dicendo che astra inclinant, non necessitant, o che il nostro Sé è spettatore distaccato. Ma di fatto restiamo attori che inconsapevolmente, scambiandolo per la realtà, recitano in un film dove dialoghi, scene, trama, i più insignificanti dettagli, tutto è già puntualmente prestabilito.

Fatalismi moderni

Senza approdare a prospettive metafisiche, anche la scienza moderna aderisce tuttavia a un fatalismo materialista, convinta di poter predire qualcosa che deve necessariamente accadere. A volte trova impossibile far previsioni certe solo per una pratica difficoltà, per il numero troppo elevato delle combinazioni possibili, delle variabili da prendere in considerazione. Come diceva l’abate Galiani, «il destino è una legge, il cui significato ci sfugge perché ci manca un’immensa quantità di dati». Disponessimo di un’illimitata capacità di calcolo, potremmo forse vedere che tutto è già lì, ordinatamente disposto lungo una linea prestabilita di cause ed effetti, come nel restà ‘n camisa.

Va ricordato anche quel fatalismo relativo, avvocatesco, che ammette la libertà della persona e tuttavia ne erode la responsabilità, attribuendo i suoi atti a cause esterne e indipendenti dalla volontà: l’educazione, l’ambiente, la società, la genetica, il sistema endocrino, gli accecamenti passionali, gli impulsi incontrollabili, denunciando un complesso di circostanze attenuanti che concorrono a rendere l’individuo vittima della fatalità, e quindi non colpevole, non punibile.

Comune ai nostri tempi è anche un certo fatalismo sociale, che si inventa “uomini del destino”, trascinatori di popoli, o che sostituisce l’antico “volere degli Dei” con le decisioni di occulti gruppi di potere. Pare così che nuove Moire tirino i fili delle nostre vite. Ed è forse questo il fatalismo peggiore, questa schiavitù cui siamo rassegnati, destino di cui impotenti ascoltiamo gli oracoli, cui speriamo di poter sfuggire perché non troviamo la forza e la dignità sufficienti per opporvi una ribellione doverosa.

Predestinazione vs. pro-destinazione

È possibile che il fatalismo, in ogni sua forma, sia una mera superstizione. Che prove abbiamo che un irresistibile potere ci sovrasti, oscuro manovratore delle vicende umane? Vi sono certo ipotesi più razionali per spiegare il corso degli eventi. Perché allora vidi l’ombra del destino in quel semplice gioco, giocato con una zia paziente, rassegnata al dolore? Era come l’eco, il ricordo di una verità dimenticata. Forse davvero la vita trascorre come un avvicendarsi di carte prestabilito e immodificabile, e noi oscuramente lo sappiamo.

Sarebbe allora la libertà la nostra vera superstizione, illusione necessaria per non cadere in un fatalismo morboso e annichilente. Per non ridurre la vita a qualcosa che esce dal nulla, momento dopo momento, senza il nostro consenso. Come il coniglio che uno sconosciuto illusionista tira fuori dal cilindro per le orecchie, o la colomba costretta magicamente a prendere il volo.

Perciò, quando il pensiero del fato mi assale, lascio che il senso comune mi venga in aiuto, nego d’esser predestinato. Semmai pro-destinato. Immagino cioè d’avere uno scopo da realizzare nella vita, una destinazione da raggiungere con le mie forze. Non si tratta di seguire una strada già fatta ma di crearla, di aprirsi un varco tra le cose. È forse ingenuo, ma perché una visione fatalista dovrebbe prevalere sul libero arbitrio? Perché dovrei sentirmi una marionetta legata ai fili del destino invece che un essere libero? Mi rifugio nel mio moralismo tolemaico, fatto di giusto e ingiusto, di galantuomini e malfattori che son tali per scelta.

Fatalità e karma

Con ciò, lo ammetto, non ho trovato una refutazione convincente alle parole di Conrad, al “radicato senso della fatalità che governa questo mondo”. In realtà, se lo osservo in modo logico, non vedo una soluzione. Il passato è immutabile, perché non è più. E credere di poter intervenire sul futuro è assurdo. Come potrei cambiare qualcosa che ancora non esiste? Non resta che il presente. Ma il presente è sfuggente, inafferrabile, si trasforma immediatamente in passato. L’unica confutazione possibile del fatalismo è dunque un eterno presente, immediatezza totale e senza causa, dove son raccolte tutte le potenzialità e tutte le attualità, tutti i semi e tutte le fioriture, dove tutto è sempre presente.

Comprendo allora che il problema del destino è il frutto di una coscienza divisa, che sente il tempo come ‘altro da sé’. È la perenne crux di un ‘io’ che percepisce come forze estranee persino le proprie strutture ontologiche, i propri processi fisici e psichici. Necessità e libertà si conciliano solo nella profonda coesione del sé, dove essere e tempo, spirito e natura, si fondono in una sostanziale e sincronica unità, in un’identità che rende l’idea di destino inutile duplicazione dell’idea di sé stessi.

Seguendo tale intuizione, posso vedere nell’idea del karma l’affermazione paradossale di un fatalismo responsabile. Da un lato devo necessariamente raccogliere i frutti delle mie azioni passate. Questa è la predestinazione cui nessuno può sottrarsi. Dall’altro mi è dato però di seminare il mio domani, e questa è libertà. Il mio ieri mi condiziona, forma in me coazioni a ripetere, tendenze – vāsanā, direbbe un indù – che rendono il mio avvenire in parte prevedibile. E quanto più vivo un presente meccanico, ripetitivo, inconsapevole, tanto più il mio futuro è già scritto. Ma questo non contraddice la mia libertà, perché “non ci accade nulla che già non ci appartenga intimamente”.

Queste parole di von Keyserling mi suggeriscono la soluzione del problema. O forse non esistono soluzioni, solo volontà in movimento, non catene deterministiche ma autonome determinazioni. Perciò prendo il libro della mia vita e cerco di correggerne i refusi, cancellare le parole inappropriate, cambiare stile. Tutto è scritto, ma io e il mio fato siamo un’unica cosa, ci co-implicitiamo. Allora il mondo diviene per me come l’Abbazia di Thélème, dove non si ha altra legge che la propria, e posso dire a me stesso: fa’ ciò che vuoi. Ciò non toglie che dovrò saldare i miei debiti con la vita, “e non ne uscirò finché non avrò pagato fino all’ultimo spicciolo”. Alla fine, temo, resterò in camicia. E andandomene porterò con me solo quell’inconsutile, rattoppata veste che è il mio destino.

36 Comments

  • Paola 11 Marzo 2024

    Straordinario, grazie. Ci si ripete, forse, ma così è.

    • Paola 11 Marzo 2024

      …”ci si ripete” riferito a me, ovviamente, non a Lei.

      • Livio Cadè 11 Marzo 2024

        E pensi che persino su facebook non l’hanno (per ora) censurato, nonostante i nudi scandalosi del Marco Bigio (quei quadri osceni che si facevano nel’500)…

        • Livio Cadè 11 Marzo 2024

          …forse un fatale segno di rilassatezza dei costumi…

          • Paola 11 Marzo 2024

            …non parli del dipinto…potrebbe attirare i salvatori del pianeta (quelli itineranti, che accedono ovunque e comunque. Senza complicità interna, nulla di concordato. Ci mancherebbe…).

          • Livio Cadè 11 Marzo 2024

            Ha ragione. Su youtube ho visto bloccare alcuni miei video dove, su musiche di Mozart, Chopin etc., avevo messo dei castissimi nudi di grandi pittori del ‘700 o dell’800. Poi me li hanno sbloccati, ma impedendo l’accesso ai minori di anni 18. A volte mi sembra una commedia dell’assurdo, l’apoteosi del ridicolo e del bigottismo ipocrita, o forse una farsa creata da un genio della comicità.

  • investigator13 11 Marzo 2024

    il destino ci viene assegnato, vuoi in quanto sei trascinato dagli eventi; fatalità. l’imponderabile, che fa capolino lungo il corso della tua vita; Vuoi l’ostinazione di agire in quel modo che ti rassicura “”per il “proprio bene”, di solito si dice così. Poi un giorno arriva l’attimo fuggente che rimette tutto in discussione il tuo passato, Come reagiamo a tanta violenza per non perdere tutto in un solo attim0?. Era destino che le cose andassero così. Da qui parte il modo come adattarsi, al nuovo corso di quel che rimane della propria vita, Non è facile, la paura di sbagliare ancora, ci porta a soppesare tutto quello che facciamo,, i sensi di colpa si moltiplicano, l’insoddisfazione pure essa si moltiplica, e la colpa del destino ci incatena nei rimorsi di dover sbagliare ancora, .Sarà l’unica condizione per andare avanti ormai strascinati dal destino predestinato che in parte celo costruiamo consapevolmente, ma avanti bisogna pure andare. insomma il destino è una sorta di visione accomodata per non sentirsi in colpa più di tanto. “Mannaggia del destino che mi è toccato”.

    • Livio Cadè 11 Marzo 2024

      Lessi che una volta Sri Aurobindo, a un tale che gli diceva: “è andata così, era destino”, rispose “no. È andata così ma poteva andar meglio”.

  • Paola 11 Marzo 2024

    L. C.

    A parte i censori, i nuovi casti (che, tuttavia, darebbero il placet anche agli accoppiamenti e/o unioni (in)civili uomo-processionaria), alludevo ai verniciatori museali.

    • Livio Cadè 11 Marzo 2024

      Verniciatori museali? Vandali? Braghettoni?

      • Paola 11 Marzo 2024

        Quei cosi inutili che sproloquiano di anidride carbonica, pianeta etc…Quei cosi vuoti eterodiretti o meno, brutti, puzzoni, urlanti. Vandali è già un complimento.

        • Paola 11 Marzo 2024

          …si attaccano ai vetri protettivi con le zampe o vi lanciano vernici, defecano idiozie, rubano ossigeno (ladri di ossigeno ce ne sono moltissimi, in verità).

          • Livio Cadè 11 Marzo 2024

            Le masse saranno sempre al di sotto della media. La maggiore età si abbasserà, la barriera del sesso cadrà, e la democrazia arriverà all’assurdo rimettendo la decisione intorno alle cose più grandi ai più incapaci.
            Sarà la punizione del suo principio astratto dell’uguaglianza, che dispensa l’ignorante dall’istruirsi, l’imbecille dal giudicarsi, il bambino dall’essere uomo e il delinquente dal correggersi. Il diritto pubblico fondato sull’uguaglianza andrà in pezzi a causa delle sue conseguenze.
            Perché non riconosce la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, cioè la fatica individuale: culminerà nel trionfo della feccia e dell’appiattimento.
            (Henri-Frédéric Amiel, 1871)

  • Ivano Macalli 13 Marzo 2024

    Ad ognuno è data la sua vita.

  • Ivano Macalli 13 Marzo 2024

    E sempre il nostro destino lo determinano gli altri. Niente di sovrumano. E gli altri sono gli eventi a cui non possiamo sottrarci.

  • Ivano Macalli 13 Marzo 2024

    Così che il senso della vita, parolona grossa, assurge ad una fatica senza fine che non approda in un nessun porto.

    • Paola 13 Marzo 2024

      Conclusione tragicamente pessimistica che, ahimè, condivido.

      • Livio Cadè 13 Marzo 2024

        Io lascerei la questione aperta al dubbio…

        • Paola 13 Marzo 2024

          Il dubbio rimane la mia flebilissima, direi agonizzante, speranza.

          • Paola 13 Marzo 2024

            L. C.

            …speranza autimposta, che poco ha di spontaneo. Giusto per non impazzire o soccombere.

          • Paola 13 Marzo 2024

            * autoimposta.

  • Ivano Macalli 13 Marzo 2024

    A meno che non si voglia ricondurre il tutto all’imperscrutabile, e potrebbe anche essere così, di fatto ci troviamo a combattere non col mondo delle idee, ma col mondo delle cose, che sembrano di dimensioni enormi. Si deve pur accusare qualcuno. Si va verso le guerre? Colpa del destino o della stupidità degli uomini? Io credo che sia colpa degli uomini. E allora il destino?

  • Paola 13 Marzo 2024

    Non so se sia peggiore la guerra, intesa come fine di tutto, o questo stillicidio (eufemismo) a cui ci stanno sottoponendo e che sembra accelerare giorno dopo giorno.

  • Ivano Macalli 13 Marzo 2024

    È meglio lo stillicidio, per favore, ancora un po’ di tempo. Pensiero egoistico, ma non voglio pensarla la guerra, che se non ucciderà noi ucciderà gli affetti, figli, nipoti, pronipoti. E magari il genere umano, nel frattempo, potrebbe diventare l’aggettivo che lo identifica. Umano!

  • Paola 13 Marzo 2024

    Non sono così altruista da pensare ai pronipoti o a generazioni che non conoscerò mai. Cinica? Arida? Probabilmente, ma voglio essere sincera.

    • Livio Cadè 14 Marzo 2024

      «Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena».

      • Ivano Macalli 14 Marzo 2024

        Alcune volte un problema nuovo rimuove quello vecchio, quasi una consolazione.

  • Ivano Macalli 14 Marzo 2024

    Certo, anch’io credo al destino, che non si sa bene cosa sia, ma osservo anche che in tanti anni di vita una certa prevedibilità sia possibile. Certo, col senno di poi, ma retrospettivamente registro nella mia esistenza un certa ciclicità, magari di causa/effetto, ma che mi può far affermare che alcuni eventi li potremmo anticipare deviandone il corso. A meno che non si preferisca dire, carattere, personalità, che non riuscendolo a fare, sia tutta colpa del destino. Me in questo caso si innesca il meccanismo del circolo vizioso che, a seconda dei casi, o conforta o destabilizza. In tutti i casi, ripeto, e non è la stagionalità della vita, che se fossi stato più accorto mettendo in ordine i casi dell’esperienza un intervento sarebbe stato possibile. O ancora: cosa posso farci in caso di fallimento? Semplice, basta rispondersi: è tutta colpa del destino.

    • Livio Cadè 14 Marzo 2024

      …”se fossi stato più accorto mettendo in ordine i casi dell’esperienza”… È appunto quello che con un ossimoro ho tentato di definire come ‘fatalismo responsabile’.

  • Ivano Macalli 14 Marzo 2024

    Ottima sintesi.

  • Ivano Macalli 18 Marzo 2024

    “Parole della vergine Lachesi, figlia di Ananke: anime, che vivete solo un giorno (ephémeroi) comincia per voi un altro periodo di generazione mortale, portatrice di morte (thanotephòron). Non vi otterrà in sorte un dàimon, ma sarete voi a scegliere il dàimon. E chi viene sorteggiato per primo scelga per primo una vita, cui sarà necessariamente congiunto. La virtù (areté) è senza padrone (adéspoton) e ciascuno ne avrà di più o di meno a seconda che la onori o la spregi. La responsabilità è di chi sceglie; il dio (theos) non è responsabile” NATURALMENTE NON È ASSOLUTAMENTE COSÌ! A meno che non si creda alla trasmigrazione delle anime, e a quel punto tutto sarebbe possibile.

    • Ivano Macalli 18 Marzo 2024

      Che poi sarebbe come credere alle scie chimiche, alla terra piatta e alla pericolosità dei vaccini, insomma, ad un pericoloso arresto del pensiero filosofico quando lo si assume acriticamente, che poi è esattamente il contrario dell’interrogazione.

      • Ivano Macalli 18 Marzo 2024

        Dell’interrogarsi, correggo.

  • Ivano Macalli 18 Marzo 2024

    Io sono un relativista sofistico, “un tutto indistinto e identificabile con una filosofia negatrice di ogni stabile punto di vista sulle cose e di ogni certezza teorica e pratica”. Calato nel presente io cerco questa mia certezza e conferma nella complessità del mondo contemporaneo. La retorica ammaliatrice, alias propaganda, politica, culturale, esistenziale ha distrutto l’assoluto, probabilmente anche in chi lo va cercando. E non è il mio caso. Credo che solo il relativismo, e quindi il necessario dialogo, possano arrivare al concetto universalmente accettato che, in quanto ente astratto ha le due strade aperte, quella verso il basso e quella verso l’alto. Ora la strada è in discesa, ma per alcuni è in salita. Punti di vista.

  • Ivano Macalli 18 Marzo 2024

    Concludo: sono orgogliosamente materialista.

  • Ivano Macalli 20 Marzo 2024

    Il destino, prosaicamente, senza troppe speculazioni intellettuali, filosofiche o teologiche, è quel limite invalicabile che dovrebbe garantire ad ogni errore, sto parlando dei comportamenti individuali, tutte le giustificazioni/attenuanti possibili, escludendo tutti i metri di giudizio morale, prodotto culturale, che ambiziosi di essere universali, sottostanno a quella convenzione che è la convivenza civile, che per essere tale dovrebbe sgombrare, alleggerirsi del sovrappeso indotto dagli uomini che, a seconda di questo o quel momento storico,assolvono o condannano. Tutto è così culturale da togliere a chiunque la possibilità del dubbio. Basta schierarsi o da una parte o dall’altra e in questo modo togliere al destino il suo mistero. E pacificarsi con la propria arroganza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *