Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

Vorrei mettervi a parte di alcune riflessioni che mi sono venute in mente in seguito alla recente scomparsa di Michail Gorbacev. Quest’uomo sarà certamente ricordato come l’ultimo segretario del PCUS e il liquidatore dell’Unione Sovietica, del che gli siamo francamente grati. Il suo è stato un tentativo generoso di dare vita a un comunismo rispettoso delle libertà e dei diritti umani, ma il risultato è stato quello di sfasciare tutta la baracca (e si trattava di quella che allora era la seconda superpotenza planetaria) e una dimostrazione che più chiara di così non si potrebbe, che il comunismo non è compatibile con la libertà e il rispetto dei diritti umani.

Tuttavia, io penso sia sbagliato attribuire esclusivamente a Gorbacev la responsabilità (o il merito) della morte del comunismo. Non è un discorso nuovo, anche se penso che soprattutto i più giovani dovranno fare un po’ di mente locale. Soprattutto negli anni ’80 e ’90 del XX secolo si è fatto un gran parlare e straparlare di morte delle ideologie, un discorso che, fatto prevalentemente da “intellettuali” di sinistra, a me è sempre sembrato sommamente ipocrita: si attribuiva “alle ideologie” in generale, quella che era la crisi letale specifica di una ideologia che aveva perso il suo potere attrattivo, l’ideologia “rossa”, soprattutto dopo che l’intossicazione mentale del decennio precedente, l’epoca della “contestazione” (che era stata l’ultimo colpo di coda del comunismo che davanti all’impossibilità di aver ragione del mondo non comunista per via militare, tentò la strada dell’invasione ideologica), col suo seguito inevitabile di delusioni, tentava ora di fare della sua specifica crisi un fenomeno generalizzato.

Era, naturalmente, un discorso falso.

Noi, il nostro ambiente umano, soprattutto la nostra visione del mondo (quando si tratta di noi, preferisco quest’espressione al termine ideologia). Dopo ottant’anni di ghettizzazione e demonizzazione ci siamo ancora, e siamo intenzionati a restare.

Per ovvi motivi anagrafici, nessuno di noi ha conosciuto il fascismo, ma ben abbiamo conosciuto e conosciamo la repubblica democratica e antifascista, la sua incuria per l’interesse nazionale, il suo servilismo verso poteri stranieri, USA, UE, perfino il Vaticano, l’ipocrisia delle sue dichiarazioni di libertà mentre nei codici si infittiscono sempre più le fattispecie di reati d’opinione.

L’incuria per l’interesse nazionale la conosciamo bene soprattutto noi che abbiamo la ventura di essere italiani dei confini, a contatto con minoranze etniche tanto più pretenziose quanto più vezzeggiate, ma oggi il problema non è più solo nostro, ma di tutta Italia, oggi che siamo vittime di una incontrollata immigrazione/invasione dal Terzo Mondo.

Estremisti? A me sembra che siamo piuttosto i non molti vedenti in un mondo di ciechi.

Ci siamo, continueremo a esserci, non hanno finito di fare i conti con noi, e non è detto che le nostre fila non tornino a ingrossarsi man mano che la gente si renderà sempre più conto che la repubblica democratica e antifascista e i partiti di sinistra trattano gli Italiani nativi come persone di serie B in confronto alle minoranze etniche e agli immigrati.

Per un giovane, per qualcuno che ha meno di trent’anni, è difficile capire cosa fosse il comunismo ai suoi tempi d’oro. Non è stato soltanto l’ideologia addotta a giustificazione del potere della seconda superpotenza planetaria, non è stato soltanto forse il movimento politico che, con una presenza ubiquitaria in quasi ogni parte del mondo, ha più di ogni altro segnato di sé (e disseminato terrore, sofferenze e cadaveri) la storia del XX secolo, è stato qualcosa di più, per i suoi adepti una vera e propria religione. Una religione laica e materialistica, con la dialettica immanente della storia (cascame hegeliano) al posto di Dio, con la futura società senza classi come paradiso finale, con il proletariato rivoluzionario come messia, con Karl Marx come profeta. Una religione, nondimeno, pervasa da un fortissimo afflato messianico.

E’ stato questo spirito messianico, con il sogno, l’illusione di una palingenesi finale in cui tutto sarebbe andato miracolosamente a posto, a spiegare la cecità dei suoi adepti verso gli orrori e le atrocità del comunismo realizzato. Soprattutto gli “intellettuali” di sinistra ci hanno dimostrato che si possono usare la propria intelligenza e la propria cultura precisamente per non vedere e non capire.

Se un giorno si dovesse (si potesse) studiare la storia del comunismo con l’imparzialità che si dovrebbe riservare allo studio dei fenomeni storici, non ci si potrebbe mancare di stupire per il fatto che un “pensiero” così rozzo come quello di Marx abbia potuto condizionare, devastare, sopprimere la vita di milioni di uomini per quasi un secolo.

Secondo Marx, il motore della storia è la lotta di classe. E’ innegabile che tra imprenditori e lavoratori esista conflittualità, un imprenditore è interessato ad avere un costo del lavoro quanto più contenuto possibile, mentre un lavoratore è interessato ad avere un salario o uno stipendio quanto più alto possibile. Ma questa conflittualità ha dei limiti: se l’impresa fallisce, il lavoratore si ritrova sul lastrico.

Qualche anno fa, Walter Veltroni, allora segretario del PD, vale a dire il più consistente partito ex comunista oggi esistente in Europa, dichiarò che “La lotta di classe non esiste”. Per fare un paragone, certamente qualcuno può pensare che la bibbia e i vangeli siano una raccolta di antiche favole e di avvenimenti storici travisati, che Cristo fosse un uomo come tutti gli altri e che non sia mai risorto, ma non ci aspettiamo che sia il papa a dichiararlo, o almeno non ce lo saremmo aspettato fino a Benedetto XVI, perché con Bergoglio possiamo aspettarci di tutto.

“L’analisi” marxista, poi, considera esclusivamente le suddivisioni del consorzio umano di tipo orizzontale, fra strati sociali, e non quelle verticali fra gruppi etnici, anzi nega esplicitamente la loro importanza, rifacendosi a un mito cosmopolita che non è altro se non un cascame di illuminismo (e forse l’idea più falsa tra quelle che gli illuministi hanno sostenuto), “Proletari di tutto il mondo unitevi”, è forse l’idea più falsa fra quelle sostenute da Marx, noi abbiamo visto in concreto che finché è esistita l’Unione Sovietica, “l’internazionalismo proletario” ha significato di fatto mettersi al servizio dei suoi interessi.

Non solo l’appartenenza etnica è importante, ma ha un ruolo di gran lunga più preminente dello stato sociale per spingere gli uomini a decidere chi è “dei nostri” e chi “dei loro”. Pensate forse che nel 1945, quando i partigiani iugoslavi hanno fatto irruzione in Istria e cominciato a massacrare gli italiani, prima di spedirli nelle foibe consultassero la loro dichiarazione dei redditi?

Infine l’economia, intesa nel senso ristretto usato da Marx, ossia di procacciamento dei beni necessari all’esistenza, non ha un ruolo così fondamentale da farne la molla di tutte le vicende umane. Un uomo può possedere due case, ma non può abitarle entrambe contemporaneamente. Tuttavia noi sappiamo che il possesso di più abitazioni, magari una urbana e una villa al mare, che so, magari un camper, uno yacht e via dicendo, sono importanti nella società umana perché sono status symbol, riflettono il prestigio sociale, cioè il potere. Questo è un punto cruciale, e non averlo capito è forse la ragione ultima del fallimento del marxismo. Marx non si avvide (o secondo i teorici della cospirazione, fece finta di non avvedersi, perché non si trovano molti elementi per ribattere a chi attribuisce all’uomo di Treviri una fondamentale insincerità), che in una condizione di “socialismo realizzato”, una volta attribuita ai lavoratori la proprietà teorica delle aziende, questo di per sé non avrebbe portato ad alcun miglioramento concreto della loro condizione, che, una volta esautorata la borghesia, il potere sarebbe di fatto passato, come è avvenuto, nelle mani di una “nuova classe” di burocrati intesi ad amministrare il verbo socialista, un “clero” che non trovando limiti al proprio potere, si sarebbe presto trasformato in una feroce autocrazia.

È significativo di questa cecità (voluta?) che per questa “nuova classe” non si sia trovato un termine migliore di quello di nomenklatura, espressione che nel gergo leninista dei tempi della rivoluzione d’ottobre indicava la lista dei “compagni di sicura fede”.

Io, penso che lo ricorderete, ho già dedicato, sempre sulle pagine della nostra “Ereticamente”, negli anni scorsi diversi articoli a esaminare La mutazione genetica, cioè la trasformazione della sinistra in qualcosa di diverso, di totalmente altro rispetto agli originali presupposti marxisti e leninisti, e vi ho fatto osservare che i tempi di questa mutazione coincidono con la storia stessa del comunismo. Già con la rivoluzione d’ottobre e l’instaurarsi del regime sovietico, abbiamo una rottura radicale con il socialismo ottocentesco, umanitario e deamicisiano, poi un altro punto di svolta fondamentale è stato rappresentato dal movimento contestatore del 1968 che ha rappresentato per i movimenti di sinistra non solo la conquista di posizioni di potere fondamentali in tutti i gangli della società (e della cultura) occidentale, ma anche l’immissione nelle loro file di elementi borghesi e alto-borghesi cui “la pelle” proletaria andava sempre più stretta.

Ebbene, nonostante tutto ciò, il mutamento avvenuto nei movimenti di sinistra all’indomani del crollo dell’Unione Sovietica, nel giro di una notte, è stato così repentino da lasciare sbalorditi, è come se avessero detto alla gente:

“Vi abbiamo ingannati per tre quarti di secolo, quindi continuate ad avere fiducia in noi”.

In effetti, i fatti del 1991, il repentino crollo dell’impero sovietico hanno determinato la morte anche di un’altra ideologia, quella liberale. Fateci caso, oggi nessuno è più liberale, semmai “liberal”. Non si tratta del solito orribile vezzo di anglicizzare tutto. Il significato è diverso. Come sa bene chi si occupa di traduzioni, esistono, e sono spesso insidiosi, i falsi amici, parole che somigliano a quelle della nostra lingua ma hanno tutt’altro significato. “Burro” in spagnolo significa asino, “crane” in inglese non è cranio, ma gru, “sale” non vuol dire cloruro di sodio, ma vendita. Bene, “liberal” è un falso amico dello stesso genere, non significa “liberale”, ma “di sinistra”, e nello specifico indica la sinistra americana, che quella europea, ripudiato il marxismo, ha preso a modello.

L’eclissi del liberalismo, dunque, è molto facile da spiegare. Per il grosso capitale internazionale “le riforme” che gli interessano, che consistono regolarmente in privatizzazioni e riduzioni dello stato sociale, è più conveniente farle fare a movimenti di sinistra che le classi lavoratrici continuano falsamente a percepire come “dei loro”. In questo modo, “riforme” che proposte da destra avrebbero spinto la gente sulle barricate, vengono accettate in tutta tranquillità. È come il paradosso della rana bollita. Se noi gettiamo una rana nell’acqua bollente, schizzerà subito via, ma se la mettiamo nell’acqua tiepida e gradatamente alziamo la temperatura, se ne starà buona e tranquilla finché non sarà bollita a puntino. Nello stesso modo, si è visto, si possono “cucinare” le classi lavoratrici.

Secondo una nota espressione, si può dire che la sinistra post-comunista ha “buttato il bambino insieme all’acqua sporca”, ha ormai del tutto smarcato le classi lavoratrici per costruirsi un nuovo “popolo” di gay e immigrati.

L’adesione della sinistra ai dogmi del liberismo con un entusiasmo da neofiti ha creato il cosiddetto “pensiero unico”, cioè “tutti” (in realtà non è proprio così) sarebbero ormai liberisti. Qualcuno ha osservato che per le classi lavoratrici e popolari lasciate senza difesa, il concetto di pensiero unico ha un’altra declinazione, per molti significa avere un unico pensiero: trovare il modo di mettere d’accordo il pranzo con la cena.

Sebbene oggi i movimenti di sinistra in Europa non abbiano certamente la stessa forza che avevano tra la fine della seconda guerra mondiale e il 1990, costituiscono ancora oggi una parte notevole dello scenario politico, e questo vale purtroppo, soprattutto per l’Italia, dove la scena politica è pesantemente dominata dal PD che, a parte il nome ricalcato sui Democrats statunitensi, è una mostruosità generata dall’innaturale connubio fra ex comunisti ed ex democristiani, un partito-museo della prima repubblica. Non c’è solo il ripudio dell’ideologia marxista, ma lo smarcamento dalle classi popolari, il cui interesse è regolarmente posposto a quello dell’ultimo immigrato clandestino. Nonostante ciò, gode ancora di un’area di consenso non trascurabile. Come si spiega ciò?

Io credo che la spiegazione si possa trovare nelle parole di uno dei padri fondatori della sociologia, Max Weber:

“Le istituzioni tendono a creare uomini che credono in esse”.

Non c’è dubbio che un movimento politico che ha alle spalle una presenza massiccia e prolungata nella società oltre che nella politica, possa essere considerato un’istituzione, vantare una “legittimità” che è frutto della consuetudine, esattamente come una legittimità frutto della consuetudine ci fa percepire una differenza fra un’imposta e un’estorsione.

Alla gente, perlopiù, non interessa la dottrina, e nemmeno troppo il cambiamento dei simboli, come la scomparsa della falce e martello, quanto piuttosto il senso rassicurante che “l’istituzione” continua, al punto da non accorgersi che non persegue più i suoi interessi.

Beninteso, c’è un nucleo di persone che continuano a esserne beneficiate, non solo il “nuovo popolo” di gay e immigrati, ma anche i professionisti della politica e del sindacalismo (gli stessi che “per non apparire razzisti” alzano le spalle ogni volta che i nostri lavoratori si lamentano di non riuscire a reggere la concorrenza delle braccia a basso costo immigrate), ci sono poi i mezzi intellettuali che, una volta impadronitisi delle semplicistiche formulette sociali marxiste credono di avere in tasca la chiave per la comprensione dell’universo mondo a dispetto di ogni evidenza, ne ho conosciuti parecchi, soprattutto fra gli insegnanti. C’è il peso che non va assolutamente sottovalutato delle posizioni di potere che costoro detengono nell’istruzione, nei media, nella cultura.

Tutto ciò forma un complesso non di idee, ma di posizioni di potere. Anche questo è un concetto su cui sono tornato più volte. “Il pensiero unico” oggi adottato dalla sinistra non deve essere così unico. Contro di esso noi possiamo e dobbiamo alzare la bandiera del socialismo nazionale, della difesa dei lavoratori che essa ha tradito.

Anche questo l’ho spiegato altre volte, socialismo nazionale non significa l’accostamento, di due concetti distanti, sociale e nazionale, ma solo insieme essi assumono pieno significato, quello di una comunità nazionale in cui non ci possono essere figli e figliastri. Uno stato che recuperi il pieno potere di intervento nell’economia a fini di giustizia sociale rappresenterebbe l’unica arma per difendersi, specialmente oggi, dallo strapotere del grande capitale apolide.

In altre parole, recuperare e salvare il bambino che la sinistra ha gettato assieme all’acqua sporca.

NOTA: Nell’illustrazione, Marx, Engels, Lenin e Stalin in un manifesto di propaganda sovietico, i volti del marxismo che oggi la sinistra vorrebbe far dimenticare.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Politica

Pubblicato da Fabio Calabrese il 26 Settembre 2022

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Tem

    Lei e ‘ fantastico
    mette la foto di 4 criminali ebrei i 4 papà del comunismo e non cita mai gli ebrei

    • Fenrir

      Tem invece io credo che lei sia solo un provocatore d’altronde anche ignorante visto che Engels e Stalin non erano di certo ebrei, almeno prima di scrivere castronerie si informi meglio altrimenti fa solo confusione e crea imbarazzo per la sua persona e per il luogo che accoglie i suoi commenti.

      • Tem

        Stalin ? Il criminale che fece il colpo di tiblisi era un ebreo così come lo era Lenin trotsky ( capo dell’armata russa) e tutta l’accozzaglia di bolscevichi s’informi lei
        Parvus Moses l’80 % dei dirigenti bolscevichi erano tutti ebrei lo ha ammesso pubblicamente pure Putin ci sta il video adesso glielo tiro fuori non sono cialtrone come lei che non porta prove a quello che dice

  2. Tem

    Caro mio guardati questo digita su Google ” Putin il primo governo dei soviet era irina osipova”
    tutti Ebrei !
    Il disinformatore cialtrone pagato dal Ghetto sarai tu !

  3. Fenrir

    Tem, che una grande parte dei dirigenti e funzionari sovietici erano ebrei è verissimo, che lo erano Lenin, Trotskj etc è verissimo, così come che in linea di massima gran parte dei movimenti rivoluzionari erano nati da menti ebraiche e logge di vario tipo è altrettanto vero, il mio era solo un invito a non fare confusione, Stalin NON era ebreo ed anzi fece più vittime lui fra la popolazione giudaica che lo zio Adolfo… La verità è che come in ogni evento storico ci sono delle controverse verità che poco si sanno e poco si dicono, ed anche oggi si fa tanta confusione nella nostra Area sulla questione Ucraina pensando ad esempio che i servi di Sion ucraini siano dei camerati etc, insomma in un mondo rovesciato a volte bisogna guardare le cose al contrario per capire il verso giusto, tu ti saresti mai immaginato che un ex KGB sarebbe stato oggi l’unico o fra i pochi difensori dell’identità culturale, storica etc europea contro le devianze , le parafilie e le sovversioni di ogni tipo imposte nel mondo occidentale? Io insomma sono daccordo con il concetto che esprimi, ma bisogna dirlo in modo corretto altrimenti risulta solo dannoso.

    • Tem

      Io lo so che lei da buon italiano vuole aver ragione a tutti i costi
      ma le ripeto sono molto afferrato sull’argomento sono antisemita fin sotto lo scroto
      le ripeto ENGELS Marx stalin ecc ecc erano tutti ebrei magari camuffavano la loro ebraicita cambiandosi il nome vedi Cesare lombroso vero nome israel levi o giù di li’
      mentre Stalin aveva una malformazione al braccio tipico di quella razza impestata dei Cacati da Mosè
      se non bastasse il suo soprannome Oltre a essere Stalin era Koba come l’eroe ebreo che cerco ‘ di sconfiggere i Romani nel secondo assedio
      Ha letto gianantonio valli ecco lo legga oppure altri scrittori Giovanni preziosi Luigi Cabrini “il potere segreto in pdf” scaricabile su archive.org ecc ecc ecc

      Ripeto Stalin Kaganovic quello che ha fatto l’holodomor in Ucraina yagoda quello che ha ucciso lo zar erano tutti ebrei oppure l’inventore delle camere a gas o l’inventore dei Gulag erano tutti ebrei ci stanno i nomi e cognomi solo che voi non leggete
      Parlate per sentito dire

    • Tem

      Putin e’ebreo pure lui altrimenti non avrebbe permesso agli oligarchi ebreo russi di depravare la Russia
      Putin e’amico di Abramovic ed e’amico di quel giornalista ebreo russo che ha fatto la scenetta con Vespa
      La guerra tra ucraina e Russia e’una farsa
      E’ un Purim
      Sai che cos*e’?
      Un sacrificio di popoli come quello ucraino e quello russo
      Gente sempre bistrattata dalla Giudaglia
      Zelensky e’ebreo e non lo nasconde mentre
      Putin e’ebreo ma lo nasconde e’per quello che parla sempre di nazisti in Ucraina
      Da ebreo c’è l’ha a morte con i Nazi

      aggiungo che le parafilie come le chiami tu sono niente in confronto a cosa succede alle donne russe e ucraine vendute come bestie da monta in Israele e in giro per il mondo
      Mi fermo xche se no facciamo sera
      Una buna lettura può essere
      ” la scuola dei cadaveri pdf” di Celine aveva capito tutto già 100 anni fa
      E prima di lui tutti i Papi e i vari ordini i domenica i i Gesuiti ecc
      E*per quello che il nemico principale degli ebrei è dei massoni ( loro servi) e’stata sempre la Chiesa Cattolica

  4. Riccardo Sampaolo

    Non mi risulta che Stalin fosse ebreo. Direi di verificare.

    • Tem

      Venendo al dunque Dunque digitate su Google
      ” complotto contro la chiesa pdf” su archive.org pag 19
      Testo che e’ una PIETRA MILIARE scritto da un pool di preti dell’America latina
      hanno scritto sto testo per l’imminente pericolo incombente del concilio Vaticano 2 che voleva stravolgere i rapporti con gli ebrei
      Cosa poi avvenuta
      Nella pagina ci sta l’elenco di tutti gli ebrei che formarono la dirigenza bolscevica ci sta il nome del padre madre dove viveva la scuola tutto stalin era un EBREO GEORGIANO
      Così come Lenin
      TROTSKY
      Kaganovic quello che ha fatto l’Holodomr di 7 milioni di morti di fame in Ucraina
      Yagoda inventore dei Gulag
      Ecc ecc ecc
      Tutti Ebrei
      SE volete vedere altri testi ci sta
      ” i complici di dio” Gianantonio valli ” o
      ” le forze occulte che manovrano il mondo” di Vermajons ecc ecc
      Sul web regna la cospirazione del silenzio sono tutti muti
      Pagati per non dire niente
      Il silenzio e’ il loro business

  5. Fabio Calabrese

    Caro signor Tem: A che etnia appartenevano Gesù Cristo e gli apostoli? Un antisemita cristiano è una contraddizione vivente.

    • Tem

      So che questo e’un sito di eretici però val la pena ricordare quel che diceva Gesù in Giovanni 8:44 ” voi figli del diavolo” e non era riferito agli Ucraini o ai Russi !!!!
      Ah ah ah
      Poi se mi dite che per quieto vivere non volete toccare l’argomento vi capisco
      Gli ebrei sono padroni di tutto possono tutto

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando