La vergogna continua – Fabio Calabrese

La vergogna continua – Fabio Calabrese

Come ogni anno anche in questo 2022 l’Italia, almeno quella ufficiale, si appresta a festeggiare la ricorrenza del 25 aprile, e, come ogni anno, torno a dire qualcosa a questo proposito.

Per la verità, non è con molta voglia che riprendo in mano questo tema, giacché mi pare, al riguardo di avervi espresso abbondantemente già gli anni scorsi, il mio pensiero in proposito.

Per la verità continuo sempre a chiedermi quanto il fatto che l’Italia continui a festeggiare come se si fosse trattato di una vittoria, la nostra sconfitta nella seconda guerra mondiale, quanto dileggio ci procuri all’estero. Forse in realtà un po’ meno di quel che si potrebbe pensare, perché, non solo da noi, oggi la gente oggi in fatto di storia è incredibilmente ignorante. Non è solo una questione di programmi scolastici, ma per avere il senso della storia occorre percepirla come una continuità vivente che determina il nostro mondo e ciò che noi stessi siamo, non come un’arida elencazione mnemonica di nomi e date, qualcosa a cui l’odierna cultura mediatica, tutta tesa a far vivere la gente nel presente immediato, senza relazione con il passato né con un avvenire di un qualche genere, si oppone fortemente.

Tuttavia, capiamo facilmente che sarebbe di gran lunga più dignitoso sbarazzarsi di questa festa ridicola, e trascorrere l’anniversario della nostra sconfitta nel silenzio.

Io, per la verità, avendovi gli anni scorsi esposto con ampiezza il mio punto di vista al riguardo, per non creare doppioni, ero fortemente indeciso se affrontare l’argomento in occasione di questo 25 aprile 2022, e proprio per questo motivo ho deciso di dare uno spazio particolarmente ampio alla Giornata del Ricordo del 10 febbraio con una serie di quattro articoli, Dal confine orientale, per non dimenticare, che, come avete visto, hanno occupato l’intero mese di febbraio.

Infatti, sarebbe forse pleonastico ribadirlo, ma tanti italiani se ne dimenticano, la sconfitta indecorosamente festeggiata il 25 aprile, qui sul confine orientale significò mattanza, con decine di migliaia di nostri connazionali trucidati dalle bande partigiane slavo-comuniste, e centinaia di migliaia costretti alla fuga, abbandonando le loro case e le loro terre, precisamente allo scopo, perseguito dalla Jugoslavia comunista che non perse mai di vista il carattere etnico della guerra, di cancellare la presenza italiana sulla sponda orientale dell’Adriatico.

La triste verità è che noi italiani del confine orientale abbiamo pagato il prezzo più pesante della sconfitta, abbiamo pagato per tutti.

Come se non bastasse, la memoria di questi tragici eventi è stata avvolta per sessant’anni da una cappa di complice omertà. Solo ricordare quei morti e quella tragedia significava essere “fascisti”. Però, bisogna capire che solo sapere di quei fatti significa smentire l’utopia comunista. “Proletari di tutto il mondo unitevi”, è una panzana che sarebbe ridicola se non avesse avuto per ogni dove conseguenze spaventose. Citatemi un solo conflitto della storia umana che non sia stato prima di tutto uno scontro etnico.

Oggi i lupi hanno vestito la pelliccia degli agnelli, per quanto grottesca stia loro addosso, e il PD, erede del PCI, manda il 10 febbraio la sua delegazione alla foiba di Basovizza. Fatica – e ipocrisia – sprecata: i continui danneggiamenti e imbrattamenti subiti da monumenti e lapidi che ricordano le foibe e l’esodo, dimostrano quale sia il vero animo dei “compagni” al riguardo.

Io sono nato nel 1952, appartengo a una generazione che non ha conosciuto il fascismo per esperienza diretta, ma ben ho conosciuto e conosco le mille ipocrisie della democrazia antifascista e la sua sinecura per l’interesse nazionale, soprattutto riguardo al Nordest italiano. Ricordiamo tra l’altro la cessione alla Jugoslavia della città di Pola avvenuta nel 1947 contestualmente alla firma del Trattato di pace, quella del villaggio di Crevatini nel 1954, la cessione definitiva della Zona B nel 1987 con il trattato di Osimo, nel 2020 quella della Scuola Interpreti di Trieste che ha avuto il torto di sorgere su un’area dove c’era un tempo l’hotel Balkan, di cui si è falsamente attribuito l’incendio “ai fascisti”, inventando un crimine fascista inesistente, e tacendo il fatto che i quattro uccisi dei fatti di un secolo prima: Tommaso Gulli, Aldo Rossi, Giovanni Nini, Luigi Casciana furono tutti e quattro italiani trucidati dagli slavi (vi rimando all’esposizione dei fatti in Dal confine orientale, per non dimenticare, quarta parte).

Con la guerra perduta, l’eccidio dei nostri connazionali, le terre che eravamo costretti ad abbandonare, non avevamo perso abbastanza? Evidentemente no per la democrazia antifascista. E non parliamo della decadenza imposta all’economia triestina per evitare che potesse essere concorrenziale con quella jugoslava.

Ne emerge una lezione chiara: antifascista significa sostanzialmente anti-italiano.

Eccomi quindi a riprendere in mano l’argomento, sia pure con sofferenza, e se dovrò ripetermi e autocitarmi, pazienza. Anzi, vi presento una sorta di riepilogo di quanto già detto in passato.

Come forse ricorderete, avevo esordito questo appuntamento annuale con un ampio scritto, diviso sulle pagine di “Ereticamente” in più articoli, La festa della vergogna. La triste verità è che l’Italia non ha soltanto perso la seconda guerra mondiale, l’ha persa con disonore. Il “ribaltone” dell’8 settembre 1943 con l’episodio inedito nella storia mondiale di un re e di un governo che disertano e vanno a gettarsi nelle braccia del nemico, è stato di per sé sufficiente a coprire di fango e di infamia la nostra storia, nonostante i sacrifici sopportati e il valore dimostrato da tanti nostri combattenti.

L’unica amara soddisfazione è constatare che casa Savoia ha comunque perso il trono, mentre la casa imperiale giapponese che ha continuato, assieme al suo popolo, a combattere fino all’ultimo dalla stessa parte, lo ha invece mantenuto. Non c’è nulla da fare per certe italiche furbate, il tradimento riceve il disprezzo anche del nemico che ne beneficia, e un nemico leale riceve maggiore rispetto di un “alleato” infido.

La storia però è più complessa di così. Già all’indomani della nostra entrata in guerra, se non il re stesso, ambienti militari di alto livello legati alla corona, gli stessi che avevano premuto su Mussolini per l’entrata in guerra, nascondendogli lo stato d’impreparazione e di logoramento dopo l’impegno in due conflitti successivi (Etiopia e Spagna) delle nostre forze armate, cominciarono a sabotare la nostra partecipazione al conflitto e a passare informazioni al nemico.

Tutto ciò, almeno per quel che riguarda la marina, lo ha ben documentato Antonino Trizzino nel suo bestseller Navi e poltrone (che gli costò un lungo iter giudiziario in una democrazia in cui la verità fa paura) e negli altri suoi libri. In sostanza, si contava sulla sconfitta per far cadere il fascismo, uno sporco gioco condotto sulla pelle dei nostri combattenti e delle nostre popolazioni che, gli uni e le altre, ne pagarono un costo terribile. Potremmo dire che la nostra disastrosa partecipazione al conflitto fu voluta piuttosto dall’antifascismo che dal fascismo.

Per la verità, chiari segni di cedimento morale si erano manifestati già prima dell’8 settembre 1943 con la conquista “alleata” della Sicilia. Se vi ricordate, io in La festa della vergogna vi ho citato due testimonianze a questo proposito: lo sgomento di un militare catturato che, mentre in fila coi suoi compagni si avviava sulla triste strada della prigionia, vide un paese siciliano accogliere festosamente quegli stessi invasori di cui lui e i suoi si erano battuti fino allo stremo per tenerli fuori, e la testimonianza di un reporter americano al seguito delle truppe “alleate” che davanti a un episodio analogo, commentò: “Non ho mai visto uno spettacolo tanto vergognoso”, il che ci rimanda al concetto che ho espresso più sopra: il tradimento riceve il disprezzo anche di chi ne beneficia.

Vi devo confessare che La festa della vergogna provocò a posteriori una discussione non proprio tranquilla con mia moglie che ha origini siciliane e se ne sentì punta sul vivo, e mi replico avanzando un’ipotesi che mi sembra assolutamente degna di considerazione: come è noto, grazie all’opera del prefetto Mori, il fascismo aveva quasi del tutto sradicato la mafia dalla Sicilia, anche se poi gli Americani dopo aver invaso l’isola, ve l’hanno re-impiantata. E’ possibile che essi si siano serviti di Cosa Nostra e dei superstiti contatti che aveva nell’isola, non solo come di una rete spionistica già pronta all’uso, ma anche come di un mezzo per intimidire le popolazioni e costringerle ad accogliere gli invasori come liberatori.

Qualcuno ha detto che la prima vittima delle guerre è sempre la verità, e George Orwell ci ha insegnato che il miglior modo di mentire è la manipolazione del linguaggio “La guerra è la pace”, “l’odio è l’amore”, e via dicendo. Riguardo ai fatti della seconda guerra mondiale, questo metodo è stato usato alla grande, e imperversa tuttora in una storiografia il cui preciso compito è quello di nascondere la verità. I nemici invasori sono diventati “alleati”, colpire alle spalle chi ancora si opponeva all’invasione per procurarsi benemerenze presso il vincitore, è diventato “resistenza”, e così via. Stranamente, un termine il cui significato non è stato stravolto, è “partigiano”, difatti il suo significato originario è “di parte, fazioso, in malafede”.

Qui, sul tema della sconfitta, s’innesta quello della guerra civile. E’ un fatto che grazie alla promessa utopica di una giustizia sociale mai realizzata e di certo del tutto assente in quelle oligarchie che sono state e sono, là dove esistono tuttora (Cina, Cuba, Corea del nord) i sistemi “rossi”, sfruttando ogni genere di malcontento, il comunismo è riuscito ad avere una presenza ubiquitaria. Nella cosiddetta resistenza, i partigiani comunisti furono la forza di gran lunga preponderante, si capisce quanto sia falso e ridicolo definirla lotta “per la libertà”, quando lo scopo di costoro era l’instaurazione di una feroce tirannide.

Il PCI italiano era strettamente dipendente dall’Unione Sovietica di Stalin, e il suo leader, Palmiro Togliatti era segretario del tiranno georgiano, e ha avuto il discutibile onore che una città sovietica portasse il suo nome.

L’ideologia marxista non è, come disse Benedetto Croce, “un paio d’occhiali sociologico”, al contrario, è un paraocchi, e costoro erano del tutto ciechi agli aspetti etnici e nazionali del conflitto, e qui si colloca uno degli episodi più “luminosi” della sedicente resistenza, luminoso nel senso che davvero ci illumina sul suo reale significato: la strage di Porzus. In questa località friulana i partigiani comunisti della brigata Garibaldi massacrarono i partigiani non comunisti della brigata Osoppo, dopo averli circondati e disarmati con l’inganno. Il motivo? La Osoppo si era rifiutata di mettersi agli ordini del IX Corpus jugoslavo, cosa che, in base agli accordi fra Togliatti e Tito, in cambio dell’aiuto a “fare la rivoluzione” in Italia, prefigurava l’annessione alla Jugoslavia non solo della Venezia Giulia, dell’Istria, di Fiume, ma di tutto il Friuli.

“Liberazione”? In realtà fu mattanza, soprattutto dopo che la parte soccombente fu costretta a deporre le armi e nessuno era rimasto a difendere le popolazioni inermi, mattanza che colpì indiscriminatamente i combattenti della RSI e i civili, anziani, donne, bambini, chiunque pensavano potesse essere di ostacolo all’imminente rivoluzione, o aveva avuto la sventura di essere uno scomodo testimone degli eccidi, degli stupri, delle ruberie che si protrassero fino al 1947, ben dopo la conclusione del conflitto.

Rispetto a quanto vi ho esposto in La festa della vergogna, negli anni successivi non vi sarebbe stato moltissimo da aggiungere. Un anno mi colpì il testo di un volantino di evidente sinistra ispirazione che sosteneva: “è meglio antifascismo in assenza di fascismo, che fascismo in assenza di antifascismo”. Cosa significa “antifascismo in assenza di fascismo”? mi venne da riflettere. Niente altro che pecoresca adesione (o sottomissione) all’ordine “democratico” esistente, mascherata però in qualche modo da empito rivoluzionario, il colmo dell’ipocrisia.

Tuttavia, mi venne da riflettere, era forse possibile accedere a un ulteriore livello di analisi, con gli anni che ci separano sempre più da quegli eventi di cui sono ormai pochi i protagonisti rimasti in vita, ci sarebbe stato da attendersi che il livore del contrasto fascismo-antifascismo si stemperasse, si svelenisse, invece pare avvenuto l’esatto contrario. Cosa mai significa “fascismo” nella mente di questi antifascisti tardivi?

Ci sono due fatti che vanno considerati, prima di tutto il globale fallimento delle idee di sinistra. Il crollo dell’Unione Sovietica, la disfatta dei “socialismi reali” li ha indotti a trasformarsi in paladini anche troppo zelanti di dottrine economiche liberiste. L’antifascismo è l’unico articolo di fede che gli rimane. Rinunciarvi, significherebbe per essi annullarsi.

Altro fatto, l’immagine del fascismo come “male assoluto” costruita con accanimento sempre più viperino da quella “rigorosissima fonte storica” che è la cinematografia hollywoodiana in un mondo in cui le rappresentazioni mediatiche prendono sempre più il posto della realtà, ma qui non è davvero troppo difficile capire cosa c’è dietro. Per gli Stati Uniti, la caduta dell’Unione Sovietica ha posto il problema di continuare a giustificare la NATO (creata formalmente in funzione antisovietica), e tutto il sistema di vassallaggi imposto all’Europa malamente mascherato da alleanze alla pari: ecco quindi la trovata: la gratitudine per averci “liberati” dal fascismo come sostituto della paura dell’Unione Sovietica.

Il minimo che si può dire, è che è davvero paradossale che questi antifascisti, che sono ovviamente dei “compagni” si facciano dettare la visione del mondo da ciò che fino a ieri ritenevano un avversario.

A questo punto, mi sembrava davvero di aver dato fondo a tutto quanto avessi da dire in proposito quando ho avuto un’intuizione improvvisa: se questa vergognosa festa del 25 aprile non è ancora caduta nella desuetudine che merita, è perché, essenzialmente, al di là dei tromboni ufficiali, è la festa dei “compagni”. Ebbene, tutte le volte che “i compagni” sono riusciti a prevalere su chicchessia, è stato perché si sono trovati con una superiorità numerica o materiale per cui era impossibile non vincere, ad esempio l’Unione Sovietica che durante la seconda guerra mondiale ha prevalso sulla Germania (che però non era impegnata solo sul fronte russo), ma al prezzo di un’emorragia umana spaventosa, oppure quando hanno potuto agire a tradimento, o almeno cogliendo alla sprovvista l’avversario (esemplari la presa del potere a Cuba dei castristi approfittando delle vacanze natalizie, ma ancora di più la presa di Saigon e la conclusione della guerra del Vietnam, ottenuta dai nordvietnamiti approfittando (e violandolo) di un cessate il fuoco frutto di un’elaboratissima trattativa.

Tutte le volte che “i compagni” si sono trovati ad affrontare un avversario faccia a faccia e in condizioni di non totale disparità, e penso sia agli scontri di piazza degli anni ’20, sia a quelli degli anni ’70 dello scorso secolo, ne sono usciti irrimediabilmente battuti.

Il che potrebbe indurci a illazioni, che lascio a voi, sulla qualità umana di quanti si sono fatti e si fanno abbindolare dalla bandiera rossa.

NOTA: L’illustrazione che correda questo articolo è un esempio di come si falsifica la storia. I “partigiani” raffigurati in questa foto d’epoca sono in realtà attori fatti posare per creare il mito resistenziale. Avevano tanta poca familiarità con i fucili che erano stati dati loro, che subito dopo questo scatto, una delle tre attrici in primo piano lasciò partire un colpo uccidendo una compagna.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: venticinqueaprile

Pubblicato da Fabio Calabrese il 25 Aprile 2022

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Michele Simola

    L’Italia è un paese occupato da 77 anni, nessun rappresentante politico ha mai chiesto l’allontanamento delle truppe di invasione dal nostro territorio, così oggi ci ritroviamo più di 130 basi militari americane a casa nostra. I media di regime raccontano balle spacciando come atti eroici le “gesta” dei soldati a stelle e strisce. Non riesco a comprendere perché gli unici eroi siano sempre anglosassoni, tutti gli altri incapaci per qualunque cosa. Spesso più che atti eroici furono “eroici massacri” perpetrati dall’invasore americano, come l’episodio di Acate, dove gli ufficiali Italiani arresisi furono subito passati per le armi dagli esportatori di democrazia su scala planetaria. Gli americani hanno liberato il nostro paese così come hanno fatto in Iraq, Afghanistan, etc. Non avevano intenzione di liberarci da alcunché, il loro unico intento consisteva nel renderci una colonia, una colonia importante per muoversi nel mediterraneo.
    La resistenza fu quella opposta dall’esercito tedesco e dai soldati della repubblica di Salò all’avanzare degli invasori anglo-americani.
    Da 77 anni assistiamo alla mistificazione di quei tragici fatti, tutti coloro che utilizzano questa data, per apparire, tessono le lodi di bande partigiane, criminali e comuniste, ribaltando gli eventi storici, ascrivendo la resistenza ad un grande movimento popolare, animato da sentimenti patriottici, le cui azioni peraltro furono ininfluenti ai fini della vittoria dei così detti “alleati”, ma servirono alla stesura della narrazione ufficiale.
    Il partito comunista monopolizzò i comandi delle bande partigiane quasi sempre utilizzando la violenza.
    La vergogna agli occhi dello straniero non consiste solo nel festeggiare la sconfitta ma nell’immagine legata al tradimento, non solamente dell’alleato ma soprattutto del popolo Italiano, prima della guerra erano tutti fascisti, dopo l’otto di settembre 1943 erano spariti i fascisti ed i simpatizzanti, vaporizzati di colpo.
    Le bande comuniste continuarono, come tutti sappiamo, a perpetrare vendette e feroci assassinii, con il benestare degli eserciti occupanti, nei confronti dei nemici che venivano accusati di essere traditori fascisti.
    Reputo vergognoso ascoltare ancora oggi vacui discorsi pronunciati da politicanti di infimo ordine, che non hanno vissuto quei momenti, che cambiano la sostanza e l’ottica ad eventi storici completamente diversi da quelli che vengono oggi presentati.
    L’Italia è stata cancellata se non come entità geografica, di certo come nazione, asservita dal settembre del 1943 ai voleri degli americani, ad oggi schiava di un’entità sovranazionale la “ue”, trappola per gonzi a cui è stata svenduta dal parassitismo politico imperante dalla fine degli anni 80 del secolo scorso.
    La repubblichetta a cui sottostiamo, non ci rappresenta, non ha nulla di quell’Italia che ha cavalcato la storia per più di duemila anni, riuscendo ad essere protagonista nel bene e nel male, grazie all’intraprendenza, al genio e alla visionarietà dei suoi figli, orgogliosi prima di tutto di essere Italiani.
    Il 25 aprile è una data infausta che porta alla mente le stragi, la vendetta, la mattanza di sconosciuti eroi che deposte le armi si trovarono alla mercé di fanatici comunisti, intoccabili perché specie protetta; uno sterminio di Italiani voluto da altri Italiani. Segna l’inizio delle purghe etniche scatenate dai rossi di Tito, fiancheggiati dai comunisti di Togliatti, che insanguinò il nord est Italiano, dove a fiumi scorreva il sangue di sventurati la cui unica colpa era essere Italiani, la vittoria nel I° conflitto mondiale continuava ad essere mutilata, con l’annessione di grandi parti di territorio nazionale alla neonata Jugoslavia del macellaio Tito. Città e territori etnicamente e culturalmente Italiani, cessarono di essere tali ed entrarono a far parte di un’altra nazione che aveva in odio profondo il nostro Paese.
    150 anni di unità nazionale, pochi in verità di fronte alla storia, ma tanti per un popolo che è sempre stato tale, possono essere tradotti in un vero fallimento, ancor oggi vi è una fetta di popolazione legata a futili campanilismi, che vede odi tribali allontanare gli Italiani di molte regioni. Dovremmo ritrovare la fierezza di un’appartenenza che oggi manca. L’unica cosa che non è mai cambiata è la corrotta moralità dei politici.
    Dopo l’otto settembre il nostro paese ha perso credibilità politica e militare, abbiamo assistito al tradimento di un re inetto e delle alte gerarchie delle forze armate che dopo la comunicazione dell’armistizio si sono eclissate, i resti dell’esercito erano in balia di sé stesse e chi si salvò lo doveva alla capacità di comandanti che molto spesso erano ufficiali inferiori o richiamati. Quell’evento ancor oggi è alla base della sfiducia che molto spesso aleggia attorno alle nostre forze armate. E’ vero che il nostro esercito continua ad essere carente di uomini, mezzi e addestramento, preferendosi da parte dei nostri politici mantenere un’accozzaglia di migranti, parassiti che non hanno alcun rispetto per le nostre tradizioni e per la nostra cultura. Inoltre la mentalità sinistra ha sempre snobbato le forze armate per un’ideologia falsamente pacifista, anti armi anti tutto ma soprattutto anti nazionale.
    A tradire il nostro paese durante il II° conflitto mondiale, ha contribuito grandemente quella malvagia, inutile, dannosa istituzione che da 1700 anni si distingue per distruggere e dividere il paese che ha la disgrazia di ospitarla: la chiesa di Roma e il suo lugubre papa. Le gerarchie vaticane furono a capo di servizi di intelligence che collaborarono attivamente con belligeranti nemici.
    Allo stato attuale il fascismo è sparito da 77 anni, eppure vediamo spesso personaggi, politicamente inutili, parlare di deriva fascista dietro l’angolo: gli antifascisti militanti hanno bisogno di un nemico per esistere, per essere anti qualcosa, così all’occorrenza resuscitano il cadavere; dal dopo guerra sono quelli che hanno fatto più danno; dalla caduta del muro di Berlino sono diventati i migliori alleati del capitalismo giudaico a stelle e strisce.
    Ancor oggi si fa una vergognosa differenza fra i giovani di allora che diedero la vita per la Patria, quella stessa Patria che ignora volutamente coloro che secondo l’ottica distorta della sinistra morirono perché combatterono dalla parte sbagliata. Il non ricordarli, il non onorarli è un abominio, si uccidono per una seconda volta. Io credo che è bene ricordare che il fascismo fu un fenomeno su scala nazionale, in cui la gran parte degli Italiani credette, un movimento politico che cercò di instillare la fierezza di essere Italiani, di appartenere ad una nazione che aveva espresso nel corso di due millenni uomini e scienziati di rinomanza mondiale; l’antifascismo al contrario fu un fenomeno di minoranza, di nicchia diremmo oggi, un’appartenenza radical chic. Molti dei nomi che sono assurti agli onori della cronaca, molti di quelli osannati come eroi, non sono altro che “italici furbetti”, saltati con furbesca intelligenza sul carro dei vincitori allo scadere della partita, entrando a far parte di una storia che non li ha visti protagonisti.
    Anch’io sono datato essendo nato nel settembre del 1959, oggi mi sembra che a distanza da quel lontano 1945 sia più difficile parlare e narrare degli argomenti della seconda guerra mondiale, appena apri la bocca se non elogi gli eroi liberatori se non menzioni gli eroici partigiani sei subito considerato fascista, era più facile discuterne negli anni 70 del 1900, mi ricordo che a scuola nelle ore di storia e filosofia si discuteva della guerra con il professore che comunque non era di destra, era di sinistra , però potevi discuterne ed esprimere il tuo pensiero senza problemi, ti ascoltava anche se non condivideva la tua opinione, ti esortava a sviscerare quelli che erano i tuoi dubbi, quel tipo di scuola credo che non ci sia più.

  2. Fabio Calabrese

    Caro Simola: Le cito un episodio cui ho assistito di persona. Una volta, quando lavoravo al liceo “F. Petrarca”, avemmo un corso di aggiornamento per docenti sulla storia di Trieste. Era venuto a erudirci un docente dell’università, che ci spiegò che le vittime degli eccidi delle foibe furono massacrate non perché fossero fasciste, ma perché erano italiane, fatto ammesso dagli stessi jugoslavo. Mi congratulai con lui perché finalmente ammetteva il carattere etnico della guerra. Cambiò di colpo espressione, affermando che invece era un conflitto ideologico tra fascismo e antifascismo, e negando recisamente tutto quanto aveva affermati un minuto prima. Mi parve un esempio perfetto di quella sindrome mentale che Orwell ha descritto come bis-pensiero, e del terrificante potere che ha l’ideologia marxista di distorcere il senso della realtà e di avvelenare gli intelletti.

  3. Claudio Antonelli

    La liberazione dal male assoluto
    Dovrebbe ormai apparire quasi grottesco l’accanimento con cui, dopo tanti anni e tanti cambiamenti, l’intera Europa ritorna ogni anno a celebrare, con voluttà, la sua passata “guerra civile”, alias “liberazione dal male assoluto”; avvenuta in un quadro di stupri di massa, esodi forzati d’intere popolazioni, bombardamenti indiscriminati, con l’uso anche di atomiche sul Giappone, e sopraffazioni e violenze d’ogni sorta sui civili. Oltretutto, in questo “lieto fine”, considerato degno ogni volta di ardenti celebrazioni, vi è il fatto, giudicato evidentemente insignificante, che il trionfo dei buoni coincise con il plumbeo giogo sovietico, calato tra lacrime e sangue, e protrattosi poi per più di mezzo secolo, su una grande fetta del continente europeo. Oggi i tedeschi, fino a ieri considerati “geneticamente diabolici”, si sono misteriosamente trasformati, divenendo il popolo forse più virtuoso del pianeta.
    Neppure in Italia, nel celebrare la “liberazione”, mai nessuno che ricordasse la perdita delle nostre terre dell’Adriatico orientale e la triste sorte toccata alla popolazione autoctona italiana, vittima, attraverso le foibe e altri metodi fantasiosi di morte, della ferocia del comunismo slavo. Eppure, mai che il presidente della repubblica italiana di turno, nei suoi discorsi celebrativi della Liberazione, facesse un semplice accenno a – come dire – uno degli effetti secondari della cura miracolosa che avrebbe restituito l’Italia al consesso delle nazioni democratiche. Questo effetto secondario dell’elisir democratico fu una tremenda sconfitta militare, con bombardamenti sulla popolazione, una guerra civile, e la perdita di una fetta del territorio nazionale.
    Ma tutto cio’ che è “nazionale” suscita allarme e riprovazione nell’Italia delle fazioni, degli opportunismi di parte, e della celebrazione del mondialismo, vaticano o comunista. E non dimentichiamoci che lo stesso Napolitano, a suo tempo acclamato come un salvatore, proprio come come lo è oggi Mattarella, è un ex compagno di partito di coloro che lottarono in Italia per cedere anche Trieste alla Jugoslavia, e per i quali noi profughi adriatici eravamo “nemici del popolo”. Quella Jugoslavia che non ritroviamo più nelle carte geografiche attuali, perché Paese ormai inesistente. E che neppure è visibile in quelle antiche, perché era inesistente anche allora.

    • Fabio Calabrese

      Caro Antonelli: Mi permetto di dissentire su di un solo punto: Mattarella non è migliore di Napolitano. Due anni fa venne a Trieste per REGALARE alla Slovenia la Scuola Interpreti che ha il torto di sorgere dove una volta c’era l’hotel Balkan, incendiato dagli stessi sloveni, e su ciò si è costruito un “crimine fascista” mai esistito. Contemporaneamente, ha insignito del cavalierato di gran croce Boris Pahor, scrittore sloveno negazionista delle foibe, per non parlare del discorso repellente tenuto al poligono di tiro dove sono stati fucilati cinque terroristi sloveni colpevoli di reati di sangue, da lui equiparati alle decine di migliaia di nostri connazionali innocenti uccisi per la sola colpa di essere italiani. Mi creda, non c’è molta differenza fra comunista e democristo: antifascista significa SEMPRE anti-italiano a tutti gl effetti pratici.

  4. FRATELLI LA MIA E’ UNA CONSTATAZIONE FATTA ALLA LUCE DEL DIPANARSI DELLA STORIA E DELLE CORRELAZIONI DI. GENOCIDI RIPETUTI VERSO POPOLI, ETNIE, CHE SI FRAPPONEVANO AGLI IDEATORI E PIANIFICATORI DI QUESTI PROGETTI DI POTERE ASSOLUTO SUI POPOLI ! ADESSO SONO USCITI TUTTI ALLO SCOPERTO! SONO TUTTI QUELLI CHE SOSTENGONO IL WORLD ECONOMIC FORUM. !! NOI ITALIANI DA DUEMILA ANNI SIAMO IL GREGGE. DEL VATINKULO. POI DIVENTATI DI PROPRIETA’ DELLA ” VATINKULO & ROTHSCIELD LTD ” !! NON DOBBIAMO SCORDARCI DEL PROGETTO ID 2020 !! PROGETTO IN FASE AVANZATISSIMA , CON UNA ITALIA COME ITACA COMPLETAMENTE OCCUPATA DAI PROCI. . PER NOI NON C’E ‘NESSUN ULISSE. CHE POSSA LIBERARCI , ZEUS. ED ATENA PURE LORO NON VEGLIANO SU DI NOI ! A PARTE NOI ,FRATELLI IL RESTO BELANTE VA VERSO IL MACELLO AL SUONO DEL PIFFERAIO ! UN ABBRACCIO FRATERNO A TUTTI QUANTI VOI !! VOSTRO FRATELLO ANTONIO AURICCHIO .

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando