Il diavolo in convento – Livio Cadè

Il diavolo in convento – Livio Cadè

Leggo che un monastero benedettino di Perugia è al centro di una cruciale polemica. Pare infatti che le monache che vi risiedono abbiano rifiutato di passare dall’adorazione del Santissimo Sacramento, cui sono legate da antica consuetudine, a quella del Nuovo Santissimo Sacramento, ossia del Divin Vaccino, come previsto dalle nuove disposizioni ecclesiastiche.

A nessuno possono sfuggire le implicazioni metafisiche di un tale rifiuto, il quale giustifica il sospetto di ateismo, eresia, apostasia, blasfemia e forse possessione diabolica. Accuse per cui, in altri tempi, le monache in questione sarebbero incorse nei giusti rigori dell’Inquisizione.

A tali crimini bisogna aggiungere una colpa di carattere sociale, cioè l’aver esposto col loro atteggiamento irresponsabile l’intera città al rischio di un contagio, alla malattia e alla morte. Anche in un senso strettamente religioso questo contraddice ogni precetto cristiano di amore del prossimo.

Assolutamente irrilevante è il fatto che tali monache vivano in regime di stretta clausura, senza alcun contatto con soggetti esterni. Trascurabile è pure che nessuna di loro abbia mai mostrato il minimo segno di contagio. V’è infatti un principio di cautela che va sempre rispettato e che si può riassumere così: “la prudenza non è mai troppa”.

Inoltre – forse è questo l’aspetto più grave dell’intera vicenda – il loro rifiuto ha un evidente carattere di insubordinazione. E questa inaccettabile disubbidienza alla legge viene proprio da religiose che dovrebbero umilmente chinare il capo e sottomettersi. Quale esempio danno ai credenti e alla nazione? Che modello sono per le anime? Per i bambini?

Dove finirebbero di questo passo la disciplina, l’ordine? Trovo perciò del tutto legittimo, anzi doveroso, che nei confronti di queste monache ribelli sia stata disposta un’ispezione apostolica che, mi auguro, valuterà con la giusta severità il loro fallo e provvederà a un’idonea punizione.

So che già si prevede di smembrare questa pericolosa cellula sovversiva, che si oppone persino alla volontà del Santo Padre, trasferendo le monache colpevoli in altri monasteri. Ma spero che nei confronti della badessa ottuagenaria,  evidente cervello di questa sommossa, si prendano misure più radicali. Troverei opportuno anche un esorcismo collettivo, come si fece nel XVII secolo con le religiose di Loudun possedute dal demonio.

Mi lascia perplesso però la dichiarazione della Curia, secondo cui tra il comportamento sacrilego di queste monache e l’ispezione che è stata sollecitata a loro carico non c’è nessuna correlazione. Confesso anzi che questa espressione – nessuna correlazione – è per me fonte di una sempre più viva preoccupazione.

Sono infatti stato abituato fin dall’infanzia a cercare le correlazioni che legano tra loro fatti fisici, logici o morali. A pensare vi debba essere una correlazione tra il mangiare troppo e l’ingrassare, il rispondere male a mio padre e prendere uno scapaccione, tra il porre delle premesse e trarne una conclusione ecc.

Oggi invece, sempre più spesso, sento ripetere che “non c’è correlazione”. Abituato a trarre deduzioni logiche mi stupisce sentir spiegare le cose con una mera negazione. In questi casi, infatti, non si indica la reale correlazione tra un evento e l’altro. Ci si limita a dire che “non c’è correlazione”.

Pare così che le cose nascano dal nulla, come per magia, senza un motivo, oppure per un motivo che non si può o non si deve conoscere. E questo, ammettiamolo, se diventasse una prassi consolidata nel nostro modo di ragionare, potrebbe avere effetti sconcertanti.

Gli avvocati, difendendo assassini colti in flagrante, potranno sostenere che fra il loro assistito e la morte della vittima non c’è correlazione. I medici, dopo aver ammazzato qualcuno a causa della loro imperizia, potranno negare ogni responsabilità dicendo: “non c’è correlazione”.

Allo stesso modo, tra la rovina di un Paese e il degrado della sua classe dirigente non c’è correlazione. Un uomo può mettere incinta una donna e dire che non c’è correlazione. E tra l’aumento dei bacilli e quello degli imbecilli si potrebbe trovare una correlazione, se solo non sapessimo a priori che non c’è.

“Non c’è correlazione” meriterebbe di diventare il nostro motto nazionale. Se noi italiani avessimo un unico grande stemma di famiglia, potremmo scriverci “Non c’è correlazione”. Forse questo proverebbe una correlazione con la nostra stupidità. Ma nessuno la potrebbe dimostrare.

Quindi:

Se alle monache la Curia

Per la loro grave incuria

Fa apostolica ispezione,

Qui non c’è correlazione!

Questo rende ancor più grave e incomprensibile il diniego delle monache di Perugia. Per colpa loro qualcuno potrebbe pensare che vaccinarsi sia pericoloso, mentre è chiaro che:

Per la logica attuale

Se il vaccino fa star male

È fatal combinazione,

Ma non c’è correlazione!

A questo punto, non resta che aspettare un nuovo e opportuno decreto che renda anche il correlazionismo, al pari del negazionismo e del revisionismo, dell’omofobia e dell’antisemitismo, un reato perseguibile. Nell’attesa, si spera che l’essere correlazionista, come l’esser complottista o terrapiattista, diventi almeno un marchio d’infamia.

 

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Società

Pubblicato da Livio Cadè il 31 Marzo 2022

Commenti

  1. PatriSia

    Ha scritto “correlaZione”? Deve cambiare consonante. Acciderbola, di questi tempi!

  2. PatriSia

    Mi scusi…come è difficile tornare al desueto educato… I tempi attuali facilitano il meno nobile turpiloquio.
    Comunque *acciderboli/accipicchia…
    (“acciderbola” è un parto della mia mente confusa…ma nessuna correlaSione…sono come le suore…pura e perseguibile).

  3. Livio Cadè Staff

    Cara signora Patrisia, Lei mi manda in confuzione.
    Non sarà per caso una correla-sionista?

  4. Livio Cadè Staff

    Comunque, le monache vanno punite, questo non si discute. Bisogna dare l’esempio.
    Come dice un nostro illuminato ministro, la violazione di un obbligo non può restare priva di conseguenze. Bisogna dare un messaggio forte soprattutto ai nostri giovani. Non solo gli insegnanti ma anche le monache inadempienti disattendono il patto sociale ed educativo su cui si fondano le comunità nelle quali queste persone sono inserite. Permettere che gli insegnanti non vaccinati continuino a insegnare o le monache non vaccinate continuino ad adorare il SS. Sacramento senza problemi sarebbe un segnale altamente diseducativo.
    Dobbiamo punire, correggere, educare, se vogliamo uno Stato veramente etico.

    • PatriSia

      Ecco,sì…ho letto il poemetto sul “patto sociale ed educativo etc…”
      Turpiloquio necessario. In tutte le varianti. Da Nord a Sud. Da Est a Ovest. Dal Man(z)anarre al Reno. Purché sia turpiloquio spinto.

      • PatriSia

        …di cui hanno offerto sublime e lodevole esempio alcuni ammirevolissimi abitanti dell’antica Partenope…proprio di recente, verso un’iguana, se non erro.
        Plauso a tutti loro.

        • PatriSia

          …in particolar modo, ho apprezzato l’eroe che ha esortato il varano di Komodo a infondergli il magico elisir proprio nel punto che Attis rimpiange ancora.
          Un toccasana per l’umore.

  5. Livio Cadè Staff

    Guardi signora che si sbaglia. A quanto ne so, l’Herpes Booster ha ringraziato per la splendida accoglienza.

    • Lupo nella Notte

      Ma infatti non si capisce perché le grida di “assassino”, “bastardo”, “omm”e mmer**”. ecc., dovessero essere indiriSSate proprio al Varano di Komodo. Che infame falsità, senza dubbio diffusa da oscuri circoli negaSionisti che certo non potrà celare che con ogni evidenSa tra esse e la visita alla Città Nuova per antonomasia non vi era alcuna correlaSione. In ogni caso, e per fortuna dell’italico genere tutto, la Nostra è davvero una NaSione di “sana e ro…booster”… CostituSione!

      P.S. Un saluto alla signora Pa… triSia

  6. Livio Cadè Staff

    Stavo pensando che si potrebbe fare anche del correlazionismo un reato, come col negazionismo. O almeno un marchio d’infamia, come il complottismo o il terrapiattismo…

    • PatriSia

      Marchio più, marchio meno…

      P.S. Lo so che Herpes Booster ha ringraziato…erotolalia?

      • PatriSia

        …sarebbe una singolare correla(z)ione.

        • Livio Cadè Staff

          Ma anche gli animali a sangue freddo si eccitano? Non lo so, non sono un erpetologo…

          • PatriSia

            Sa che mentre scrivevo ho pensato la stessa cosa? Ma credo di sì, a modo loro…poi Herpes è un ibrido che vuole imitare gli umani. Però non ha tutti gli elementi per farlo…o li ha un po’ confusi. L’eroe partenopeo alla guida del coro avrà toccato una di queste corde ibride e confuse.

          • PatriSia

            …o forse non si tratta della patologia sovracitata. Ma l’alternativa potrebbe essere MOLTO più temibile, ahimè. Herpes ha ringraziato per il suggerimento offertogli sul prox booster. E questo sarebbe in linea con la sua essenza.

  7. Livio Cadè Staff

    E se fosse una reincarnazione di Erpete Trispegisto?

  8. PatriSia

    Comunque, concentrandoci sul varano, sottovalutiamo (come abbiamo fatto da principio) l’esangue al dicastero della tisi…larvatamente, tisicamente, ossessivamente, persevera. E sarà “lui”(?), d’ora in poi, a procedere al waterboarding con semplici pi(zz)ini, ops, volevo dire ordinan(z)e…quatto quatto, esangue esangue…

  9. Michele

    In Italia non esiste l’obbligo della cura quindi da non è punibile chi si dichiara contrario ad una certa cura per convinzioni personali. Se cosi non fisse non avremmo inventato l’obbligo del green pass…..
    La chiesa non si è mai espressa apertamente riguardo a questi casi. Io conosco il caso di un diacono permanente che non si è mai fidato a farsi vaccinare a discapito dei suoi 82 anni. Nella chiesa cattolica c’è una minoranza che sostiene l”uso di feti umani per produrre vaccini ma di questo nessuno ha mai trovato riscontro.

Rispondi a Michele

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Vladislav in Da Platea a Minneapolis, passando per Fiume: dalla Tradizione all'Anti-Tradizione - Federica Francesconi

      La grecita' classica? Gli Spartani?Le Termopili? I... Leggi commento »

    • Bruno Cesca in Silentium Est Aureum: il nascondimento della verità - Brando Impallomeni

      Nesdun commento, ma apprezzamento... Leggi commento »

    • Bruno Cesca in Silentium Est Aureum: il nascondimento della verità - Brando Impallomeni

      Nessun commento ma apprezzamento... Leggi commento »

    • Massimo Micheli in Chesterton: gli insegnamenti di un uomo buono - Roberto Pecchioli

      Alla vigilia della festa dell'Assunta il buon Pecc... Leggi commento »

    • Loris in La verità su S’Anna di Stazzema

      Circa i massacri perpetuati da partigiani nei conf... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando