L’olimpica confusione di Bachofen – Umberto Bianchi

L’olimpica confusione di Bachofen – Umberto Bianchi

Quello di Bachofen sul matriarcato, “Le madri e la virilità olimpica”, è un testo di rilevante importanza nell’ambito degli studi sulle interpretazioni dei miti e le loro conseguenti ricadute nell’ambito della storia di una determinata civiltà. Scritto attorno al 1861, questo testo faceva seguito al precedente Saggio sul simbolismo funerario degli antichi (1859) scritto a seguito di alcuni viaggi in Italia ed in Grecia ed avrebbe fatto da apripista ai successivi Il popolo licio (1862), La Saga di Tanaquilla (1870), concepita all’origine come risposta all’avversata Storia romana del Mommsen, sino alle Lettere antiquarie (1880 – 1886), scritta poco prima della morte avvenuta nel 1887. L’opera del Bachofen è tutta incentrata su uno studio di tipo socio-antropologico, dai forti risvolti esoterici, volto a dare dell’antichità dell’uomo, una ben diversa interpretazione da quella che i vari storiografi andavano elaborando, tra cui appunto il Mommsen, per quanto riguarda la storia romana. Il Bachofen interpreta la storia dei primordi dell’umanità in un’ottica di ciclica alternanza tra fasi nelle quali a dominare è decisamente l’elemento matriarcale ed altre in cui, invece, di converso, a dominare è quello patriarcale. Il tutto, corredato da una interpretazione esoterica dei vari simbolismi legati ai fenomeni della rinascita. Il “vulnus” dell’intera opera bachofeniana, sta nella rigidità e nell’eccessiva semplificazione concettuale, tipica di tutti quei pensatori ottocenteschi che da Darwin a Marx, passando per Freud, dalla obiettiva osservazione di alcuni dati incontrovertibili, hanno tratto delle sin troppo rapide e semplicistiche conclusioni. Una cosa è parlare di talune civiltà dell’ambito mediterraneo che, inizialmente conobbero una fase di ginecocratico predominio, altro è operare una netta ed incontrovertibile divisione tra due fasi di civiltà, arrivando ad immaginare due rigidi modelli a compartimenti stagni, per cui una determinata civiltà presenterebbe al proprio interno influenze direttamente derivanti dalla precedente fase, in un rigido e sin troppo schematico disegno. Ed in questo, si ravvisa tutta la cedevolezza della costruzione del Bachofen.

Dopo aver esordito con una prima classificazione tra le varie forme di ginecocrazia, amazzonica, eterica e quella più classica, il nostro parte alla carica, prendendo di mira tutte le civiltà che gli capitano a tiro. Così verremo a sapere che quella egiziana a causa della presenza della Dea Iside, era un civiltà ginecocratica o giù di lì, dimentico che, quella egiziana fu una civiltà impostata, tra l’altro, sul culto maschile e solare di Ra, il Dio-Sole. Con la stessa frettolosa impostazione si ravvisano elementi di ginecocratica influenza nell’area mesopotamica, anche qui dimentichi che, ad una fase di iniziale aderenza ad alcune forme di cultualità ctonie, basate sulla compresenza di Cielo/Terra ed Acqua in cui, però, già il Cielo aveva una parte di primaria importanza, sarebbero succedute forme di religiosità ancor più impostate sull’elemento uranico, come nello specifico caso della religiosità assiro-babilonese.

Ma, dove il Nostro si scatena e perde ogni freno, è nell’ambito della civiltà classica. Si comincia con i miti fondativi di Roma, tra cui quello di Tanaquilla, nel quale il nostro ravvisa nuovamente influenze da lui chiamate “asiatiche”, ovverosia ginecocratiche, conferendo, tra l’altro, al Vicino Oriente, una valenza assolutamente fuori da ogni realtà (…). Non solo. Tali sinistre e femminee influenze, addirittura si ravviserebbero in talune forme di ritualità, coinvolgenti le nobili ed altere matrone romane, dal nostro sospettate di essere delle etere sotto mentite spoglie. Sotto questa ottica, la Storia, per il nostro, diviene così un alternarsi tra forme di dominio femminile (negativo…), ravvisabili in espressioni quali la condivisione della proprietà, una concezione della vita legata a valori materiali, sino alla tanto aborrita rilassatezza di costumi, che ha in Dioniso, la propria figura centrale. Di converso, la concezione maschile è più uranica, spirituale e legata ad aspetti di vita concreti e “patriarcali” quali la proprietà privata.

E così abbiamo una Roma imperiale, maschile e solare, qua e là attraversata da pericolosi rigurgiti di femminea decadenza…di contro ad una Etruria, “asiatica” e mortifera…Ma la vera ciliegia sulla torta, il nostro la riserva al povero Pitagora che, bontà sua, ebbe la pessima idea di riservare dei ruoli di rilievo a personale femminile, all’interno della propria scuola, in tal modo attirandosi gli strali del Bachofen che, senza esitazioni, lo collocherà nella lista dei sospetti di sovversiva e decadente ginecocrazia. Che quella di Pitagora sia stata una figura complessa e di non facile interpretazione, è cosa risaputa, sin dai suoi tempi. Tant’è vero che, il pensatore fu fatto oggetto di alcuni feroci strali, da parte del burbero ed oscuro Eraclito, con un conseguente strascico polemico.

Ma un fatto del genere, non può autorizzare nessuno, a ridurre la figura di uno dei più importanti e complessi pensatori della Storia, ad un propalatore di strampalati stili di vita, ben lontani da quelle che, invece, erano le rigorose regole che sovrintendevano la vita delle varie scuole pitagoriche. E questo ce la dice lunga sulla faciloneria e sugli evidenti limiti del pensiero del Bachofen che, di questo passo, finisce con il dare del mondo antico un’idea sin troppo schematica, divisa in “maschi” e “femmine”, in buoni e cattivi, compartimentata per generi tali, da dar luogo ad una vera e propria forma di innaturale e fuor di luogo, bigottismo maschilista, totalmente dimentico della natura variegata e poliedrica delle varie espressioni del politeismo mediterraneo.

I richiami a figure divine femminili ed a ritualità a queste riferentesi, non debbono per forza essere interpretati quali rimasugli di precedenti fasi matriarcali, bensì possono ben essere inquadrati in un più ampio lavoro sia di sintesi e sincretismo tra differenti fasi culturali, operato nel nome dell’accettazione di una realtà aperta al molteplice. Qui maschile e femminile, convivono nel nome di un tutto armonico, in cui a sovrintendere è il principio di ananke/necessità, per il quale ogni polo attrae il suo opposto. Il maschio attrae la femmina, il bianco il nero, il bene il male e viceversa, in un’infinita e ciclica catena di interazioni e concause. E così, mentre accanto al Faraone egizio, siedono regine splendide e sorridenti, prive di timori o complessi di inferiorità,di sorta, mentre splendide figure di dee, ma anche sacerdotesse, regine o nobildonne fanno la loro figura nei rilievi mesopotamici, tutti i pantheon indoeuropei, dall’India alla Grecia, passando per il Latium Vetus, vedono convivere, l’uno accanto all’altro, Dei e Dee superbe; qui il femminile è parte costitutiva ed integrante del creato, in quanto interagisce e, senza remora alcuna, opera attivamente all’interno del Kosmos e sulle umane vicende. L’antica predominanza matriarcale di alcune società, ora si stempera in favore di una più vasta ed articolata concezione dell’Essere, ora sempre più aperta a quel Molteplice che, del Politeismo costituisce la caratteristica portante. L’Essere, in quanto molteplicità di espressioni del numinoso, contempla al proprio interno il femminile. Il nostro Bachofen finisce, invece, per dare del politeismo mediterraneo, greco romano in particolare, un’immagine distorta, conferendo a quest’ultimo una valenza di bigotto maschilismo, frutto delle influenze della Svizzera calvinista e protestante. Un bigottismo misogino ed ottuso, che sfiora l’esaltazione di quella forma di pederastia mentale, che aleggia e sovente pervade di sé tutte e tre le espressioni del Monoteismo abramitico.

Tutto da buttare, quindi, il nostro Bachofen? Tutt’altro. Il suo contributo è stato tutt’altro che irrilevante. L’idea di un uso del mito, al fine di interpretare le società al quale esso è riferito, al pari dell’idea di una fase matriarcale che nella psicologia del profondo, corrisponde all’indistinzione della personalità, precedente il momento dell’individuazione di quest’ultima (Erich Neumann Wilhelm Reich ed Erich Fromm, oltrechè in primis, Freud e Jung…), o, anche da un punto di vista più propriamente politologico, sia da destra con autori come Julius Evola, Ludwig Klages, Alfred Baeumler, sia da sinistra con Walter Benjamin, al pari di Karl Marx e Friedrich Engels, rappresentano delle intuizioni di non poco conto. Il tutto, senza voler contare la sua influenza, nel campo delle ricerche storico-antropologiche di studiosi come Marja Gimbutas. L’idea di una impostazione del sapere legata alla “complessità”, quale ora si va prefigurando, sta definitivamente mettendo all’angolo o , quanto meno, ponendo sotto una ben diversa luce, molte delle intuizioni scientifiche del 19° e del 20° secolo.

Una realtà aperta, estroflessa, dai molteplici ed inaspettati aspetti, va prefigurandosi, in contrapposizione al grigiore ed all’uniformità del sapere globalizzato, e questo, in tutti i campi del sapere. Un confronto, il cui esito per ora, non è scontato, né ci è dato supporne la conclusione. Restano aperti e validi, i motivi di riflessione sull’inattualità di certe intuizioni scientifiche, come nel caso qui trattato.

 UMBERTO BIANCHI

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Tradizione

Pubblicato da Umberto Bianchi il 6 Luglio 2021

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960), è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Già Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica, per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • casalino a salve(le)

  • dante celato

  • la morte

  • sull'invisibile

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    Il covidismo è un umanismo – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “… essere un rivoluzionario contro la rivoluzione”.   Come dice Montaigne, una spina punge sul nascere. Così, all’inizio del fenomeno Co[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

    letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Kami in La danza di Shiva – Rita Remagnino

      Dobbiamo ritrovare l'Umiltà di riconoscerci creat... Leggi commento »

    • Paola in In assenza di nomi - Livio Cadè

      *pare tre imitatori/comici, non lo sapevo. Si è r... Leggi commento »

    • Paola in In assenza di nomi - Livio Cadè

      Ho sentito utilizzare pure il verbo "contaminare",... Leggi commento »

    • Paola in In assenza di nomi - Livio Cadè

      Non è neppure la peggiore delle esternazioni da p... Leggi commento »

    • Livio Cadè in In assenza di nomi - Livio Cadè

      Roby ci vuole agli arresti domiciliari, come 'sorc... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter