Occhi senza volto – Livio Cadè

Occhi senza volto – Livio Cadè

Basta una madeleine inzuppata nel tè per risvegliare nello spirito immagini e sensazioni sepolte dal tempo. Nel mio caso, lo stimolo non è venuto da un biscotto ma da una sorta di provocazione morale. Allora «trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me…» E anch’io mi son volto allo spirito, seguendone le spontanee associazioni, per trovare l’origine di questa strana sensazione che «m’aveva reso indifferenti le vicissitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita…».

Ho cominciato così col notare uno strano inciampo che turba la regolarità cronologica delle religioni. Se infatti collochiamo -con beneficio d’inventario- la nascita dello zoroastrismo nel diciottesimo secolo a. C., quella della religione mosaica nel dodicesimo, del buddhismo nel sesto, del cristianesimo e dell’islamismo nel primo e settimo secolo della nostra era, pare che ogni circa seicento anni nasca una nuova grande religione (tralascio religioni più antiche, come induismo, taoismo o la religione dravidica, le cui origini si perdono nella notte dei tempi). Questa ciclicità è una mera coincidenza? Ne dubito e faccio una diversa ipotesi.

Nel 1938 Orson Welles lesse alla radio “La guerra dei mondi” di Wells, descrivendo con realismo l’attacco dei marziani alla Terra. Se la CBS a intervalli regolari avesse rassicurato gli ascoltatori sul fatto che si trattava di una finzione letteraria, avrebbe evitato il panico e l’isteria di molti. Così, io credo, lo Spirito ci ricorda a cadenze regolari che questa esistenza mortale è come un sogno, un effimero romanzo.

Ogni religione appare dunque un necessario e ritmico richiamo alla Realtà, affinché l’uomo non resti avvolto nei veli dell’illusione. Tuttavia, dopo Maometto, passano nove secoli perché arrivi Lutero (il protestantesimo non è una nuova religione, ma ha prodotto conseguenze storiche di tale portata che possiamo considerarlo tale). Perché questo ritardo? Forse l’orologio dello Spirito si è inceppato?

Se le cose avessero seguito il loro corso naturale, una nuova religione sarebbe nata nel tredicesimo secolo e un’altra nel diciannovesimo. Di fatto, se considerassimo l’illuminismo, lo scientismo, il positivismo di stampo ottocentesco, il culto della Dea Ragione, i miti del progresso, dell’evoluzione o della democrazia per quel che realmente sono, cioè una religione, capiremmo che il meccanismo ha ripreso il suo giusto ritmo.

Ma l’effetto è paradossale. Sembra contraddire quanto lo Spirito ha sempre affermato. Non indica alcuna trascendenza, solo l’immanenza della storia e delle realtà empiriche. Sta chiusa in un aldiqua, come in un perimetro insuperabile. È una visione senile e decadente, di chi ha perso tanto l’innocenza infantile quanto le nobili passioni dell’età matura.

La fede viene surrogata da superstizioni scientifiche, le tradizionali virtù si mutano in fiacca licenziosità. La coscienza eroica e romantica, mistica e poetica della vita, sembra essersi rapidamente dissolta nel nulla. L’antica virilità dello spirito ha ceduto il posto a una mentalità da vecchia suocera, ansiosa, ficcanaso e petulante. È la religione di un’umanità decrepita, che crede solo nei giornali, nei numeri e nei medicinali. Religione degli ultimi tempi. Per vedere qualcosa di meno deprimente temo dovremo aspettare il venticinquesimo secolo.

Può darsi che lo Spirito abbia disertato questo periodo, cascame di civiltà, lasciandone il controllo ad altre forze. Secondo alcuni, è Satana stesso ad aver figliato la nuova religione. Si spiegherebbe così il fatto che non le abbia dato un nome preciso. Il diavolo, difatti, non mette la firma, non ama il satanismo ufficiale. È innegabile però che gli elementi essenziali della nuova fede oggi prendono corpo e ufficialità in una religione covidica dai tratti marcatamente diabolici. Presumo non dovremo attendere molto perché venga convocato un Concilio in cui virologi, banchieri, mondo della politica e dell’informazione, ne fisseranno le linee dogmatiche e liturgiche.

È certo che il carattere maligno di questa chimera -in cui mostruosamente si fondono la disumanità della scienza e i vizi dell’umanità- si palesa con coerenza implacabile ogni giorno di più. La paternità satanica sembra rivelarsi nella sua radicale pseudologia, questa morbosa tendenza a mentire e a illudersi. Il rispetto degli altri e quella entità fittizia detta salute pubblica diventano pretesti per trasformare l’uomo in un utile automa, bloccato in un mondo senza verità e bellezza.

Ma al di là di queste facili critiche bisogna cogliere il senso profondo del fenomeno, ovvero il bisogno dell’uomo di credere in qualcosa di superiore, non importa se terribile o meraviglioso. La guerra contro l’influenza o la polmonite riscrive con nuove forme il canovaccio dell’eterna lotta tra il bene e il male, tra il virus Angra Mainyu e il vaccino Ahura Mazdā ovvero, come nella Guerra dei mondi, tra umani e creature aliene.

L’intuizione fondamentale di questa Setta è stata di donare allo scientismo ciò che gli difettava, ossia il calore di un sentimento morale. Ha creato un linguaggio universale della paura, un esperanto dell’ipocondria valido in tutto il mondo. I covidici si sentono uniti da una medesima forza di intenti, di timori e di speranze. Basta mettersi una cintura di castità sulla faccia e farsi battezzare con l’aspersione di un misterioso farmaco per sentirsi parte di un’immensa e solidale famiglia. Gli scettici dovrebbero capire che opporre la logica al senso di grandezza, alla maestosa condivisione emotiva che accomuna il popolo covidico, è come tirar sassolini contro un carro armato.

La dottrina covidica ha affratellato l’umanità nell’angoscia e nell’attesa di una salvezza, per quanto limitata e relativa. Questo, se vogliamo, è il suo limite: è una religione che non promette paradisi. Ti lascia scegliere tra un inferno o un purgatorio temporanei, poi il nulla. Per chi non è redento dal vaccino è prevista la dannazione. Agli altri si offre un purgatorio di pene e di lavoro cui accedere superando un fatidico esame, detto tampone, simile alla pesatura dell’anima, quella psicostasia con cui si decideva se ammettere un defunto nell’aldilà o darlo in pasto al nulla.  Della religione covidica si potrebbe perciò pensare quello che il Buddha diceva della dottrina tenebrosa di  Goshala Maskariputra: che è la peggiore di tutte, simile a una veste di crine, che tiene freddo d’inverno e caldo d’estate, ruvida, brutta e maleodorante.

In effetti, questi chierici che dal pulpito terrorizzano i fedeli evocando i demoni del contagio, o che spingono la gente verso il sacramento del vaccino – “ad nos, ad salutarem undam”- han qualcosa di sudicio e sadico. Sembrano godere dell’infelicità altrui con quella crudeltà mista a senso del dovere tipica dei moralisti. Costringono la gente al rispetto di comportamenti ossessivi, innaturali e ridicoli, mentre vietano le più naturali libertà. Ricordano certi pastori protestanti di Dreyer o Bergman, in preda a cupi turbamenti cui oppongono un mortificante rigore.

Bisogna però riconoscere a questa Setta il merito d’aver semplificato la confessione dei peccati. Non servono più tortuosi esami di coscienza, basta verificare il rispetto di alcune banali direttive sanitarie. E forse, in una fase successiva, la nuova Chiesa concederà indulgenze a chi si vaccinerà il primo venerdì d’ogni mese.

La forza di questa religione è proprio la rozza banalità con cui semplifica l’esistenza umana. Le bastano due dogmi chiari ed elementari: la virofobia e la vaccinofilia. Sa limitarsi ai valori di un sistema binario, basato su antitesi secche: realisti-negazionisti, vaccinisti-terrapiattisti, senza sottilizzare tanto. La stessa dialettica si potrà applicare se necessario a una religione Green o Hi-tech e ai loro detrattori, semplicemente trasferendo i concetti di summum bonum e summum malum in ambiti diversi. I principi covidici, diventati senso comune, potranno piegarsi a qualsiasi disegno di mercato e di potere.

Qualche dubbioso chiederà: ma se il summum bonum è la salute pubblica, perché non condurre campagne sinistre, intimidatorie e repressive anche contro l’inquinamento, il cibo malsano, il fumare, lo stress, e altre cause di morte prematura per un tal numero di persone che al confronto un virus influenzale fa sorridere? Caro scettico, questo è un mistero della fede, accessibile ai soli iniziati, custodi e garanti della verità.

In sintesi, questa nuova religione non è una didattica del risveglio, come il buddhismo, semmai una forma di ipnosi. Non è un invito ad amare il prossimo, come il cristianesimo, perché vieta ogni prossimità. Non predica il coraggio e il sacrificio, sprezzo della vita, come più antiche e virili religioni. Al contrario, pone come massima virtù un’ossessione salutista e una paranoica prudenza. Visto che richiede una sottomissione assoluta, potrebbe sembrare una versione sanitaria dell’Islam. O ricordare un opprimente rigore calvinista, dal vago retrogusto apocalittico. Queste persone col viso coperto, che infliggono ai loro polmoni una continua penitenza, sembrano flagellanti che annunciano la fine del mondo.

A me ricordano un bel film di Franju, “Occhi senza volto”, dove una donna sfigurata indossa una maschera, che ne mostra solo gli occhi. Penso che in fondo è giusto nascondere quelle facce, forse sfigurate anch’esse, incapaci di esprimere rincuoranti sentimenti umani. Ne vedo gli occhi che lanciano lampi di deprecazione, muti anatemi verso il mio viso scandalosamente nudo. E a volte sprezzo, a volte compiango quei volti senza naso e bocca, che mi fissano dal fondo delle loro illusioni.

“Ma non sa che così mette a repentaglio la vita di tante persone? Non le importa?”. Queste parole, come una madeleine, fanno riaffiorare in me il ricordo di uomini che per millenni han tratto forza dallo Spirito, pur tra guerre, pestilenze e carestie, e han creato una civiltà. Uomini liberi, non schiavi con le mutande in faccia. Potrei rispondere con argomenti razionali a quella domanda idiota. Ma perché sfiancarsi in vane discussioni? Così, rispondo dannunzianamente. “Me ne frego”. Gli occhi senza volto mi guardano confusi e indignati, come fossi io il mostro. Mi dico che basterà pazientare quattro secoli, e tutto questo sarà solo un brutto ricordo.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Cultura & Società

Pubblicato da Livio Cadè il 30 Maggio 2021

Commenti

  1. Dniele

    È la società algoritmica dell’1 e dello 0…non accetta sfumature…sebbene crei una mediocrità tale da anteporre l’igiene alla libertà.
    Ricordate di sanificare le feste!
    Complimenti signor Cadè…sempre lucido e godibile il suo scritto!

    • Livio Cadè Staff

      Le ricordo un altro comandamento fondamentale che occorre aggiornare: onora il genitore 1 e il genitore 2 (forse in futuro anche il 3, il 4 ecc.)

  2. Paola

    Io sono la Scienza dea tua

    1) Non avrai altro credo all’infuori di me

    Io sono il vaccino dio tuo

    1) Non avrai altra scelta all’infuori di me

    9) Non desiderare l* donn* d’altr*

    (scevà consentito democraticamente dai puristi non binari, in quanto alternativa più autorevole dell’asterisco, non contemplato in alcun alfabeto).

    • Paola

      Mi correggo. “Consigliato”, non “consentito”.

      • Paola

        P.S. Quinto comandamento soppresso con voto quasi unanime, sesto pure. Non esistono atti impuri. Nella società inclusiva, resiliente, anti-, nella nuova normalità, tutt* siamo pur*, purissim*, senza distinzione alcuna, ergo, “omnia munda mundis”.

  3. Livio Cadè Staff

    Il nono e decimo comandamento non possono essere aggiornati. Vanno semplicemente aboliti. Nel caso del nono sicuramente non è più accettabile alcuna discriminazione di genere. Di fatto, bisognerebbe scrivere “non desiderare l* ***** d’altr*, dove gli asterischi possono indicare qualsiasi oggetto del desiderio sessuale, non solo umano ma anche animale, vegetale o inorganico. Tuttavia, più in generale, il punto è che “non desiderare” è un’espressione blasfema e orribile per orecchie moderne.

    • Paola

      Concordo! Mentre tentavo di aggiornare il nono, avvertivo stonature sull’utilizzo del morfema…e nella mente mi svolazzava con tono soave di rimprovero una voce: “parafilia! parafilia!”. Era un memento al mio limite. Non è aggiornabile. Vero.

      • Livio Cadè Staff

        Gentile Paola, esco dal tema e, avendo citato Franju, Le segnalo questo suo cortometraggio memorabile del 1949: https://www.youtube.com/watch?v=sIHvZz3alp8 (chiunque è invitato a guardarlo). Purtroppo non ho trovato una versione italiana, ma le parole non sono indispensabili.

        • Paola

          Dio…pietà… Riesco a malapena a scrivere…da convertita comunque tardiva al rifiuto di cibi carnei…ignoranza e cecità generazionale, non so…so che non riesco a leggere “La giungla”, a guardare documentari sulla sofferenza delle creature…stavolta mi sono imposta di farlo. Sto male. Ma è giusto così. Va da sé che il cortometraggio ha un significato molto più profondo ed esteso. Anni fa, mi iscrissi nuovamente all’università per conseguire la seconda laurea. Progetto abortito, ma non inutile. Mi avvicinai allo studio delle eresie dualistiche, catarismo, in particolare. Fu quanto di più simile a una risposta abbia mai avuto nella vita. Nel mondo, ma non del mondo…il dualismo radicale è l’unica possibile spiegazione, per me…sempre di più.

          • Paola

            Sto tremando. Spero che assorbire parte di quell’orrore e farlo proprio possa costituire una sorta di sollievo postumo per quelle creature e per tutte le altre…Dio mio…l’inferno non è vuoto, qui non ci sono solo i demoni. Questo è l’inferno. Questo.

          • Paola

            Mi correggo. Questo non è l’inferno. Ma una ” creazione” perversa.

  4. Paola

    Mi ricorreggo. Sono fuori fase…sostituisco ” creature” con innocenti, tutte le volte che l’ho scritto. O anche con “creature loro malgrado”. Incolpevoli.

    • Livio Cadè Staff

      La capisco. Io vidi questo terribile capolavoro molti anni fa e ne fui sconvolto. Infatti non ho più avuto il coraggio di riguardarlo.
      Consigliarlo è forse una violenza, non so. Ho parlato spesso di questo argomento, a volte anche in pubblico, ma pochi capiscono.
      Ho sentito obiezioni di ogni tipo, filosofiche, religiose, sociali, economiche ecc. che mi sembrano indicare una profonda sconnessione tra cuore e cervello. O forse un callo spesso e duro che ricopre una zona della coscienza, la rimozione di un sentimento naturale.

      • Paola

        No, non è una violenza. È una sofferenza atroce, questo sì. Necessaria, tuttavia, per rispetto a quella degli innocenti, a cui si deve, almeno, questo tributo di dolore. Non potrei riguardarlo neppure io. Ma ormai mi è rimasto impresso a fuoco, per sempre. Non c’è obiezione che tenga. Una volta nella vita, magari legati, lo dovrebbero guardare tutti. E soffrire. Per vergogna, per amore mai dato agli innocenti, per chiedere perdono. E se la si vuole definire violenza, allora sì, è bene subirla. E stare male. Molto.

  5. Paola

    Va guardato/fatto guardare. Per sé stessi, per il male che si è capaci di fare…senza “partecipazione diretta” e assoluzione autoindotta…molti non cambieranno, lo so. Ho letto alcuni commenti al video. Alcuni, spero di sì. Ma per nessuno, me compresa, auspico un dolore egoisticamente catartico. Che la sofferenza ci accompagni. Sempre. E sia di sollievo solo per gli innocenti. Non per noi.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • livio cadè

  • la morte

  • la magia di agrippa

  • sull'invisibile

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    La corda e il serpente – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “Ci sono due modi per far muovere gli  uomini: l’interesse e la paura.” Napoleone Bonaparte   Unire l’intera umanità sotto un’uni[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

  • libreria

  • letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter