Fernando Pessoa, il Poeta, il Mistero – Umberto Bianchi

Fernando Pessoa, il Poeta, il Mistero – Umberto Bianchi

Quello di Fernando Pessoa è un nome ai più misconosciuto o, quanto meno, del grande poeta portoghese è sinora stata data una smorta e malaticcia immagine di esistenzialista, una sorta di corrispettivo portoghese del francese Jean Paul Sartre. Ma, a ben vedere, così non è. Quella di Pessoa, è una figura complessa dalle molteplici sfaccettature, che ben si inserisce nel panorama della cultura occidentale tra la fine del 19° e l’inizio del 20° secolo. Senza alcun dubbio, Pessoa si inserisce nel panorama dell’avanguardia artistica portoghese di inizio secolo.  Il suo linguaggio poetico risente di quell’introspezione, di quella forma di ”impressionismo”,  caratteristico di molte espressioni artistiche di quel periodo, non senza però, lasciar trasparire dai suoi componimenti quel carattere di “melancolia” tipico dell’anima lusitana, in un melange del tutto originale. Figlio di una cultura e di una nazione affacciata sul mare, Pessoa trascorrerà una consistente parte della sua giovinezza in Sud Africa, avendo la madre vedova, sposato in seconde nozze un diplomatico portoghese. E di quella terra, crocevia materiale e spirituale tra due oceani, tra due mondi, tra l’Atlantico proteso verso quell’Occidente simbolo di una nascente Modernità e tra l’Indiano, affacciato verso quell’Oriente, nell’immaginario collettivo, culla ed archetipo delle culture tradizionali, Pessoa risentirà appieno l’influenza. Due climi spirituali, due istanze, l’Avanguardia e la Tradizione, in lui conviveranno,  proprio in virtù del clima culturale del periodo tra la fine del 19° secolo e l’inizio del 20° secolo. L’impetuoso sviluppo industriale, accompagnato dal crollo delle certezze del positivismo e del razionalismo cartesiano, generano sconforto ed incertezza in chi, si ritrova solo con sé stesso ad affrontare le grandi domande della vita, generando un impulso alla riscoperta di un irrazionale vitalismo, declinato sia in direzione della formulazione di nuove modalità di espressione artistica, attraverso l’osservazione e la scomposizione di un oggetto attraverso varie dimensioni o punti di vista che dir si voglia ( sia nelle arti figurative che nell’ambito letterario…sic!), che, attraverso la riscoperta delle scienze occulte e delle varie forme di sapere iniziatico in genere.

E’ l’irrazionalismo, dunque, a farla da padrone in quel convulso scorcio epocale. Un irrazionalismo che, coniugato in varie maniere e secondo varie sensibilità, passa da un iniziale senso di smarrimento dinnanzi all’impetuoso incedere della Modernità, ad un uso “fuori dalle righe” del linguaggio artistico, sino all’approdo alle derive occultiste di cui sopra. Per quanto riguarda Pessoa, sin dal 1906 si hanno testimonianze scritte sui suoi interessi nei riguardi di ermetismo ed alchimia. In molti suoi scritti poetici e di prosa, egli fa riferimento ad una tradizione gnostica e neoplatonica, trasmessasi attraverso l’Ordine di Cristo, i Cavalieri Templari, sino ad arrivare ai Rosacroce ed alle moderne organizzazioni iniziatiche. Monarchico utopista, Pessoa, si inserisce nell’alveo di una forma di millenarismo portoghese che vede nel ritorno di un santo-monarca illuminato e nell’inaugurazione di un Impero universale, l’obiettivo, la panacea ai mali ed ai disagi della Modernità. In lui la personalità diviene un vuoto ed inane orpello, una delle tante manifestazioni di quell’io sovrasensibile,apollineo e dionisiaco al contempo che, espressione di sinergia tra Unità e Molteplicità, esprime sé stresso in mille modalità liriche. Alberto CaeiroRicardo Reis e Álvaro de Campos António MoraAlexander Search (che scrive in inglese), Vicente Guedes (che doveva inizialmente essere l’autore del “Libro dell’Inquietudine”) e il Barone di Teive (autore de “L’educazione dello stoico”), sono alcuni tra gli pseudonimi o “eteronimi”, sotto i quali Pessoa scrive, conferendo a costoro personalità e stili letterari, ben spiccati. Alexander Search, in particolare, sarà colui che, maggiormente tratterà di esoterismo.

La poesia in Pessoa è leggiadria e mistero, un soffio di sensazioni che passa accanto al lettore, ma che lascia insolute le domande sul reale senso di tali scritti e sulla personalità di chi li produce. Pessoa è, in verità, una non-persona, perché nella sua poesia cerca l’auto annullamento di sé, la liberazione dall’insopportabile fardello e limitazione di una personalità astretta e costretta nei binari di un continuo ed irrisolto oscillare tra essere e nulla, tra vita e morte, “ek-sistere”, per l’appunto, alla fine del quale e sopra il quale, dovrebbe stare la realizzazione di quel millenaristico impero dello spirito, sorretto ed animato da quelle organizzazioni iniziatiche, che in lui tanta ammirazione producevano. Pessoa conseguirà il proprio autoannullamento, il proprio liberatorio “nirvana”, a soli 47 anni,  a causa di problemi epatici legati all’abuso di alcool. Il suo nome, rimane legato alla contraddizione di un’epoca, che seppe produrre grandi e contrastanti sentimenti. L’entusiasmo per la Modernità, ma anche lo smarrimento, la frantumazione dell’Io in tante personalità, quanti i punti di vista all’insegna dei quali si può interpretare un’opera d’arte, sono il lascito poetico e spirituale di Pessoa. La sua grandezza fu proprio quella di essere una e molte personalità al contempo, mostrando così la vuota inanità di un mondo, al contrario, sempre più indirizzato verso un unico, arido, modello di pensiero.

 

“No Túmulo de Christian RosenKreutz“/Sulla Tomba di Christian RosenKreutz”

 “Quando, risvegliati da questo sonno, la vita,
/ Sapremo ciò che siamo, e ciò che è stata / Questa
caduta fino al corpo, questa discesa / Fino alla notte,
che a noi l’Anima ostruisce, / conosceremo allora
tutta la nascosta / verità di chi è tutto che esiste o
fluisce? / No: neppure nell’Anima libera è conosciuta
… / Né Dio, che ci creò, in Sé la include. / Dio è
l’Uomo di un Dio maggiore: / Adam Supremo, che
cadde; / Nostro Creatore, anche lui / fu creato e la
Verità gli morì… / da oltre l’abisso, Spirito Suo, La
vede; / qui non ha nel Mondo, Corpo Suo.

II – Ma prima era il Verbo, qui perduto / quando
l’Infinita Luce, già spenta, / dal Caos, piano
dell’Essere, fu alzata / in Ombra, e il Verbo assente
oscurato. / Ma se l’Anima sente la sua errata forma,
/ in sé che è Ombra, vede infine riflesso, / il Verbo
di questo Mondo, umano e unto, / Rosa Perfetta, in
Dio crocifissa. / Allora, signori della soglia dei Cieli,
/ potremo cercare oltre Dio / il segreto del Maestro e
il Bene profondo; / non soltanto qui, ma già in noi,
risvegliati / nel sangue attuale di Cristo, infine liberati
/ dal Dio che muore alla generazione del Mondo.

III – Ah, ma qui, dove irreali erriamo, / dormiamo
ciò che siamo, e la verità, / anche se alla fine in
sogno la vediamo, / vediamola perché in sogno, in
falsità. / Ombre cercando corpi, se li troviamo / come
sentire la loro realtà? / Con mani d’ombra, Ombre,
che tocchiamo? / Nostro tocco è assenza e vacuità. /
Chi da quest’Anima chiusa ci libera? / Senza vedere,
udiamo oltre la stanza / dell’essere: ma come, qui, la
porta aperta? / Calmo nella falsa morte a noi offerto,
/ il Libro chiuso messo contro il petto, / Nostro
Padre Rosacroce conosce e tace”.

 

Umberto Bianchi

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Esoterismo

Pubblicato da Umberto Bianchi il 15 Aprile 2021

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960), è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Già Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica, per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Giuliano Kremmerz

  • Dramma in un atto

    Il motivo – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    Dramma in un atto   “Servono ragioni così valide per vivere che non ce ne vuole alcuna per morire.” (Rivarol)   Personaggi: Signore attempa[...]

  • la morte

  • dante celato

  • forte demonte

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • intorno al sacro

    letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter