Covid Symphony – Livio Cadè

Covid Symphony – Livio Cadè

(Un’amica, esperta critica musicale, mi invia questa sua testimonianza. Data l’eccezionale rilevanza culturale dell’evento cui si riferisce, credo di far cosa utile pubblicandola).

Reduce da una memorabile esperienza, mi è difficile stendere una recensione musicale senza cedere alla tentazione dell’apologia. Sento ancora in me l’eco degli applausi scroscianti, la commozione e l’entusiasmo che uniscono gli esseri umani davanti a un capolavoro non solo dell’arte ma anche della solidarietà civile.  La sala del Concertgebouw di Amsterdam, una fra le più prestigiose al mondo, era gremita all’inverosimile, ovviamente nei limiti consentiti dalle regole del distanziamento. In totale v’erano dunque nella sala circa duecento persone, tutte naturalmente mascherate e molto lontane una dall’altra, per le note ragioni sanitarie. Ma le 1.800 poltrone vuote erano occupate da manichini elegantemente vestiti, che parevano partecipare all’evento con composta concentrazione. Per renderli più realistici, è stata messa anche sul loro volto una mascherina.

V’era da tempo nel mondo della cultura internazionale un febbrile aspettativa per la prémiere dell’imponente “Covid Symphony”, del compositore americano  di origini giapponesi Paul Nakagata, nell’occasione in veste anche di direttore d’orchestra. Creazione geniale per soli, coro, orchestra, organo e sirena d’ambulanza, divisa in cinque “Fasi”. Alla musica di Nakagata si uniscono le splendide coreografie di Rudy Tsunamoto, altro artista nippo-statunitense, compagno di Nakagata nella vita e nel lavoro.

Prima del concerto si avvertiva nella grande sala l’estrema tensione dell’attesa. Forse per questo alcune persone non son riuscite a trattenersi dal tossire, cosa del resto abituale nei teatri. Naturalmente sono state subito scortate all’uscita, dove alcune ambulanze erano già predisposte per il loro trasferimento negli ospedali cittadini. Lì verranno sottoposte a tutti gli esami e i controlli necessari in questi casi.

Il mio vicino, a dieci metri di distanza da me, dopo aver tossito si è irrigidito, fingendosi un manichino, ma il termo-scanner lo ha smascherato. Anch’io ho dovuto, con sforzi penosi, reprimere l’impulso di tossire, inghiottendo saliva e arrivando quasi a soffocarmi, mentre gli operatori sanitari si aggiravano tra noi trascinando via le persone sospette. Infine, quando i musicisti hanno fatto il loro ingresso sul palcoscenico, eravamo rimasti poco più di cinquanta ad applaudirli, disseminati qua e là tra gli imperturbabili manichini.

Cosa dire? La Covid Symphony pone senza dubbio una pietra miliare nella storia della musica. Opera somma in cui arte e vita si fondono. Esempio di come lo spirito umano possa trarre accenti sublimi dalla sofferenza. Le parole non possono rendere giustizia alle meraviglie di questa composizione colossale. Vorrei  tuttavia accennare ad alcuni dei punti salienti. Innanzitutto il maestoso Prologo, in cui per oltre quaranta minuti sentiamo risuonare un’infinita e cavernosa nota del pedale dell’organo, mentre il controfagotto espone il “tema della morte”. Due sole note, lugubri e lente, nel registro grave, sempre uguali, come qualcosa che striscia nel fango primordiale. Effetto che crea nell’ascoltatore una sorta di ipnosi, il terrore di una minaccia invisibile.

Indimenticabile anche l’incipit della Fase 2, quando sulla nota fissa dell’organo si alzano dapprima quasi impercettibilmente le voci dei bassi, bisbigliando, “vir,vir,vir”, poi “us,us,us”, con un’unica nota implacabile. Questo tema (“tema del virus”) è sommessamente ripetuto nel registro basso per circa cinque minuti. Poi vi si aggiungono i tenori, ripetendo le stesse parole su una nota più alta, finché entrano i contralti e infine i soprani, cantando tutti “vir,vir,vir…us,us,us” su quattro note diverse che crescono di intensità fino a formare, dopo circa trenta minuti, un accordo fisso e lancinante. Poi, improvvisamente, il totale silenzio, tranne la nota profonda dell’organo, che accompagnerà tutta la Sinfonia come una radiazione cosmica di fondo, diventando tutt’uno con lo spazio.

Questo vuoto irreale dura per circa dieci minuti. Purtroppo, in questo lasso di tempo, alcuni orchestrali e coristi hanno tossito e sono stati immediatamente rimossi, nonostante il maestro Nakagata mostrasse con gesti nervosi la sua contrarietà. Infine, accompagnati da stridule dissonanze dei fiati, sono apparsi alcuni ballerini nudi dipinti di giallo e altri, sempre nudi, con ali di pipistrello (unico indumento era l’obbligatoria mascherina). Alcuni camminavano, altri mimavano sinistri voli, confusi in un interminabile vortice di movimenti che ha lasciato il pubblico senza fiato. Infine, umani e pipistrelli si sono mescolati in un impressionante abbraccio. Così per alcuni drammatici minuti, fino a quando l’orchestra e il coro sono esplosi in un accordo spaventoso, una cacofonia vertiginosa che resta sospesa nell’aria, riempiendo ogni angolo della sala, lacerando i timpani, per un tempo che sembra non finire mai. Poi nuovamente silenzio. Resta solo la nota dell’organo, come un filo teso sull’abisso. I ballerini si sciolgono dal loro torbido amplesso. I pipistrelli volano via, e gli esseri umani cadono a terra, apparentemente privi di vita.

Per non interrompere la grande tensione dell’opera non erano previsti intervalli tra una Fase e l’altra. Ma, conclusa la prima parte, alcuni dei presenti in sala hanno avuto un irrefrenabile attacco di tosse e si è dovuto interrompere per pochi minuti l’esecuzione per condurli fuori. Dal podio il compositore ha giustamente espresso con gesti di grande insofferenza il suo disappunto per questo nuovo contrattempo che veniva a spezzare l’unità dell’opera. All’inizio della Seconda fase eravamo rimasti in tutto una quarantina di spettatori nella sala, oltre i manichini.

Tra i momenti più alti della Sinfonia va ricordato il rabbrividente assolo del tenore nella Fase 2, “Infectus est”, cui il coro risponde “positivum est”, scarna melodia di tre sole note, responsorio ripetuto con straziante monotonia mentre sul palco le sagome nude dei ballerini, investiti da fasci di luce ora gialla, ora arancione, ora rossa, si prostrano davanti a un gigantesco tampone, come un mostruoso fallo.

Memorabile anche il terrificante ululato della sirena che riempie quasi interamente i cinquanta minuti della Fase 3. Su un tappeto di archi sommessi e doloranti che ripetono per tutta la terza parte un’unica nota, sbigottita, ecco il canto lacerante della sirena, dapprima in pianissimo, come emergendo da remote lontananze, poi sempre più vicino, fino a raggiungere altezze assordanti. Alcuni ballerini nudi, altri con un lacero camice bianco, si mescolano in un dolente, disperato groviglio umano. Poi, d’improvviso, cala il silenzio, come un angosciante punto interrogativo. Dopo alcuni minuti, sulla nota degli archi, la sirena ripete i suoi penetranti fischi bitonali, in fortissimo, che gradualmente si allontanano fino a svanire nel nulla. Silenzio. La nota profonda dell’organo risuona tenebrosa, quasi una voragine. Poi tutto si ripete, come un ritornello, per nove o forse dieci volte. Difficile tenerne il conto, presi nella morsa di quella emozione.

Ma la Fase 4 è forse la più toccante. Uno dopo l’altro, gli orchestrali depongono lentamente i loro strumenti e abbandonano il golfo mistico, seguiti dai coristi. Nakagata rimane solo, assorto nella risonanza della continua, inesorabile nota dell’organo, e di un timpano che percuote ritmicamente una medesima nota, come il battito di un cuore che pulsa, a significare la vita che continua, più forte di ogni cosa. È il “tema del Lockdown”. Dopo circa mezz’ora di battiti, ora più lenti, ora più veloci, ora tragicamente sospesi, orchestrali e coristi riprendono lentamente il loro posto. Purtroppo alcuni di loro non hanno potuto rientrare perché, sottoposti al tampone durante l’attesa, sono risultati positivi. Il compositore, già provato dalla fatica, ha debolmente protestato.

Pur con l’orchestra e il coro ridotti della metà, la Sinfonia ha toccato nella Fase 5 il suo apogeo. Tutti, voci e strumenti (solo la sirena tacet) sono esplosi in un inno gioioso, pieno di speranza e di luce (“Inno al vaccino”). I ballerini, nudi come innocenti bambini, dipinti di bianco, danzano in girotondi festosi, si lanciano palloncini variopinti. Come non pensare all’Inno alla gioia di Beethoven? Molti già hanno proposto di chiamare questo brano “Vaccinno” e di renderlo l’inno ufficiale delle Nazioni Unite. Il testo, nella traduzione italiana, dice:

Prendete il vaccino,

il vaccino fa bene,

il vaccino conviene,

a tutte le età.

Prendete il vaccì,

Prendete il vaccì.

Prendete il vaccino! (urlato da tutti, cantanti e strumentisti)

Prendete il vaccino,

Prodotto nostrano,

Rimedio sovrano,

Per tutte le età.

Prendete il vaccì,

Prendete il vaccì.

Prendete il vaccino!

Spenta l’ultima nota, dopo sette ore indimenticabili, il pubblico è esploso in un applauso liberatorio e grato. Da ogni parte piovevano richieste di bis. Un vero tripudio, anche se nella grande Sala, a causa di vari colpi di tosse durante l’esecuzione, eravamo rimasti solo in sei, senza contare i mille e ottocento manichini.

Nakagata, visibilmente commosso, ha concesso il bis dell’inno finale. Grandi applausi anche per Tsunamoto che, uscito alla ribalta, ha romanticamente sfiorato col gomito il gomito del compositore. Il coreografo, con gesto molto umano, ha estratto di tasca il fazzoletto per asciugarsi le lacrime e, forse sopraffatto dall’emozione, si è soffiato il naso. Questo ha comportato l’intervento immediato del personale sanitario, che lo ha trascinato via nonostante le accorate rimostranze del Maestro Nakagata.

Prima di spegnere le luci qualcuno si è accorto che la nota dell’organo risuonava ancora. L’organista, vittima di una paresi, si spera temporanea, non riusciva più a staccare il piede dalla pedaliera. È stato sollevato di peso, con l’arto bloccato a 90 gradi, e trasportato fuori dal personale sanitario tra gli applausi del pubblico, come un eroe.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Cultura

Pubblicato da Livio Cadè il 23 Aprile 2021

Commenti

  1. Paola

    Articolo da leggere, tra sorrisi (amari e non) e riflessioni…la plastica descrizione dei ballerini mi ha istintivamente ricordato in fotogrammi la coreografia predittiva del giugno 2016 (inaugurazione tunnel di base del S. Gottardo). In quanti modi ce l’hanno detto “quelli”. Alcuni evidenti, altri più o meno celati…libri, film, cerimonie. Di molti ce ne siamo resi conto soltanto ora. In un’inutile analisi/presa di coscienza tardiva.

  2. Lupo nella Notte

    Il rischio piú grosso nel cantare il “Vaccinno” è che al momento di proferire le ispirate parole “prendete il vaccí” si scambî quest’ultima per uno starnuto, con tutto ciò che ne consegue…

    • Livio Cadè Staff

      In effetti il pericolo c’è. La barbarie sanitaria non si fermerebbe neppure di fronte a un capolavoro come il Vaccinno…
      Parliamo invece seriamente: qualcuno potrebbe davvero pensare di scrivere una Covid Symphony, e penso sarebbe una tale schifezza che farebbe impallidire persino l’opera del maestro Nakagata.
      Noi ci lamentiamo della politica, dell’economia, dei costumi sociali… Ma l’arte? Non era mai scesa tanto in basso negli ultimi ventimila anni (prima non so, ma dubito potesse essere peggio di oggi).
      Questo vorrà pur dir qualcosa.

      • Lupo nella Notte

        L’Arte è infatti la grande assente. Un tempo, essa costituiva senza dubbio un mezzo attraverso il quale gli uomini potevano innalzare il proprio spirito in cerca dell’Origine, della Fonte già lontana ma comunque ancora intuibile, ed aveva per questo un inestimabile valore anagogico. Ma oggi, questa qualità è stata, come è successo per molte altre discipline, completamente invertita, e ciò che resta di essa – che non è piú nemmeno il caso di chiamare “arte” – ha ormai per contro un evidente carattere catagogico, discendente una china che punta dritta agl’Inferi prima di tutto interiori, subconsci, e alle relative forze dissolutrici. Un “omuncolo” senza piú la “scialuppa” dell’Arte non può che annegare nei garbugliosissimi gorghi della “dea” Ragione in cerca di un significato esistenziale che essa non può in alcun modo surrogare.

  3. upa

    Eppure..
    Un raggio di luce si mostra…
    https://www.youtube.com/watch?v=GN5B27zT29Y

    La musica ancora esiste..e riappare quando meno te lo aspetti..

  4. Paola

    Davvero, grazie.

  5. Livio Cadè Staff

    Riguardo la morte dell’Arte, sottoscrivo ogni parola del commento di Lupo nella Notte.
    Vorrei segnalare, tra i tanti esempi precipui del disfacimento estetico e spirituale nell’arte contemporanea, le recenti regie di opere liriche.
    Aberrazione allo stato puro, operazione di massacro che sembra nascere dal desiderio di essere blasfemi, di distruggere una tradizione o, metaforicamente, di ‘uccidere il padre’.
    Capolavori della musica e della drammaturgia vengono insudiciati brutalmente dall’imbecillità e dal narcisismo di registi oggi acclamati.
    Ed è cosa nota (non so se sia reato ricordarlo) che tali registi mostrano tutti una stessa tendenza sessuale.

  6. Paola

    Condivisibili in toto sia la valida riflessione di Lupo nella Notte, sia il commento di L. Cadè, explicit incluso, senza temere l’accusa di eventuale correità.

  7. Paola

    Rimanendo su quest’ultimo tema…avrei voluto leggete “Il seme inquieto” di A. Burgess…impossibile trovarlo. Sparito dalla circolazione, almeno nell’edizione italiana. Certo che sanno fare un ottimo lavoro. Senza parole.

    • Livio Cadè Staff

      Burgess non aveva previsto che i gai, gli allegri, sarebbero stati presi da questa funesta smania di aver figli per vie traverse.
      Per ridurre la sovrappopolazione ci vuol ben altro che incoraggiare l’allegria. Forse coi vaccini. Staremo a vedere.

  8. Paola

    Stavo pensando anche ai “fluidi”…definizione molto diffusa tra i più giovani e di grande tendenza. Per sempre ondivaghi o primo passo verso la futura allegria definitiva e assoluta?

    • Livio Cadè Staff

      Temo che ‘fluidi’ sia un termine obsoleto, ancora legato alla vecchia società liquida. Essendo ormai entrati nella società gassosa dovremmo chiamarli ‘eterei’.

Lascia un commento

  • a dominique venner

  • Fai una donazione


  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    La corda e il serpente – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “Ci sono due modi per far muovere gli  uomini: l’interesse e la paura.” Napoleone Bonaparte   Unire l’intera umanità sotto un’uni[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

  • libreria

  • cagliostro

  • letture bruniane

  • Vie della tradizione 177

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Nebel in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Capisco bene, nel frattempo le invio qualche spunt... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Caro Nebel, certamente parlerò della recente scop... Leggi commento »

    • Nebel in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      https://youtu.be/5U0IU7yOoFA Video a cura del M... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Alla ricerca del peccato perduto - Livio Cadè

      Gentile Kami, La ringrazio della segnalazione. Alc... Leggi commento »

    • Kami in Alla ricerca del peccato perduto - Livio Cadè

      Dopo aver letto il suo articolo mi sono messa a fa... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter