Totum et Unum: Giordano Bruno e la filosofia antica – Giovanni Sessa

Totum et Unum: Giordano Bruno e la filosofia antica – Giovanni Sessa

Da tempo andiamo sostenendo che la filosofia potrà tornare ad acquisire la centralità intellettuale che aveva un tempo, a condizione che torni a mostrare ciò che l’ha connotata ab initio, vale a dire il lógos physikós, un pensiero centrato sulla potenza originante della Natura. Allo scopo ho dedicato un mio libro in uscita, L’eco della Germania segreta. “Si fa di nuovo primavera”(OAKS, 2021),  all’analisi di prospettive di pensiero, maturate nei primi decenni del secolo scorso in Germania, in linea con tale visione del mondo. Agli esordi dell’età moderna, essa tornò a riemergere con forza nella vita e nelle pagine, traboccanti di pathos esistenziale, di Giordano Bruno. Per tale ragione, siamo particolarmente attenti alle pubblicazioni dedicate al filosofo nolano. Tra quelle uscite nell’ultimo periodo va segnalata l’opera di Valentina Zaffino, Totum et Unum. Giordano Bruno e il pensiero antico, edita da Mimesis (per ordini: mimesis@mimesisedizioni.it, 02/24861657, pp. 187, euro 18,00). Nella bibliografia critica dedicata a Bruno, quest’opera colma un vuoto: mancavano finora significative ricostruzioni del rapporto che il filosofo del Rinascimento intrattenne con il pensiero antico. L’autrice fornisce al lettore una puntuale ricostruzione delle esegesi bruniane della filosofia aurorale, servendosi dei risultati acquisiti in tema dagli studi più accreditati e recenti. A muovere, per quanto attiene alla filosofia presocratica, dall’imprescindibile monografia di Aniello Montano, mentre, per quanto si riferisce al lessico filosofico e alle fonti, dagli studi di Michele Ciliberto, Salvatore Carannante e Dolwyn Knox. Al termine del libro compare l’Indice degli autori antichi citati nel corpus bruniano, che consente di rilevare lo spessore degli interessi di antichistica del pensatore.

 E’noto che Bruno si propose al proprio tempo in termini profeti, quale «Mercurio» annunciatore  di un Nuovo Inizio del mondo: «Egli afferma di essere erede e restauratore della tradizione antica» (p. 10), e lo fa in termini espliciti, riscontrando la necessità di un ritorno alle origini del pensiero. La movenza epistrofica della sua teoresi è motivata dal tentativo di voler smascherare un errore annoso e perdurante, indotto, in termini filosofici, dalla marcia trionfale dell’aristotelismo e poi della scolastica e, in termini religiosi, dalla bestia trionfante, il cristianesimo. Egli fu figura epocale, a cavallo tra due età del mondo: per certi tratti, ricorda l’autrice, è giusto considerarlo il primo tra i moderni, ma rispetto al tema oggetto di indagine, è bene precisare che egli fu profeta di vetusta novitas, Mercurio di un antico futuro. La verità che il Nolano intende resuscitare a nuova vita, leggendo le suggestioni neoplatoniche dell’epoca in modalità autonoma ed originale: «è l’unità del Tutto, nonché l’infinità dell’Uno-Tutto universale» (p.10).

 Egli, in molti luoghi delle opere, cita le fonti classiche, dimostrando di avere avuto la possibilità di consultarle fin dal periodo di noviziato, trascorso nel Collegio napoletano di S. Domenico, nella cui biblioteca si era formato, prima di lui, Tommaso d’Aquino. Qui, oltre a letture canoniche, Aristotele e la scolastica in primis, si intrattenne con autori eterodossi, da Erasmo alla variegata letteratura fiorita attorno ai testi ermetici. E’, quella in cui visse, l’epoca in cui vennero portati alla luce molti testi del mondo classico, a muovere dal lavoro di traduzione di Marsilio Ficino (Bruno non conosceva il greco), che ne favorì la ricezione tra i dotti dell’epoca. In ogni caso, è da tener in debita considerazione il fatto che l’esegesi dei testi classici passa in Bruno attraverso il prisma della   visione ciclica della storia e del tempo. In tale prospettiva è leggibile in lui il Nuovo Inizio della philosophia perennis: «il passato è anche futuro essendo destinato a ripetersi secondo la legge della vicissitudine. La sapienza antica […] emergerà ancora , in un continuo erit» (p. 11).

 La storia è costituita dal processo di decadenza, al quale fa inevitabilmente seguito la rinascenza. Bruno si propone, quindi, quale restauratore di una verità ontologica e cosmologica intuita dai presocratici: «l’infinità della materia-vita» (p. 11). Una verità elitaria, che non può essere da tutti compresa: «il Tutto comprende in sé la materia universale e le forme particolari, coincidendo con l’Uno stesso. Di conseguenza l’Uno-Tutto non può che essere infinito» (p. 12). Non si tratta, in fondo, che della ripresa della visione dionisiaca del mondo. Come ben seppe Giorgio Colli, i Greci con  Zoé, l’essere eterno, e bioi, gli enti individuati, indicarono il gioco dionisiaco, la sua irrefrenabile potestas. Zaffino a lungo si sofferma nel presentare l’analisi bruniana dei presocratici. Rileva che, con Eraclito, il Nolano condivide l’affermazione dell’incessante divenire della Natura, mentre di Parmenide apprezza la dottrina dell’immutabile Uno. Egli riprende, in modalità unitaria, le tesi dell’uno e dell’altro. Grande importanza per la definizione del sistema bruniano hanno avuto anche le fisiche pluraliste di Empedocle, Anassagora e Democrito. Dal primo trae l’idea della pluralità degli elementi, dal secondo l’affermazione dell’infinità delle omeomerie. Infine, da Democrito, la nozione di atomo, il minimum ontologico di ogni realtà.

Rilevante anche l’analisi del contributo pitagorico in Bruno: «Proprio Pitagora […] pare essere fonte essenziale del connubio tra filosofia classica e pensiero mistico orientale» (p. 13). Lettore accorto del Timeo platonico, Bruno, sulla scorta del pensiero ellenistico, accoglierà, a differenza del grande ateniese, l’idea dell’infinità dei mondi. A ciò di certo contribuì l’incontro con le opere di Cusano, pensatore eclettico, trasversale a Platone e ad Aristotele che, attraverso i concetti di complicatio, explicatio e contractio, derivati dalla Scuola di Chartres, agì fortemente sulla cosmologia bruniana. Cusano, a differenza del Nolano, identifica l’Uno con la trascendenza di Dio, mentre il Nostro, rimase fedele ad una visione immanentista del principio. In lui: «Dio è insieme natura naturans e natura naturata» (p. 167). Il volume si chiude con la presentazione della lettura bruniana delle Enneadi di Plotino e con l’analisi della trasmissione delle fonti classiche nell’età tardo antica e medievale.

Questo studio di Zaffino è dunque estremamente utile al fine di avere effettiva contezza di quanto il pensiero antico agì nella formulazione della filosofia di Bruno e del Rinascimento. Significativo viatico lungo la via della riaffermazione del lógos physikós.

Giovanni Sessa

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Giordano Bruno

Pubblicato da Giovanni Sessa il 12 Marzo 2021

Giovanni Sessa

Giovanni Sessa è nato a Milano nel 1957. Vive ad Alatri (Fr) ed è docente di filosofia e storia nei licei, già assistente presso la cattedra di Filosofia politica della facoltà di Sc. Politiche dell’Università “Sapienza” di Roma e già docente a contratto di Storia delle idee presso l’Università di Cassino. Suoi scritti sono comparsi su riviste, quotidiani e periodici. Suoi saggi sono apparsi in diversi volumi collettanei e Atti di Convegni di studio, nazionali e internazionali. Ha pubblicato le monografie Oltre la persuasione. Saggio su Carlo Michelstaedter, Settimo Sigillo, Roma 2008 e La meraviglia del nulla. Vita e filosofia di Andrea Emo, Bietti, Milano 2014, prefazione di R. Gasparotti, in Appendice il Quaderno 122, inedito del filosofo veneto. Ha, inoltre, dato alle stampe una raccolta di saggi Itinerari nel pensiero di Tradizione. L’Origine o il sempre possibile, Solfanelli, Chieti 2015. E’ Segretario della Scuola Romana di Filosofia politica, collaboratore della Fondazione Evola e portavoce del Movimento di pensiero “Per una nuova oggettività”.

Lascia un commento

    inno al sole

    Fai una donazione


  • libreria

  • cagliostro

  • letture bruniane

  • Vie della tradizione 177

  • emergenza sanitaria

    Il decreto “Natale” e i problemi inerenti al requisito della “Specificità” – Daniele Trabucco

    di Ereticamente

    Il decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172 (c.d. decreto “Natale”), pur essendo in vigore dal 19, produce i suoi effetti dal 24 dicembre 20[...]

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Michele Simola in L'eredità degli antenati, cinquantaquattresima parte – Fabio Calabrese

      Caro professore dalla documentazione che ho trovat... Leggi commento »

    • Paola in Pietre nel cervello - Livio Cadè

      Grazie, "io"...la prece anche per noi, soprattutto... Leggi commento »

    • Nestor in LA DICHIARAZIONE DI GUERRA DELLA GERMANIA AGLI STATI UNITI

      Adolf: Bugiardo e cattivo, andrà all'inferno, sic... Leggi commento »

    • Kami in Il terzo uomo - Livio Cadè

      Grazie a lei per le sue riflessioni che sono sempr... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Il terzo uomo - Livio Cadè

      La ringrazio di questo commento, che credo colga i... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter