L’emergenza sanitaria ci sta disumanizzando? – Gianfranco De Turris

L’emergenza sanitaria ci sta disumanizzando? – Gianfranco De Turris

Uno degli illustri scienziati che in Italia si occupano della pandemia e ogni tanto a nostro beneficio dice la sua, ha affermato a novembre scorso che porteremo la mascherina almeno sino a Natale 2021. Il che implica tante cose. La prima è che un fatto di emergenza occasionale, come appunto indossare la mascherina, sarà diventata dopo quasi due anni una abitudine che potrebbe perdurare nel tempo. E questa abitudine se ne porta appresso delle altre che, a pensarci bene, stanno modificando senza che ce ne rendiamo conto, il nostro modo di vivere e relazionarci con gli altri. Questo virus potrebbe veramente stravolgere la vita quotidiana, complici le regole dettate dai politici con il supporto del cosiddetto CTS, Comitato tecnico-scientifico, una specie di Iatrocrazia, il governo dei medici. Intanto con il “distanziamento sociale”, espressione a quanto pare nata negli Stati Uniti, vale a dire distanziamento fisico: le persone – tutti ce ne accorgiamo – automaticamente si tengono lontani dagli altri  anche quando non sarebbe veramente necessario e non solo entrando uno alla volta in ambienti ristretti come giornalai, tabaccai, negozi, in parte bar: si ha in fondo sospetto e paura del prossimo. Sui mezzi pubblici, quando è possibile, i passeggeri si pongono a distanza “sociale”, anche se in realtà l’indicazione governativa di riempirli prima solo all’80 e poi al 50 per cento non si sa chi dovrebbe farla rispettare e intervenire se non rispettata. Naturalmente ci sono le clamorose eccezioni evidenziate dai mass media: le folle di adulti che senza preoccupazioni invadono le strade per il  cosiddetto shopping, le compere durante le feste o i fine settimana, le folle di ragazzini che si radunano in certe strade  o piazze per la cosiddetta movida, ignorando ogni divieto.

Poi – ancora più preoccupante – si stanno abbandonando modi di fare ancestrali, connaturati alla nostra umanità: lo stringersi la mano (che risale agli assiri), l’abbracciarsi e il baciarsi (lo fanno anche gli animali antropomorfi) che ormai vediamo soltanto nei film. Tutto ciò condiziona le relazioni non solo amicali, ma anche familiari e parentali. Ovviamente c’è chi non si adegua e non sa trattenersi di fare questi gesti millenari con amici, figli, coniugi, amanti. Il che stravolge il nostro essere umani. E c’è stato addirittura chi ha consigliato di evitarel’intimità sessuale perché implica, ovviamente, un incontro ravvicinato eccessivo… Le immagini del telo di plastica trasparente che in alcune Residenze per Anziani divide padri e figli, nonni e nipoti che si toccano e allo stesso tempo non si toccano, ne è il simbolo più struggente. Non possiamo abbracciare chi ha bisogno di conforto e consolazione.

Il “vietare gli assembramenti”, inoltre, non vale soltanto per strade e piazze, ma condiziona i momenti salienti del nostro esistere, l’entrata nella vita, la scelta di una sua particolare direzione, la sua conclusione: battesimi, matrimoni e funerali non possono essere completamente proibiti, ma devono essere non solo limitati al tempo strettamente necessario e a pochissime persone. Per non parlare, su un piano collettivo, di musei e biblioteche e librerie semideserti o vuoti perché obbligati alla chiusura insieme a cinema e teatri, come se non fosse stato possibile trovare una soluzione mediana accettabile e assolutamente sicura per la salute. Si vietano gli assembramenti, ma si vietano anche la cultura e lo svago, mettendo in dubbio così una identità generale.

La frase detta e scritta a marzo 2020 – “niente sarà più come prima” – che ci apparve esagerata, a quanto pare rischia di diventare purtroppo vera. Cambiando certe abitudini che erano acquisite, si cambia non solo nel nostro rapporto con gli altri, ma intimamente perché mutano prospettive vicine e lontane, modi di essere e non solo  comportamenti esteriori. Tanto più che la tecnologia – che come sempre da un lato ci agevola e dall’altro ci condiziona –  aiuta a consolidarli e far diventare certe novità imposte dalla situazione di emergenza, una “normalità”. Si pensi al telelavoro (il cosiddetto smart working, termine inesistente in  inglese e inventato in Italia!), alla didattica a distanza, prontamente sintetizzata in DAD, contro cui per fortuna si sono battuti sia professori che studenti, ma anche le videoconferenze o quelle in streaming che stanno prendendo il posto di dibattiti e convegni “in presenza”. La cultura viene penalizzata, ma anche la socialità.

La stranezza di questo coronavirus incute paura e sospetti diffusi. Ci sono moltissimi esempi di persone negative e positive (sintomatiche o asintomatiche) che convivono senza contagiarsi in una stessa famiglia, o al contrario di persone che si sono infettate non si sa bene come e dove pur avendo preso tutte le loro precauzioni. I morti sono di una età in genere avanzata e spesso con altre patologie, ma non mancano affatto ragazzi sani, giovani madri, perone robuste. Nascono interrogativi prima impensabili: posso prendere il caffè con un amico? Posso abbracciare una persona cara? Posso invitare qualcuno a casa mia? Come mi devo comportare nella intimità? Posso accompagnare qualcuno in auto? Tutto ciò mette in discussione, e alla fine incrina, i rapporti reciproci che ci hanno sempre contraddistinti. Corriamo il rischio di diventare come delle monadi isolate e chiuse in sé stesse, volenti o nolenti. Quasi due anni (marzo 2020-dicembre 2021) saranno molti e creeranno abitudini che, come ho già accennato,  possono permanere anche se di questa emergenza verrà decretata ufficialmente la conclusione. Lo spirito di conservazione innato  e una paura irrazionale potrebbero avere la meglio sulla razionalità, tutto ciò sia sulle persone colte che si ritengono immuni da certi atteggiamenti, sia su quelle più semplici o superficiali che di solito si pensa siano maggiormente condizionabili.

Queste considerazioni, che di certo psicologi e sociologi hanno fatto con maggiori competenze ed approfondimenti, sono dettate dalla semplice osservazione di quanto accade da tempo intorno a noie  cercano di capire cosa potrebbe avvenire a livello personale e collettivo. Non son belle prospettive, speriamo siano del tutto fallaci e frutto del mio pessimismo, ma è bene prepararsi ad un mondo nel suo complesso (non solo nel nostro Paese) assai diverso, come nessuno avrebbe mai immaginato, forse soltanto gli autori di fantascienza.

Gianfranco de Turris

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Società

Pubblicato da Ereticamente il 13 Marzo 2021

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Lupo nella Notte

    >Corriamo il rischio di diventare come delle monadi isolate e chiuse in sé stesse, volenti o nolenti.

    Ma ci vuole tanto a capire che è proprio ciò che vuole questo Potere globalistico apolide disumano e disumanizzante per poter controllare totalmente il bestiame umano? La farsesca “immunità di gregge” – che non si dica che non parlino chiaro… – che tanto spesso viene favoleggiata dai mezzi di deformazione d’ammasso cerebrale è quella alla nostra stessa umanità. Vogliono renderci immuni anche al nostro semplice, e già peraltro per molti versi mortificante ESSERE (soltanto) UMANI. Altro che #RestiamoUmani, qualcuno che usi quella detestabile diavoleria di Twitter dovrebbe inventarsi un hashtag davvero RIVOLUZIONARIO – e quindi oggi REAZIONARIO (in tempi estremi, gli estremi si toccano) – perché per ripristinare certi fondamentali dell’Uomo “differenziato”, avrebbe detto Evola, di cui pure il Sig. De Turris è grande conoscitore, si dovrebbe “reagire” a questa violenza programmata a tavolino già da tempo, ristabilendo alcuni ineludibili punti fermi ormai abbondantemente obliati e calpestati dalla micidiale agenda “psichicida” – ché ciò che preme a queste élite satanicamente criminali è l’annichilimento animico degli uomini – coniandone uno come #TorniamoDivini!

    Ma i tremebondi covidioti pandementi non lo capirebbero nemmeno…

Rispondi a Lupo nella Notte

  • a dominique venner

  • Fai una donazione


  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    La corda e il serpente – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “Ci sono due modi per far muovere gli  uomini: l’interesse e la paura.” Napoleone Bonaparte   Unire l’intera umanità sotto un’uni[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

  • libreria

  • cagliostro

  • letture bruniane

  • Vie della tradizione 177

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Nebel in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Capisco bene, nel frattempo le invio qualche spunt... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Caro Nebel, certamente parlerò della recente scop... Leggi commento »

    • Nebel in L'eredità degli antenati, cinquantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      https://youtu.be/5U0IU7yOoFA Video a cura del M... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Alla ricerca del peccato perduto - Livio Cadè

      Gentile Kami, La ringrazio della segnalazione. Alc... Leggi commento »

    • Kami in Alla ricerca del peccato perduto - Livio Cadè

      Dopo aver letto il suo articolo mi sono messa a fa... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter