Il sistema globale è arrivato alla sua ultima fermata – Umberto Bianchi

Il sistema globale è arrivato alla sua ultima fermata  – Umberto Bianchi

Lo spettacolo della attuale crisi di governo, dà la netta impressione di una serie di ripetuti e pietosi tentativi della “junta” Conte di permanere alla guida del Paese, pur non possedendo, in tal senso, alcuna forma di reale legittimazione politica, che solo un deciso e netto consenso popolare potrebbe conferire. Il cercare poi, di dare alla uscente compagine governativa, un minimo di legittimazione, attraverso lo spregiudicato uso dei sondaggi, rappresenta, la classica foglia di fico, destinata a cadere al primo soffio di vento. Il fatto è che, con l’ “affaire” pandemia, le attuali forze al potere in Italia ed in Europa, turbocapitaliste, globaliste ed “europeiste”, stanno dando di sé lo spettacolo di coloro che, arrivati alla tappa finale del proprio percorso politico, non accettando l’ineluttabilità della cosa, si attaccano a qualsiasi pretesto, pur di rimanere in sella. In Italia, in particolare, i tentativi di costituire un esecutivo raffazzonato, attraverso la squallida e dozzinale pratica della compravendita di senatori, oltre a riconfermare quanto abbiamo già poc’anzi notato, ci troviamo di fronte ad un governo esecutivo che alla presente debolezza, nella prospettiva del voto, vede il classico salto nel vuoto. Questo perché, i nodi stanno cominciando ad arrivare al pettine. Il primo, ma decisivo segnale, è arrivato dall’inchiesta della Procura di Bergamo sulle gravi carenze, dimostrate dall’esecutivo, nella gestione a livello locale (e nazionale) della pandemia. Qualcuno potrebbe anche rispondere con il classico “una rondine non fa primavera”, ma il problema è che, questa inchiesta sulla mala gestione dell’evento pandemico, potrebbe far da battistrada a ben altre conseguenze. Le disastrose conseguenze sull’economia, con la chiusura di tante attività e la conseguente perdita di un cospicuo numero di posti di lavoro, non può esser disgiunta dalla considerazione della continua e flagrante violazione di quelli che sono gli inalienabili diritti dei cittadini, praticata attraverso la sospensione del diritto di libertà di circolazione, di lavoro e di riunione.

Il tutto, effettuato in maniera assolutamente disinvolta e senza tener conto di quella Carta Costituzionale, spiattellata solo quando fa il comodo ad intenti puramente propagandistici ed invece, senza tanti complimenti, messa in disparte, quando la cosa non risulta di gradimento allo status quo. Prova ne sia, quei rilievi mossi verso Aprile 2020, da parte di alcuni settori della Corte Costituzionale, all’indirizzo di un esecutivo, sin troppo propenso a scavalcare i normali procedimenti istituzionali di legittimazione della propria azione politica, tramite la prassi della decretazione, attraverso i famosi Dpcm. Qualcuno potrebbe anche obiettare che, quanto accaduto in Italia, altri non è che il ripetersi di un copione esteso oramai a tutto il mondo, o quasi. La qual cosa ci riporta alla nostra iniziale considerazione. Ovverosia che, volente o nolente, il liberismo globalista è arrivato alla sua fermata finale e che, quella della pandemia, altri non rappresenta che un pretesto per procrastinare uno stato di cose che, altrimenti, non sarebbe più potuto andare avanti. Se, arrivati al secondo decennio del 21° secolo (e non nel Medio Evo), nel pieno di un’era, i cui continui progressi nei più svariati campi, da quello più genericamente strutturale ed organizzativo, a quello più specificamente medico, biotecnologico ed informatico, vengono magnificati a piè sospinto quali vincenti carte della Post Modernità, e poi, di fronte alla prima vera, sfida, l’unica possibile soluzione, sembrerebbe essere quella di rinchiudere i cittadini e di fermare a tempo indeterminato, sino all’asfissia, la vita di un paese…Beh, allora c’è qualcosa che non ritorna. E’ comprensibile che, in determinati contesti, quali quelli del Terzo o del Quarto Mondo, a causa di una situazione caratterizzata da profonde carenze strutturali, certe soluzioni potrebbero essere difficilmente evitabili. Ma per un contesto quale quello occidentale, caratterizzato da ben altri livelli di sviluppo, non vi può essere giustificazione alcuna. A tal proposito, basterebbe solo ricordare le ingenti spese anticipati dai vari stati, per l’approvvigionamento vaccinale e che, invece, avrebbero potuto essere impiegate per fornire preventivamente a tutti i cittadini, tutti quei mezzi di protezione sanitaria che, tante vittime e disagi, avrebbero evitato. A dirla tutta, ci troviamo di fronte ad alcuni fatti che dovrebbero indurci ad una riflessione approfondita.

Mentre tutte le nazioni del mondo occidentale, versano in gravi difficoltà di natura economica, la Cina ha considerevolmente incrementato i propri parametri economici, in particolar modo, per quel che riguarda il settore delle esportazioni. Le performances dei mercati finanziari internazionali, hanno visto un forte calo di tutti i titoli azionari, fatta eccezione quelli che riguardano tutto l’indotto farmaceutico e bio tecnologico che, nel caso di alcune aziende, hanno realizzato degli utili netti attorno al 10,57% e più. Oltretutto, il nuovo assetto Usa venutosi a determinare con la presidenza Biden, non potrà che favorire un ritorno alla grande della speculazione finanziaria che, invece, con la precedente presidenza Trump, aveva riscontrato maggiori difficoltà. Tanto per fare un esempio, la vicenda del tentativo di aumento del costo del denaro da parte della Fed, bloccato da un diretto intervento presidenziale, costituisce, in tal senso, una lampante dimostrazione della nostra affermazione. Nonostante questo scenario, apparentemente tutto dalla parte del turbo liberismo globale, i protagonisti della odierna scena politica, come abbiamo già avuto modo di far notare, hanno totalmente perduto di credibilità. Il potere globalista è, oggi più che mai, appeso ad un filo. Basterebbe una decisa e plebiscitaria azione politica ed la costruzione globale, crollerebbe come un castello di carte. Il problema è che, ad oggi, più che mai, si preavverte la mancanza di soggetti politici antagonisti in grado di incidere decisamente sull’attuale status quo. A farla da padrone, il clima di intimidazione e paura, la psicosi del contagio che ha toccato le corde più profonde della pubblica opinione. A dirla tutta, di fronte all’evento pandemico, le varie forze politiche hanno dimostrato inanità e mala fede, più uniche che rare. In primis quella Sinistra che, alimentatasi per decenni del mito di un quanto mai confuso ribellismo libertario, ha finito con il divenire la fedele esecutrice delle disposizioni delle lobbies finanziarie, arrivando, senza tante storie, ad ingabbiare i vari popoli occidentali, inaugurando così una nuova ed inedita forma di neopaternalismo, sulla falsariga della Repubblica “popolare” cinese. Le Destre, invece, A fronte di tutti i propalati slogan sulla difesa delle identità e degli interessi dei circuiti economici legati alla piccola proprietà, hanno mantenuto un atteggiamento di sostanziale quiescenza accettando, de facto, lo status quo inaugurato con la dittatura sanitaria. E’ chiaro che, con forze politiche come queste non ci può essere nessuna speranza di cambiamento ed alcuna forma di dialogo o collaborazione. E qui dovrebbero tornarci utili le categorie della politologia classica.

A guidare una grande istanza di cambiamento, a livello europeo e mondiale, non potranno essere masse popolari anestetizzate da decenni di benessere ed intimidite da un intimidatorio bombardamento mediatico senza precedenti, bensì delle elites,a tal scopo strutturate, proprio sulla falsariga di quanto preconizzato da un Vilfredo Pareto, da un Gaetano Mosca o da un Roberto MIchels, non senza passare per la prassi leninista. Il problema, a parere di chi scrive, sta in una epocale difficoltà da parte di tutte le realtà politiche non conformi a strutturarsi ed organizzarsi debitamente. Una difficoltà derivante dal lascito categoriale novecentesco che, attraverso termini quali Destra o Sinistra pretende ancora di interpretare la realtà, senza però riuscirvi ed inibendo, in tal modo, qualsiasi spinta in direzione di un sostanziale cambiamento. La vera sfida, ad oggi, pertanto, sta nello spostare il baricentro della riflessione e della prassi politica, non più su idee-guida come Destra o Sinistra (che andrebbero invece considerati quali veri e propri prototipi archetipali…) ma, invece, su chi è in favore del Globalismo e chi no, con la coscienza di tutte le debite ricadute, in tutti gli ambiti dell’esistente. Resta il fatto che, stavolta Lor Signori, pur di arraffare l’arraffabile, l’han fatta davvero grossa e non la passeranno liscia. L’ottusa dittatura sanitaria, imposta urbi et orbi, sta già producendo i suoi avvelenati frutti. Malcontento sociale, miseria, degrado e sperequazioni, toccano direttamente la vita di troppe persone, e finiranno, prima o poi, per costituire il propellente in grado di mettere in moto quel profondo e radicale cambiamento di cui noi tutti, chi in modo epidermico, chi in modo più radicato, sentiamo l’impellente necessità.

UMBERTO BIANCHI

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Società

Pubblicato da Umberto Bianchi il 2 Febbraio 2021

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960), è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Già Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica, per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Commenti

  1. Andrea

    Parafrasando Churchill quando parlava di democrazia, si può dire che l’economia di mercato è il peggior sistema per governare gli scambi, a parte tutti gli altri.

Lascia un commento

    Fai una donazione


    Giornata Bruniana a Padula (SA)

  • le nostre origini

  • POCO MENO DEGLI ANGELI - ROMANZO ESOTERICO

    Palermo, 25 marzo 2022 h. 16.30 Fonderia Borbonica
  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando