Il mondo magico di Porfirio: un nuovo studio di Giuseppe Muscolino – Ezio Albrile

Il mondo magico di Porfirio: un nuovo studio di Giuseppe Muscolino – Ezio Albrile
Giuseppe Muscolino è un importante studioso di filosofie e magie antiche, suo è il primo e unico manuale disponibile in lingua italiana sulla teurgia , una pratica che permetteva di “creare gli dèi” ‒ se stiamo all’etimologia originaria. In questo nuovo libro prosegue la ricerca, focalizzando l’attenzione su un altro suo “cavallo di battaglia”, il filosofo neoplatonico Porfirio . Per presentare brevemente l’argomento, vorrei fare alcune riflessioni a margine di magia, misteri e filosofie del tempo in cui visse il grande filosofo neoplatonico. Come Socrate, il Buddha “sapeva di non sapere”, per cui viveva ogni momento nella consapevolezza di trovarsi in una condizione di costante ignoranza: entrambi non comunicavano nozioni, né guarivano i corpi, né insegnavano qualche arte o tecnica specifica; ma mettevano in grado i discepoli di intraprendere un percorso di conoscenza finalizzato a dare un senso complessivo all’esistenza. Qualcosa di inafferrabile alla logica discorsiva, così com’era inafferrabile una delle più famose tradizioni estatiche arcaiche, quella che rappresentava Dioniso nelle vesti di un «dio selvaggio» la cui vicenda mitica era rivissuta ritualmente nello sparagmos e nell’omofagia, lo smembramento della vittima che veniva subito divorata cruda. La cerimonia religiosa era concepita come rinnovamento della passione del dio e come materiale assimilazione di esso da parte del myste.La teurgia era già nei Magi ellenizzati, non faceva eccezione, anzi prendeva sul serio la soluzione platonica di separare la mente dalla corporeità. Con tecniche appropriate. Una katharsis che non doveva purificare il corpo, né doveva lavorare sul diaframma e le tecniche del respiro segnalate da Empedocle; ma a proposito dibatte il Fedone platonico, un arcaismo greco-iperboreo.
Il grande P. Hadot usava l’espressione stili di vita per rappresentare l’impegno totale che l’esperienza del filosofo richiedeva, dove l’esercizio teoretico non era mai fine a se stesso. Semplicemente si argomentava, si contemplava il cosmo e si agiva, vivendo di conseguenza nelle proprie comunità.  Viceversa, quando si parla di pensiero realizzativo in Oriente si dice spesso che il termine moksha,  non indica un raggiungimento di una verità di pensiero, piuttosto un mutamento radicale dell’individuo, cioè una diversa pratica di vita che trasformava ogni pensiero. Ma, questo capitava anche tra i teurghi,  ogni via di liberazione implicava una rinuncia per fare qualcosa. Se si parla poi di estatismi, osserviamo  la teurgia  affine a certe uscite sciamaniche, psicanodie greche, attraverso le sfere planetarie, e ascensioni ebraiche ai tre o sette palazzi che avvicinavano al trono divino. La “parapsicologia nel mondo antico” di Dodds: erano viaggi postumi, ma mentali. E sfidavano la premessa di fondo che la via verso l’alto era preclusa all’umano, mentre poteva operare solo quella verso il basso delle teofanie. Se c’è una distinzione da fare tra il tipo teurgico, quello gnostico e quello ebraico, diciamo che la prima e  l’ultima forma prevedono – ad un certo punto- il coinvolgimento del corpo, non la sua abrogazione. A un patto, quello di non rimanere umani e deificarsi in angeli come fa il mitico Enoch. Poi vengono i tipi misti come la liturgia di Mithra studiata dal Dieterich che Giancarlo Mantovani ha paragonato alle liturgie degli Oracoli caldaici   e poi ancora le ascese verso l’alto dei fondatori del monoteismo. Solo che Mosè sale sul monte (collina) Sinai, mentre Paolo e Muhammad si spingono fino al terzo cielo, anche se Muhammad ha bisogno di appoggiarsi ad una scala. Perché prende in prestito quella di Giacobbe. Carisma e volo sono necessari per imporre da parte dei fondatori un nuovo messaggio, una nuova forma di religione.
Ora, Eliade ha insistito su alcune forme di convergenza tra vie yogiche e vie sciamaniche in base ad antiche fonti comuni. Ignorava la teurgia   L’estasi non è l’enstasi. La  disciplina del corpo che gli indù chiamano dhyana, i cinesi chan e i giapponesi zen è però fino ad un certo punto estranea dalle posture dei monaci esicasti che controllano il respiro, una gnosi “cardiaca” studiata da Marco Toti.  L’uomo gnostico generato a partire dai “soffi” vocalici è una disciplina ermetica, che secondo Mario Bussagli poteva aver agito attivamente sul buddhismo mahayanico: leggiamo cose interessanti a riguardo nel Marsane di Nag Hammadi. La meditazione di tipo socratico-platonica che si trasmette fino alle Meditazioni cartesiane  di Husserl non significa che  non possa rintracciarsi nell’esperienza yoga del samsara dove occorre discernere ciò che permane da ciò che si estingue e va bruciato.
Il distacco dalle passioni è comparabile con certe forme di atarassia in cui si rinuncia al mondo senza negarlo, anzi senza fuggirlo. Gli yogin delle cinque  scuole – come i teurghi – sono dei maestri di vita che non fanno solo ginnastica. Azzerando il mondo circostante, e tralasciando le donne yogiche di cui uno può essere innamorato, è grazie al distacco, che poi  coinvolge lo stesso termine di samnyasa (ben noto agli storici del buddhismo), grazie ai mezzi per realizzare queste virtù, il jivanmukta, che uno  può dirsi immortale alla Eliade; anche se la condizione fisica resta quella segnata dagli acciacchi di tutti i giorni.
Nelle palestre yoga, come forse nelle aule teurgiche della tarda antichità, non ci si domanda cosa sia la realtà, ma come si riesca a distaccarsene, senza peraltro negarla. Non dimentichiamo che i teurghi erano a modo loro sacerdoti di una “Chiesa”, anche se enteogena. Stavano  nella realtà, per controllarla, senza farsi dominare dalle yogiche e pentadiche vritti, dalle distrazioni. Soprattutto, le tecniche dello yoga classico che Federico Squarcini dice che inibiscono le funzioni mentali (forse le sue), non vanno confuse con la rinuncia degli stiliti o dei monaci  della tebaide – che praticavano l’apotagè e non mangiavano. Nemmeno con i dualisti gnostici. Gli yogin, come i teurghi, vogliono vivere nel mondo alla grande. Al centro dell’attenzione teatrale per le loro performance magiche.
Ancora,  i livelli di attenzione nel buddhismo divengono i protagonisti degli esercizi più noti. I risultati sono di tipo sia logico che prassico, dovendo cogliere in ogni forma di realtà la qualità del vuoto e dell’impermanenza, cercando al tempo stesso di cancellare ogni rumore desiderante, altrimenti niente nibbana qui e ora. Non è una mistica assoluta tale da eliminare completamente il pensiero. Semmai un esercizio costante per vivere bene e morire. Altrettanto bene quando verrà il momento di scegliere la prossima trasmigrazione. Il punto per questi monaci è estinguere i desideri – e il mondo come costruzione dell’io proiettivo -, non vivere di estatismi visionari. Gli gnostikoi erano diversi ed erano estatici. Lontani allievi dell’idealismo gathico. Perché Zoroastro era estatico e possedeva il maga; è il pensiero del grande Gherardo Gnoli. Sulla stessa frequenza è l’ultimo Foucault. Non ci si può ridurre al solo approccio intellettuale escludente quello esperienziale. Questo il Muscolino lo sa bene. Gli sciamani sanno modulare molto bene l’ipo- e la iper-ventilazione. Le tecniche yoga sono un’altra cosa e quando ci si concentra sull’andamento del respiro lo si fa allenando la mente a sbriciolare la superficie illusoria che produce il cosmo. Qualcosa di simile conoscono anche i teurghi: anapanasati “consapevolezza del respiro” in pali sta al greco neotestamentario di ana-gignoskein. Le nenie auto-ipnotiche delle trance finlandesi non hanno invece nulla a che fare con la meditazione dei monaci buddhici.  Questo tipo di attenzione orientale, orientata prima di tutto al corpo, è pressoché assente nelle tradizioni occidentali, ma non tra i presocratici e soprattutto tra i pitagorici e i teurghi.
Ezio Albrile
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Teurgia

Pubblicato da Ereticamente il 23 Dicembre 2020

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

  • a dominique venner

  • Fai una donazione


  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    La corda e il serpente – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “Ci sono due modi per far muovere gli  uomini: l’interesse e la paura.” Napoleone Bonaparte   Unire l’intera umanità sotto un’uni[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

  • libreria

  • cagliostro

  • letture bruniane

  • Vie della tradizione 177

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • roberto in La corda e il serpente - Livio Cadè

      Sì, sempre geniale, profondo ed ispirato/ante... ... Leggi commento »

    • roberto in Alla ricerca del peccato perduto - Livio Cadè

      Articolo bellissimo, ma non é una novità, ed isp... Leggi commento »

    • roberto in La via di realizzazione del Sé – Umberto Bianchi

      Bellissimo articolo, come al solito. Che dire, una... Leggi commento »

    • Kami in Le infinite possibilità dell’Uomo e le creanti dinamiche mentali - Michele Perrotta

      Salve. Apprezzo moltissimo il suo articolo, è un ... Leggi commento »

    • lisa in La Damnatio Memoriae di Ipazia di Alessandria e l’enigma di S. Caterina – Nicola Bizzi

      Vorrei ricordare la damnatio memoriae nei confront... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter