Scienza e democrazia, ottava parte – Fabio Calabrese

Scienza e democrazia, ottava parte – Fabio Calabrese

Onestamente, ritenevo che il discorso sulla scienza, sul rapporto fra scienza e democrazia che ho svolto nelle sette parti precedenti fosse ormai completo e concluso, ma la recente presa di posizione politica della rivista “Le scienze” mi obbliga a tornarci sopra.

Poiché è bene definire esattamente i termini della questione, sarà bene cominciare con il ricordare che quella che nel mondo cosiddetto occidentale viene chiamata democrazia non risponde affatto all’etimologia di questa parola che dovrebbe significare “potere popolare”, ma indica l’insieme dei regimi che sono stati imposti all’Europa in conseguenza della sconfitta nella seconda guerra mondiale, si tratta nella realtà dei fatti di un potere tirannico, e dove c’è tirannide non ci può essere libertà, o la libertà è solo apparente, come ben si accorgono coloro che vanno a urtare contro i limiti che ci sono imposti. Di fatto nelle “libere” istituzioni democratiche è prevista una quantità impressionante di reati d’opinione (e già il fatto che un’opinione, quale che sia, possa essere considerata un reato, la dice lunga sulle mostruosità che ci governano, su chi e come ci governa, e teniamo presente che qualsiasi punto di vista sgradito al NWO, al nuovo ordine mondiale con cui i movimenti di sinistra sono oggi totalmente collusi, può essere etichettato come “fascista” e criminalizzato, con il che si vede bene che la presunta libertà delle democrazie entra totalmente in cortocircuito).

In effetti, nelle democrazie al popolo non è consentito di decidere nulla, nemmeno di continuare a esistere in quanto tale, infatti, vediamo che terminata la lunghissima pausa della Guerra Fredda, oggi ci è imposta una lenta morte per sostituzione etnica, morte “indolore” (ma andate a dirlo a Pamela Mastropietro, alle molte nostre donne stuprate dagli extracomunitari quanto è stata indolore), ma più letale e definitiva delle distruzioni visibili di un conflitto.

La libertà di ricerca scientifica non poteva non essere la prima vittima della tirannide democratica che democraticamente ci opprime.

Io credo che fin qui sulle cose che ho detto esista un generale consenso nei nostri ambienti. Ciò su cui i nostri punti di vista divergono, e riguardo a cui mi è sembrato necessario spendere una parola di chiarezza, è questo: poiché tutta la “scienza” democratica, dalla sociologia marxista alla psicanalisi freudiana, alla presunzione dell’inesistenza delle razze umane, alla leggenda della nostra derivazione dall’Africa, a una “scienza” archeologica che sminuisce costantemente tutto ciò che è europeo a favore del Medio Oriente, ci appare come una serie di armi puntate contro di noi e la nostra visione del mondo, è inevitabile e almeno in parte logico, da parte dei nostri ambienti un atteggiamento antiscientifico, e la ricerca di un sapere “diverso”.

Tuttavia, per quanto emotivamente giustificato, questo atteggiamento non tiene conto di un fatto fondamentale: la “scienza” democratica (notate che la scrivo sempre con le virgolette) non è affatto scienza, se per essa intendiamo il metodo galileiano basato sull’osservazione, la formulazione di ipotesi da mettere alla prova mediante l’esperimento, l’elaborazione di teorie a partire dai risultati degli esperimenti stessi, la disponibilità a rivederle sulla base di nuove osservazioni. La “scienza” democratica non è nulla di tutto questo, è piuttosto dogmatismo, ciarlataneria, impostura, basata sull’omissione dei fatti scomodi, farsi da Marx le cui “profezie” sul crescente immiserimento (“proletarizzazione”) delle classi medie e la rivoluzione mondiale sono state abbondantemente smentite da tutta la storia del XX secolo, arrivando alla psicanalisi dove i fatti e l’osservazione sulla vita psichica dei pazienti non contano nulla rispetto alla parola del guru Sigmund Freud (ottima e raccomandabile la demolizione di Freud che ha fatto Michel Onfray nel libro Il crepuscolo di un idolo, smascherare le favole freudiane), arrivando all’archeologia dove per sostenere la priorità del Medio Oriente nelle origini della civiltà, si fa letteralmente finta che non esistano i grandi complessi megalitici europei.

Fuffa, imbroglio, impostura, dogmatismo, ciarlataneria, che non hanno nulla a che fare né col metodo scientifico come l’intendeva Galileo, né con la matematizzazione della realtà che esso comporta, che lo storico della scienza Alexandre Koyrè ha definito “una rivincita di Platone” dopo due millenni di prevalente aristotelismo, ora non è che a noi le rivincite del grande Platone possano dispiacere.

Tutto questo mi pareva chiaro e assodato, ma ultimamente è intervenuto un fatto nuovo. “Le scienze” si è apertamente schierato politicamente, a sinistra ça va sans dire, con un attacco contro il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Io personalmente alla neutralità della “scienza” (se con questo termine non si intendono le conoscenze, ma la comunità di coloro che hanno la pretesa di ricercarle), a una sua pretesa obiettività che le permetterebbe di essere al disopra delle parti, non ho mai creduto: questa presunzione di imparzialità è un privilegio di cui gli scienziati hanno spesso abusato per comportarsi in maniera sleale verso il proprio Paese e con effetti tragici sul destino del mondo, l’esempio più noto è probabilmente quello di Werner Heisenberg, che trafugò dalla Germania i piani per l’arma nucleare facendoli avere ad Albert Einstein che a sua volta convinse il governo degli Stati Uniti a mettere in piedi il Progetto Manhattan, del che immagino che i Giapponesi, soprattutto quelli di Hiroshima e Nagasaki, non abbiano ancora finito di essere grati ai due illustri personaggi, ma diciamo che perlopiù esiste un limite di decenza formale che gli scienziati e coloro che si occupano di scienza (o hanno la pretesa di occuparsene) si guardano dallo scavalcare.

E non stupisce che questa aperta violazione della deontologia professionale venga proprio da “Le scienze”. Fuori dai denti, ho sempre trovato particolarmente triste, e certo un segno dei tempi che stiamo vivendo, il fatto che il Paese di Leonardo, di Galileo, di Marconi, di Fermi non abbia oggi una rivista di divulgazione scientifica più prestigiosa della versione in lingua italiana di “Scientific American”.

Io non sono, non mi ritengo un fan di nessun presidente degli Stati Uniti, e certo Donald Trump non è migliore (ma nemmeno peggiore) di altri presidenti USA che l’hanno preceduto e sicuramente ad esempio il sostegno all’entità sionista e alla politica genocida nei confronti del popolo palestinese è un punto fermo di tutte le amministrazioni americane, indifferente se repubblicane o democratiche, ed è senza dubbio qualcosa di totalmente inaccettabile, tuttavia per il resto, eccettuando purtroppo la politica mediorientale, esistono delle differenze.

Per fare un paragone che forse riuscirà più chiaro, il dominio sovietico sull’Europa orientale è stato del pari qualcosa di totalmente inaccettabile, espressione null’altro che di una superiorità in termini di forza bruta, tuttavia un conto era l’Unione Sovietica dei tempi di Stalin, un altro quella di quelli di Gorbacev.

Noi spesso, guardando le cose da lontano, facciamo l’errore di considerare gli Stati Uniti qualcosa di relativamente unitario, sia pure nel melting pot, nella purea etnica che li contraddistingue, in realtà esistono almeno due Americhe profondamente diverse. Quella che vediamo di più (anche se non so fino a che punto possiamo dire di conoscerla), è quella sbandierataci tutti i giorni dal sistema mediatico: l’America delle grandi città multirazziali e delle grandi imprese economiche che somiglia ogni giorno di più al set di Blade Runner, l’America plasmata secondo i desideri del NWO e dominata dall’ideologia della political correctness, il paradiso dei liberal che somiglia così tanto all’inferno, ma c’è anche un’altra America, numericamente maggioritaria, almeno per ora, anche se la forza economica e il potere politico sono sostanzialmente detenuti dalla prima, l’America profonda dei colli rossi, delle piccole comunità rurali etnicamente omogenee.

La prima deve avere fatto i suoi calcoli senza tenere adeguatamente conto del peso elettorale della seconda. A Barack Obama, il primo presidente nero (che solo per il colore della sua pelle ha avuto il più immeritato premio Nobel della storia, e il cui grande successo politico è stato nel 2008 trasferire all’Europa la crisi determinata dalla bolla speculativa dei mutui subprime, grazie al fatto che le banche europee hanno pecorescamente acquistato con denaro contante le scatole vuote dei crediti inesigibili delle banche americane. Ma sappiamo che il premio Nobel, che si è voluto assegnare a Dario Fo e Bob Dylan, ma rifiutare a Jorge Luis Borges e a Mircea Eliade, è oggi un’istituzione parecchio screditata), Al presidente nero nei piani del NWO doveva succedere il primo presidente donna nella persona di Hillary Clinton, ma questa persona, che ben conosciamo per le sue interferenze nella giustizia italiana sul caso Meredith Kercher, costringendoci a liberare l’assassina Amanda Knox e riaffermare il principio che i servi quali noi siamo non possono processare i padroni, non ha saputo recitare bene la sua parte, si è rivelata arrogante e odiosa, e il risultato è stata l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca.

Il fatto stesso che Donald Trump sia diventato presidente degli Stati Uniti ha profondamente irritato l’establishment liberal (ricordiamo che questa parola è un classico false friend, infatti, non significa “liberale” ma “di sinistra”), che non ha mai smesso di mostrare nei suoi confronti un odio implacabile. Ora anche “Le scienze” si accoda alla canea “progressista” in vista delle prossime elezioni presidenziali.

Vediamo direttamente il breve testo pubblicato da “Le scienze” il 12 ottobre, poche parole in realtà per introdurre un link a un articolo di “Nature” di ben maggiore ampiezza, ma sufficienti per capire il pensiero della pubblicazione al riguardo:

Dal ribaltamento delle politiche sul clima con il ritiro dagli accordi di Parigi, alla revoca dei limiti sulle emissioni di carbonio, alla disinformazione sul coronavirus, le politiche e le azioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno alterato il quadro della ricerca scientifica nazionale. “Nature” ha ricostruito la cronologia degli eventi”.

L’articolo è presentato come uno studio di quattro anni di presidenza Trump sulla scienza.

Ora bisogna osservare un paio di cose. Prima di tutto, “Le scienze”/ “Scientific American” si presta a fare da cassa di risonanza a “Nature”, pubblicazione “scientifica” un tempo prestigiosa, ma che negli ultimi tempi si è dimostrata sempre più di parte (sinistra ovviamente) presentandoci storie sempre più inverosimili di vichinghi, romani, etruschi subsahariani, nel tentativo di espropriare l’uomo bianco della sua civiltà e della sua memoria storica, ma anche “Le scienze” stessa non ha mai scherzato, presentandosi come bastione della più intransigente ortodossia out-of-africana, quindi si vede bene da che parte pende la bilancia truccata.

Ma veniamo al sodo dei capi d’accusa contro il presidente Trump. Il primo, il più grave, è quello di un atteggiamento avverso all’ecologia. Al riguardo non si può dire che Trump abbia dimostrato una particolare saggezza ma ci sono molte cose che “Le scienze”/ “Nature” non considerano: una certa insensibilità sui temi ecologici è sempre stata tipica di tutte le amministrazioni USA ben prima della presidenza Trump. Va ricordato che gli USA molto prima della presidenza Trump hanno rifiutato di firmare il protocollo di Kyoto sulle emissioni di CO2, e Barack Obama, quest’uomo che è stato ritenuto una specie di messia solo per il colore della sua pelle, non ha mai mostrato di voler cambiare le cose.

Liberal e sinistri assortiti, in ogni caso, non riconoscono le loro responsabilità. L’ecologia, a prescindere dalle ideologie, dalle differenze politiche e religiose, dovrebbe essere un patrimonio di tutti, tutti noi dovremmo avere a cuore che il mondo in cui viviamo e che lasceremo ai nostri figli non diventi un immondezzaio, ma loro hanno fatto di tutto perché l’ecologia sia percepita come “una cosa di sinistra”, prima con il cosiddetto movimento verde, oggi scomparso in Italia, ma che “tiene” altrove, poi con il fenomeno Greta Thunberg e i “gretini” che cantano Bella ciao, e poi fanno finta di stupirsi della repulsione per le tematiche ecologiche che hanno ingenerato in chi non è di sinistra.

E non teniamo conto del fatto che le restrizioni alla produzione industriale e all’economia per inquinare di meno, si vogliono imporre solo al mondo occidentale, non al Terzo Mondo, soprattutto non alla Cina che è oggi il grande inquinatore planetario.

La cosa è analoga, fortemente analoga al discorso sul controllo delle nascite: ci hanno tempestato negli scorsi decenni con l’incubo della sovrappopolazione, riuscendo a ottenere un crollo delle nascite nel mondo occidentale, mentre nel Terzo Mondo hanno continuato indisturbati a figliare come conigli, col risultato che oggi il mondo è più sovrappopolato che mai da “colorati” di tutti i tipi, ma la popolazione bianca europide è quasi sull’orlo dell’estinzione.

L’altra imputazione nei confronti di Trump è quella di aver diffuso informazioni scorrette e preso provvedimenti inadeguati almeno nelle prime fasi della pandemia di covid19, il che è semplicemente assurdo. Tutti i governi di questo pianeta, senza eccezione alcuna erano impreparati ad affrontare la pandemia.

In compenso, quanto meno Trump ha messo sotto gli occhi di tutti un fatto su cui i liberal preferiscono glissare, una di quelle cose che si sanno ma sulle quali si preferisce non attirare l’attenzione: questo virus è cinese, è uscito da uno di quei laboratori dove si confezionano armi chimiche e batteriologiche, è un regalo del comunismo al mondo, proprio come lo è stato l’incidente nucleare di Chernobyl.

Altra verità connessa alla prima da cui i liberal ci vogliono ancora a tutti i costi distrarre, esiste ancora un impero comunista, la Cina appunto, che opprime tuttora un sesto dell’umanità.

Dai tempi di Nixon, in funzione antisovietica, la Cina ha avuto da parte degli USA un trattamento privilegiato da parte degli USA nell’import-export, la “clausola della nazione più favorita”, ma Trump ha messo fine alla pacchia, altro motivo di irritazione dei liberal. Se il suo avversario nella competizione dovesse prevalere, arriverà alla Casa Bianca il vice-Obama, il vicepresidente dell’amministrazione che ci ha mollato il bidone dei mutui subprime. Speriamo invece in un nuovo travaso di bile dei liberal, dei sinistri americani e nostrani, come quello che ha accompagnato la prima elezione di Trump.

 

NOTA: Nell’immagine, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump con la moglie Melania.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Donald Trump

Pubblicato da Fabio Calabrese il 2 Novembre 2020

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Michele Simola

    La cosidetta ” democrazia” non ha nulla di democratico, anche nella grecia classica la democrazia era solo una oligogarchia, ricordiamoci che ad Atene si votava per censo e se eri appartenete alla plebe sicuramente non votavi. Si è sempre giocato credo volutamente sul significato del termine, il potere al popolo non è mai esistito, tutti hanno la convinzione che il voto permetta loro di scegliere, tuttavia non è così, destra o sinistra nel nostro paese, colonizzato dal 1945 dagli anglo-americani, di cui siamo solo vassalli, non cambia nulla le direttive sono prese altrove, a Roma si ratifica ciò che qualcun altro decide. Libertà reale non esiste per uno dei paesi che hanno perso il II° conflitto mondiale. Volendo anche facendo parte dei vincitori del primo non abbiamo ottenuto quasi nulla per l’opposizione degli alleati inghilterra e francia che ci hanno solo turlupinati. Del resto a fine ottocento inghilterra, francia e belgio erano fra i maggiori stati colonialisti e quando l’Italia ha voluto giocare all’impero siamo ferocemente stati criticati da inglesi e francesi perchè solo loro credevano di poter avere diritto ad avere colonie. Ambedue ma in particolare gli inglesi si sono comportati verso le colonie e i suoi abitanti molto peggio di quanto abbiano fatto i tedeschi nei confronti degli stati conquistati nell’avanzata irrefrenabile durante il blitzkrieg in francia e in Russia.Il puritanesimo bigotto degli americani ha sempre prodotto un establishment politico piuttosto aggressivo nei confronti di chiunque, non dimentichiamo il genocidio di circa cinquanta milioni di nativi trattati come bestie. Repubblicani o democratici comunque più reazionari dei nostri, si sono sempre dimostrati filosionisti permettendo gli eccidi perpetrati nel medio oriente dagli ebrei. Trump di sicuro non è stato uno dei più grandi presidenti eletti ma di certo non è stato peggio del suo predecessore che senza l’aiuto del colore dellla pelle non sarebbe arrivato alla casa bianca. Gli americani al pari di cinesi e indiani non hanno mai avuto interessi per l’ambiente in particolare quando ciò minava i propri interessi. Del resto per il covid-19 ha fatto ciò che hanno fatto gli altri: nessuno conosceva come approcciarsi al nuovo virus, non uscito casualmente dai laboratori cinesi, dove ultimamente scopriamo che la UE inviava denaro, non si sa per quale motivo. La goffaggine di Trump è di certo più apprezzabile del compassato atteggiamento di superiorità di frau merkel che ritengo persona estremamente irritante per la sua convinzione di superiorità rispetto agli altri paesi europei. La ” scienza ” quella ufficiale non si inimica le stanze del potere da cui dipende, per cui è sempre allineata ai dogmi imperanti, non si ricerca nulla si ripetono ossessivamente le favole conosciute, arrivando finanche a cancellare dai libri di storia, personaggi che noi nati negli anni cinquanta non troviamo più nei libri dei nostri figli, e ci interroghiamo smarriti pensando di averli sognati.
    Le riviste scientifiche per continuare la loro missione devono essere riviste di regime un pò come gli altri media: appoggiano le verità ufficiali, guai a discostarsene.
    Il NWO vuole continuare a tenere le grandi masse nell’ignoranza uno dei principi che permettono a chi è al potere di governare.
    Ho sempre creduto che l’atomica usata per ” convincere ” il Giappone alla resa fosse tedesca, leggendo il suo interessante articolo trovo la conferma. Credo inoltre che più che convincere il Giappone sia stato un esperimento muscolare nei confronti di Stalin, come per dire noi abbiamo un nuovo potente giocattolo.
    Andando a guardare svariate riviste scientifiche trovo innumerevoli articoli riguardanti il covid-19, ma nessuno dice nulla di nuovo rispetto a qualche mese addietro. La cosa peggiore è che si è cercato da parte del ministero della sanità di bloccare l’uso del plaquenil, parlando con alcuni colleghi infettivologi mi confermavano che il farmaco aveva funzionato egregiamente, bisognerebbe capire quanto sia voluto per ideologia e cioè per convincere le masse che l’unico rimedio è il vaccino, vaccino che a mio avviso mutando il virus rapidamente saà impossibile ottenere in tempi rapidi e probabilmente anche l’efficacia sarà molto limitata.

  2. Fabio Calabrese

    Caro Simola: Come al solito, condivido in pieno la sua analisi. Vorrei aggiungere solo un particolare riguardo alla guerra di Etiopia. Tutti i nostri rifornimenti dovevano necessariamente passare per Suez. Per gli Inglesi sarebbe stato facilissimo bloccarli se volevano impedirci di prendere l’Etiopia, non l’hanno fatto perché VOLEVANO che la prendessimo per poterci condannare, buttarci nelle braccia della Germania e distruggerci assieme a essa nella guerra mondiale che stavano preparando, e di cui la parte vincitrice è stata la vera responsabile.

    • Michele Simola

      Sono d’accordo con lei, del resto gli inglesi hanno sempre manipolato sempre la politica Italiana sfruttando ogni occasione a loro vantaggio

Lascia un commento

    inno al sole

    Fai una donazione


  • libreria

  • cagliostro

  • letture bruniane

  • Vie della tradizione 177

  • emergenza sanitaria

    Il decreto “Natale” e i problemi inerenti al requisito della “Specificità” – Daniele Trabucco

    di Ereticamente

    Il decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172 (c.d. decreto “Natale”), pur essendo in vigore dal 19, produce i suoi effetti dal 24 dicembre 20[...]

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Michele Simola in L'eredità degli antenati, cinquantaquattresima parte – Fabio Calabrese

      Caro professore dalla documentazione che ho trovat... Leggi commento »

    • Paola in Pietre nel cervello - Livio Cadè

      Grazie, "io"...la prece anche per noi, soprattutto... Leggi commento »

    • Nestor in LA DICHIARAZIONE DI GUERRA DELLA GERMANIA AGLI STATI UNITI

      Adolf: Bugiardo e cattivo, andrà all'inferno, sic... Leggi commento »

    • Kami in Il terzo uomo - Livio Cadè

      Grazie a lei per le sue riflessioni che sono sempr... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Il terzo uomo - Livio Cadè

      La ringrazio di questo commento, che credo colga i... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter