La Ricerca del Sé – Stefano Mayorca

La Ricerca del Sé – Stefano Mayorca

La Natura cela, al suo interno, leggi arcane riconducibili alla Conoscenza Suprema e al più grande dei segreti, la materia unica da cui tutto si genera. A tale proposito, il poeta francese Charles Baudelaire (quasi certamente iniziato alla Sacra Arte alchimica), amava definire la Natura in questo modo:

Un tempio dove colonne vive lasciano a volte uscire confuse parole; l’uomo vi passa attraverso foreste di simboli…”.

La sua genesi è connessa con la discesa agli inferi simboleggiante la ricerca del Sé. Questa ricerca, presente in tutte le civiltà, altro non è che la discesa nella materia, l’aspetto organico pesante che mediante il viaggio nelle regioni oscure rinascerà, tornando a rivedere la Luce. La discesa è una prova impegnativa, ma necessaria. Al pari delle gemme incastonate nel sottosuolo, l’uomo risale dagli inferi, rutilante di Luce, avvolto dalla nuova pelle, mondato da ogni scoria come è scritto nel Libretto della Pietra:

Prima componiamo, poi decomponiamo, quindi sciogliamo la materia decomposta, purifichiamo la materia scissa e la fissiamo. In tal modo dell’uomo e della donna sarà una cosa sola” (Libretto della pietra, 1778).

Questo processo intimamente legato alla Pietra Filosofale, è il cuore di ogni cambiamento, come suggerisce anche il sommo esoterista del XIX secolo, Eliphas Levi in un suo testo, in cui affermava che la Pietra è:

… nell’ordine divino la vera scienza universale, dalla base quadrata, solida come il cubo, assoluta come la matematica; nell’ordine naturale la vera fisica, quella che deve rendere possibile per l’uomo la regalità e il sacerdozio della natura, facendolo re e sacerdote della luce che perfeziona l’anima e rifinisce le forme, trasforma i bruti in uomini, le spine in rose e il piombo in oro”.

Riprendendo il programma della trasmutazione del piombo profano in oro iniziatico, i massoni hanno dato vita a rituali conformi alla più pura tradizione. Queste cerimonie pongono in luce una saggezza che solo pochi sono in grado di interpretare. Attraverso tali riti, poco a poco emerge la fulgida luce interiore: il Logos, ovvero il Pensiero-ragione che corrisponde al Fanciullo filosofico che è in stretta analogia con la dottrina ermetica, il Dio interiore che viene risvegliato mediante le operazioni allegoriche del Magistero dei Saggi e le prove prescritte dal rituale massonico. Solo così si può pervenire alla conoscenza segreta, perché in noi esiste il germe della Ragione divina. Dietro a queste operazioni si nasconde un segreto incomunicabile, un sapere senza tempo e una misteriosa energia magnetica… Energia che potremmo definire di tipo vibratorio, come viene enunciato dalla dottrina ermetica:

Nulla è in quiete, ogni cosa si muove: ogni cosa vibra”.

Il principio appena esposto fu proclamato migliaia di anni fa dai sapienti dell’antico Egitto e oggi la scienza moderna conferma il senso di tali parole. In base a questo assunto, le differenze che intercorrono tra le diverse manifestazioni della materia, dell’energia, della mente e anche dello spirito, risultano scaturire dai diversi quanta di vibrazione. A partire dal Tutto (formato da puro spirito), sino alle forme più grossolane di materia, tutto vibra. Quanto più alta è la vibrazione tanto più alta è la posizione sulla scala della spiritualità. Possiamo dire a riguardo che la vibrazione dello spirito è costituita da un tale grado di intensità e di rapidità, da sembrare praticamente in quiete, alla stregua di una ruota che gira tanto velocemente da apparire priva di movimento.

(Nell’immagine “Dante e Beatrice contemplano l’Empireo” un’illustrazione di Gustave Doré)

Dall’altra estremità di questa scala ideale vi sono le forme grossolane di materia, le cui vibrazioni sono talmente basse da rasentare l’immobilità. Le parole che seguiranno, legate alla conoscenza ermetica e iniziatica, esprimono perfettamente il concetto di unità espresso dalla legge enunciata:

“Mentre tutto è nel Tutto, è egualmente vero che il Tutto è in tutto. Colui che ben comprende questa verità possiede un grande sapere”.

Stefano Mayorca

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Ermetismo

Pubblicato da Ereticamente il 23 Agosto 2020

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • livio cadè

  • la morte

  • la magia di agrippa

  • sull'invisibile

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • covidismo

    La corda e il serpente – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    “Ci sono due modi per far muovere gli  uomini: l’interesse e la paura.” Napoleone Bonaparte   Unire l’intera umanità sotto un’uni[...]

  • intervista a Valentini

    intorno al sacro

  • libreria

  • letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter