fbpx

Per un eroticamente (s)corretto: gli atti del convegno evoliano dedicato a “Metafisica del sesso”- Giacomo Rossi

Per un eroticamente (s)corretto: gli atti del convegno evoliano dedicato a “Metafisica del sesso”-  Giacomo Rossi

Nella vasta produzione libraria di Julius Evola, Metafisica del sesso, la cui prima edizione vide la luce nel 1958, per diverse ragioni riveste un ruolo centrale. Innanzitutto, perché affronta un tema, quello della sessualità, considerato tabù nell’Italia degli anni Cinquanta, che è divenuto di stringente attualità nella realtà del secolo XXI, vista la confusione che regna in tema. Quest’opera, inoltre, assieme a Gli uomini e le rovine e a Cavalcare la tigre, segna il percorso ideale del pensatore tradizionalista nel dopoguerra. Per celebrare i Sessant’anni dalla pubblicazione di questo volume, la Fondazione Evola organizzò nel novembre del 2018 due Convegni, a Roma e Milano, cui parteciparono, in qualità di relatori, noti studiosi. Sono ora in libreria gli Atti di quei simposi con il titolo, Eros, magia, sacro in J. Evola. Per un eroticamente (s)corretto. Il volume è curato da G. de Turris, A. Scarabelli e G. Sessa per i tipi di Fondazione Evola-Pagine editrice (per ordini: 06/45468600, pp. 171, euro 16,00). Gianfranco de Turris, nella Nota editoriale, ricorda come il volume di Evola, alla sua prima uscita, suscitò virulente polemiche anche negli ambienti di destra. Cattolici e perbenisti definirono il filosofo «teorico dell’orgia». Nell’«Italietta» di allora, l’atteggiamento libero con il quale il pensatore discettava, al di là di ogni moralismo ipocrita, delle relazioni tra i sessi, era ritenuto sconveniente. In realtà, le sue idee in tema: «risultano […] controcorrente e raggiungono lo scopo prefisso […]: offrire una teoria generale dell’eros adatto […] ad un mondo […] che vive la più totale confusione», anche in questo ambito (p. 9).  Metafisica del sesso fornisce una risposta chiara e netta alla sessualità liquida dei nostri giorni. Alessandro Meluzzi, tra i più noti psichiatri del nostro paese, nell’Introduzione del volume che stiamo presentando, rileva come Evola, attraverso la difesa della sessualità maschile e di quella femminile, condotta su base spirituale oltre che biologica, abbia presentato, a beneficio dell’uomo contemporaneo, una teoria dell’eros alternativa al gender. Dello stesso avviso è Adriano Scianca che nella sua relazione fa di Evola un teorico della differenza sessuale. Lo storico dell’arte Vitaldo Conte affronta, in modo chiaro e organico, il cuore vitale delle posizioni evoliane in tema, sintetizzabili nella magia sexualis, una pratica realizzativa  in cui l’eros è davvero forza-magica anagogica.

   Andrea Scarabelli ricostruisce,  con dovizia di particolari, la storia editoriale del volume, entrando nelle vive cose della teoria e pratica dell’eros evoliano,  presentata nella cornice concettuale della fenomenologia del sacro. Un contributo questo, molto ampio e ricco di significative informazioni per il lettore. Paola Giovetti, nota giornalista televisiva, affronta, con persuasività argomentativa, il problema della femminilità in Evola e della difesa del pudore, al di là di ogni moralismo di facciata. Non mancano, infine, stimolanti analisi comparative di quest’opera evoliana, quali quella di Luca Siniscalco, che mette a raffronto le posizioni del tradizionalista con quelle di Eliade o di Roberto Cecchetti, che si occupa della sessualità in Jung ed Evola. Interessante lo scritto di Guido Andrea Pautasso che si intrattiene sul tema dell’eros nel dadaismo. Intendiamo qui soffermarci sulla relazione del filosofo Romano Gasparotti. Egli sostiene che vi sia stretta relazione tra l’idealismo magico e la teoria dell’eros evoliano.

   L’analisi muove dall’idea di physis (natura) in Evola. La physis: «non circoscrive affatto l’orizzonte che originariamente si differenzia da quello dello spirito, né la dimensione che si oppone alla cultura, bensì comprende tutto ciò che trae da se stesso la capacità di sorgere, trasformarsi e divenire […] la forza di esistere come exsistere, uscire da sé per protendersi sino all’apparenza e proiettarsi oltre ciò che si è e si ha, secondo una finalità senza scopo» (p. 47). Questa affermazione del pensatore veneziano è di grande rilievo. Il protendersi oltre se stessi proprio degli enti di natura, per Evola è forza magico-erotica. Il filosofo, argomenta Gasparotti, ha assunto nel suo sistema la potenza in una accezione diversa da quella attribuitale da Aristotele. Lo Stagirita formulò una teoria privativa della potenza, in quanto tale potestas può: «solo essere retroattivamente pre-supposta come tale a partire dalla realtà della sostanza determinatamente attuatasi» (p. 48). Tale potenza de-potenziata si è riversata su gran parte del pensiero occidentale, che ha giustificato il divenire a partire dalla dottrina aristotelica della potenza-atto, dando luogo, per tale ragione, ad una serie infinita di filosofie dell’impotenza. Al contrario, quella evoliana risulta essere filosofia della potenza in quanto tale potestas: «si identifica con l’atto stesso quale enérgeia, quale potere all’opera» (p. 48).

   L’Eros circolante nella physis, tiene insieme gli enti, determina tra essi l’attrazione simpatetica che realizza la mixis. La medesima propensione è presente negli uomini e in particolare, come rilevò Platone, in chi tra essi si dedichi alla filosofia. Essa si dà: «senza (determinare) alcuna fusione ad unum, bensì nel senso dell’unitas multiplex» (p. 50). Non si tratta di realizzare l’Uno androginico, ma di lasciar essere la forza magico-erotica, le tensione che spinge verso l’Uno. La  physis-mixis è visione radicalmente diversa da quella prevalsa in Occidente, divisiva, analitica e staticizzante indotta dal logocentrismo, dal dominio del concetto, dell’essenza e dell’ universale. Tale potente natura trova espressione nell’immagine. In essa tutto è in tutto e: «la forma […] delimitando apre, senza fissare, senza differenziare» (p. 52). Il singolo, l’esistente, la presenza nuda per Evola vale non per quello che è astrattamente, ma per ciò che è capace di realizzare, di fare, in virtù del grado di potenza conseguito. Anche nell’ambito erotico sessuale. Nella pratica erotica vengono così ricongiunte etica, estetica e metafisica, separate, al contrario, nelle filosofie dell’impotenza. Conclusivamente per Evola: «l’agire è […] irresistibile esercizio di potenza magico-erotica, la quale non si acquieta mai in alcun cadaverico oggetto né da mai luogo ad alcuna astratta trascendenza» (p. 54).

   Un libro, Eros, Magia, Sacro in J. Evola. Per un eroticamente (s)corretto, che oltre a ribadire il tratto anagogico dell’eros inteso in senso tradizionale, apre interessanti scenari per la filosofia evoliana, ribadendone originalità e imprescindibilità per la comprensione critica del nostro tempo.

Giacomo Rossi

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Julius Evola

Pubblicato da Ereticamente il 3 Luglio 2020

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. roberto

    Semplicemente, un capolavoro, tutt’oggi validissimo. Da leggere e meditare.

  2. roberto

    Semplicemente, un capolavoro, tutt’oggi validissimo. Da leggere e meditare.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • T. Interlandi in Sulla vigliaccheria italica: l'attualità di una Nazione defunta - Alessandra Iacono

      Chi e'che per uscire doveva indossare un cerchio g... Leggi commento »

    • Marco in Sulla vigliaccheria italica: l'attualità di una Nazione defunta - Alessandra Iacono

      Da tempo non leggevo parole così vicine al mio pe... Leggi commento »

    • Marco Virginio Fiorini in Due poli di telai del Fato: Giza delle Piramidi e Pechino. A cura di Gaetano Barbella (Prima parte)

      Gaetano Barbella mi stupisce sempre con la sua gen... Leggi commento »

    • Claudio in Manualetto dell'antisfascista - Livio Cadè

      Grande come sempre Livio Cade'! Per me è una con... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Manualetto dell'antisfascista - Livio Cadè

      Io mi sto impegnando per arrivare, come Lei, all'i... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO