fbpx

La maggior parte dei casi COVID non diffonde il virus – sono solo i super-spargitori che dobbiamo fermare – Alexandre Aget (Up Magazine)

La maggior parte dei casi COVID non diffonde il virus – sono solo i super-spargitori che dobbiamo fermare – Alexandre Aget (Up Magazine)

 

Come il coronavirus si diffonda da un paziente ad un altro rimane un mistero impenetrabile. Tuttavia, traendo il meglio dall’instancabile lavoro di ricerca per comprendere la diffusione dell’epidemia, se c’è una conclusione che sembra coerente, essa è che la trasmissione è incoerente. Alcune persone, quasi tutte, non trasmettono il virus a nessuno durante la loro infezione. Altre ne infettano decine alla volta.
Questi sono i risultati di uno studio che è stato appena reso pubblico e mette in discussione tutto ciò che era noto in termini di prevenzione e controllo dell’epidemia, e in particolare le politiche di contenimento generalizzate, l’utilizzo indistinto di mascherine o la chiusura di attività economiche.

Vi sono prove sempre più diffuse che solo il 10-20% delle persone infette da Covid-19 può essere responsabile di circa l’80% delle trasmissioni. Dall’altro lato, il 70% delle persone infette potrebbe non diffondere il virus a nessuno.

La super propagazione in discussione

Sebbene il coronavirus abbia perseguitato il globo per cinque mesi e mezzo, stiamo appena iniziando a capire come si diffonde la malattia. Non sappiamo ancora, ad esempio, quale ruolo svolgono le persone senza sintomi nella trasmissione della malattia o per quanto tempo le persone rimangono contagiose. Ma stiamo cominciando a capire che Sars-CoV-2 non è distribuito uniformemente su tutta la popolazione – è sempre più evidente che alcune persone infette diffondono il virus molto più ampiamente rispetto alla maggior parte degli altri. Comprendere questo fenomeno di super-propagazione è essenziale per gestire Covid-19 poiché i paesi entrano in una ostica terra di nessuno dove la malattia non ha raggiunto il suo apice e non viene completamente eliminata in tutto il mondo.

Ci siamo abituati a vedere grafici che mostrano come una persona che contrae il virus può trasmetterlo ad altri due, che ciascuno lo trasmette ad altri due, con conseguente aumento esponenziale dei casi. Ma questo semplifica il modo in cui avviene effettivamente la trasmissione. I ricercatori hanno studiato il caso di un cinese di Hong Kong che frequentava locali a Lan Kwai Fong, un quartiere apprezzato per la vivacità della sua vita notturna. Questo individuo ha infettato 73 persone in una sera. In questo esempio, “piuttosto che una persona trasmetta il virus a una o due altre, a loro volta a una o due altre [e così via], è più probabile che questa abbia trasmesso il coronavirus a molte altre persone in una volta sola“, dice Benjamin Cowling, professore alla School of Public Health di Hong Kong e autore dello studio preliminare.

L’analisi del professor Cowling e dei suoi colleghi è stata pubblicata online, ma non è ancora stata esaminata o pubblicata su una rivista scientifica. Ma, si legge in una colonna del New York Times, che le loro scoperte su Hong Kong non sono uniche. Ad esempio, uno studio pubblicato su The Lancet in aprile, che ha esaminato la trasmissione di SARS-CoV-2 a Shenzhen, in Cina, ha rilevato che circa il 9% dei casi rappresentava l’80% della trasmissione. E uno studio del fenomeno condotto da ricercatori a Londra ha anche rivelato che circa il 10% dei casi potrebbe rappresentare l’80% della trasmissione.

Profilo tipico di un super propagatore

Rimane tuttavia il mistero del profilo tipico di un “super-trasmettitore” e perché lo è. Come sono talune sue caratteristiche biologiche? C’è qualche legame con la natura della sua infezione? Potrebbero essere alcuni dei suoi comportamenti che incoraggerebbero la super-propagazione? Dovremmo cercare una combinazione di questi fattori? Gli esperti non lo sanno. Ma dicono che sappiamo abbastanza per fermare la diffusione della malattia e, potenzialmente, per fermare la pandemia. Ciò richiederebbe di lavorare sulle circostanze che favorirebbero la super-propagazione piuttosto che concentrarsi solo su come evitare contatti che possono portare alla contaminazione.

Da R a K

Durante le settimane di convivenza con il coronavirus, abbiamo appreso nuovi concetti. Abbiamo così scoperto il valore R*0 dell’epidemia. Ciò mostra quante persone, in media, infettate da altre persone con Covid-19 trasmettono la malattia. All’inizio dell’epidemia, si pensava che l’R*0 (il numero di riproduzione di base rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente) fosse compresa tra due e tre. Ciò significa che una persona infetta in media ne infetta altri due o tre. È su questo valore che si basava la maggior parte dei modelli – e in particolare quello ora controverso dal professor Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra – che ci ha portato al contenimento generale nella maggior parte dei paesi. R risulta che questo valore ha dei limiti : non riflette la notevole differenza tra il numero di persone infette che trasmettono il virus e il numero di persone che non lo trasmettono.

Ma per capire veramente la diffusione della malattia, noi faremmo bene a guardare un altro valore: il fattore K dispersione. Contrariamente a R, K ci dice come varia il numero di trasmissioni all’interno di una data popolazione. In poche parole, un basso valore K suggerisce che un piccolo numero di casi è responsabile della contaminazione di un gran numero di pazienti. Gli epidemiologi hanno osservato diverse situazioni di questo tipo durante il famoso raduno evangelico di Mulhouse o del coro della Skagit Valley negli Stati Uniti. Nel caso di SARS-CoV-2, è sempre più evidente che la super-propagazione è un fattore estremamente importante nella trasmissione totale.

Quando l’epidemia imperversa ampiamente in un paese come la Francia, l’Italia, la Spagna o nel Regno Unito, è molto difficile individuare i casi di super-propagazione. Oggi, quando il virus si diffonde molto meno, è interessante identificare le situazioni che favorirebbero la super-propagazione; situazioni in cui un individuo super contaminante potrebbe infettare un gran numero di persone.

Le tre C

Megan Murray, epidemiologo dell’Università di Harvard, dice a Wired che dovremmo prestare molta più attenzione al tipo di ambiente in cui si verificano eventi di superpropagazione. Gli epidemiologi parlano delle “tre C” che rendono più probabile la trasmissione. “Questi sono gli spazi chiusi (Closed spaces), vale a dire gli edifici o le stanze scarsamente ventilati, i contatti stretti (Closed spaces), quindi tante persone in piccoli spazi, e poi la folla (Crowded places)”, Megan Murray.

Il Giappone ha adottato una strategia per combattere la super-propagazione. Questo approccio mirava a limitare quelle che alcuni ricercatori dell’Università di Tohoku chiamavano le “tre C”: spazi confinati, folle e stretto contatto.

Ciò significa che i governi che cercano di fermare la rinascita di Covid-19 dovrebbero cercare modi per prevenire tali situazioni. Invece di affrettarsi a controllare tutti i bar e i ristoranti con misure di allontanamento fisico impraticabili, dovrebbero invece concentrarsi sui luoghi in cui molte persone si ritrovano insieme, in luoghi chiusi e poco ventilati.

In estate, dove le persone hanno accesso agli spazi esterni, la diffusione potrebbe essere un problema minore, ma in inverno, le persone che si affollano in luoghi scarsamente ventilati potrebbero creare l’ambiente perfetto per i casi di super-diffusione.

Rivedere le nostre strategie

William Ristenpart, professore di ingegneria chimica all’Università della California, studia come gli umani rilasciano particelle microscopiche di fluido mentre parlano. È autore di uno studio pubblicato nel 2019 su Nature che mostra che più una persona parla ad alta voce (o canta), più particelle rilascia, il che potrebbe significare che ambienti confinati con alta attività di conversazione (conferenze, cori, pub, discoteche, ecc.) presentano un ulteriore livello di rischio di trasmissione. Questo specialista offre una semplice raccomandazione: aumentare la ventilazione negli ambienti interni per ridurre il rischio che si trasformino in luoghi di superpropagazione. “Invito le persone a riflettere sull’aumento della velocità di ventilazione”, afferma. “Ci sono costi energetici collegati a questo [ma] sembra un piccolo prezzo da pagare per aiutare a ridurre la probabilità di trasmissione del virus”.

Secondo William Hanage, epidemiologo presso la Harvard School of Public Health, l’importante ruolo della super-diffusione nelle epidemie non ha solo implicazioni per le misure di allontanamento sociale nel pubblico, ma informa anche i funzionari di salute pubblica su come rispondere ai casi. Secondo lui, è necessario spostare l’attenzione dei casi verso la trasmissione. Ad esempio, quando i rilevatori di contatti (come l’app StopCovid in Francia – NdT – ) identificano un nuovo caso, dovrebbero non solo scoprire con chi la persona infetta ha interagito e potrebbe ammalarsi, ma dovrebbero anche guardare indietro per scoprirlo. cercare di capire come questo nuovo caso sia stato infettato. “Quando ti accorgi che si è verificata una trasmissione, devi raddoppiare i tuoi sforzi per testare e guardarti intorno più ampiamente”, afferma Hanage. “Perché identificare una trasmissione significa che probabilmente ce ne saranno molte di più se ti prenderai la briga di cercarle”.

Pertanto, se si verifica un Cluster su larga scala, sarà quindi necessario cercare efficacemente i contatti per trovare persone che potrebbero essere state nello stesso ambiente e incoraggiarle a isolarsi. Mentre la traccia dei contatti può trovare e isolare rapidamente persone potenzialmente infettive, riduce notevolmente il rischio che facciano parte di un altro cluster su larga scala. Perché sembra che questo sia il modo in cui l’epidemia di Covid-19 si sta diffondendo, non da individui isolati. L’80% di loro non infetterebbe mai nessun altro.

Benjamin Cowling, autore principale dello studio sulla super-propagazione, ritiene che il notevole ruolo che essa svolge in questa pandemia dovrebbe rassicurarci. In effetti, ora sappiamo che la crescita dell’epidemia può essere controllata da decisioni molto meno dirompenti, socialmente ed economicamente, rispetto alle misure di confinamento prolungato o altre forme estreme di distanziamento sociale che la maggior parte del mondo ha conosciuto negli ultimi mesi. L’autore afferma che in caso di ripresa dell’epidemia, di “seconda ondata” o di moltiplicazione dei Cluster, bisogna dimenticare il mantenimento o la ripresa delle misure radicali come il confinamento generale per arginare la diffusione del virus. Egli consigliaconcentratevi solo sull’arresto della super-diffusione“.

Alexandre Aget

giornalista Up Magazine

 

Fonte: Up-magazine.info

Traduzione: redazione Ereticamente

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Salute

Pubblicato da Ereticamente il 17 Giugno 2020

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Nulla da eccepire sull’articolato servizio di Alexandre Aget, giornalista Up Magazine.
    Sono perplesso però, trovandomi in casa EreticaMente, di leggere un articolo di “parte”, cosa che mi porta alla questione del “Concordato dei Patti Lateranensi” che definiva le relazioni civili e religiose in Italia tra la Chiesa e il Governo sintetizzate nel motto: «libera Chiesa in libero Stato». Si capisce che in modo traslato la tesi di Alexandre Aget si confà esclusivamente a Up Magazine, diremo il “Governo”, che però in casa EreticaMente, diremo la “Chiesa”, dove tutto si impernia sulla Tradizione che non manca di svilupparsi nel senso “esoterico”, è priva di giustapposizioni in tal senso.
    Tanto più che lo studio su questa linea, preferenziale di EreticaMente – mettiamo – porta alla presa di coscienza della distinzione del mondo delle cause da quelle degli effetti che poi rientra tutto nella legge universale del Karma. E sarebbe interessante per il lettore entrare nel merito.
    “La nostra vita non ci appartiene. Da grembo a tomba siamo legati ad altri. Passati e presenti. E da ogni crimine, da ogni gentilezza generiamo il nostro futuro” (dal film “Cloud Atlas”).
    Si potrebbe già dire che la questione del Covid-19 è veramente irrisolvibile perché sono molteplici i fattori che vi concorrono, tutti governati nel complesso mondo del Karma. Ma è vero anche che siamo in casa EreticaMente, questo va ricordato, allora cercherò di esaminare le cose del Covid-19 avvalendomi dell’esoterismo. Ma prima mi azzardo a partire dai ragionamenti di confine fra le due fazioni di “Governo” e “Chiesa”, parafrasando.
    Occorre proprio che ci siano al mondo uomini, cosiddetti in Toscana, “ghiozzi di bua di bomba” (ghiozzi di buca di bomba ovviamente colma d’acqua piovana), questo per dire pesci che di più stupidi non ce ne sono al pari dei merli? Il primo ghiozzo fu Adamo che diede retta ad Eva mangiando la mela che a lei faceva gola, e fu la fine.
    Ma poi sono venuti gli intelligenti e fra i tanti, il famoso Einstein ha sentenziato con la frase:
    «Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, passerà tutta la sua vita a credersi stupido.».
    Tuttavia è vero anche che esistono in natura anche i pesci volanti che si burlano dell’arguzia di questo scienziato. Proprio lui autore della legge della relatività per affermare che tutto è relativo, perché ciò che è bianco può diventare nero.
    Ho letto da qualche parte questi concetti attribuiti a Carlo Maria Cipolla, uno storico e accademico italiano che ha insegnato in Italia e negli Stati Uniti.
    Egli affermava che esistono quattro tipi di persone in dipendenza del loro comportamento in una transazione:
    – Sprovveduto: chi con la sua azione tende a causare danno a se stesso o a non ottenere nessun vantaggio, ma crea vantaggio a qualcun altro;
    – Intelligente: chi tende a creare vantaggio per se stesso, ma anche a qualcun altro
    – Bandito: chi con la sua azione tende a creare vantaggio per se stesso, ma danneggia qualcun altro;
    – Stupido: chi causa un danno a un’altra persona, o gruppo di persone, senza nel frattempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.
    Quindi:
    1. Gli stupidi danneggiano l’intera società;
    2. Gli stupidi al potere fanno più danni degli altri;
    3. Gli stupidi democratici usano le elezioni per mantenere alta la percentuale di stupidi al potere;
    4. Gli stupidi sono più pericolosi dei banditi perché le persone ragionevoli possono capire la logica dei banditi;
    5. Restano i ragionevoli che sono vulnerabili dagli stupidi perché generalmente sono sorpresi dall’attacco e non riescono a organizzare una difesa razionale perché l’attacco non ha alcuna struttura razionale. Ed ecco l’inciampo per mettere in croce la genialità di Einstein. Perché al “ragionevole” un po’ smarrito gli scappa di rispondere ad Einstein, “ma chi si può credere stupito?” e qui la sua insanabile distrazione (che ai geni non succede perché sempre estremamente attenti) nel pronunciare la parola stupido con stupito! Un banale scambio di lettere. Di qui viene da rispondere “tutti e due”, perché? Il genio perché si meraviglia nel non credere ai propri occhi nel vedere il prodigio nel pesce che veramente si arrampica sugli alberi; ma anche il pesce non è da meno, perché per quanto sia capace di saltare sull’acqua, non pensava di arrivare così in lato, là sui rami degli alberi.
    E ci risiamo con un’altra distrazione con la parola “lato” che doveva essere “alto”, per uno nuovo scambio di lettere “involontario”, cioè come sorgivo dall’inconscio. Una “t”, però che salva “capri e cavoli”, come si suol dire.
    Di conseguenza c’è di più nel far capire ai geni che non c’è niente da meravigliarsi e tranquillizzarsi sulla loro scienza della ragione umana, perché per distrazione è avvenuto un altro “scambio”. Architettato da chi? Si capisce che è dal mondo dell’inconscio dove si organizzano i piani del vivere sulla terra, con la collaborazione di “logge occulte”.
    Un esempio, anche questo ben architettato e in musica: Così fu per Gilda la figlia di Rigoletto della famosa opera lirica di Verdi: bastò l’oscurità della notte e il camuffamento col vestito da mendico per sacrificarsi al posto del Duca da lei amato. E poi morire fra le braccia del padre Rigoletto che credeva di essersi finalmente vendicato del Duca per aver disonorata la sua Gilda. Ecco cosa riserba il destino e che sistemi usa per mettere in pari il principio della Giustizia.
    Mi viene quest’idea: Che sia una sorta di “ghiozzo-virus” il Covid-19? Forse è per questa ragione che non si trova il rimedio per debellarlo?
    Giusto il ghiozzo-virus volante capace di arrampicarsi sugli alberi, a dispetto degli Einstein odierni in camice bianco. Non sembra?
    Si capisce che si tratta di due particolari alberi che loro preferiscono, le due ramificazioni polmonari umane dai quali colgono “frutti” a iosa fino a lasciare solo i rami sfrondati. Ma non si saziano per questo, perché subito dopo cercano a frotte altri polmoni da scarnire. Forse no perché Alexandre Aget dice che “la maggior parte dei casi COVID non diffonde il virus – sono solo i super-spargitori che dobbiamo fermare”.
    E siamo in grado ora di varcare il confine di Up Magazine, per entrare veramente in EreticaMente e scegliamo la “stanza” dell’alchimia, ma solo con pochi passi oltre, per non farla troppo lunga questa discussione.
    Ho posto in evidenza la figura del pesce ghiozzo che risulta ad hoc per orientarci ad un altro pesciolino su cui si incentra tutta la Grande Opera chiamato i diversi nomi, uno questi e la Remora.
    Ora non sto a entrare nel merito dell’alchimia, un campo davvero astruso da comprendere, tanto più da assimilarlo, ma per averne una certa idea vale questo squarcio sbirciando in un testo di alchimia del noto ermetista, Fulcanelli.
    Riferendomi ad uno dei suoi libri, Le dimore filosofali , a pag. 115 del II vol., viene interpretata una decorazione di un cassettone riportato sul soffitto di una stanza del castello di Dampierre-sur-Boutonne in Francia. Ma è superfluo mostrarlo almeno per noi nella condizioni di estranei al daffare intorno ai “fornelli” degli alchimisti, perché l’immagine va meditata ed è per loro di ausilio fondamentale.
    Si tratta di un antico simbolo usato spesso:
    Il delfino attorcigliato sul bracciolo di un’ancora marina: l’epigrafe che funge da insegna, ne spiega il motivo:
    .SIC. TRISTIS. AVRA. RESEDIT.
    Che vuol dire: Così si calma questa terribile tempesta.
    È inevitabile che l’incostanza sopraggiunge quando si scatena la tempesta in cui si avventura per l’impresa alchemica, ma, è imperativo che il fuoco di ruota che ha avuto principio nell’alchimista non sia compromesso. La ruota allude ad un’attività interiore, come di una motore che si mette a girare, e una volta avviato non si può più fermare: è questo il serio problema di chi si avventura in simili imprese. «Ma la lunga operazione che permette di realizzare la progressiva condensazione e la fissazione finale del mercurio (la materia prima che alla fine porta alla liberazione della “Bianca Vergine”, presenta una notevole analogia con le traversate marittime e con le tempeste che ad esse si accompagnano. […] Tutto contribuisce a produrre lo spettacolo d’una tempesta in proporzioni ridotte. Sollevata da tutti i lati, sballottata dai venti, l’arca, tuttavia, galleggia sotto la pioggia del diluvio. […] Il delfino nuota alla superficie dei flutti impetuosi, e questa agitazione dura finché, alla fine, la remora, (il delfino ovvero la Vergine) invisibile ospite delle acque profonde, non ferma, come un’ancora poderosa, la nave che va alla deriva. Allora torna la calma; l’aria si purifica, l’acqua sparisce, i vapori si riassorbono. Una pellicola ricopre tutta la superficie, e, addensandosi e consolidandosi ogni giorno di più, indica la fine del diluvio, lo stadio dell’arca che tocca terra, la nascita della Bianca Vergine, il trionfo della terra sull’acqua, dell’asciutto sull’umido. Nello sconvolgimento generale e nel combattimento degli elementi, s’acquisisce quella pace permanente, quell’armonia che risulta dal perfetto equilibrio dei principi, simbolizzati dal pesce fissatosi all’àncora: sic trìstìs aura resedit. ».
    Di qui un altro sforzo per aver il modo di legare il ghiozzo-covid-19 e la remora alchemica, nientemeno che con l’Agnello dell’Apocalisse di Giovanni che scioglie il primo sigillo, e siamo nell’area della Chiesa di Cristo.
    Si potrebbe partire da un preciso inizio che è risolutivo, cioè quando Gesù disse:
    «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.»
    Ed è il vangelo di Matteo 10,34-35 che ce lo dice, e veniamo all’oggi per domandarci cosa accade col Covid-19?
    Non è forse un certo «separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera»? quanto basta per mantenere la distanza minima di un metro? E di conseguenza anche le nazioni fra loro.
    E non è detto nell’Apocalisse di Giovanni, in merito al Dragone (Ap 20,2), che dopo al compimento «dei mille anni. Dopo questi dovrà essere sciolto per un po’ di tempo.» (Ap 20,3)?
    Ma ritorniamo in terra in merito alla presunta azione della «spada» di Cristo, e veniamo ad una seconda domanda sul coronavirus:
    E se fosse il covid-19 il dardo che scaglia il primo cavaliere sul cavallo bianco dell’Apocalisse al momento in cui l’Agnello apre il primo sigillo: il cavaliere sul cavallo bianco, munito di un «arco» al posto di una «spada», che apre i countdown non appena l’Agnello scioglie il primo sigillo (Ap 6,1-2)?
    Ma che nesso ha quell’«arco» con la «spada»?
    Prima d’altro l’interpretazione va vista, come un Giano bifronte, perciò quel che ci è dato di “vedere” sono gli effetti e non la causa. Così vanno immaginate le cose del cielo “sognate” da Giovanni.
    L’arco vien teso per far scoccare il dardo, cioè si inflette e poi viene rilasciato, e va visto in modo controverso. Ecco l’analoga attività dei polmoni in cui si insinua il dardo-coronavirus, ma in modo ritorcente e in breve è causa di morte.
    Viene detto nell’Apocalisse che al cavaliere «gli fu dato una corona e poi usci vittorioso per vincere ancora.» (Ap 6,1). E si afferra il senso della corona, cioè la chiara allusione al nome coronavirus, ma c’è di più perché questo bacterio circola continuamente nell’aria, ovunque, e oggi c’è l’allarme dei virologi che esso ritornerà alla carica, una volta che sia scomparso, di qui la spiegazione di: «e poi usci vittorioso per vincere ancora.»
    Resta il colore bianco del cavallo (attenzione non del cavaliere!) e questo possiamo spiegarlo con i camici bianchi dell’esercito della salvezza dei sanitari (i cavalli bianchi) che in questo momento terribile combattono contro la pandemia del coronavirus.
    Mi sovviene un’analoga battaglia, quella nei cieli raccontata da Giovanni nella sua Apocalisse:
    «Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli.» (Ap 12,7-9)
    Questo mondo pieno di gaudio da un lato ha contagiato anche quello dei meno abbiènti, che però, non ha vita di per sé… come dire smartphone per tutti in modo che si trasmettano twit (una sorta di illusoria congiunzione per simulare che siamo tutti fratelli), da “ignudi” senza vergognarsi (nell’oscurità del mondo di internet), simulando l’antica vita del giardino edenico! Ma grazie a Dio, per quel poco tempo riservato al Dragone dell’Apocalisse cui è dato di fare la sua parte per un po’ di tempo (Ap 20,3), se ne è parlato.
    Fu detto a Giovanni «Dio infatti ha messo loro [gli adoratori del Dragone – ndr] in cuore il disegno e di accordarsi per affidare il loro regno alla bestia, finché si realizzino le parole di Dio.» (Ap 17,17).

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • parthenope

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Paola in Violenza e nobiltà - Livio Cadè

      Concordo pienamente. Grazie, come sempre . E aggiu... Leggi commento »

    • Gianluca Padovan in Covid-space: dallo spazio profondo con furore – Gianluca Padovan

      Piaccia o meno, solo chi si dà per vinto è veram... Leggi commento »

    • Fra in Dall’Uomo nuovo della Tradizione all’Ultimo uomo dell’era Covid: un secolo di degenerazione antropologica - Federica Francesconi

      Ottimo... Leggi commento »

    • Renato in Covid-space: dallo spazio profondo con furore – Gianluca Padovan

      Bellissima,. Gianluca non si smentisce mai.... Leggi commento »

    • Lupo nella Notte in Napoli Sovrana Italia Sovrana: fuori i globalisti dalle nostre città – Roberto Siconolfi

      > E’ l’operazione Covid, quella che ha fatt... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO