fbpx

Intervista all’economista Ilaria Bifarini: «Ecco cosa sta per succedere all’Italia»

Intervista all’economista Ilaria Bifarini: «Ecco cosa sta per succedere all’Italia»

Secondo l’Organizzazione mondiale del lavoro, il coronavirus provocherà 25 milioni di disoccupati con conseguenze più gravi della crisi economica del 2008. Cosa ne penserà l’economista Ilaria Bifarini? Guy Ryder, direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, in una dichiarazione riportata da Repubblica, ha detto che “i comparti più toccati saranno il turismo, i trasporti ma anche l’industria dell’automobile”. Secondo Ryder, “Sarà un crash-test di proporzioni inquietanti, ben peggiore di quello del 2008”. Insomma una vera e propria catastrofe nel mondo del lavoro. “È l’inizio di una nuova era, della scomparsa definitiva della classe media. Intanto con qualche miliardo i ricchissimi compreranno il mondo”, ha commentato Ilaria Bifarini (qui i suoi libri), economista bocconiana redenta. L’abbiamo intervistata.

L’intervista a Ilaria Bifarini

Quali sono i lavoratori che in Italia accuseranno di più la crisi economica che ci sta per investire? Chi ha più possibilità di salvarsi? Chi riuscirà a guadagnarci?

Siamo di fronte a una crisi economica senza precedenti nella storia moderna. Credo che sia addirittura peggiore di una guerra, cui è stata paragonata. Durante i conflitti mondiali, infatti, esisteva comunque un’industria bellica a fare da traino. Oggi è fermo tutto, sia dal lato della produzione che della domanda. Resistono solo i consumi primari, quelli di generi alimentari. A farne le spese per primi saranno le partite Iva, i lavoratori autonomi, i commercianti, i ristoratori, i liberi professionisti, le agenzie immobiliari, i centri di benessere, le palestre, gli albergatori e tutto il fiorente settore del turismo italiano col suo indotto. Possiamo dire che gli unici a salvarsi, almeno per ora, saranno i dipendenti pubblici e i pensionati. A guadagnarci? Probabilmente i detentori del capitale, che a breve potranno fare shopping di quello che rimarrà del Paese a bassissimo prezzo, vista la inevitabile svalutazione sia degli immobili che degli asset produttivi e strategici”. “Una strategia mirata sul modello Whuan”.

Quali misure alternative si sarebbero potute prendere per non bloccare il Paese?

Sarebbe stato più opportuno adottare una strategia mirata e non replicare il cosiddetto modello Whuan. La Cina, infatti, ha applicato il blocco a una sola regione, seppur popolosa come l’Italia, e non all’intero del Paese come abbiamo fatto noi. La loro economia ha continuato a produrre e a muoversi, seppur a ritmi rallentati, mentre noi abbiamo paralizzato l’intero Paese. Inoltre, visto il ritardo della Cina nel comunicare l’infezione, possiamo fidarci che sia stata davvero debellata da loro? Andavano fatti tamponi a tappeto, come in Korea, per individuare e isolare i contagiati. Inoltre, poiché i dati dell’ISS confermano che l’età media dei deceduti è di circa 80 anni e si tratta prevalentemente di persone con una o più patologie pregresse, per i ¾ di sesso maschile, occorreva effettuare una profilazione dei soggetti più a rischio e adottare misure specifiche per essi. Non si può fermare l’intero Paese, riservando ai bambini, che hanno un rischio pressoché nullo, le stesse restrizioni degli anziani, che anzi possono uscire a fare la spesa o per portare fuori il cane. Maggiore è l’esposizione al rischio, maggiori devono essere le restrizioni e anche le tutele. Sarebbe stato opportuno offrire alle persone più fragili al virus un servizio di consegna a domicilio di cibo e medicinali. Laddove necessario, mettere a disposizione degli alloggi per separare genitori e figli di età adulta, che possono contagiarsi all’interno dello stesso nucleo familiare. È illusorio e ingenuo credere che tra conviventi non avvenga il contagio. Le fasce più deboli hanno bisogno di maggiore protezione, questo è il compito dello Stato e non riservare lo stesso trattamento restrittivo a tutti”.

I primi a pagarne le spese secondo Ilaria Bifarini. È possibile che i prezzi dei beni di prima necessità aumentino? C’è anche la possibilità che alcuni prodotti diventino introvabili?

Per la legge della domanda e dell’offerta che regola il mercato sì. È chiaro che se blocchi tutte le attività produttive prima o poi potrebbe verificarsi una situazione del genere. Inoltre il panico che si è diffuso tra la popolazione spinge a comportamenti istintivi, che aumentano la domanda di alcuni beni per la paura di non trovarli in futuro”.

Se la situazione non si sblocca velocemente, che fine faranno, tra poco, tutte quelle famiglie che non possono contare sui risparmi? La miseria potrebbe fare più vittime del virus?

Credo che sia stata innescata una bomba a orologeria. Secondo le stime la disoccupazione italiana, che era finalmente scesa sotto il 10%, arriverà al 20%. Io credo che potrebbe andare ben oltre, considerato che il solo turismo offre il 6% dell’occupazione totale nazionale. Molte aziende ed esercizi commerciali costretti a interrompere la loro attività non riapriranno più.  A pagarne le spese per primi saranno tutti quei lavoratori, per lo più giovani e precari, della ristorazione, del commercio e delle PMI. I primi a essere licenziati saranno loro, senza poter contare su risparmi messi da parte, dovranno tornare a vivere con i propri genitori, laddove ne abbiano la possibilità, non potendo più permettersi un affitto, un’abitazione autonoma.  Poi sarà la volta dei loro datori di lavoratori che, esauriti gli eventuali risparmi, senza un flusso di liquidità non potranno più sostenere i costi fissi e gli investimenti fatti per la loro attività. Insomma, sarà un effetto domino che travolgerà tutti”.

Ilaria Bifarini: “25 miliardi del governo? Acqua fresca” Mica rischiamo rivolte popolari? “Quando la povertà si diffonde a tutti gli strati sociali, la situazione diventa fuori controllo. Per il momento viene potenziata la presenza delle forze dell’ordine e addirittura è previsto l’esercito in strada. Ma siamo di fronte a una situazione inedita, imprevedibile”. Quanto ci aiuteranno i 25 miliardi stanziati dal governo? “Acqua fresca, purtroppo. Secondo una stima del centro di ricerche Cerved, se questa situazione dovesse protrarsi fino a maggio –ma ormai sembra un’ipotesi irrealistica- la perdita stimata per il nostro tessuto produttivo sarebbe di 275 miliardi di €, nel periodo 2020/2021. Nel caso in cui invece questa situazione di emergenza dovesse durare fino a dicembre la perdita totale ammonterebbe a 641 miliardi. Ma queste previsioni sono state fatte prima dell’ulteriore stretta delle restrizioni. D’altronde tutta l’economia è ferma, a parte il comparto alimentare, cosa dobbiamo aspettarci?”.

L’Italia tornerà a essere quella che è stata fino a un mese fa?

Per un’economia già fragile come la nostra, con un Pil quasi immobile da anni, già vicina alla recessione, questo sarà il colpo di grazia. Abbiamo un debito pubblico già elevatissimo ed è possibile che vengano applicate le misure già sperimentate in Grecia dalla Troika. Difficile trovare soluzioni per uscire fuori da questo disastro annunciato: una volta distrutta l’economia reale, il tessuto produttivo nazionale e quella rete di PMI che da sempre rappresenta il cuore pulsante nazionale, dell’Italia rimarrà ben poco. Anche il turismo, da sempre nostro settore trainante, faticherà molto a riprendersi, sia per il danno d’immagine che l’Italia ha subito più di altri, sia per un inevitabile e prolungato rallentamento dei viaggi a livello mondiale. Come magra consolazione possiamo dire che neanche per il resto delle economie avanzate la situazione tornerà come prima, ma, sfortunatamente, saremo noi a pagare il prezzo più alto”.

(dal sito www.oltre.tv, col consenso dell’intervistata)

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Economia

Pubblicato da Ereticamente il 24 Marzo 2020

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Maria Cipriano

    Ma come: andrà tutto bene, no?

  2. Chiedo scusa per la franchezza, fermo restando il fatto che ognuno è libero di credere ciò che vuole.
    Ciò che sta accadendo è IL FALLIMENTO dell’attuale paradigma basato sul Denaro VIRTUALE. E’ dal 1971 che Tutte le Monete circolanti NON sono “agganciate” a un Controvalore quale l’Oro, l’Argento ecc. Geddafi, inutilmente cercò di porre FINE al DENARO VIRTUALE: fu ammazzato come un cane in diretta TV.
    La Signora Biffarini NON dice nulla, ma “snocciola” il rosario che ha imparato a scuola, dove per altro per andarci, non serve più “il Merito” bensì il Denaro a prescindere dal Qi e Capacità dell’Allievo.
    L’intervista ha più i connotati della “divinazione” di una Cartomante, che quelli di una Economista.
    E’ certo e sicuro che il Mondo, così come si è trascinato di fallimento in fallimento dal dopoguerra ai giorni nostri, NON sarà più.
    E’ certo e sicuro che NON ci saranno “Posti di Lavoro” per Maestranze Ignoranti/Incapaci per assolvere a quei Lavori che storicamente ha caratterizzato il Genere Umano, soprattutto la dove s’intende la Civiltà: hai voglia Tu di smanettare su una tastiera quando si tratta di prendere in mano una Zappa, un Martello, un Cacciavite, un Ago e Filo… ovvero Tutto ciò che ha rappresentato una Certa Tradizione, magnificata nei Musei e nelle Immense Opere d’Arte.
    Il DENARO, ma sarebbe meglio e giusto, parlare di DEBITI ha da tempo superato di non so quante volte, il PIL Planetario: è la DROGA con cui le Masse Beote continuano a Morir di Fame, offrendo i Frutti ai Ricchi che li ricambiano con FALSA MONETA.
    I Ragionieri Contabili di questa FALSA ECONOMIA, sono proprio gli Economisti che, per Primi, non sanno e non conoscono alcun Mestiere; non sanno e non conoscono distinguere un’Insalata da un’Erba infestante; non sanno e non capiscono che per Fare un Falegname NON basta una vita, mentre bastano max 5 anni per fare un Avvocato, un Economista o un Dottore del ca…o qualunque che NON sa cosa fare di fronte a qualsiasi Malattia che non siano le emorroidi.
    La “Fine del Mondo” era pronosticata per il 12/12/2012… ok, la “profezia” (esattamente come quelle degli Economisti) si è verificata con 8 anni di ritardo: tuttavia era stata formulata almeno 3.000 anni fa 😉
    Ovviamente per “Fine del Mondo” s’intende la Fine dell’attuale Paradigma e non certo dell’Universo cui il Genere Umano è meno di uno starnuto di un Paramecio sulla Terra. I castelli Ideologici, costruiti sul POSSESSO e la PROPRIETA’ si stanno sgretolando, tutto cadrà in pezzi, e non c’è SOLDO AL MONDO che potrà arginare il “disatro annunciato” e sempre inteso come una “bizzarria” di qualche buon tempone.
    Tutto questo è UN BENE, sia per gli Uomini di Fede che per gli Atei: negli ultimi trent’anni abbiamo assitito ebetiti, alla disintegrazione della Famiglia in favore di una “Presunta Libertà” fatta di sesso omosessuale, droga e vizi elevati alla massima potenza.
    Adesso che i Campioni della Scienza balbettano di fronte al Disastro da Essi stessi realizzato, si pensa di Frenare l’Emorragia con i SOLDI, panacea moderna per curare tutti i mali se non addirittura ARRESTARE la Morte: se questi Signori e Signore non sono degli STUPIDI, allora potrete chiamarmi Babbo Natale, poiché ogni menzogna è giustificata da dictac Statali quasi che per fare il Presidente di una Nazione occorresse una Particolare Patente Divina.
    Voglio tranquillizzare chiunque sia arrivato a questa riga di testo: 1. NON siamo in via d’Estinzione; 2. purtroppo, come da Natura, continueremo a morire; 3. siamo Ospiti e NON Padroni della Terra; 4. dovremo ricominciare dai Fondamentali chiamando con il Giusto Nome le Cose di questo Mondo e quelle che attengono alle specificità Umane; 5. oltre la 5° dovremo recuperare anche le altre Armoniche con cui la Vita dimostra il Suo Senso.
    E’ giunto il tempo di dire STOP alle TELEFONATE e alla Moda che NON è mai stata Cultura.
    Le Soluzioni a Tutti i Problemi ESISTONO già: NON costano Nulla 😉
    Forse è per questo che gli Economisti insistono così tanto con le Loro Barzellette e Percentuali: se fossero Tutti confinati su un’isola deserta con Tutti i Soldi del Mondo, in meno di un mese MORIREBBERO TUTTI e Nessuno andrebbe a cercarli.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • ekatlos

  • afrodite

  • spazioaref brescia

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Luigi Gagliano in Quando verrà l’ora di render giustizia a Mussolini? – Francesco Lamendola

      Anche se so bene che di fronte all’ideologia non... Leggi commento »

    • Cono in La nuova governance mondiale targata OMS - Ilaria Bifarini

      Cara Ilaria, il "pezzo" è centrato sulla Situazio... Leggi commento »

    • Stefano in Sulla Geografia Sacra della Cina - Daniele Perra

      Un espressione magistrale dei punti fondamentali d... Leggi commento »

    • Loredana Cantarella in Civiltà tradizionali e “società” moderne

      ma un riassunto... Leggi commento »

    • Cono in Intervista all'economista Ilaria Bifarini: «Ecco cosa sta per succedere all’Italia»

      Chiedo scusa per la franchezza, fermo restando il ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli