fbpx

Il nuovo e sterile mondo di Covid – Umberto Bianchi

Il nuovo e sterile mondo di Covid – Umberto Bianchi

Silenziosamente, come una mano nera, il Virus ha steso i suoi artigli sul resto d’Europa. Inizialmente partito, quale esotica maledizione dalla lontana Cina, è andato via via espandendo le sue grinfie, sino a raggiungere, per una tragica beffa del destino, quell’Italia scalcagnata, alle prese con problemi economici e politici di lunga data, per poi avvolgere nella sua spirale di paura, il resto d’Europa ed ancorchè quegli Usa medesimi, che tanta tronfia sicurezza ostentavano. E, come per un perverso ed inaspettato sortilegio, le frontiere della tanto tollerante ed aperta Europa si sono chiuse, assieme a quelle di molte nazioni di quel Terzo Mondo, le cui masse, malate di endemica povertà, di quell’Europa, agognavano raggiungere i lidi in cerca di quanto mai improbabili fortune. D’improvviso, dalle luci della civiltà del consumo, si è passati ad un silenzioso stato di guerra. Strade deserte, occhiuti controlli, le file davanti agli esercizi commerciali per i generi di prima necessità, quella che sembrava una gioiosa ed inarrestabile macchina da guerra, quella dell’economia liberista, ora fermata, rimessa in discussione in alcuni suoi punti salienti. Si potrà far politica di bilancio, eccome. Si potranno concedere assistenziali emolumenti a coloro che, causa virus, perdono il lavoro.

Ma più di tutto, una continua ed ossessiva propaganda, imperniata sulla spettacolarizzazione e l’amplificazione della paura. Di nulla più si parla, se non di Lui, dell’infinitamente piccolo, ma terribile, Coronavirus. Non c’è più spazio per nulla, neanche per la libertà dei singoli cittadini, ora sempre più di fronte alla prospettiva di una lunga detenzione domiciliare, estesa “sine die”. Inizialmente irrisa e sbeffeggiata, ora l’Italia è lodata e guardata dagli altri quale esempio portante, sulla falsariga di quanto realizzato in quel di Cina. Quella Cina portatrice di ben altro e più malsano virus, quello neopaternalista, in grado di far coincidere alla perfezione dittatura politica e libero, sfrenato, mercato. E l’Italia, paese le cui radici socio politiche, affondano in quel mix di ottuso burocratismo bizantino,nepotistiche signorie tardo rinascimentali, inquisitoriali stati pontifici, ha prontamente colto l’occasione al balzo, per riconfermare certe, mai veramente sopite, aspirazioni, oggi però, totalmente riadeguate e coniugate all’insegna di un nuovo, inedito scenario. Zygmunt Baumann, ci aveva preconizzato l’oscura “liquidità” ed incertezza del mondo Post Moderno, determinata da una basilare carenza di punti di riferimento forti, totalmente sostituiti o virtualizzati dall’assoluto predominio della Tecno Economia su tutto il resto. Un mondo attraversato da sentimenti “liquidi”, instabili e per ciò stesso letali, nel loro repentino apparire ed espandersi nell’illimitato territorio di uno spirito umano, depauperato nella sua egoica solitudine, come appunto la paura.

Cieca, incontrollata, impulsiva, essa controlla e domina incontrastata su coscienze, certezze, caratterialità, che, di fronte a Lei, si sbriciolano e si sfaldano come se nulla fosse. Ed allora ecco che, come tante cavallette impazzite, orde di massaie svuotano i supermercati, pur sapendo che, di una cosa simile, non vi è necessità. Ecco la gente rinchiudersi ciecamente in casa, cantare, sventolare bandiere, ad ore e tempi stabiliti, così seguendo pedissequamente istruzioni e disposizioni, amplificati dal sentimento di quella paura, che ora si fa dittatura. Paura di malarsi, morire, uscire dall’Essere, per mai più Essere. Nel parlare della filosofia occidentale quale “absurdum”, in grado cioè di concepire il “non essere” quale destinazione finale di un Ente, Emanuele Severino, forse, non ha tenuto conto della profonda ed umorale irrazionalità della Storia e dell’essere umano, oggi rappresentato dall’ “uomo-massa”. Il suo sogno di un onnipresente Essere, di una consustanziale eternità degli Enti, va infrangendosi contro le scogliere di un’atavica paura. Una paura che ha saputo avvolgere nelle sue spire, l’orbe terracqueo intero e da cui, l’unica vera uscita, sarà quella della prospettiva di un mondo nuovo, purificato, igienizzato, sterilizzato, dalla principale causa di quella paura che, sempre permarrà silente nel sottofondo.

Tutte le Utopie, si fanno portatrici di un’imago mundi, purificata, perfetta, cristallizzata, apparentemente liberata dalle paure del quotidiano ma che, dietro a sé cela, l’inquietante volto di un inamovibile ed altrettanto perfetto, meccanismo di tirannide. E non per niente, le Utopie sorgono proprio agli albori di quella civiltà che dell’assoluto primato dell’Economia farà il proprio “leit motiv”. Essa è dispensatrice di gioie e delizie prima inimmaginabili, da pagarsi al salato prezzo della perdita di una umanità che, sempre più avviluppata e condizionata dal cieco desiderio, assurto ad unico target esistenziale, a fronte di una sua non soddisfazione, sprofonda nell’abisso di un’insensata logica di paura. E così, il sogno, l’Utopia, dei Tommaso Campanella, dei Francis Bacon, dei Gott, degli Hartlib, dei Buonarroti, dei Fourier, va facendosi Distopia, grigio ed asettico Falansterio eretto a barriera, contro i marosi della paura e dell’incertezza. A fondamento assoluto del nuovo Falansterio, della nuova ideologia securitaria, sta l’idea della distanza e dell’isolamento nei rapporti individuali,attraverso i quali, ben si possono controllare individui, movimenti, pensieri. Un mondo asettico, sterilizzato, abitato da popoli indeboliti, rinchiusi in tanti piccoli domicili coatti, sfruttabili, gettabili e sostituibili in qualsivoglia momento….

L’ideologia della sterilità, intesa quale impotenza a generare vita e pensiero, che non sia quello rappresentato dagli invalicabili canoni del buonismo e del pensiero “mainstream”. Che sia stata una mutazione genetica di un virus, accompagnata dall’atteggiamento superficiale delle autorità cinesi o l’esperimento sfuggito di mano ad un laboratorio a gestione mista OMS, Cina e chissà chi altro, o che sia stata opera diretta dei falchi del globalismo made in Usa, poco fa. Che tutto questo serva a Cina, America o che sia la scusa per fiaccarci e sostituirci silenziosamente, con moltitudini di schiavi provenienti dal Terzo Mondo, è la stessa cosa ed il risultato non cambia. Sia come sia, questa rappresenta per il Globalismo l’occasione d’oro per instaurare quel Nuovo Ordine Mondiale, quella Cosmopoli, che già i greci, in Età Ellenistica preconizzavano. Una Cosmopoli grigia, asettica, sterile, soffocata dalle paure e dalle insicurezze della Post Modernità…Ma, in egual modo, queste vicissitudini, potrebbero divenire il canto del cigno del Globalismo e dei suoi portabandiera di qualunque nazione o colore essi siano.

La malattia, le privazioni della libertà, la crisi economica, potrebbero a breve costituire il detonatore per l’esplosione di una rivolta senza precedenti, avente per epicentro proprio quell’Europa che, sinora codina esecutrice dei desiderata Globali, potrebbe ritornare ad avere un ruolo degno della sua plurimillenaria vicenda. D’altronde, la Storia ci ha insegnato a non fidarci mai completamente della logica delle apparenze, dell’immediato apparire di un qualcosa che poi, a ben vedere, tale non è. Un Essere che potrebbe Essere e non Essere al contempo. E ce lo dimostra, il subitaneo irrompere dell’irrazionale e del non senso nella storia di quell’Occidente, che, con le sue intrinseche contraddizioni, ancora una volta, ci ribadisce di essere un vero e proprio affascinante “unicum” nella Storia del Mondo. Con buona pace di tutti coloro che credono nella lineare e razionale sequenzialità delle vicende storiche.

UMBERTO BIANCHI

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità

Pubblicato da Umberto Bianchi il 21 Marzo 2020

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960),è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica , per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, oltre a continuare a pubblicare sulle pagine de “L’Unico”, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • ekatlos

  • afrodite

  • spazioaref brescia

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Luigi Gagliano in Quando verrà l’ora di render giustizia a Mussolini? – Francesco Lamendola

      Anche se so bene che di fronte all’ideologia non... Leggi commento »

    • Cono in La nuova governance mondiale targata OMS - Ilaria Bifarini

      Cara Ilaria, il "pezzo" è centrato sulla Situazio... Leggi commento »

    • Stefano in Sulla Geografia Sacra della Cina - Daniele Perra

      Un espressione magistrale dei punti fondamentali d... Leggi commento »

    • Loredana Cantarella in Civiltà tradizionali e “società” moderne

      ma un riassunto... Leggi commento »

    • Cono in Intervista all'economista Ilaria Bifarini: «Ecco cosa sta per succedere all’Italia»

      Chiedo scusa per la franchezza, fermo restando il ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli