fbpx

Sepher Yetzirah: l’equivoco cabalistico – Umberto Bianchi

Sepher Yetzirah: l’equivoco cabalistico – Umberto Bianchi

Lo scorso Venerdì 15 Febbraio, presso la Libreria Aseq, si è svolta la presentazione del libro “Sepher Yetzirah. Il libro della formazione. Istruzioni per creare mondi e realizzare il Golem”, edito dalla Mediterranee e curato da Sebastiano Fusco, che ha personalmente presentato l’opera. Senza tante storie, l’autore è andato direttamente al dunque, trascinando l’attenzione degli astanti sul problema della consistenza della realtà, così come affrontato dai parametri della microfisica quantistica di Niehls Bohr e Wolfgang Pauli, ma anche dalla Cabala e, nello specifico dal Sepher Yetzirah. A detta delle prescrizioni di questo testo, la realtà è modificabile e preformabile nella sua essenza da quell’iniziato che sappia introiettare e riassumere in sé gli insegnamenti di questa antica disciplina. La realtà è frutto dell’emanazione di una serie di aspetti, a loro volta frutto della diretta emanazione di Dio; l’albero delle Sephiroth ci rende una perfetta rappresentazione di questa concezione della realtà. E’ attraverso la meditazione e la manipolazione di questi simboli grafici, che l’iniziato può concentrare la propria azione creatrice su settori della realtà, desunti da quel “Galgal/Sfera” che, di questa, è la rappresentazione plastica e che qui, è concepita come vero e proprio “multiverso” , dotato di ben undici dimensioni su cui, questi potrà agire. A detta dell’autore, la novità della Cabala sta proprio nella sua semplice schematicità, cosa che ne farebbe un grimorio di ben più facile applicazione rispetto a testi consimili, come quelli ermetici, tanto per fare un esempio o quelli gnostici che, nella loro prolissa dispersività, determinata da una molteplicità di aspetti demiurgici di emanazione del divino, finiscono con il rendere difficoltosa qualunque tipo di azione di questo genere. Una facilità relativa, quella della Cabala, se non per altro, visto che viene offerta la possibilità di modificare e dominare la sostanza della realtà, tramite un’azione magica…con il non remoto rischio, di finire in mani inesperte e sbagliate.

Ma, a parte questa non secondaria considerazione, quando si parla della cabalistica e dell’intero contesto religioso veterotestamentario, rimarcandone il carattere innovativo rispetto ad altre forme, si commette, a mio parere, un grave errore di valutazione. Quella cabalistica , sviluppandosi nella veste di vera e propria forma di sapere “emanazionistico”, affonda le proprie radici in quella Gnosi ed in quel Neoplatonismo che, guarda un po’, hanno la propria fioritura tra il II ed il III secolo DC, nell’apogeo del clima culturale ellenistico, durante il quale, essa elabora i suoi primi testi. Ma c’è di più. Il termine Cabala, affonda le proprie radici nei suffissi verbali egizi “Ka” e “Ba”, indicanti Anima e Spirito dell’uomo. Elementi questi che, inquadrati nella complessa gerarchia spirituale della natura umana,faranno da impalcatura alla novella forma di conoscenza ebraica.

Una forma di conoscenza che, pertanto risente di precedenti e ben più importanti influenze, quali quelle della religione babilonese e di quella iranica, per quel che attiene i successivi afflati universalistici. La qual cosa ci fa capire la natura niente affatto innovativa di molti aspetti del monoteismo veterotestamentario, contrariamente a quanto diffuso da certa vulgata.

Esemplificativo in tal senso il Fusco, il quale, al termine della sua brillante esposizione, ha voluto rammentare ai presenti, che “gli uomini sono tutti eguali dinnanzi a Dio”, non facendo in tal modo, che riconfermare l’impostazione livellatrice ed omologante che permea di sé l’intero asset di pensiero monoteista. Tale impostazione nei secoli finirà poi, per spostarsi dal piano meramente religioso a quello economico sociale, ponendo così le basi per la attuale fase di civiltà, capitalista ed usurocratica occidentale.

Fermo restando che, ogni popolo ha diritto a venerare e praticare le tradizioni dei propri padri, non si vede perché, nell’ambito di una ricerca spirituale, si debba andare a pescare da tradizioni decisamente “minoritarie” e spiritualmente periferiche, rispetto a quelle delle grandi civiltà del passato. E, spiace dirlo, ma riguardo al contesto che stiamo trattando, quella delle tribù israelitiche (come anche quella cananea o filistea d’altronde…), non può certo esser considerata una civilizzazione pari a quella egizia, mesopotamica, indù o greco-romana che dir si voglia.

La qual cosa non può e non deve assolutamente ingenerare o giustificare atteggiamenti di ottuso razzismo, ma neanche il dover prender per oro colato, o conferire diritti di primogenitura a cose che, per chiara evidenza storica, tale diritto non possono vantare. Qui nella piccola Europa, a proposito di dottrine esoteriche, possiamo tranquillamente annoverare degli illustri precedenti: dai Misteri Eleusini, alle pratiche Dionisiache, dall’Orfismo al Pitagorismo, alle misteriosofie etrusche, passando per i culti solari ed astrali, senza tener da conto dei successivi Neoplatonismo ed Ermetismo, non senza voler lanciare uno sguardo verso Nord, verso il frassino Ygdrasill e le sue diramazioni distese verso l’Infinito,verso quelle gelide nebbie, che videro il primordiale sacrificio di giganti da cui nacquero Dei ed umani, verso quelle Rune, attraverso le quali si possono altresì interpretare e manipolare le forze del cosmo… Abbiamo di che poter arricchire il nostro bagaglio esperienziale interiore senza, per questo, dover scomodare i barbuti e verbosi profeti di biblica memoria. Che poi, lo studio della Cabala possa essere annoverato tra quelle conoscenze che, una persona dalla mente aperta, possa acquisire ed esaminare, al fine di addivenire ad una visione d’insieme più ampia, raccogliendo dalla cosa spunti di ulteriore riflessione, ci sembra cosa perfettamente lecita.

La stessa idea di “Galgal/Multiverso”, altro non fa che riportarci all’idea di una realtà, non più concepita come un insieme unitario ed equalizzato, bensì come un complesso assieme di elementi differenti, accomunati da un moto circolare senza fine. Una Tradizione Primordiale che adatta i suoi motivi archetipi alle differenti sensibilità spirituali, dei vari popoli della Terra. Alla faccia di spocchiosi primati spirituali e di quanto mai falsi spiriti egualitari che, invece, tutto omologano ed ingrigiscono.

UMBERTO BIANCHI

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Esoterismo

Pubblicato da Umberto Bianchi il 28 Febbraio 2020

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960),è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica , per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, oltre a continuare a pubblicare sulle pagine de “L’Unico”, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Nino in Napoli Sovrana Italia Sovrana: fuori i globalisti dalle nostre città – Roberto Siconolfi

      A Trieste non si sono tolti i caschi ! Semplicemen... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Violenza e nobiltà - Livio Cadè

      Non intendevo certo beni o ricchezze materiali. Pi... Leggi commento »

    • upa in Una nuova Medusa appare a New York – Giuseppe Barbera

      Dall'immagine mi sembra di vedere un libidinoso co... Leggi commento »

    • Dafne in Violenza e nobiltà - Livio Cadè

      Mi perdoni Cade', ma quando ho letto la frase "una... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Violenza e nobiltà - Livio Cadè

      Gentile Dafne, mi pare di capire che Lei accettere... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO