fbpx

Conte citava Jonas, ma ora il filosofo si rivolta nella tomba – Flavia Corso

Conte citava Jonas, ma ora il filosofo si rivolta nella tomba – Flavia Corso

Molti ricorderanno quando Conte inaugurò l’ormai defunto governo giallo-verde citando il filosofo Hans Jonas. Ora, a distanza di poco più di un anno, il filosofo del principio responsabilità si starà rivoltando nella tomba. Col governo nascente, infatti, Conte strizza inevitabilmente l’occhio ad una bioetica sempre più lontana dal concetto di sacralità del limite, tema su cui Jonas aveva fondato la sua intera etica applicata alla medicina e allo sviluppo delle biotecnologie. Con grande raffinatezza di pensiero, il filosofo aveva motivato la sua contrarietà alla sperimentazione sugli esseri umani, all’eugenetica positiva, alla morte cerebrale come paradigma funzionale al traffico di organi e all’eutanasia attiva, prediligendo una concezione della medicina come scienza al servizio della vita.

Inutile precisare che questo governo farsa non si porrà nemmeno il problema di comprendere fino a che punto lo sviluppo biotecnologico non entri in contraddizione con principi di ordine morale, e non necessariamente di ordine teologico. Il governo Conte-bis non tenterà nemmeno di rispondere alla domanda “Se è possibile, è lecito?”, perché in sostanza è sempre lecito se c’è profitto; inoltre, l’ossessione del Movimento 5 Stelle per il progresso tecnologico fine a se stesso è ormai l’unico punto che il movimento non sembra essere intenzionato a negoziare. Di seguito, si riportano allora le due bioetiche a confronto: quella promossa dai sostenitori del governo Conte-bis e quella di Jonas. Ai lettori l’ardua sentenza.

 Sull’eugenetica positiva

 Cecilia Strada:

 Non fate sesso coi fascisti, non fateli riprodurre”.

 Hans Jonas:

 Così, a conclusione e in riferimento all’intero campo della manipolazione biologica, voglio ritornare alla più seria argomentazione morale: azioni su altri, di cui non si debba rendere loro conto, sono ingiuste. Il dilemma morale di ogni manipolazione biologica sull’uomo che vada al di là del fatto puramente negativo di preservare da difetti ereditari è proprio questo: che la possibile accusa del discendente contro colui che l’ha creato non trovi più nessuno che sia in grado di rispondere e pagare e nessun mezzo di risarcimento”.

 

Sul trapianto d’organi

 Massimo Cardillo (direttore del Centro nazionale trapianti):

 A volte per i familiari è una decisione difficile da prendere e in circa il 30% dei casi c’è un rifiuto. Mentre con il silenzio-assenso, nel momento in cui non si dichiara nulla, nessuno si può opporre”.

 Hans Jonas:

 Se mantenendo la respirazione artificiale si può ottenere soltanto il coma permanente, allora […] si stacchi il respiratore e tutto il resto e si lasci morire il paziente: ma lo si lasci morire completamente, fino all’arresto di ogni funzione organica. Non si porti invece […], mantenendo gli ausili artificiali per un nuovo scopo, il processo a un momentaneo arresto, in cui il corpo può servire da banca di organi”.

 

Sulla clonazione

 Blog di Beppe Grillo:

 I mammut lanosi, si sono estinti circa 10.000 anni fa. Riportarli in vita sarebbe una specie di miracolo. E finora è stato qualcosa oltre la portata umana, ma dopo che diversi campioni sono stati estratti dalla gamba di un giovane mammut, chiamato “Yuka”, recuperato in Siberia otto anni fa, qualcosa è cambiato”.

 Hans Jonas:

 Il fatto […] è che il rampollo clonato (ipotetico) sa (o crede di sapere) troppo su di lui. Entrambi i fatti – il supposto già-sapere proprio e quello degli altri – paralizzano la spontaneità del suo divenire «se stesso», e il secondo anche la sincerità del rapporto degli altri con lui”.

 

 Sulla fecondazione assistita

 Nichi Vendola:

 Penso che la genitorialità sia un fatto culturale e ho un approccio molto critico verso le culture di tipo biologistico. Il vero padre non lo definisce il seme, ma lo desumi dalla qualità della relazione e dalla capacità di crescere un bambino”.

 Hans Jonas:

 La mia formulazione della domanda riguardo al lato giuridico è: sino a che punto determinati diritti personali, come quello di avere dei figli, motivano un dovere pubblico di contribuire alla loro realizzazione, specificamente tramite la messa a disposizione di determinati procedimenti artificiali nel caso di impedimento naturale? La mia formulazione della domanda riguardo al lato etico è: quali di queste possibili vie dell’artificio per la realizzazione di quei desideri giustificati sono eticamente problematiche o meno, in un senso che condetermini la definizione di diritto pubblico e dovere pubblico in tale questione?”.

 

Flavia Corso

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Filosofia

Pubblicato da Ereticamente il 13 Settembre 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • roma 14 dicembre

  • siamo su telegram

  • Fascismo e Massoneria

    Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi – 1^ parte – Luigi Morrone

    di Ereticamente

    1. La massoneria italiana tra ‘800 e ‘900 Le logge massoniche si diffondono nella penisola italiana a macchia di leopardo fin dalla metà del XVII[...]

  • afrodite

  • ekatlos

  • melissano 21 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin