fbpx

Bibbiano: il trauma alla base del controllo mentale – Flavia Corso

Bibbiano: il trauma alla base del controllo mentale – Flavia Corso

L’infanzia è la fase della vita cruciale per la formazione della struttura della personalità della persona, il momento in cui viene a costituirsi l’identità del soggetto. Per questo motivo, è anche la fase più delicata e vulnerabile della crescita individuale, lo stadio in cui i fattori ambientali giocano un ruolo decisivo nel determinare il percorso evolutivo di ciascun essere umano, fino a plasmarne le più profonde credenze, i valori morali e i meccanismi di funzionamento della psiche stessa.

Ancor prima dello squallido giro di soldi che il caso Bibbiano ha messo in luce, l’aspetto più scandaloso e raccapricciante dell’intera vicenda riguarda la manipolazione mentale infantile a scopi ideologici. L’infanzia è un terreno fertile per il controllo mentale; sono proprio i bambini, infatti, il bersaglio preferito di un’ideologia perversa che si infiltra come un virus nei libri di scuola, nei cartoni animati e nelle fiabe stile – appunto – Hansel e Gretel. La mente dei bambini viene violata e manipolata in maniera sistematica sia attraverso l’istruzione che per mezzo di un metodo ancora più inquietante e invasivo, ossia il trauma psicologico indotto consapevolmente da “psichiatri” e “assistenti sociali”.

 

Un metodo importato dagli USA

L’inchiesta Angeli e Demoni ha fatto emergere metodi di tortura molto simili a quelli che venivano inflitti dagli psichiatri americani della CIA, a partire dagli anni Cinquanta, su vittime inconsapevoli di essere controllate mentalmente dai loro handler (i gestori delle vittime). Era il cosiddetto Progetto “MKULTRA”, il programma della CIA per il controllo della mente, la cui esistenza è testimoniata da documenti ufficiali desegretati in seguito al Freedom of Information Act. Sebbene sia stato ufficialmente interrotto nel 1973, si presume che il progetto sia tutt’oggi in atto sotto il nome di “Progetto Monarch”.

Gli esperimenti condotti dalla CIA prevedevano la ripetuta provocazione di traumi psicologici nel soggetto, tali da indurre nella vittima uno stato dissociativo con conseguenti “personalità multiple”. Queste nuove personalità potevano essere facilmente gestite dai manipolatori attraverso l’utilizzo di specifici “inneschi” (trigger). Le vittime di questi esperimenti arrivavano ben presto a non avere più alcuna capacità di pensare autonomamente, a non avere la concezione del tempo, e a non poter fare altro che eseguire gli ordini come fossero automi privi di una propria coscienza. Molte di queste vittime venivano “iniziate” alla programmazione mentale fin dai primi anni d’età, soprattutto se si trattava di soggetti che erano già stati indeboliti da traumi – nello specifico, abusi sessuali – subiti all’interno della famiglia.

Per traumatizzare ulteriormente la vittima prescelta fino a renderla mentalmente frammentata, e quindi gestibile a piacimento, venivano utilizzati diversi metodi, tutti moralmente ripugnanti: somministrazione di sostanze psicotrope (soprattutto LSD), ipnosi, abusi di ogni genere, privazione del sonno e del cibo, messaggi subliminali, elettroshock… era (è?) questa la ricetta per creare lo schiavo perfetto.

A Bibbiano esperimenti di controllo mentale?

Il parallelismo tra i metodi perversi impiegati nel Progetto MKULTRA/Monarch per il controllo della mente e quelli di Bibbiano è allarmante. In entrambi i casi, infatti, ricorrono alcuni elementi:

  • Messaggi subliminali a sfondo fiabesco in grado di suscitare nel bambino una risposta emotiva inconscia. L’intento dei “terapeuti”, nel travestirsi da personaggi cattivi delle fiabe in rappresentazione dei genitori, era quello di manipolare subliminalmente la percezione che il bambino aveva della propria famiglia naturale. La manipolazione mentale agisce infatti prevalentemente a livello inconscio, facendo leva sulla particolare suggestionabilità che caratterizza l’età evolutiva. È una vera e propria violazione della mente inconscia del bambino.
  • Traumi psicologici indotti dai “terapeuti” stessi, e non dal contesto familiare. Oltre all’allontanamento forzato dai genitori, le povere vittime hanno dovuto ascoltare frasi shock nel corso delle sedute di terapia, parole che probabilmente non avevano nemmeno mai sentito pronunciare prima di allora, e che, inevitabilmente, rimarranno per sempre scolpite nei loro ricordi come traumi indelebili. Hanno finito per convincersi che chi stava “dalla parte dei bambini” stesse dicendo loro la verità.
  • L’impiego di elettrodi per la riprogrammazione mentale. La “macchinetta dei ricordi” aveva la funzione di modellare a proprio piacimento, tramite stimolazioni elettriche, la mente già frammentata della vittima. L’obiettivo? “Alterare lo stato della memoria in prossimità dei colloqui giudiziari”, un’ulteriore violazione e manipolazione della mente dei bambini.

 

Indottrinamento infantile

 La suggestionabilità in età evolutiva rende i bambini il target perfetto dell’indottrinamento più profondo e radicato. In uno studio del 2004 apparso nella rivista scientifica Psicologia e Giustizia, si evidenzia che:

 In definitiva abbiamo trovato che i bambini si lasciano facilmente suggestionare da un adulto, accettando le informazioni (non veritiere) da quest’ultimo suggerite e raccontando fatti mai accaduti. Molti sono stati i bambini che, piuttosto di affermare di non ricordare o di non sapere quanto chiesto dall’adulto, hanno introdotto nei loro racconti particolari falsi (contenuti nelle domande poste loro) e in parte inventati (frutto della loro fantasia).”

 Esattamente quanto accaduto a Bibbiano. L’insistente propaganda ideologica ha individuato i bersagli più vulnerabili ai traumi per plasmarli secondo un disegno che difficilmente può essere smentito, considerate le prove a sostegno dell’accusa. Questo disegno non è né di destra né di sinistra, è bensì l’apartitico lato oscuro dell’essere umano che, da più di mezzo secolo ormai, favorisce l’ipersessualizzazione dell’infanzia. Un’infanzia nel migliore dei casi sempre più accelerata, se non addirittura negata. Come evidenziato anche dallo psicologo Mugnaini nel libro Erosi dai media, i persistenti tentativi del mondo adulto di invadere quello infantile producono danni irreparabili sulla formazione della struttura della personalità:

L’importante è assecondare fantasie e curiosità, emozionare ed eccitare, per vendere. Non ci si cura se tali stimoli possano giocare un ruolo nel nuocere alla persona e nel dis-educare all’amore. Non ci si cura, insomma, se la stimolazione diventi eccessiva e inappropriata, se può modellare negativamente persone e cultura”.

 Il dramma di Bibbiano, se considerato anche all’interno di questa prospettiva, assume connotati ancora più tragici. È dovere degli adulti, quindi, tutelare i bambini da questo martellante tentativo di strapparli dalla loro stessa infanzia, di farne quasi un’imitazione in miniatura dei “grandi”. L’infanzia è sacra e inviolabile, e qualsiasi sua strumentalizzazione e manipolazione costituisce un crimine contro l’umanità.

Flavia Corso

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità

Pubblicato da Ereticamente il 23 Luglio 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. flora

    E’ vero. il controllo mentale ancora esiste e ci sono tante vittime. a me hanno cominciato a manipolare i sogni quando ero uno studente universitario a Milano, ed alloggiavo nel pensionato Bocconi. Le voci invece sono sorte 5 anni dopo mentre lavoravo in montblanc italia quando era amministratore delegato barbara falcomer , poi mi e’ stato ripetuto a londra mentre avevo trovato lavoro come pulitore di cessi e caffè in West & kitchen. a causa di quanto successo a milano nel 2005-2006 mi sono trasferito a londra e li intorno alla fine del 2006 ed inizio 2007 mi e’ stato fatto di nuovo. sono rientrato in italia e dopo 3 mesi sono ritornato a coventry dove ho frequentato un master a coventry university anche li a settembre 2007 hanno cominciato ex novo con il controllo mentale.ancora non avevo capito che si trattasse di controllo mentale e per non far preoccupare ulteriormente i miei genitori sono rientrato in italia a milano e dopo aver trovato lavoro in viviennen wetswood a dicembre 2009 hanno ricominciato con i satelliti.
    infine mi e’ stato rifatto a basilea tra agosto 2014 e giugno 2016, mentre lavoravo in tally weijl e dopo aver dato le dimissioni.
    ho capito che si trattasse di controllo mentale e voci solo nel 2015 quando ho trovato tutti questi documenti che adesso commento su internet, prima chi mi ha coinvolto in questo sistema di voci, lettura del pensiero e manipolazione dei sogni mi ha fatto assumere psicofarmaci per 12 anni. essendo io sotto controllo satellitare e lettura del pesniero tramite satelliti spia, chi mi controllavo sapeva perfettamente che credevo in quello che la psichiatria diceva quindi mi facevano credere che si trattasse di problemi psicotici interrompendo i satelliti. da quando invece ho capito questo sistema la lettura del pensiero e le voci continuano, anche perche’ di commenti ne ho fatti abbastanza su internet.
    mi chiedo soltanto se siano le aziende in cui ho lavorato le responsabili del controllo mentale voci o anche l’ apparato statale o entrambi su accordi.

    comunque alla base di tutto c’è l’omofobia per la quale si spiega A LUI LE ROSE e la sua compagna che prima ha cominciato come mamma e poi ne è diventata moglie si chiama rossella (la rosa).

Lascia un commento

  • firenze 21 novembre

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Valerio in Gustavo Adolfo Rol: I «miracoli» e la «scienza» - 4^ e ultima parte - Piervittorio Formichetti

      IL Dott Gustavo Adolfo Rol riusciva a percepire ne... Leggi commento »

    • Dionysos ANDRONIS in Droga ed acque corrosive in Crowley: le Nozze Biochimiche di Peter Pendragon – Luca Valentini

      ALEISTER CROWLEY “The Diary of a Drug Frien... Leggi commento »

    • Nebel in Dal populismo al tribalismo: la nuova frontiera del consenso politico - Ilaria Bifarini

      Bravissima come sempre.... Leggi commento »

    • salvatore civiltà in Le cause mistiche della guerra in Siria e l’accelerazione dei tempi – Mizar dell’Orsa

      Solo oggi ho avuto modo di leggere il Suo signifi... Leggi commento »

    • Graaf in Una scorta per l’ipocrisia – Enrico Marino

      Ma gramellini non e' un giornlista vuole farlo ci ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin