fbpx

Alchimia emozionale: stati emotivi di trasmutazione – Stefano Mayorca ©

Alchimia emozionale: stati emotivi di trasmutazione – Stefano Mayorca ©

I processi alchemici che presiedono alla mutazione interna devono necessariamente sostare nella parte destra dell’apparato cerebrale preposta alle funzioni immaginative, la zona antica del cerebro (cervello primordiale). Qui vengono registrate tutte le sensazioni captate dai cinque sensi fisici. Questa matrice, una sorta di lastra fotografica sulla quale viene impressionata ogni esperienza corporea ed extracorporea, è identificabile come Corpo Lunare, Mediatore Plastico o “doppio eterico”.

Il Corpo Sidereo – altro nome con cui è conosciuto questo elemento sottile appartenente all’uomo evoluto (quindi già iniziato) – raccoglie in sé ciascuna emozione e la trasmuta per adattamento alla nuova corrente energetica che scaturisce dalla sensazione ricevuta, e alla reazione che ne
consegue. Il lavoro alchemico, volto a mutare la natura fallace dell’uomo, senza per questo rifiutarla o estinguerla allontanando le emozioni interne, deve primariamente agire sulla qualità emotiva emessa. Tale fase coincide con una presa di coscienza e con l’espansione della coscienza stessa che dilata la percettività dell’alchimista.

La dilatazione prescinde dalla qualità delle percezioni, poiché queste devono ancora subire un lavoro di armonizzazione che consente di uniformare il nuovo stato interiore con la vecchia personalità. Ciò significa che una scarica emozionale veicolata dalla paura, dalla rabbia, da una passione amorosa squilibrata viene tramutata di modo che l’impatto psichico sia attenuato e gradualmente l’emozione negativa si cambi in una qualità positiva, sostituendo la reattività incontrollata con una reazione controllata.

Il distacco prodotto dal processo trasmutativo non va interpretato come una rinuncia, ma, al contrario, come un atto consapevole che permette di vivere le esperienze della propria esistenza in maniera cosciente, senza alterazioni di sorta o distorsioni della realtà presente. Qualunque esagerazione è lontana da quello stato mentale che permette di godere delle gioie della vita o altresì dei dolori che sovente ci riserva, senza lasciarsi divorare dalla paura e dalle consuete sensazioni, emozioni forti che purtroppo ci fanno regredire. Sotto questo aspetto, i sensi di colpa fanno parte di quei meccanismi deleteri che inficiano la vitalità, originando una corrente energetica stagnante e negativa che impedisce di assaporare ciò che la vita ci offre, veri e propri doni che noi rifiutiamo.

Perché respingere un dono che la natura, il destino o la nostra evoluzione ci concede? Si comprende così come nella ricerca di una condizione svincolante che affranchi dalla corporeità, si concentri in noi un coacervo di pensieri emozionali che distolgono dall’autentica visione del vero. Attenzione però, quando si opera nell’ambito dell’alchimia totale le cose cambiano, giacché nel corso di questo cammino nulla può essere disperso e di conseguenza tutto deve essere ritenuto. Questa ritenzione è tanto fisica quanto psico-emozionale e allude alla chiusura ermetica dell’Atanor, il fornello alchemico.

– Stefano Mayorca – riproduzione riservata

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Ermetismo

Pubblicato da Ereticamente il 16 Luglio 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • ekatlos

  • misteri - ezio albrile

  • tradizione occidentale

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Gaetano Barbella in Sulle Ali della Memoria: riflessioni sull'opera di Maria Cacciola - Alessandra Iacono

      Può essere di sostegno capire che non tutto dell'... Leggi commento »

    • Max Dewa in I volti della decadenza, settima parte – Fabio Calabrese

      IL piano kalergi l'ennesima boiata , ma come potet... Leggi commento »

    • Michele in L'eredità degli antenati, seconda parte – Fabio Calabrese

      Gentilissimo professore pur non avendo la fortuna ... Leggi commento »

    • Loris in La verità su S’Anna di Stazzema

      Mia mamma con altre persone di Arni ,venne via da ... Leggi commento »

    • Fabio in Hiroshima e Nagasaki ... l'Oblio - Roberto Pecchioli

      Sig. Cono, in queste giornate così calde è megl... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin