fbpx

Itinerarium mentis in Dugin. O, della fecondità della lettura – Luca Siniscalco

Itinerarium mentis in Dugin. O, della fecondità della lettura – Luca Siniscalco

La censura culturale – ideologica, metapolitica, filosofica, che dir si voglia – fa il suo ritorno in Italia. La questione incendia la programmazione dell’Università d’Estate 2019 – “Strade di Eurasia”, organizzata dall’associazione REuropa per portare in Italia, in un denso (Grand) Tour di conferenze, il filosofo e politologo russo Aleksandr Dugin. Le polemiche non sono mancate, così come i tentativi di boicottaggio. I vessilli sotto cui i corifei della Società Aperta di popperiana memoria si sono raccolti recano i consueti e roboanti titoli: liberalismo (de iure, di certo non de facto), difesa della democrazia (come se ce ne fosse una sola, eternata in un iperuranio cui post-Nietzsche è francamente ingenuo affidarsi), anti-fascismo e anti-nazismo (utili strumenti nel caso di un autore dichiaratamente non fascista e non nazista), anti-imperialismo (che alle critiche di Dugin all’unico Impero in atto, quello di Hardt e Negri, per intenderci, proprio non si vogliono interessare), apertura pluralistica all’altro (solo quello privo di identità, ça va sans dire).

Superando per un attimo la vicenda contingente, che pure ha visto coinvolto Noam Chomsky, e l’analisi articolata che ne può esser fatta – e che è già stata condotta da alcuni intelligenti commentatori – vorremmo lanciarci in una provocazione. Una sfida ardita, forse un po’ eccentrica, a tratti utopistica. Perché non tentare di discutere nel merito le tesi di Dugin? Perché non partire dalla lettura dei suoi testi disponibili in lingua italiana, grazie allo sforzo e alla passione di editori encomiabili? (Per i poliglotti, ricordiamo che le opere di Dugin sono acquistabili, fra le altre lingue, in inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, russo ovviamente – insomma, giusto per precisare, i suoi saggi possono essere letti; se lo si desidera, bastano pochi euro e un click, lo garantiamo).

Si potrebbe scoprire, ad esempio, che la bibliografia e le fonti impiegate dallo studioso russo sono ampie e variegate. Non intendiamo affatto sminuire le radici evoliane e guénoniane della posizione duginiana. Ma potrebbe essere sorprendente, per alcuni perlomeno, scoprire che oltre alla scuola tradizionalista e agli autori tedeschi della Konservative Revolution (Schmitt, Heidegger, Jünger e Niekisch – sì, proprio lui, l’anti-nazista Niekisch) Dugin si abbevera a studi storico-religiosi e antropologici (Eliade, ad esempio), approfondisce il tema dell’immaginazione e dell’immaginario (Durand e Caillois, fra gli altri), tematizza il fondamento filosofico del postmodernismo (Deleuze, Guattari, Lacan, Baudrillard), indaga le radici mistiche e teologiche dell’ortodossia cristiana, si confronta persino col cinema e la cultura pop a lui contemporanea.

La filosofia politica di Dugin e la sua iper-(mal)-citata Quarta Teoria Politica – cui, si badi bene, va tutto il nostro interesse e a cui abbiamo intensamente lavorato – sono una sola declinazione disciplinare di una proposta teoretica, metodologica ed esistenziale assai più ampia. La quale, ridotta con il liberalissimo rasoio di Ockham, è in ultima istanza un invito all’esercizio di una riflessione organica sulla contemporaneità postmoderna, sui suoi limiti, e sulla possibilità, nel confronto critico e pluralistico con le diverse tradizioni, di una riconquista da parte dell’uomo di una integralità che sia insieme interiore ed esteriore. Di quella “libertà per” – e qui ci spiace scomodare Julius Evola, che in questi giorni ne ha viste delle belle – che «è l’assoluta negazione e l’assoluta affermazione, l’abisso, l’eternità da cui fiorisce un mondo libero, nudo, aprovvidenziale, un mondo di autarchie in luce e in tenebre». Così è scritto a conclusione di Fenomenologia dell’Individuo Assoluto, un modernissimo affresco di irradiazioni anticonservatrici e, proprio per questo, tradizionali (nel senso della Sophia Perennis).

Torniamo a Dugin. Il macrocosmo politico e geopolitico è intrinsecamente connesso, nella sua prospettiva, col microcosmo in interiore hominis. Una lezione, questa, di origine tutta rinascimentale – giacché anche al Rinascimento italiano, e agli studi della Yates e di Culianu a esso dedicati, s’interessa Dugin. Più che i militanti di qualsivoglia partito, club o associazione, i veri nemici del suo pensiero sono gli engagés di un’Idea perniciosa e bifronte: la fine della storia e l’impossibilità della creazione di destini (con le sue svariate declinazioni: liberismo economico, liberalismo politico, neopositivismo, filosofia analitica, postmodernismo sclerotizzato, dualismo filosofico, materialismo del virtuale, riduzionismo ontologico).

Chi davvero intende, seriamente, attaccare Dugin, si misuri (anche) con questi temi. Con Teoria e fenomenologia del Soggetto Radicale, di prossimissima pubblicazione per AGA, lanciamo questa sfida. In fondo, sulla fecondità della lettura e del contraddittorio, siamo tutti d’accordo. O forse no?

 

Luca Siniscalco

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Filosofia

Pubblicato da Ereticamente il 14 Giugno 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • napoli 21 settembre

  • Napoli 12 ottobre

  • ekatlos

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • ROMA 4 OTTOBRE

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Giuseppe Di Mascio in Il problema del Logos tra Paolo M. Virio e Massimo Scaligero - Umberto Bianchi

      Articolo interessante, nella sua storia del pensi... Leggi commento »

    • vittorino in Ramana Maharshi e “L’Essenza dell’Insegnamento” – Luca Violini

      io sono stanco... Leggi commento »

    • michele Simola in Sulle barricate, terza parte – Fabio Calabrese

      Già durante la seconda guerra mondiale avevamo un... Leggi commento »

    • Max Dewa in Facebook: la censura privatizzata - Roberto Pecchioli

      Ma figuriamoci se pecchioli non butta una Bella ma... Leggi commento »

    • massimo in L’archetipo della crudeltà: le origini sadiche dell’uomo in un saggio di Robert Eisler - Simöne Gall

      kafka cita von masoch nella metamorfosi?... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin