fbpx

Gli scritti evoliani per la rivista tedesca Antaios

Gli scritti evoliani per la rivista tedesca Antaios

La conoscenza come <<realizzazione>> viene indicata come una conoscenza che trasforma…

Il Mito, simbolo, iniziazione, spiritualità orientale e occidentale, metafisica del sesso, filosofia della temporalità sono alcuni dei temi affrontati da Julius Evola nei cinque articoli pubblicati su «Antaios», rivista tedesca diretta dallo storico delle religioni Mircea Eliade e dallo scrittore Ernst Jünger e che rappresentò un grandioso cantiere intellettuale per la cultura conservatrice e antimoderna dell’Europa del Secondo dopoguerra, ora ripubblicati in italiano per “I libri del Borghese”, a cura di Luca Siniscalco, collaboratore della Fondazione Evola, redattore della rivista Antarès e collaboratore de “Il Giornale OFF”, con una presentazione del celebre studioso austriaco Hans Thomas Hakl, il quale riprendendo gli intendimenti di Jünger evidenzia la profondità della pubblicazione in essere:

La rivista vuole servire la causa della libertà nel mondo. Un mondo libero può essere solamente un mondo dello spirito“.

Nel decennio 1960-1970, inserendo le proprie riflessioni nella cornice mitico-simbolica del progetto editoriale tedesco, Evola affronta questioni fondamentali per comprendere il resto della sua opera – e, ancor più rilevante, il nostro presente. A prospettare una alternativa per la civiltà occidentale emerge la sua serrata critica alla modernità: letti in piedi fra le rovine, gli scritti di «Antaios» offrono uno sguardo acuto, di tipo metastorico, sulle fonti della Philosophia Perennis.

Indice del testo:

  • Nota di Luca Siniscalco
  • Presentazione – Julius Eola e <<Antaios>>. Una storia editoriale di Hans Thomas Hakl
  • Introduzione – Uno sguardo mitico-simbolico. Le irradiazioni di Evola in <<Antaios>> di Luca Siniscalco

Antaios (1960 – 1970):

  • Il simbolo, il mito e la falsa strada dell’irrazionalismo (1960);
  • Virilità spirituale e simbolismo erotico (1962);
  • Sull’iniziazione (1965);
  • Temporalità e libertà (1968);
  • Del Mito dell’Occidente (1970).

Importante, in conclusione, la riflessione del curatore sulla dimensione mitico – simbolico, quale riferimento essenziale degli scritti evoliani, che ben si conciliano con l’ancora poco noto Mircea Eliade, nell’ambito della storia delle religioni. L’accezione dell’ermeneutica del filosofo tradizionalista si concentra ad un’azione di qualificata azione pedagogica, sempre in linea con la personale prospettiva, in ambito di interpretazione delle culture arcaiche, di natura solare ed apollinea:

Evola connette la dimensione del mito, del simbolo e dell’archetipo a un ordine superiore, super – reale, potremmo dire, oltre il dualismo razionale/irrazionale, negli spazi aperti dell’estensione noetica dell’essere“.

La Redazione

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Libreria

Pubblicato da Ereticamente il 11 Giugno 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • napoli 21 settembre

  • Napoli 12 ottobre

  • ekatlos

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Nebel in Cantami, o diva, del nero Achille l’ira funesta… - Roberto Pecchioli

      RESISTERE, RESISTERE, RESISTERE!!... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Il ritorno delle antiche religioni

      Sit tibi terra levis, Vlassis Rassias https://ece... Leggi commento »

    • Lama in Visione del mondo e ideologia (Perché il marxismo è fallito, e il liberal-capitalismo non promette nulla di buono)

      Concordo su molte argomentazioni e ricostruzioni ... Leggi commento »

    • Piervittorio Formichetti in Un insolito Erasmus – Fabio Calabrese

      Buongiorno. ho letto con interesse e non mi aspett... Leggi commento »

    • Paolo in Passione di verità: la lezione di Abrham Joshua Heschel - Giovanni Sessa

      Sed Vaste Le consiglio vivamente di leggersi ciò... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin