fbpx

Aleksandr Dugin in Italia: la nostra conversazione con Rainaldo Graziani

Aleksandr Dugin in Italia: la nostra conversazione con Rainaldo Graziani

1 – Lei è tra gli organizzatori del tour italiano del filosofo russo Aleksandr Dugin: vi aspettavate tanta ostilità da parte della cultura ufficiale?

Più che tra gli organizzatori collaboro da diverso tempo con il Prof. Dugin su diversi progetti di natura metapolitica. La “Guerra Culturale”, poichè di tale si tratta, è caratterizzata da tre fasi:

– la prima è determinata dal Silenzio su ogni iniziativa promossa;
– la seconda fase è caratterizzata dal pubblico riconoscimento del nemico e le prime azioni si caratterizzano attraverso la diffamazione ed il tentativo di “ridicolizzazione e/o insulto” dell’avversario;
– la terza fase estremamente più complessa si sposta sul piani verticali e si affaccia all’ingresso della post-modernità e muta sia nei terreni di scontro che negli attori.

Dugin con Rainaldo Graziani

2 – È un’impressione di molti che le critiche a Dugin sia avulse dal suo pensiero, cioè chi lo denigra probabilmente non ha mai letto un suo libro: è della stessa opinione?

Non sono completamente d’accordo. Credo che la maggioranza degli attacchi siano partiti propriamente dalla lettura delle opere, magari non dalla completa comprensione del pensiero del Prof. Dugin, ma sicuramente dalla percezione della pericolosità che il suo pensiero possa produrre. Oltre a focalizzare il presente il pensiero di Dugin rappresenta la stella polare per posizionarsi negli scenari ed anche nei conflitti che la distruzione della modernità produrrà.

3 – Al di là delle farneticazioni neo-illuministe, quale elemento rende, secondo lei, il pensiero di Dugin intollerabile per l’intellighenzia globalista?

Il pensiero di Dugin è devastante nella misura in cui non si rivolge al passato per affrontare il futuro e introduce il concetto del “Soggetto Radicale” , quale protagonista “centrale” nella post-modernità, sganciato cioè dalla distruzione di tutto ciò che esiste nella modernità.

 

Dugin con Maurizio Murelli

4 – Tanta ostilità, ma soprattutto tanto sostegno e tanti lettori: è sorpreso?

Non più di tanto … il conflitto culturale in atto è uno scontro inevitabile all’interno di uno spazio geografico e spirituale quale è il territorio italiano. Siamo dinanzi ad un fase che non ha nulla a che fare con il caos ma più propriamente è una fase di interregno, per dirla con Gramsci, in cui la “Storia intesa come organismo vivente” (1) chiama forze contrapposte ad uno scontro “epocale” e quindi sono ovviamente poco sorpreso.

5 – Milano, Roma, Reggio Calabria e poi Udine: la marcia non si ferma?

Sono 15 tappe e siamo solo alla nona: forme e sostanza sempre diverse tra loro, temi diversi tra loro, verticalità diverse tra loro, progetti diversi tra loro, già intrapresi o magari appena formulati. La marcia non può arrestarsi per il semplice motivo che si è oltrepassato il punto di non ritorno…

Nota: 1 – Espressione del filosofo Emanuele Franz, utilizzata più volte nei suoi articoli e nei suoi libri.

Intervista a cura di Luca Valentini per la Redazione di EreticaMente

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Intervista

Pubblicato da Ereticamente il 11 Giugno 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • roma 14 dicembre

  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • melissano 21 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin