fbpx

Dal Positivismo al Pessimismo: la Scuola di Francoforte – Umberto Bianchi

Dal Positivismo al Pessimismo: la Scuola di Francoforte – Umberto Bianchi

Qualcuno l’ha voluta chiamare scuola, forse in omaggio alla nutrita schiera di pensatori che a partire dagli anni Trenta e Quaranta del Novecento furono accomunati da una copiosa produzione intellettuale che, sebbene effettuata nelle più svariate branche del sapere, dalla filosofia, alla psicanalisi, all’economia, alla sociologia, etc., sono state tutte accomunate dall’idea dell’elaborazione di una “teoria critica”, in grado cioè di effettuare un’analisi complessiva della società muovendo per l’appunto da diverse prospettive culturali. Una forma di sapere in grado cioè di esercitare un’azione critica sui propri fondamenti, in grado quindi di effettuare un continuo autorinnovamento, proseguendo in questo sul solco di un’iniziale intuizione marxista. Un progetto ambizioso dunque, la cui premessa stava nell’idea di una società potenzialmente emancipata, arrivata cioè al superamento della fase liberale del pensiero socio economico, all’interno della quale erano venuti a sorgere nuovi rapporti di forza tra struttura e sovrastruttura, sempre più repressivi ed alienanti che per l’appunto la nuova teoria avrebbe avuto il compito di superare avvalendosi di molteplici branche del sapere, tra cui in primis la psicanalisi, scienza in grado di analizzare e descrivere il sedimentarsi di certi processi culturali a livello inconscio. La nuova teoria si contrapporrà alla scienza positivista, determinando così una grave frattura all’interno della grande “koinè” culturale progressista. Il lavoro della scuola di Francoforte non rimarrà senza influenze sugli eventi del secondo Novecento, Sessantotto in primis. E. Fromm per la psicanalisi, T.W. Adorno per la musicologia, Pollock per l’economia, Horkheimer e Marcuse per la speculazione filosofica, assieme a moltri altri, ognuno di costoro sarà protagonista di un’avventura intellettuale i cui risultati andranno ben oltre le iniziali confutazioni. Di tutti questi autori due in particolare ci interessano ai fini del nostro studio: Max Horkheimer e Herbert Marcuse, i cui percorsi stanno lì a simboleggiare le tematiche di un’epoca intera.

HORKHEIMER IL PESSIMISTA

Dell’intera scuola di Francoforte Horkheimer sembra un po’ rappresentare il battistrada ed il rappresentante più in vista; questo sia perché il suo lavoro si intrecciò in un vero e proprio rapporto sodalizio intellettuale con Pollock, Adorno e Marcuse, arrivando con gli ultimi due a pubblicare dei tedti fondamnentali. Horkheimer parte dall’iniziale considerazione che l’unica realtà in grado di contrapporsi al pensiero alienante della fase più tarda del capitalismo è quella rappresentata dall’individualità borghese in grado di confutare e denunciare mediante la teoria critica la connessione tra ideologia, processo produttivo e strutture caratteriali inconsce. I suoi monumentali studi sul pregiudizio antisemita, al pari di quelli sull’autoritarismo alla base dei regimi totalitari, sono tutti protesi a ribadire questa inscindibile connessione. Tornato negli anni ’50 a Francoforte in Germania, Horkheimer dovrà però assistere sconsolato al processo di mercificazione che andrà via via permeando la società occidentale, e di cui sarà protagonista proprio quella progredita coscienza borghese su cui tanto aveva fatto affidamento, rendendo in tal modo vane le speranze di riscatto e di ribellione dalla proteiforme struttura del capitalismo Post Moderno. Gli ultimi scritti di Horkheimer saranno sempre più improntati ad uno scetticismo e ad un pessimismo che ne avvicinano le posizioni a quelle di uno Schopenauer, irriducibile nemico di qualsiasi razionalismo “critico” di stampo pseudo-illuminista. Verso il ’68, sempre più lontano dalle iniziali istanze ribelliste e progressiste, autorizzerà a malincuore e non senza diffidenze la ripubblicazione dei testi scritti negli anni ’30. La vicenda di Horkheimer e dell’intera scuola di Francoforte sancisce con quarant’anni di anticipo la crisi e l’insufficienza dell’intera struttura del pensiero individualista borghese e delle sue propaggini “politicamente corrette”, oggi invece anacronisticamente tanto in auge.

MARCUSE: LA MARCIA RIVOLUZIONARIA VERSO IL NULLA

Se Horkheimer trasforma le proprie iniziali istanze in un percorso che via via va facendosi sempre più pessimistico sino a giungere ad una dimensione di intimistico chiudersi ad un mondo sempre più incomprensibile, Marcuse partecipa delle medesime iniziali istanze “critiche” cercando di trasformarle in una prassi per l’azione rivoluzionaria. Partendo dall’iniziale considerazione sulla fondamentale importanza dell’hegelismo e del marxismo in quanto esempi di pensiero “negativo”, ovverosia volti a rimarcare la propria vitale differenza rispetto alla corrente razionalità. Marx ed Hegel, ma anche la psicanalisi, sono per Marcuse strumenti da cui partire per identificare le cause prime dell’alienazione e dello sfruttamento, ed indicare una via alla felicità dell’uomo. Da degno aderente alla scuola di Francoforte, Marcuse finirà con il rivolgere la propria critica verso l’intera impostazione di pensiero positivista, andando ad attaccare proprio quelle che, sino a quel momento erano state le sue principali fonti d’ispirazione: il marxismo e la psicanalisi. Nel primo critica l’isterilimento da ideologia della rivolta ad espressione ideologica di un arido e dogmatico positivismo, mentre nella seconda critica la funzione di supporto all’inserimento della psiche individuale all’interno dei meccanismi della società occidentale, funzione questa assunta dal freudismo.

A quel punto Marcuse si assume l’onere di una radicale critica della società dei consumi, che egli ritiene animata da un principio repressivo di tutte le istanze di liberazione individuali e sociali. Tale società giustifica e camuffa i propri reali intenti attraverso il mito del consumo, che rende l’uomo l’inconsapevole schiavo di un infernale ed alienante meccanismo economico e sociale. Superate le iniziali posizioni marxiste Marcuse non può più affidare ad una classe operaia totalmente assorbita dall’imperante economicismo, il compito di guidare una rivolta, di cui invece saranno investite tutte quelle figure appartenenti alle nuove marginalità. Nel “lumpenproletariat” ed in genere nelle figure che sopravvivono ai margini della società come sacche di disagio, Marcuse identifica la nuova aristocrazia rivoluzionaria, la nuova elite che dovrà aprire il faticoso cammino in direzione di una sempre più difficile liberazione. Il percorso della scuola di Francoforte inizialmente partito da posizioni di ottimistico criticismo, nel corso degli anni approda alla conclusione che l’Occidente “non si può” cambiare, perlomeno non con le premesse con cui aveva inizialmente animato il proprio percorso. All’ottimistica fede in un analitico eclettismo culturale di stampo progressista si sostituisce il progressivo senso di disagio e di impotenza di fronte all’ineluttabile destino che sembra silenziosamente avvolgere l’Occidente nelle sue spire…

Tratto da “Il Fascino discreto dell’Occidente “ di UMBERTO BIANCHI

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Filosofia

Pubblicato da Umberto Bianchi il 2 Maggio 2019

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960),è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica , per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, oltre a continuare a pubblicare sulle pagine de “L’Unico”, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

  • firenze 21 novembre

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Valerio in Gustavo Adolfo Rol: I «miracoli» e la «scienza» - 4^ e ultima parte - Piervittorio Formichetti

      IL Dott Gustavo Adolfo Rol riusciva a percepire ne... Leggi commento »

    • Dionysos ANDRONIS in Droga ed acque corrosive in Crowley: le Nozze Biochimiche di Peter Pendragon – Luca Valentini

      ALEISTER CROWLEY “The Diary of a Drug Frien... Leggi commento »

    • Nebel in Dal populismo al tribalismo: la nuova frontiera del consenso politico - Ilaria Bifarini

      Bravissima come sempre.... Leggi commento »

    • salvatore civiltà in Le cause mistiche della guerra in Siria e l’accelerazione dei tempi – Mizar dell’Orsa

      Solo oggi ho avuto modo di leggere il Suo signifi... Leggi commento »

    • Graaf in Una scorta per l’ipocrisia – Enrico Marino

      Ma gramellini non e' un giornlista vuole farlo ci ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin