Ascia Bipenne: il segreto simbolismo iniziatico – Stefano Mayorca

Ascia Bipenne: il segreto simbolismo iniziatico – Stefano Mayorca

L’ascia, strumento di enorme valore iniziatico, è utile per recidere con rapidità ed è utile al navigante e al costruttore. Questo oggetto riveste un notevole valore occulto e simbolico.

Per i Caldei l’ascia era l’emblema di Ramou, il Dio supremo appellato Dio dell’ascia. Il medesimo simbolo è presente presso le culture nordiche e gli Aztechi.

Uno degli attributi di Zeus era l’ascia bipenne (o doppia ascia) e la folgore. Il rituale d’iniziazione degli Esseni prevedeva la consegna all’iniziando di una piccola ascia, di una cintura e della simbolica veste bianca. In Egitto, la doppia ascia incarnava la figura di Aroueris, primo nome dato a Horo risorto.

Nell’isola di Creta la divinità era rappresentata da una doppia ascia e all’interno del Santo dei Santi, a Knosso, non trovavano posto delle statue volte a configurare le divinità, bensì un’ascia che configurava l’Essere Supremo chiamato Labrys e da essa prese il nome il labirinto, poiché al centro di esso era posta l’ascia bipenne.

Il simbolo dell’ascia è riferito alla prova iniziatica del labirinto, riconducibile esotericamente al raggiungimento di quel centro supremo alla cui manifestazione ciclica sono stati attribuiti vari nomi: Agartha, Melchisedek, Graal.

Non v’è dubbio che la doppia ascia è il segno distintivo del Rex Mundi, il Re del Mondo, il Manu o legislatore universale e primigenio della tradizone indù, il Menes degli Egizi, il Menw dei Celti, il Metatron dei Kabbalisti ebrei, il Minosse dei Greci il quale appunto, fece edificare il Labirinto o casa di pietra dell’ascia.

– Stefano Mayorca – Riproduzione Riservata

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Simbolismo

Pubblicato da Ereticamente il 10 Aprile 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Claudio Attili

    Oltre ai popoli citati, anche gli etruschi avevano l’ascia bipenne quale simbolo di forza e potere

  2. L’Ascia Bipenne, simbolo magico presso gli Etruski rappresentava il POTERE sui DUE MONDI…Il terreno e l’ultraterreno, di lì il FASCIO di VETULONIA…Identico significato Janus, il Nume dai due volti che controllava i DUE MONDI, il Fenomenico e il Noumenico. Ma già nella Roma prisca questi simboli erano pressochè obliati…S

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando