fbpx

Il viaggio esoterico di Cristoforo Colombo – Umberto Bianchi

Il viaggio esoterico di Cristoforo Colombo – Umberto Bianchi

Sotto il patrocinio del Comune di Fiano ed organizzato dall’Associazione Cultura in Cammino, si è svolto Domenica 24 marzo, presso il Castello Orsini di Fiano Romano, un incontro-presentazione su Ruggero Marino, giornalista di lungo corso presso “Il Tempo”, saggista ed autore poliedrico, animato da una molteplicità di interessi, dalla poesia sino alla ricerca storica. E’ su quest’ultima che l’incontro è andato ad incentrarsi: difatti il Marino ha impostato nell’arco di un trentennio, la propria ricerca storica sulla figura di Cristoforo Colombo, andandone a toccare e sviscerandone gli aspetti più reconditi ed ai più sconosciuti.

Colombo non fu solo una figura di entusiasta navigatore e sagace organizzatore, un avventuriero pronto a partire a qualunque costo. Egli fu anche e prima di tutto, una figura di iniziato a qualche ordine cavalleresco, filiazione degli ormai scomparsi Templari. Prova ne sia, lo stemma riportato sulle vele delle tre, arcinote caravelle, La Nina, La Pinta e la Santa Maria. Senza contare quei misteriosi agganci che gli avrebbero consentito di presentarsi davanti ai Reali di Portogallo prima e di Spagna, poi, da solo, ricevendo da questi udienze ed attenzioni per altri, a quel tempo, semplicemente inconcepibili. Il tutto senza contare l’appoggio di papa Cybo-Innocenzo VIII, che ne avrebbe avallato ed appoggiato ad integrum, l’ambizioso progetto.

Una figura, quella di Colombo, ancor oggi, soggetta ad una vera e propria sottovalutazione sia in vita che post mortem, da parte di determinati esponenti di un establishment globalista e buonista che, nella scoperta del grande navigatore italiano, identificano sia la responsabilità per quanto successivamente accaduto alle popolazione amerinde che, cosa ben più grave ed ai più occultata, l’insidia rappresentata dal primato della cultura umanistica e rinascimentale che la figura di Colombo rappresenta, su quella Tecno Economica che, invece, affonda le proprie radici in quella Anglo Sassone, Protestante e Calvinista, rappresentata dal primato del Mercantilismo e dalla supremazia delle varie Compagnie Commerciali (delle Indie, Olandese, etc.) che, agli albori della Modernità, scalzarono e misero all’angolo i vecchi Imperi, da quello di Spagna a quello Asburgico.

Ad onor del vero, però, quella dell’America, fu una scoperta nefasta, poiché spostò d’improvviso, l’intero fulcro geopolitico e geoeconomico dal Mediterraneo e dalla Penisola Italiana, con Venezia, Genova e la Firenze Medicea in testa, sull’Atlantico e sugli Imperi marinari spagnolo in primis, britannico ed olandese, successivamente. Un evento che, nella successiva Riforma Protestante di Lutero, avrebbe trovato il proprio ulteriore avallo. Colombo fu uomo eclettico, animato da uno spirito di conoscenza che ben si rifletteva nei suoi interessi rivolti a quelle forme di conoscenza esoterica che, nella Rinascenza andavano per la maggiore. Si potrebbe continuare, parlando del misterioso sodalizio che avrebbe legato il navigatore genovese a Papa Innocenzo VIII/Cybo, il Pontefice della Rinascenza romana, figlio di un ebreo e di una musulmana, quasi un simbolo vivente di quella sintesi tra le tre fedi monoteiste che, mai come in quel momento, rappresentava l’istanza rinascimentale di una più ampia ed utopistica rifondazione dello spirito religioso occidentale, in assonanza con i desiderata utopisti di un Giovacchino da Fiore ma, anche e specialmente, con le istanze trasmesse dalla rinascita del Neoplatonismo, dell’Ermetismo, dell’Astrologia e della Cabala, alle quali cui Colombo fu in qualche modo, legato e riportate nella nostra penisola dai vari Bessarione, grazie al preventivo lavoro di un Giorgio Gemisto Pletone e poi, diffuse grazie all’opera delle varie Accademie, tra cui in primis quella fiorentina, di Marsilio Ficino.

E proprio in connessione con il tema della rinascimentale riemersione di una cultura sommersa che, a parere di chi scrive, dovrebbe esser vista la vicenda della scoperta del Nuovo Mondo da parte di Cristoforo Colombo. Oltre alla storia delle misteriose mappe del cartografo Piri Reis, è cosa abbastanza risaputa che il Nuovo Mondo fu, in precedenza, fatto oggetto di sporadiche visite da parte di popolazioni Vichinghe durante l’Evo Medio, non senza però, lasciare il sospetto che altri ancora, durante i secoli, avessero toccato quelle remote terre, senza lasciar traccia alcuna. Qualcuno dice gli Arabi, altri parlano di sparuti navigatori portoghesi o spagnoli, altri azzardano i Fenici e i Greci, (il tutto, senza contare la massiccia emigrazione di popolazioni mongoliche, millenni fa, in varie fasi, verso le Americhe attraverso lo stretto di Bering, senza escludere la possibilità di un ritorno di piccoli gruppi di queste ultime verso il Vecchio Mondo, con la conseguente narrazione dell’esistenza di quelle terre…, sic!).

Fatto sta che, tanti, troppi, indizi depongono a favore del fatto che, con grande probabilità, il Nuovo Mondo non fosse totalmente sconosciuto agli antichi. E certo, sia le navi fenicie che, ancor più quelle greche o quelle romane, sicuramente più attrezzate, sarebbero state in grado di varcare Gibilterra ed attraversare l’Atlantico. I Romani conoscevano l’India e quella dello stretto di Malacca, tra Indonesia e Malesia era una rotta praticata sporadicamente, anche da commercianti occidentali. Vi sono tracce risalenti al principato di Marco Aurelio, di contatti ed ambascerie tra questo ultimo ed il Celeste Impero Cinese. Ed allora, perchè non tentare la traversata di quel mare che fronteggiava direttamente le estreme propaggini occidentali dell’Europa e dell’Impero Romano?

Quello delle Colonne d’Ercole, quale invalicabile “limes”, posto a dare un freno all’umana e profana curiosità, è un motivo mitico archetipico che riecheggerà invariato, nel lungo corso dei secoli della storia occidentale, sino a Colombo. Un limes, il sorpasso del quale, veniva considerato alla stregua di un atto di umana “ubris/superbia” al cospetto degli Dei e, successivamente, della Divina Provvidenza. Un “limes”, dietro al quale sembrava celarsi una ben più antica vicenda: quella della mitica Atlantide, narrata con tanta dovizia nel Timeo di Platone, la cui scomparsa avrebbe provocato il massiccio sciamare verso Oriente di ben più civilizzati popoli, animati da una forma di superiore sapienza, che ben presto sarebbe andata perduta, rimanendo quale oscuro retaggio, di piccoli gruppi di oscuri iniziati….

Quello del Continente sommerso, è un motivo mitologico che ricoorre in quasi tutte le culture umane, a tutte le latitudini. Atlantide, Lemuria, Mu, altro non sono che i vari aspetti connessi ad un comune motivo archetipico: quello dell’immersione e del conseguente celarsi di una superiore forma sapienziale e la conseguente, affannosa ricerca di quei residui, in grado di offrire, a chi avesse la fortuna di rintracciarli, delle straordinarie conoscenze. Anche perché conoscenza è memoria, rammemorazione, senza la quale l’uomo rimane senza orientamento e deve ricominciare faticosamente da capo, il proprio lavoro di edificazione del proprio Tempio o della propria Torre, da elevarsi in direzione del Cielo Onnipotente. E’ il mito della dispersione della conoscenza, della perdita di memoria rappresentato dalla Torre di Babele, senza le quali il cammino dell’uomo permane ancora una volta frustrato.

Ma quello di Atlantide è anche il simbolo di una conoscenza utopistica e perfetta, che va facendosi “ubris/superbia” al cospetto delle forze numinose che, alfine, ne decretano la tragica scomparsa. Gli stessi Campanella e Thomas Moore, agli albori dell’Età Moderna, profetizzarono utopistiche Città del Sole, rette da impeccabili ordinamenti, animate da una sincretica religiosità, in cui confluivano riverberi della sapienza dell’antico Egitto, accanto a motivi di Gnosi, Ermetismo e Neoplatonismo, riportandoci direttamente a quanto Giordano Bruno aveva animosamente preconizzato nei suoi scritti, all’auspicio del superamento della ristretta gabbia teologica monoteista, al tempo ingessata nelle maglie del Tomismo. Ma, a ben vedere, tutti e tre fecero una gran brutta fine o, nel caso di Campanella, riuscirono a sopravvivere solo a costo o di inauditi tormenti.

Tornando alla scoperta dell’America, quando Hernàn Cortès e Francisco Pizarro giunsero in Messico e Perù, quali redivivi “Viracocha”, si trovarono di fronte ad Imperi arrivati alla fase terminale della propria esistenza, tant’è che, sparuti gruppetti di marinai e malconce soldataglie, riuscirono ad aver ragione di vere e proprie potenze regionali, di città enormi e di inverosimili ricchezze. Ma entrarono anche in contatto con una forma di religiosità, imperniata su un costante e massiccio ricorso al sacrificio umano, per ingraziarsi quelle stesse forze che invece poi, per un beffardo destino, li avrebbero abbandonati alla mercè di quattro, scalcagnati europei.

Come per una stregata coincidenza, le nuova civiltà latino americana ed anglo-sassone nord americana, nascono rispettivamente a seguito dell’umano sacrificio di interi popoli, amerindi ed africani. Da uno di questi immani sacrifici, nasce un Impero i cui simboli e valori di riferimento, sono capovolti rispetto a quelli che, sino a quel momento avevano caratterizzato i precedenti Imperi: gli Stati Uniti d’America, fondati sulla supremazia assoluta del mercantilismo protestante ed, in seguito della finanza usuraia, produttrice di danaro dal nulla e strangolatrice dei popoli del mondo intero. La sua capitale, Washington, viene fondata secondo precisi orientamenti eliaci, caratteristica questa, di un orientamento massonico presente anche nella scelta di suoi Presidenti che, dallo stesso George Washington in poi, saranno tutti più o meno legati a certa massoneria.

Sì, probabilmente Colombo ha, inavvertitamente (?), scoperto un Vaso di Pandora: la antica maledizione atlantica ha ripreso forza e vigore ed ora, rischia di travolgere il mondo intero: l’immagine dell’America Latina vittima di narco- mafie che uccidono e massacrano con la stessa disinvoltura, con cui si facevano una volta sacrifici agli Dei, il continuo verificarsi di catastrofici eventi climatici, quel mix di instabilità e paura che oggi più che mai, caratterizzano la vita dei popoli occidentali, sembrano riportarci al problema della degradazione e del capovolgimento delle antiche forme di conoscenza iniziatica.

Atlantide e la (ri) scoperta dell’America sembrano porci, ancora una volta, l’irrisolta domanda sull’origine ed il senso dell’umana civiltà su questa terra. Le antiche Tradizioni Indù, Iranica, Greco Romana, Germanica, Celtica ed altre ancora, ci parlano di un continuo alternarsi di cicli di nascita vita e morte dell’umana civiltà , taluni esponenti delle rinnovate Scienze dello Spirito (Madame Blavatskij, Rudolf Steiner ed altri ancora…), ci parlano addirittura del succedersi sulla terra di sei differenti fasi della civiltà umana, tra cui quella atlantidea. Si va preconizzando anche un nuovo modello umano, animato da un nuovo ciclo di pensiero sapienziale, che forse prenderà spunto dall’attuale disagio, per inaugurare invece una Nuova Era….Verità, illusioni, bugie o che? Resta il fatto che, quello di Colombo può anche essere ben visto nell’ottica di un viaggio iniziatico, animato dalla ricerca di una conoscenza celata dal, sino ad allora, invalicabile “limes” delle Colonne D’Ercole.

Colombo fu uomo eclettico: navigatore, iniziato, utopista e sognatore, immeritatamente sfortunato. Tutti quei molteplici aspetti della sua rinascimentale personalità, costituiscono altrettanti aspetti di una realtà che, in questo modo, non ci offre una risposta univoca all’interrogativo su cosa siamo e da dove proveniamo, lasciandoci a questo punto, con la considerazione che, la domanda delle domande non può trovare una risposta definitiva. Pertanto, la vera ragion d’essere di quel Logos che a tutto sovrintende, non sta in una sua monolitica ed unidirezionale natura, ma nel suo manifestarsi in una Infinità e Molteplicità di aspetti che, dell’intera realtà, costituiscono la vera essenza magica…

UMBERTO BIANCHI

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Esoterismo

Pubblicato da Umberto Bianchi il 27 Marzo 2019

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960),è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica , per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, oltre a continuare a pubblicare sulle pagine de “L’Unico”, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Commenti

  1. Bell’ articolo anche se, da parte mia, non tutto condivisibile.

    Ruggero Marino

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • salve(LE) - 9 ottobre 20

  • disponibile alla ritter

  • Teurgia - libreria

  • fosforo e mercurio

  • la dimora del sublime

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli