fbpx

Il disastro del 737: la caduta degli Dei – Umberto Bianchi

Il disastro del 737: la caduta degli Dei – Umberto Bianchi

Sono un consumato ed impenitente viaggiatore. In treno, aereo, pullman, auto e moto, ho girato (e tuttora giro) laddove ho potuto, animato da inesorabile curiosità e voglia di conoscere. E’ più che naturale che il recente disastro del Boeing 737 caduto in quel dell’Etiopia mi abbia riempito di tristezza ed angoscia, non senza però, lasciarmi con alcune riflessioni ed interrogativi ancora aperti. La dinamica dell’evento, anzitutto. L’aereo non è precipitato per quella tragica concomitanza di casualità che, sovente, costituiscono il brodo di coltura di ogni buon disastro che si conviene. Stavolta, il velivolo è precipitato perché il sofisticato sistema computerizzato di controllo, indirizzo e guida del velivolo, è improvvisamente andato in “tilt” e, questo è quel che maggiormente preoccupa, nulla il pilota ha potuto fare per intervenire manualmente, perché quel così sofisticato ed aggiornato sistema di controllo, non lo permetteva.

Nell’intenzione dei suoi progettisti, la macchina, il software, doveva fare dell’uomo e del pilota, un semplice e puro cooperante, una variabile manuale in più, un additivo alla perfetta logica di un avanzato “database”. E invece, ahimè, così non è andata; come in Indonesia pochi mesi prima, il software si è “impallato”, punto e basta, lasciando piloti e passeggeri in balia del proprio tragico destino. Questa sequela di tragedie, stanno qui, forse, ad insegnarci qualcosa, ad enunciarci un’indicibile verità, di cui nessuno sembra, ad ora, volersi prendere il fardello. La Tecnica nel mostrare, con questi eventi, i propri angusti limiti, sta forse arrivando alla sua fase terminale. Checchè il multimiliardario ed imbecille James Kaplan dagli Usa, ci venga a dire che, ben presto, le macchine sostituiranno l’uomo in molte attività lavorative, quelle tanto idolatrate macchine, ci stanno mostrando una inusitata fragilità: basta un contatto, un cortocircuito o il subitaneo spegnersi di un relais e blasonate e lucide apparecchiature, giganti d’acciaio, autostrade di fili e luci, mostrano tutta la loro limitata finitezza, la loro vuota incapacità, lasciando deserti di ferraglia, macerie e fili bruciati attorno a loro.

Tutto il frutto di sofisticate elaborazioni, di colossali investimenti, torna, d’un tratto, al proprio primitivo stato di materia bruta ed informe, lasciando con l’amaro in bocca, quanti credevano nel perverso sogno di un’umanità disumanizzata dalla tecnologia, in una misura tale da far preconizzare l’avvento di nuove e splendide generazioni di robot umani, in grado di sostituire l’uomo in molte, troppe mansioni. E invece no. Il sogno è crollato e sta crollando dinanzi all’incapacità ed alla manifesta impossibilità della Techne di sostituire l’uomo, il suo genio, la sua versatilità, la sua splendida imprevedibilità, le sue cadute e le sue risalite d’umore, che stanno alla base della sua innata genialità. A detta delle antiche forme di Teurgia, dell’Ermetismo e dello stesso Hegel, l’uomo ed il suo Spirito Individuale, possono andare a coincidere con lo Spirito Assoluto, con il Divino, assurgendo alla dimensione di Dei o semidei, in grado di interagire attivamente sull’intero Ordine Cosmico. Qui invece, ancora una volta, le ali di Icaro si sono squagliate, lasciando in terra un uomo, sbatacchiato ma, finalmente liberato dalla “maya” dell’onnipotenza della Techne. Un nostalgico ritorno al passato? Un romantico “memento” primitivista e luddista? Oppure l’inizio di una nuova stagione di consapevolezza karmica?

Ci sovviene, a tal proposito, l’eco di un contrasto che, con le sue polemiche, segnò l’inizio della Modernità e che ebbe come protagonisti, il mago ed ermetista inglese Robert Fludd e l’astronomo polacco Niccolò Copernico, nel ruolo di pedante ed imbecille difensore ad oltranza, di un ottuso empirismo razionalista, di contro alle tesi ermetiche del primo. A vincere, come ben sappiamo, furono le tesi copernicane, supportate da una degenerata forma di ermetismo razionalista che, all’insegna dello “Scientia est Potentia” di baconiana memoria, ben presto fece della “Techne”, tramite lo strumento economico, un vero e proprio “Pensiero Pensante” autonomo, la cosiddetta Tecno-Economia, svincolato da qualsiasi vincolo e limite di sorta, morale, spirituale o legislativo che dir si voglia, unicamente animato dall’obiettivo di assimilare ed omologare il mondo intero ai propri dettami.

Fase finale di questo percorso, la cancellazione di qualsiasi residuo di “humanitas”, attraverso la sostituzione dell’umano agire con quello delle macchine, conferendo, da una parte, alla scienza informatica, il compito di sostituire l’umano ingegno, dall’altra, dal punto di vista antropologico, preconizzando l’avvento del “trans umanesimo”, ovverosia di una fisiologia umana, pesantemente condizionata da un innaturale ed invadente innesto di tecnologie “intra corpore” (il cosiddetto “uomo bionico”, sic!). Ma le cose non vanno come “qualcuno” avrebbe voluto. Il disastro ambientale globale alle porte, le sempre più ricorrenti crisi economico-finanziarie globali ed altro ancora,stanno lì a dimostrarci tutta la caducità e l’inanità della Tecno Economia e l’inizio di una clamorosa sconfitta, di cui, la caduta dei giganti del cielo, causato da qualche infimo “relais” fulminato, rappresenta un più che evidente segnale.

Il Progetto Mondialista ha clamorosamente fallito i propri obiettivi. La Globalizzazione si sta sgretolando sotto i nostri occhi, lasciando dietro a sé, sgomento, paura ed incertezza. E ritornando a quanto, poc’anzi accennato, il momento di una nuova e generale presa di coscienza “karmica”, destinale, è alle porte. Il pervenire ad un superiore livello di tale coscienza, è il compito che l’Europa e l’Occidente intero, si dovranno ben presto assumere, per ritornare a giuocare un ruolo centrale nella storia della civiltà umana.

UMBERTO BIANCHI

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità

Pubblicato da Umberto Bianchi il 14 Marzo 2019

Umberto Bianchi

Giornalista, opinionista ed editorialista, prolifico autore di scritti di poesia, oltre ad essere impenitente “motorbiker” e giramondo, Umberto Bianchi (1960),è specializzato nella pubblicazione di saggi e di analisi su tematiche che spaziano dalla politologia all’economia, giungendo a toccare la riflessione filosofica e lo studio delle varie correnti del pensiero esoterico. Direttore del Quotidiano “on line” di ispirazione sovranista, “L’Unico”, è stato collaboratore di lungo corso del quotidiano "Rinascita" e del periodico "on line" "Il Fondo/Magazine di Miro Renzaglia", presso i quali ha pubblicato la maggior parte dei propri saggi, altresì reperibili presso il catalogo di "Arianna Editrice": Ha anche scritto sulle pagine del periodico “Il Ribelle” di Massimo Fini, oltre ad aver precedentemente collaborato con "Orion" ed "Il Giornale d'Italia". Nel 1999 crea il sito www.ripensareilpensiero.it, (ora sostituito dal presente “Il Pensiero Antagonista”) e nel 2005 ha dato alle stampe, per i tipi di "Nuove idee" "Alle origini della Globalizzazione/ Per una revisione del pensiero". Ha pubblicato i propri saggi anche sulle pagine della rivista on line “Scuola Romana di Filosofia Politica” diretta ed animata dal Prof. Giovanni Sessa e nell’Ottobre 2011, inoltre, prende parte alla stesura del libro-manifesto “Per una Nuova Oggettività/Popolo-Partecipazione-Destino”, a cura della Heliopolis Edizioni, con il saggio “Post Modernità e Nuova Oggettività”. Nel Novembre 2014, sempre per i tipi della Heliopolis Edizioni, ripete l’esperienza della partecipazione alla stesura di un’altra antologia, “Non aver paura di dire…”, con il saggio “Elogio della Moto Avventura”. Nel 2015 pubblica , per i tipi della Carmelina Edizioni, il saggio “Il fascino discreto dell’Occidente”. Relatore in numerose conferenze e convegni, a partire da quelli organizzati e realizzati con grande frequenza e partecipazione di pubblico sia dal “Movimento Tradizionale Romano”, che da “Pietas”, passando anche attraverso la partecipazione, sempre nel ruolo di relatore, ad alcuni eventi di taglio meta politico, organizzati da “La Destra”. Al momento, oltre a continuare a pubblicare sulle pagine de “L’Unico”, collabora con la rivista on line “Ereticamente”, presso la quale ha pubblicato altri saggi, alcuni dei quali, riguardanti le vicende del cosiddetto “Gruppo di Ur” e la dottrina Ermetica, di taglio prettamente esoterico. Tutti quegli spunti necessari a poter effettuare analisi nei settori dell’economia e della finanza, sono, invece, frutto di una trentennale esperienza lavorativa quale operatore del mercato assicurativo e finanziario, accompagnata ad una profonda conoscenza dei meccanismi del settore principalmente in Italia, con l’esperienza di stage di lavoro in America Latina (Argentina e Brasile). Tuttora, Umberto Bianchi è titolare di un’attività di consulenza tecnico-legale specializzata nel patrocinio stragiudiziale.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • firenze 21 novembre

  • afrodite

  • ekatlos

  • siamo su telegram

  • milano 15 novembre

  • Vie della Tradizione 176

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Gallarò in Finis Italiae - Gianfranco De Turris

      Visto che gli italiani hanno sostenuto una classe ... Leggi commento »

    • Carlo Biagioli in Intelligenza artificiale. La valle inquietante (Seconda parte) – Roberto Pecchioli

      E’ un tema senz’altro affascinante, che ho avu... Leggi commento »

    • silvia melloni in Da Bisanzio a Costantinopoli tra mito e storia - Luigi Angelino

      Una ricostruzione storica veramente coinvolge. Una... Leggi commento »

    • stelvio dal piaz in L'ora della verità (e di nuove menzogne) – Fabio Calabrese

      analisi condivisibile anche da uno come me della p... Leggi commento »

    • stefaniashanti in Gustavo Adolfo Rol: Il verde e il cinque - 3^ parte - Piervittorio Formichetti

      Sono riuscita a trovare le prime due parti nel sit... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin