THE MAGIC DOOR – L’album d’esordio di Giada Colagrande, Arthuan Rebis e Vincenzo Zitello

THE MAGIC DOOR – L’album d’esordio di Giada Colagrande, Arthuan Rebis e Vincenzo Zitello

 

E’ uscito il 16 ottobre in Italia e il 31 ottobre all’estero per l’etichetta In The Morningside Records, The Magic Door, l’album d’esordio dell’omonimo trio formato da Giada Colagrande (regista, attrice, cantautrice), Arthuan Rebis (compositore, cantautore e polistrumentista) e Vincenzo Zitello (maggiore arpista italiano, compositore e polistrumentista), che ha curato gli arrangiamenti.

Link al video https://youtu.be/GHGD98WwT-w

Pur essendo ascrivibile al folk esoterico, sia per le sue scelte stilistiche che per il concept generale, The Magic Door trae ispirazione anche da sonorità folk britanniche, celtiche, mediterranee e orientali, tracciando una poetica peculiare al di là delle connotazioni, nella quale si collocano le 9 tracce, tutte originali, che compongono l’album.

“The Magic Door – dichiarano Giada Colagrande e Arthuan Rebis – è un progetto che attinge a un immaginario mitologico, da tradizioni sapienziali senza tempo. La sua attualità risiede nel mistero imperituro che la Porta Alchemica incarna”. 

Il disco è, infatti, il risultato del loro personale viaggio attraverso l’archetipo stesso della “Porta Magica” e l’inesauribile immaginario evocato dalle sue epigrafi, dai suoi simboli e dai pianeti cui si riferiscono, conciliando tradizioni sciamaniche, miti arcaici e mondi onirici.

Unico cimelio alchemico in Italia, edificato dal marchese Massimiliano Palombara nella sua residenza, villa Palombara, centro vitale della Roma ermetica del Seicento, la leggenda della Porta Magica trae origine da un particolare aneddoto.

Un pellegrino, identificabile con l’alchimista Francesco Giuseppe Borri, dimorò per una notte nei giardini della villa alla ricerca di una misteriosa erba capace di produrre l’oro. Il mattino seguente fu visto scomparire per sempre attraverso la porta, ma lasciò dietro di sé alcune pagliuzze d’oro, frutto di una riuscita trasmutazione alchemica, e una misteriosa carta con simboli magici e sette epigrafi che dovevano contenere il segreto della pietra filosofale. Il marchese Palombara fece quindi incidere sulla porta il contenuto del manoscritto con i simboli e le sette epigrafi, certo che un giorno sarebbero stati decifrati.

Una leggenda, quella della Porta Magica, che si riverbera nelle 9 tracce dell’album. Il disco si apre con una Intro nella quale Arthuan Rebis, interpretando il marchese Palombara, narra dell’incontro con il pellegrino e della sua sparizione attraverso la porta.

I ritornelli dei 7 brani centrali coincidono con le 7 epigrafi della porta (tradotte in inglese dal latino). A ciascuna epigrafe corrisponde un pianeta, su cui si sviluppa il testo di ogni canzone: Saturnine Night, Jupiter’s Dew, Water of Mars, Venus the Bride, Mercury Unveiled, Sun in a Flame, V.I.T.R.I.O.L.

Nell’ultimo brano (Epilogue), Vincenzo Zitello, interpretando il pellegrino, canta le sette epigrafi nella lingua originale, il latino, dalla dimensione oltre la porta.

The Magic Door è un omaggio a uno dei più affascinanti e misteriosi cimeli alchemici esistenti, le cui storie e leggende prendono vita attraverso le composizioni originali di Giada e Arthuan, che ne incarnano l’eterno enigma. Il disco vanta infine la collaborazione di Glen Velez, percussionista d’eccezione considerato il maggiore virtuoso e conoscitore di tamburi a cornice.

 

Credits:

Giada Colagrande: testi e musiche, voce.

Arthuan Rebis: testi e musiche, voce, chitarre, arpa celtica, nyckelharpa, bouzouki, esraj, hulusi, arrangiamenti e programming.

Vincenzo Zitello: arrangiamenti, arpa celtica, violoncello, viola, violino, flauti, theremin, lama sonora, santur, xaphoon, drones.

Glen Velez: percussioni.

Marco Cavanna: contrabbasso.

The Magic Door sono:

Giada Colagrande (regista, attrice, cantautrice, www.giadacolagrande.com)

Arthuan Rebis (compositore, cantautore, polistrumentista e arpista, arthuanrebis.jimdo.com)

Vincenzo Zitello (arpista, compositore e polistrumentista, it.wikipedia.org/wiki/Vincenzo_Zitello)

Sito: http://www.themagicdoor.net

Facebook: https://www.facebook.com/themagicdoormusic

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCGiWWomKY_IeLpHYGgxDKrA

 

Gaito Ufficio Stampa e Promozione

Guido Gaito info@gaito.it

+39 329 0704981 | + 39 06 45677859

Via Vincenzo Picardi 4C 00197 Roma

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Musica

Pubblicato da Ereticamente il 22 Novembre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Ernesto

    Originale, profondo, mistico.
    Avete narrato un mondo onirico.
    Grazie.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • NAPOLI 22 OTTOBRE 2022

  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Tem in L' eredità degli antenati, novantesima parte – Fabio Calabrese

      In un famoso scritto odiato a morte da tutti gli E... Leggi commento »

    • Tem in L' eredità degli antenati, novantesima parte – Fabio Calabrese

      Lei che parla di origini ha visto " Nosso Lar" il ... Leggi commento »

    • Paola in I valori dell'occidente - Roberto Pecchioli

      Altrettanto, Stefano.... Leggi commento »

    • von Ungern-Sternberg in I valori dell'occidente - Roberto Pecchioli

      Primula Nera, un carissimo saluto a te sono io Ste... Leggi commento »

    • Paola in I valori dell'occidente - Roberto Pecchioli

      ...anzi, no...il letame è utile. Scorie, velenose... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando