fbpx

Gnōthi sautón – Carlo Giuliano Manfredi

Gnōthi sautón – Carlo Giuliano Manfredi

“Nell’immagine del mondo tradizionale ogni realtà diveniva simbolo.

Ciò vale per la guerra anche dal punto di vista soggettivo e interiore.

Così potevano essere fuse in una sola e medesima entità guerra e via al divino

(Julius Evola,  La Dottrina aria di lotta e vittoria, Edizioni di Ar, Padova, p. 12)

L’insegnamento e la conoscenza della Dottrina tradizionale (Aria), in linea con i principi immutabili ed eterni di Verità e Giustizia e radicato nella sapienza antica, ha come obiettivo il risveglio del singolo attraverso la conoscenza di se stessi (gnōthi sautón, nella tradizione delfico – apollinea). La società moderna in tutti i suoi aspetti presenta un rilevante senso di decadenza e chi vuole reagire a questo processo sovversivo è sempre più solo (all’esterno egli non trova più alcun sostegno, gli ordinamenti e le istituzioni che in una civiltà tradizionale gli avrebbero permesso di realizzare se stesso sono inesistenti).

Conformismo, ipocrisia, compromesso, vigliaccheria, piacere egoistico, ideale della sicurezza e del benessere, preoccupazione per la prosperità materiale (utilitarismo, individualismo, culto della vita comoda) contribuiscono a disgregare nei singoli costituenti la massa quel che rimane di etico e virtuoso nel loro animo. I nostri giorni sono all’insegna del disordine, dell’ingiustizia, di un inversione di valori, si ridicolizza qualsiasi situazione o persona che si differenzia per una dimensione interiore caratterizzata da onestà e nobiltà d’animo. Per questo è necessario, rivolto a coloro che sono in possesso delle doti naturali (anche incoscientemente) che gli hanno permesso di intuire tutto ciò, sviluppare con volontà una forma di difesa verso tale situazione.

Processo di rettifica lungo e faticoso che mette al bando ogni protagonismo per formare un carattere che si erge tra il caos. Riconoscersi e definire esattamente la propria appartenenza, delineare i fronti, individuare gli amici ed i nemici, creare una distanza con le forze del caos. Risvegliare la propria natura e seguirla, verificare se alla presunta vocazione corrisponde una reale qualificazione. Dominare se stessi, vincere le debolezze, frenare gli egoismi, rifiutare la volgarità e la menzogna.

Concepire la vita come una lotta e non come un conservarsi. Conservare invece le passioni tenendole al laccio consisterà acquisire grandezza, attraversare una zona distrutta senza esserne distrutti significherà agire con carattere, disciplina, forma, ascesi, ordine (Ti sia lecito fare ciò di cui sai che, se vuoi, puoi anche astenerti). Contro ogni discordia, ansia ed illusione farà da contraltare ciò che di innato ci appartiene, rapporti leali tra uomini regolati da una visione gerarchica delle cose, una reale disposizione al coraggio, il senso dell’onore (quindi della vergogna e non della colpa) e del sacrificio (Occorre far per principio non ciò che ci piace, ma ciò che costa).

Quindi, ritrovare quell’Uomo in cui possa rivivere il vir Romano caratterizzato (da buona anima nordica) da quella linearità severa e distaccata ma soprattutto da quella natura riflessiva, introspettiva, da giudice (e non da difensore) di se stesso, riflessività volta a fare e ad essere qualcosa più che sembrare.

“Transumanar significar per verba

non si poria, però l’essempio basti,

a cui esperienza grazia serba”

(Dante, Divina Commedia, Paradiso, I, 70 – 72)

 

Carlo Giuliano Manfredi

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Tradizione

Pubblicato da Ereticamente il 26 Ottobre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO