Migranti e balcanizzazione – Claudio Antonelli

Migranti e balcanizzazione – Claudio Antonelli

I ghetti, i quartieri etnici dove la polizia non osa mettere il naso abbondano in questa Europa della tolleranza e del culto del diverso. Immaginiamo cosa potrà succedere in Italia, paese dove lo spirito di parte e di fazione, il campanilismo, il sentimento antinazionale, il compiacimento autodenigratorio, e le faide e gli odi civili sono purtroppo i soli tratti veramente accomunanti la maggioranza dei suoi abitanti. E dove quindi i nuovi “tribalismi”, dovuti a questa immissione di nuovi popoli nella penisola, non potranno che accrescere la mancanza di coesione, i contrasti, la corruzione, gli abusi, l’illegalità e il disordine in un paese come il nostro, dove la “regola” dominante è proprio il non rispetto delle regole.

In Italia è già in vigore una sorta di “comunitarismo” antitetico a un sentimento generoso di fratellanza e di comunanza di destino fra tutti gli italiani. Il senso unitario nazionale italiano trova forti ostacoli non solo nel localismo storico-geografico che caratterizza la Penisola (il milanese si considera ed è diverso dal napoletano, ed è normale che sia così) quanto nello spirito di fazione politico-ideologica. Non occorre essere uno sciamano africano per prevedere che i nuovi italiani, in provenienza dall’Africa e dall’Asia, impianteranno nella fertile terra italiana i loro tribalismi e i loro odi etnici e religiosi, che “arricchiranno” l’Italia e gli italiani di nuove divisioni.

Non posso non terminare questa mia breve analisi del grave rischio di un’ulteriore balcanizzazione dell’Italia, a causa dei nuovi venuti recanti nelle valigie dell’anima fedeltà a valori e tribalismi estranei alla storia nazionale italiana, citando per esteso il credo politico di uno scrittore italiano, per il quale l’italianità è soprattutto esaltazione della guerra civile.

Ferdinando Camon:

“Essere italiano vuol dire ereditare la storia italiana. Chi la eredita di più, chi la studia e s’impegna o chi la ignora e se ne frega? Ho parlato, invitato dai sindaci, della Resistenza in paesi dove c’erano stati partigiani impiccati. Davanti a me le scolaresche. Nelle scolaresche, bambini marroncini e bambini neri. I bambini di colore erano i più preparati, conoscevano vicende, eventi, nomi. Mi domandavo: se i partigiani sono morti per qualcosa, sono morti per chi quel qualcosa lo studia, lo ricorda, lo trasmette. Questi bambini di colore sono un motore dell’italianità. I bambini bianchi ma abulici sono un peso morto.”

E come Camon vi sono tantissimi altri che dimostrano di essere totalmente estranei al senso di amore della propria Patria. Amore di cui gli odi civili e la mancanza di pietà per i vinti sono l’antitesi e la negazione.

Claudio Antonelli (Montréal)

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Emergenza invasione, Immigrazione

Pubblicato da Ereticamente il 30 Settembre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando