Immigrazione all’italiana. Un cattivo esempio – Claudio Antonelli

Immigrazione all’italiana. Un cattivo esempio – Claudio Antonelli

L’idea che le frontiere nazionali non debbano contare più  nulla, perché “tutti i popoli sono uguali” insieme con i loro valori etnici e nazionali e le loro religioni, oggi gode di grande favore presso le nostre élite pensanti, attaccate come cozze al  “politically correct” e che si scagliano come un sol uomo contro le paure dei populisti, questi difensori degeneri degli antidiluviani confini nazionali. Come i buonisti li giudicano…

Oggi vi è una ricca fioritura di frasi condannanti le meschine paure che i populisti, eredi immagino delle teppaglie avvinazzate dei secoli bui, nutrono verso l’Altro, il Diverso, quintessenza invece di virtù: “Non è con i muri…”, “Dobbiamo vivere in una società aperta…”, “Siamo tutti esseri umani…”, “Il pianeta è la nostra patria…”. 

L’obiezione principale che mi sentirei di fare a chi vuole innalzarsi sulle meschine paure dell’uomo, tenendo però ben chiusa la propria casa situata in genere in un quartiere cittadino elegante – luogo abituale di residenza degli uomini della sinistra italiana al caviale – è di spiegargli che l’essere umano è una realtà concreta e non un’astrazione. Prendiamo la paura della morte e delle infermità. Il fatto che le malattie ci saranno sempre e che tutti, prima o poi, dovremo morire resta una semplice considerazione filosofica e nulla più. Se io vado dal medico per un grave problema di salute, mi aspetto che il medico mi esamini e mi curi. Rimarrei quindi inorridito se lui, invece di esaminarmi, mi dicesse filosofico: “A che serve tutto questo? Prima o poi tutti dobbiamo morire…”

Immaginiamo anche che a una madre, che sta piangendo sul cadavere del proprio figlioletto, si dica: “Signora, smetta di piangere. Ogni giorno, nel mondo, muoiono migliaia di bambini…” Sono sicuro che una simile  frase, improntata a distaccata saggezza, farebbe andare quella povera madre in escandescenze.

Anche in campo immigratorio, in Italia, invece di filosofeggiare  dicendo “Siamo tutti migranti”, “Siamo tutti esseri umani”, “Stranieri e persone di altre fedi ci insegnano i valori che dimentichiamo”, come ci ripete il papa sudamericano, sarebbe molto utile invocare un po’ di ordine e di legalità. Sì, l’emigrazione è sempre esistita e sempre esisterà – e anche l’abusivismo, specie in Italia, è sempre esistito e sempre esisterà – ma gli italiani dovrebbero cercare almeno di non aggravare caos e illegalità, identificando chi approda in Italia e controllando i suoi antecedenti penali e smettendola di chiamare “rifugiato” chi è un semplice “richiedente asilo”. “Immigrato”, parimenti, è una qualifica che andrebbe riservata  a chi è stato accettato dalle autorità come immigrato e non avventatamente concessa, come avviene, a chi non ha ancora messo piede nella nuova patria e si trova ancora in alto mare.

Il Canada è spesso additato come il paese che le autorità italiane dovrebbero prendere ad esempio per generosità e tolleranza nei confronti di immigrati e rifugiati. In realtà in Canada non si stabilisce chi vuole, e gli illegali sono rispediti al paese d’origine, mentre i delinquenti cronici farebbero bene a cercare di ottenere la cittadinanza canadese prima di iniziare la loro serie di misfatti. Abbiano infatti il caso, anche a Montréal, di immigrati italiani o di altra origine, mai naturalizzati, che sono stati espulsi dal Canada a causa delle loro attività criminali, anche dopo decenni trascorsi qui.

Il buonismo cronico non è molto diffuso nel paese dei grandi spazi. The “Rule of Law” non è una formula  buona per gargarizzarsi come  invece è troppo spesso “Lo Stato di diritto” in Italia, ma è una regola anche dura cui tutti noi, immigrati italo-canadesi, siamo stati e siamo ancora sottoposti. Regola che noi speriamo continui anche per i richiedenti asilo – e non sono pochi – che stanno premendo attualmente alle frontiere della nostra patria di adozione.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Emergenza invasione, Immigrazione

Pubblicato da Ereticamente il 17 Settembre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Anselmo Bettati

    Finche’ I media rimangono in Mano degli “innominati Circoncisi dal naso Adunco” il popolino rimarra sempre con le chiappe all’aria,digitate :” il nemico occulto video” guardatelo fa sempre bene e’ un tonico corroborante ,messi come siete ci vorrebbe un defibrillators

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando