fbpx

Immigrazione all’italiana. Un cattivo esempio – Claudio Antonelli

Immigrazione all’italiana. Un cattivo esempio – Claudio Antonelli

L’idea che le frontiere nazionali non debbano contare più  nulla, perché “tutti i popoli sono uguali” insieme con i loro valori etnici e nazionali e le loro religioni, oggi gode di grande favore presso le nostre élite pensanti, attaccate come cozze al  “politically correct” e che si scagliano come un sol uomo contro le paure dei populisti, questi difensori degeneri degli antidiluviani confini nazionali. Come i buonisti li giudicano…

Oggi vi è una ricca fioritura di frasi condannanti le meschine paure che i populisti, eredi immagino delle teppaglie avvinazzate dei secoli bui, nutrono verso l’Altro, il Diverso, quintessenza invece di virtù: “Non è con i muri…”, “Dobbiamo vivere in una società aperta…”, “Siamo tutti esseri umani…”, “Il pianeta è la nostra patria…”. 

L’obiezione principale che mi sentirei di fare a chi vuole innalzarsi sulle meschine paure dell’uomo, tenendo però ben chiusa la propria casa situata in genere in un quartiere cittadino elegante – luogo abituale di residenza degli uomini della sinistra italiana al caviale – è di spiegargli che l’essere umano è una realtà concreta e non un’astrazione. Prendiamo la paura della morte e delle infermità. Il fatto che le malattie ci saranno sempre e che tutti, prima o poi, dovremo morire resta una semplice considerazione filosofica e nulla più. Se io vado dal medico per un grave problema di salute, mi aspetto che il medico mi esamini e mi curi. Rimarrei quindi inorridito se lui, invece di esaminarmi, mi dicesse filosofico: “A che serve tutto questo? Prima o poi tutti dobbiamo morire…”

Immaginiamo anche che a una madre, che sta piangendo sul cadavere del proprio figlioletto, si dica: “Signora, smetta di piangere. Ogni giorno, nel mondo, muoiono migliaia di bambini…” Sono sicuro che una simile  frase, improntata a distaccata saggezza, farebbe andare quella povera madre in escandescenze.

Anche in campo immigratorio, in Italia, invece di filosofeggiare  dicendo “Siamo tutti migranti”, “Siamo tutti esseri umani”, “Stranieri e persone di altre fedi ci insegnano i valori che dimentichiamo”, come ci ripete il papa sudamericano, sarebbe molto utile invocare un po’ di ordine e di legalità. Sì, l’emigrazione è sempre esistita e sempre esisterà – e anche l’abusivismo, specie in Italia, è sempre esistito e sempre esisterà – ma gli italiani dovrebbero cercare almeno di non aggravare caos e illegalità, identificando chi approda in Italia e controllando i suoi antecedenti penali e smettendola di chiamare “rifugiato” chi è un semplice “richiedente asilo”. “Immigrato”, parimenti, è una qualifica che andrebbe riservata  a chi è stato accettato dalle autorità come immigrato e non avventatamente concessa, come avviene, a chi non ha ancora messo piede nella nuova patria e si trova ancora in alto mare.

Il Canada è spesso additato come il paese che le autorità italiane dovrebbero prendere ad esempio per generosità e tolleranza nei confronti di immigrati e rifugiati. In realtà in Canada non si stabilisce chi vuole, e gli illegali sono rispediti al paese d’origine, mentre i delinquenti cronici farebbero bene a cercare di ottenere la cittadinanza canadese prima di iniziare la loro serie di misfatti. Abbiano infatti il caso, anche a Montréal, di immigrati italiani o di altra origine, mai naturalizzati, che sono stati espulsi dal Canada a causa delle loro attività criminali, anche dopo decenni trascorsi qui.

Il buonismo cronico non è molto diffuso nel paese dei grandi spazi. The “Rule of Law” non è una formula  buona per gargarizzarsi come  invece è troppo spesso “Lo Stato di diritto” in Italia, ma è una regola anche dura cui tutti noi, immigrati italo-canadesi, siamo stati e siamo ancora sottoposti. Regola che noi speriamo continui anche per i richiedenti asilo – e non sono pochi – che stanno premendo attualmente alle frontiere della nostra patria di adozione.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Emergenza invasione, Immigrazione

Pubblicato da Ereticamente il 17 Settembre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Anselmo Bettati

    Finche’ I media rimangono in Mano degli “innominati Circoncisi dal naso Adunco” il popolino rimarra sempre con le chiappe all’aria,digitate :” il nemico occulto video” guardatelo fa sempre bene e’ un tonico corroborante ,messi come siete ci vorrebbe un defibrillators

Lascia un commento

  • firenze 21 novembre

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • silvia melloni in Joker - Luigi Angelino

      Articolo, bellissimo, analisi, parallelismi sorpre... Leggi commento »

    • Cono in I boschi sacri e l’albero cosmico secondo la Tradizione Indoeuropea - Fabrizio Bandini

      Gentile Dott. Fabrizio, la narrazione che propone,... Leggi commento »

    • Ezio Polonara in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Bravo, Joe...non abbiamo proprio piu' bisogno di q... Leggi commento »

    • Joe Fallisi in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      "Che il recente caso degli insulti alla senatrice ... Leggi commento »

    • Antonio Torchia in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Partite tutti dagli inesistenti insulti a quella r... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin