fbpx

L’omofobia dei diritti omosessuali – Flavia Corso

L’omofobia dei diritti omosessuali – Flavia Corso

La nostra società è fortemente omofoba, ripetono i portavoce dei movimenti LGBT. Si può essere più o meno d’accordo, ma la maggioranza delle persone che combattono per i diritti omosessuali, stentano a riconoscere che proprio nella rivendicazione di questi stessi diritti, si nasconde una forma di omofobia ancora più odiosa di quella che viene comunemente e giustamente criticata. L’omofobia non è affatto solamente quella che a più riprese viene evidenziata e condannata aspramente dalla maggior parte degli intellettuali ed attivisti contemporanei.

No, l’omofobia – quella reale – è una forma ben più subdola di odio nei confronti delle persone omosessuali. Questo odio proviene proprio dai cosiddetti “gay-friendly”, coloro che si autoproclamano sostenitori dei diritti omosessuali, senza però rendersi conto (o forse sì?) che quei diritti che la comunità LGBT rivendica ostinatamente, non hanno in realtà nulla di intrinsecamente omosessuale, ma sono in realtà quei “diritti di libertà” che fanno riferimento alle aspettative e alle aspirazioni tipiche della famiglia eterosessuale tradizionale.

L’omosessuale, per non sentirsi da meno in una società in cui ancora domina l’orientamento eterosessuale, si vede costretto ad abbracciare una visione del mondo che non gli è propria – quella, appunto, eterosessuale: reclamare il diritto di sposarsi e, in particolare, il diritto di avere figli (omogenitorialità), è l’estrema manifestazione di un desiderio inconscio di essere di fatto altro da sé, aspirazione che spinge paradossalmente le persone omosessuali a sentire l’esigenza di scimmiottare il classico modello della famiglia naturale eterosessuale.

Considerato il fatto che non solo gli omosessuali finiscono spesso per essere vittime di discriminazione e bullismo, e che lo Stato ha il dovere di tutelare tutti quei soggetti che corrono un maggior rischio di emarginazione sociale, si può realmente parlare di diritti omosessuali?

Come ha giustamente fatto notare l’avvocato Livio Podrecca, i diritti omosessuali diventano sempre più l’espressione del “diritto di imitare” le coppie eterosessuali. E così, i simpatizzanti LGBT che conducono le battaglie per i diritti civili finiscono per dimenticare che la vera emancipazione non deriva mai dall’emulazione di chi è “già emancipato”, ma deve semmai procedere attraverso la piena accettazione della propria natura, della variante naturale omosessuale in questo caso.

L’omosessuale ha il sacrosanto diritto di essere tale; invece di rivendicare il diritto di sposarsi e di avere dei figli, dovrebbe al contrario esigere che gli venga riconosciuto il diritto di non fare né l’una né l’altra cosa, così come gli suggerisce la natura, e senza che per questo si debba sentire in qualche modo un emarginato.

È proprio da qui che può scaturire un sano e autentico “orgoglio” omosessuale: da una reale e non ipocrita approvazione del proprio orientamento sessuale, tanto nelle sue premesse che nelle sue conclusioni, dall’affermazione del riconoscimento del diritto di non sentirsi eterosessuali di serie b.

Le campagne portate avanti dalla comunità LGBT partono, in sostanza, da un presupposto sbagliato: quello per cui la massima aspirazione di un omosessuale dovrebbe essere quella di assomigliare il più possibile ad un eterosessuale.

Ma non è infondo questa l’apoteosi dell’omofobia vera e propria?

Flavia Corso

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Società

Pubblicato da Ereticamente il 23 Luglio 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Patrizia

    Sono perfettamente d’accordo: è giusto che la societá non emargini gli omosessuali e che abbiano eguali opportunitá di lavoro ecc. e di unione fra loro ( non matrimonio si badi bene). Per ciò che riguarda i figli, dato che naturalmente non ne possono avere, non dovrebbero ne adottarne né tantomeno averne con il cosiddetto “utero in affitto”. Il motivo semplice è che un bambino come tutti gli esseri viventi, è cresciuto da una donna ed un uomo. Vogliamo che i diritti civili vogliano sempre avere la meglio sui diritti naturali? Sinceramente mi pare un pò troppo.

  2. Arianna

    Preferiresti un bambino con servizi sociali?

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • Reggio Calabria 02/09/19

  • ekatlos

  • misteri - ezio albrile

  • tradizione occidentale

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Fabio Calabrese in I volti della decadenza, settima parte – Fabio Calabrese

      Max Dewa: i Protocolli dei Savi Anziani di Sion, l... Leggi commento »

    • Gaetano Barbella in Sulle Ali della Memoria: riflessioni sull'opera di Maria Cacciola - Alessandra Iacono

      Può essere di sostegno capire che non tutto dell'... Leggi commento »

    • Max Dewa in I volti della decadenza, settima parte – Fabio Calabrese

      IL piano kalergi l'ennesima boiata , ma come potet... Leggi commento »

    • Michele in L'eredità degli antenati, seconda parte – Fabio Calabrese

      Gentilissimo professore pur non avendo la fortuna ... Leggi commento »

    • Loris in La verità su S’Anna di Stazzema

      Mia mamma con altre persone di Arni ,venne via da ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin