fbpx

Fenomenologia dell’antifascismo – Fabio Calabrese

Fenomenologia dell’antifascismo – Fabio Calabrese

Siamo l’unico Paese al mondo che festeggia la sconfitta: con questa grottesca ricorrenza del 25 aprile celebriamo la nostra sconfitta nella seconda guerra mondiale come se fosse stata una vittoria, certamente attirandoci il dileggio del mondo intero, mentre le ricorrenze delle vere vittorie dei nostri predecessori che hanno fatto dell’Italia una nazione, a cominciare dal 4 novembre, trascorrono dimenticate.

L’abbiamo detto e ridetto.

Gli errori e i torti del fascismo, le violazioni dei diritti umani che tutti commettono durante le guerre sono stati amplificati e ingigantiti per coprire o far dimenticare le atrocità commesse dai vincitori: i bombardamenti terroristici contro le popolazioni civili – fra cui due olocausti nucleari contro il Giappone che aveva già chiesto la resa – le stragi di civili tedeschi compiute dall’Armata Rossa (tre milioni di persone), quelle di italiani compiute dai comunisti jugoslavi in Istria e Dalmazia, gli eccidi di innocenti compiute dagli stessi partigiani italiani, spesso non altro che per sopprimere i testimoni delle loro ruberie, i prigionieri italiani e tedeschi massacrati dopo essersi arresi, o fatti morire di freddo e di fame. Più si scava, più si scopre il volto del “bene” uscito vincitore dalla seconda guerra mondiale, che è quello di un orrore infinito.

Anche questo l’abbiamo detto e dimostrato più volte, dati alla mano.

Quella partigiana, “resistenziale” non fu epopea ma un’ignobile mattanza contro coloro che avevano continuato a combattere gli “alleati” invasori della nostra terra, compiuta colpendo alla schiena, e soprattutto a guerra finita, quando i vinti avevano dovuto deporre le armi ed erano ormai inermi.

Anche questo è stato detto e dimostrato più volte, non solo da parte nostra, ma si pensi al lavoro fatto da uno storico non certamente di cultura “nostra” ma proveniente da sinistra come Giampaolo Pansa.

Sinceramente, alla vigilia di questo 25 aprile 2018 che il regime certamente celebrerà con la sua consueta retorica, non trovo troppo utile ripetere per l’ennesima volta quanto è stato già detto in precedenza non solo da me, ma da molti altri.

Stavolta vorrei cercare di fare qualcosa di diverso, tentare di esplorare cosa c’è al fondo della mentalità antifascista, mettere a nudo la fenomenologia dell’antifascismo.

Tempo fa, girando in internet, mi sono imbattuto in un sito di sinistra dove ho potuto leggere il seguente slogan: “Antifascismo in assenza di fascismo? Sempre meglio di fascismo in assenza di antifascismo”. E’ ovvio che la mia opinione è esattamente contraria, anche se devo dire che ho in un certo senso apprezzato il fatto che l’autore dello slogan avesse almeno un barlume di comprensione della realtà del fatto che quel fascismo che gli antifascisti pretendono oggi di combattere, non esiste più da settant’anni, che il fascismo continuamente risorgente che costoro vedono dietro ogni angolo, non è altro che una creazione delle loro paranoie.

Ebbene, è così difficile capire che l’antifascismo in assenza di fascismo non è, non può essere altro che una legittimazione irrazionale e pretestuosa dell’ordine imposto a livello planetario dai vincitori del secondo conflitto mondiale? Ma alla stupidità e alla plagiabilità delle masse umane non si possono porre limiti, ancora meno che alla provvidenza.

Ci sarebbe stato da pensare che con l’andar del tempo, con l’allontanarsi da noi degli eventi avvenuti tra le due guerre mondiali e nel corso del secondo conflitto, con la scomparsa per naturale falcidie della generazione che ne è stata protagonista, l’atmosfera si sarebbe man mano svelenita, il clima si sarebbe fatto più respirabile, specialmente dopo la caduta del muro di Berlino e il crollo dell’Unione Sovietica che costituiscono la prova provata del fallimento dell’ideologia “rossa”.

Il sistema sovietico, infatti, non è crollato per un’aggressione esterna, non è caduto come il fascismo sui campi di battaglia, ma – caso unico nella storia umana – è crollato per implosione interna, sotto il suo stesso peso, da quel pachiderma deforme che era, incapace di somministrare ai suoi sudditi null’altro che oppressione e miseria.

Tutto questo sarebbe stato vero se il comportamento umano rispondesse perlopiù a delle motivazioni razionali, ma certamente così non è. Non vorrei vantarmi di essere stato buon profeta, ma già allora avevo nutrito il sospetto che gli antifascisti si sarebbero sempre più incarogniti nel loro odio irrazionale, perché dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il fallimento dell’ideologia marxista, il ripudio della lotta di classe, l’antifascismo era l’unico articolo di fede che gli rimaneva, ed è l’unico che tuttora gli rimane, e certamente non hanno null’altro con cui sostituirlo.

Noi potremmo definire la mentalità di sinistra come una serie di riflessi condizionati che ruotano attorno al perno dell’antifascismo. Poiché il fascismo ha considerato fondamentali i valori dell’identità nazionale, dell’appartenenza etnica, ecco che i sinistrorsi si fanno fautori dell’immigrazione, del meticciato, della sostituzione etnica. Naturalmente, in ciò non entra minimamente la considerazione che le prime a essere danneggiate da questa invasione mascherata da immigrazione sono precisamente le classi lavoratrici perché il valore del loro lavoro, per la semplice legge della domanda e dell’offerta, non può che essere deprezzato dall’immissione sul mercato del lavoro, di una quantità enorme di braccia a basso prezzo.

I “compagni” non si accorgono o fingono di non accorgersi che l’immigrazione è promossa dal grande capitale internazionale precisamente a questo scopo, e anche perché, essendo queste popolazioni “colorate” meno intelligenti dell’uomo europeo e quindi più facilmente manipolabili, sostituire quest’ultimo con esse permetterà di creare una società di schiavi proni ai voleri dell’oligarchia capitalista, è quello che si chiama piano Kalergi, ma costoro dopo il crollo dell’Unione Sovietica hanno messo in archivio (in cantina, in soffitta, fate voi) la lotta di classe o anche solo l’idea che una società è composta di ceti diversi i cui interessi sono obiettivamente divergenti.

Un discorso del tutto analogo si può fare per un altro dei temi in passato cari alla sinistra, quello del femminismo, perché queste masse allogene che oggi ci invadono provengono da “culture” (non solo quella islamica, ma anche quella indiana, per non parlare dell’Africa nera al disotto del Sahara) dove la donna riceve una considerazione minore di quella del cane di casa.

La defunta Oriana Fallaci nel suo libro La rabbia e l’orgoglio ha espresso un filo-americanismo assolutamente inaccettabile, ma per quanto riguarda le pseudo-femministe di sinistra, pronte sempre a saltare addosso al maschio bianco occidentale, a vedere una violenza in uno sguardo troppo intenso, ma che automaticamente ammutoliscono di fronte agli stupri, alle sevizie, agli assassinii di donne commessi dagli extracomunitari o li scusano come “espressione della loro cultura”, ne ha dato una definizione tecnicamente perfetta: “galline”!

Oltre a quello della sinistra, esiste un antifascismo liberal-democratico “borghese”, e questo è forse l’aspetto più “strano” e rivelatore della nostra storia. Che i fascismi siano nati in Europa dopo la prima guerra mondiale come reazione immunitaria alla “rivoluzione” bolscevica avvenuta in Russia, questo è un fatto assodato, ma questo non significa certo che la favola marxista del fascismo come “cane da guardia della borghesia” sia in qualche modo accettabile. Particolare su cui “i compagni” glissano, nelle file dei movimenti fascisti militavano milioni di uomini di estrazione proletaria-lavoratrice, che avevano ben chiaro che l’Unione Sovietica non rappresentava certo “il paradiso dei lavoratori”, ma al contrario una mostruosità tirannica che teneva il popolo affamato e oppresso. Le democrazia borghesi, dal canto loro, soprattutto l’area anglosassone, mentre erano apertamente ostili ai fascismi, trattavano la mostruosità bolscevica con evidente simpatia. Ne sono una chiara testimonianza, ad esempio gli articoli sul “New York Times” (il “New York Times”, mica un giornaletto di provincia) di Walter Duranty negli anni ’30.

In realtà, quella che si andava delineando era una “santa alleanza” tra  il bolscevismo e le oligarchie borghesi degli stati liberal-democratici anglosassoni, contro i fascismi, colpevoli di realizzare quelle riforme sociali che il bolscevismo sovietico prometteva.

Se si considerano gli eventi storici senza paraocchi ideologici, i fatti parlano chiaro; si pensi per esempio alla guerra civile spagnola, dove le simpatie e gli aiuti degli stati liberal-democratici: Inghilterra e Francia, andarono tutti alla parte “repubblicana” cioè comunista, come se trovarsi con due bolscevismi convergenti dagli angoli opposti dell’Europa sarebbe stato una cosa da nulla.

Sappiamo poi che gli Stati Uniti avevano cominciato (segretamente, è ovvio) a rifornire l’Unione Sovietica di armamenti già dal 1938 in previsione di una prossima guerra contro la Germania. Due uomini che vanno considerati i due più grandi criminali del XX secolo e probabilmente di tutti i tempi, Fraklin Delano Roosevelt e Josef Stalin, hanno di fatto preparato e provocato le seconda guerra mondiale.

Lo si vede con grande chiarezza nella crisi polacca. Che la Germania ambisse a riprendersi Danzica, città tedesca da secoli, per gli Occidentali era intollerabile, ma che l’Unione Sovietica aggredisse a sua volta la Polonia senza nessuna provocazione né alcun pretesto etnico, non provocò a Stalin nemmeno un modesto rabbuffo diplomatico. Che la Germania ambisse a riportare nella sua compagine nazionale i territori tedeschi perduti in conseguenza degli innaturali confini tracciati a Versailles, questo era per le liberal-democrazie la prova che i Tedeschi miravano al dominio mondiale, ma che Stalin avesse tolto alla Cecoslovacchia la Rutenia Subcarpatica, alla Romania la Moldavia, avesse annesso le repubbliche baltiche, avesse aggredito la Polonia, e più tardi avrebbe fatto la stessa cosa con la Finlandia, erano tutte prove della volontà di pace di Stalin.

In realtà la Polonia non era che un pretesto, se i Tedeschi meritavano un bis della Grande Guerra, mentre la sua invasione da parte dei Sovietici lasciava gli Occidentali del tutto indifferenti, il motivo era chiaro: il capitalismo internazionale si sentiva minacciato dal fatto che i fascismi, a cominciare da quello nazionalsocialista, avevano realizzato un socialismo  che funzionava, cosa che non si poteva certo dire per il fallimentare modello sovietico. Joseph Goebbels spiegò questo concetto in un memorabile discorso al Reichstag all’indomani della dichiarazione di guerra franco-inglese alla Germania. Ebbene, bisogna ammettere che non disse altro che la verità.

La scomparsa dell’Unione Sovietica, la fine della guerra fredda che possiamo considerare in ultima analisi una lunga baruffa tra compari per la spartizione del bottino, l’Europa uscita sconfitta, nonché l’intero pianeta (l’Europa tutta intera è uscita sconfitta, non solo l’Asse ma anche i Paesi nominalmente vincitori che, al pari dei vinti, hanno dovuto rinunciare agli imperi coloniali, hanno visto il loro peso sulla scena planetaria ridursi enormemente, si sono visti ridurre a protettorati americani o sovietici), ha portato al riformarsi della “santa alleanza” antifascista tra il grande capitale internazionale e la sinistra orfana dell’Unione Sovietica, che collaborano alla sostituzione etnica e alla distruzione delle nazioni europee, sempre nel segno dell’antifascismo.

Noi abbiamo visto che negli ultimi anni storici antifascisti di provata serietà come Ernst Nolte e Luigi Salvatorelli sono stati contestati dall’ “antifascismo militante”. La loro colpa: affrontare il discorso sul fascismo con gli strumenti dell’analisi storica, politica, sociologica, e non con quelli della demonologia. Proprio perché il naturale trascorrere del tempo allontana questi eventi sempre più da noi, occorre che essi siano trasposti, trasfigurati dal piano storico a quello di una sorta di aberrante mitologia. Il fascismo deve essere “il male assoluto” per non permettere di vedere quanto orribile sia in realtà il cosiddetto bene.

L’immagine del fascismo, del nazionalsocialismo, degli eventi fra le due guerre mondiali, del secondo conflitto stesso, che hanno gli antifascisti, è modellata sui film hollywoodiani che non hanno mai smesso i toni della propaganda bellica.

E’ probabile che gli antifascisti di sinistra non amino gli Stati Uniti, che ogni tanto si sparino qualche trip mentale a base di rivoluzione d’ottobre, Che Guevara, Vietnam, ma l’immagine che hanno del fascismo è quella disegnata dalla propaganda hollywoodiana.

Vi si può vedere una bizzarra analogia con i testimoni di Geova: credono che la verità si trovi in un testo “canonico”, la bibbia, pur non riconoscendo l’autorità che ha stabilito questo canone, la Chiesa cattolica col concilio di Nicea. Allo stesso modo, costoro danno un valore di testimonianza storica alla propaganda hollywoodiana nel momento in cui non professano esattamente amore per gli USA.

Forse però questa è più di un’analogia: i cultori della “religione dell’antifascismo” e i testimoni di Geova sono portatori di una stessa mentalità rigida, di una visione “tubolare” stretta da pesantissimi paraocchi.

Noi dobbiamo sapere che con la fine della guerra fredda è cessata una lunghissima pausa al processo di distruzione dell’Europa conseguente alla sconfitta della seconda guerra mondiale, una distruzione che oggi prosegue con la sostituzione etnica, infinitamente più devastante di qualsiasi bombardamento bellico. L’antifascismo è la complicità con chi vuole appunto la morte della nostra civiltà.

Fabio Calabrese

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Antifascismo

Pubblicato da Fabio Calabrese il 23 Aprile 2018

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Gaetano Barbella

    “Fenomenologia dell’antifascismo”, di Fabio Calabrese, se mi si permette, mi va di confrontarlo con “Non preghi un dio chi non sia un dio” di Andrea Anselmo, pubblicato da poco su Ereticamente net.
    Non si può evitare di vederli come su due piani, il primo mondano e l’altro, quasi irraggiungibile, su quello di un cielo, lo stesso di quel Romolo, il presunto dio, che in conseguenza “al tradimento della vestale Tarpeia, alzate le armi al cielo comanda magicamente a Iuppiter di intervenire e di cambiare le sorti della battaglia e così accade” [citazione tratta dal suddetto articolo di Andrea Anselmo].
    Non si può evitare di cercare di collocarli legati a EreticaMente net, tramite chi qui è continuamente amato, Julius Evola… un altro “dio” che, con Ekatlos del suo Gruppo di UR, inscena un rito, peraltro quasi visto come una “commedia” [vedi: MAGIA POLITICA – LA QUINTE, LA SCENA, LA GRANDE ORMA, a cura dei dottori Giuseppe Maddalena Capiferro e Cristian Guzzo].
    É difficile tentare di concepire un necessario “matrimonio”: mondano no, ma alchemico si, se si tenta di farlo, almeno in memoria di Julius Evola “alchimista e filosofo”. Ecco che così facendo si delinea una prima sofferenza con lo solfo e mercurio alchemico (la salamandra e la remora) che si azzuffavano dilaniandosi. Questi due principi “abitano” il vaso alchemico e la lebbra che affligge la Materia Prima, più che identificarsi con il fisso o con il volatile, col corpo o con lo Spirito, risiede nella loro mancata integrazione, nella loro separazione. L’alchimista, quindi, non potendo rinunciare né all’uno né all’altro, deve riuscire ad amalgamare e fondere insieme Spirito e Corpo, realizzando la conciliatio oppositorum. Gli opposti devono prima lottare divorarsi ed uccidersi a vicenda perché la loro unione possa realizzarsi. Questa operazione ha due aspetti, quello del costringere la terra corporea e pesante [ l’antifascismo, di Fabio Calabrese] ad elevarsi verso le regioni dello Spiritoe quello consistente nell’obbligare lo Spirito ad abbandonare i “cieli filosofici”[ il “dio” di Andrea Anselmo], ove può spaziare liberamente, costringendolo a discendere nelle regioni più pesanti e condizionate dai vincoli terrestri perché possa vivificare rivitalizzare e “rendere consapevole” il corpo.
    Rileggiamo il rituale di Ekatlos suddetto:
    Più tardi. 1919. Fu «caso» che, da parte delle stesse forze, attraverso le stesse persone, venisse comunicato a chi doveva assumere il Governo – allora direttore del giornale milanese – l’annuncio: «Voi sarete Console d’Italia. Fu «caso» parimenti, che a lui fosse trasmessa la formula rituale di augurio quella stessa, portata dalla chiave pontificale: «Quod bonum /austumque sit». Più tardi. Dopo la Marcia su Roma. Fatto insignificante, occasione ancor più insignificante: fra le persone che rendono omaggio al Capo del Governo, una, vestita di rosso, si avanza, e gli consegna un Fascio. Le stesse forze vollero questo: e vollero il numero esatto delle verghe e il modo del loro taglio e l’intreccio rituale del nastro rosso; e ancor vollero di nuovo il «caso» che l’ascia per quel Fascio fosse un’arcaica ascia etrusca, a cui vie parimenti misteriose ci condussero.
    Ecco, non sembra il continuo ripetersi del ricorso al «caso», per giunta “insignificante”, una velata somiglianza al discusso “antifascismo” di Calabrese?
    E poi il seguito, una certa “anticamera” della Fenice risorgente, per giungere alla “nicchia” del “dio” di Andrea Anselmo?
    Quindi attenti a non allontanarsi troppo, da un ideale centro cui si mira, ma che non si vede, perché piace tanto la vita mondana con i vantaggi che vi derivano, o perché la nostra mente si invola verso un cielo antico che la tradizione ci fa immaginare tanto fulgurea.
    Tuttavia non manco di condividere “l’anti” di Calabrese, un necessario e indispensabile attributo umano e non divino, capace di smuovere gli Dèi: “Non sono io che devo andare agli Dèi, ma gli Dèi che devono venire a me” [citazione tratto dall’articolo di Andrea Anselmo)].
    Cordialità.

  2. LA VIOLENZA sara forse parte del fascismo ma L’ODIO e’ sempre rosso. In questi giorni, senza una ragione specifica ma incentivato dal quarantennale dell’uccisione Moro mi sono mi sto dedicando allo “studio” delle brigate rosse in particolare le prime, le vere brigate rosse. Questo tramite la visione e lettura di documenti dell’epoca, film, e interviste dei giorni d’oggi fatte un po a tutti i compagni piu importanti di quel movimento definito rivoluzionario. Peraltro stupisco nel vedere come l’Italia dopo avere temuto tanto questi personaggi sanguinari abbia fatto di loro oggi degli intelletualoidi che danno lezioni di vita vissuta un po dappertutto, occhiali da lettura sulla testa, ma questo deve fare parte dei tratti caratteristici di quel paese un po strano, non certo noiso, certamente farsesco. E la Francia, come nei formaggi, non e’ da meno in questo. EBBENE, nel corso di questo mio studio mi sono reso conto che se in Italia sono presenti dei “fomentatori dell’odio” cosi descritti da qualche tartuferia dirigenziale che utilizza questa ed altre definizioni spregiative (quali fascisti, populisti eccetera) per fare democraticamente TACERE chi si discosta dal regime plutocratico e mondialista, se ci sono magari anche effettivamente degli italiani di destra incazzati, o neofascisti (in quantita talmente irrisoria) pronti ad una lotta politica pregna d’odio, questo e’ solo una punta di un iceberg. Vi e’ anche una larga fetta piu o meno sommersa e piu cospiqua di italiani, diciamo cosi, diciamo “di sinistra” che hanno molto veleno in corpo, molto piu dei fomentatori di odio innervositi dalla presenza esorbitante di gente senza documenti e dedita al crimine che scorrazza liberamente in giro per il paese, un fetta che l’odio lo fomenta su se stessa, sui tanti immigrati, sul nemico stesso attraverso continue provocazioni (di cui l’ultima abbiamo visto a Macerata dove la testa di un fantoccio APPESO A TESTA IN GIU veniva usata come gioco della pignatta per i bambini in piazza..qualcosa di impressionante se pensiamo che quello scempio fu figlio della rabbia della delusione e della sofferenza represse durante la guerra in quell’occasione esplose, ma oggi??….). Non solo i “so ragazzi” dei centri sociali, birretta in mano e filtro nell’orecchio, che vanno in giro a spaccare tutto cio che gli capita cantando motti inneggianti all’omicidio del nemico o a picchiare le forze dell’ordine ma in piu c’e senz’altro in Italia anche una massa enorme, anche se non come ieri ma ancora, di borghesi in giacca e cravatta forti simpatizzanti delle BR. Ed e’ una massa con molto odio. Che cosa voglio dire? Che appunto, sotto questi fascismi di ritorno tanto temuti oggi da alcuni, ci sono allora eventualmente da calcolare anche tantissimi sanguinari comunismi di ritorno, alcuni sotto gli occhi di tutti ma ignorati (il gioco della pignatta non ha avuto grande eco “critico” nei media ne tra la classe dirigente) moltissimi altri sotto la brace. Sotto la brace. Secondo me potreste essere seduti su un vulcano. Chi davvero ama la pace e odia l’odio ma chi lo fa davvero e non ponendosi una MASCHERA farebbe bene a confidare nell’ intorbidimento borghese di quel popolo che pure e’, al contempo, molto presente. Come una lastra di ghiaccio che potrebbe spaccarsi per una qualsiasi ragione, forse non sottile ma c’e comunque differenza tra del ghiaccio su un lago e del ghiaccio che ricopre un vulcano. Tutti gli altri, tenersi pronti. Cavalcando la tigre. Ad un primo scricchiolio di crollo del sistema sara una corsa al pulsante. Ma per ora non si odono scricchiolii se non quelli delle tavole di un penoso palcoscenico democratico.

Lascia un commento

  • firenze 21 novembre

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Primula Nera in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Articolo condivisibile in toto, così come il comm... Leggi commento »

    • Nebel in L’infezione americana: il Regno della Quantità - Roberto Pecchioli

      Bellissimo articolo, se ne potrebbe dibattere per ... Leggi commento »

    • Halfdan in I boschi sacri e l’albero cosmico secondo la Tradizione Indoeuropea - Fabrizio Bandini

      La sua invece è un'ignoranza spirituale. Lasci il... Leggi commento »

    • umberto bianchi in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Mah...prima di fare certi commenti, questi sì ins... Leggi commento »

    • Carlo Ruisi in Joker - Luigi Angelino

      Questo Joker rappresenta gli ultimi, che non sono ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin