fbpx

Polissena – Annalea Vallesi

Polissena – Annalea Vallesi

POLISSENA

Ho sentito le risa nella mia casa
e passi allegri diventare stanchi.
Ho visto la bellezza nella mia casa
trasformarsi in pelle pallida
anche d’estate.
E mio padre prendersi la testa fra le mani,
prima di tornare anche lui
fra queste lapidi.
Per staccarmi dal dolore
ho guardato fuori dalla finestra:
ma una luce cattiva è tornata indietro per colpire,
come una nuova morte,
come un’antica sorte.

NOTA BIOGRAFICA

Mi chiamo Annalea Vallesi e sono nata ad Ascoli Piceno il 1 luglio 1974, ho conseguito la maturità scientifica nel liceo della mia città e poi ho intrapreso gli studi di giurisprudenza.  Il mio rapporto con la “scrittura” in generale, risale alla prima adolescenza, ho sempre avvertito il bisogno di esprimermi su carta fin dai dodici, tredici anni. Durante le medie scrissi un racconto giallo (in realtà di prevedibile soluzione) e ricordo che al mio professore di lettere piacque così tanto il modo in cui era stato scritto, che gli fece fare il giro di tutte le classi, facendomelo declamare a voce alta davanti a tutti, nonostante il mio indicibile imbarazzo.
Ho trovato pensieri scritti sparsi dentro i codici di diritto civile, penale o dentro ai manuali di procedura. Cose che buttavo giù mentre seguivo le lezioni di diritto all’università. Nel frattempo leggevo Marina I. Cvetaeva e Federico Garcia Lorca (che ho saputo essere anche uno dei poeti preferiti di Alessandro Pavolini nonostante le divergenze politiche). Tutt’oggi insieme a Neruda e ad alcune cose di D’Annunzio e di Sibilla Aleramo, sono i miei poeti preferiti. Tutti autori diversissimi fra loro, ma tutti connotati da una straordinaria intensità espressiva.  Ho iniziato a scrivere poesie di forma compiuta dal 2012. La mia prima raccolta inedita si intitola “Ali di Seta”. Non ho ricevuto proposte editoriali convincenti, quindi l’ho lasciata nel cassetto.
In genere scrivo parlando di me, esponendo una visione introspettiva di me stessa ed anche in questa raccolta “Mulieres e Miti” parlo di donne reali che hanno fatto parte o fanno parte ancora oggi della mia vita e di figure femminili mitologiche che invece mi rappresentano, in aspetti della mia personalità o in stati d’animo specifici o in emozioni che ho provato e che mi hanno colpita.

Annalea Vallesi

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Poesie per il Solstizio

Pubblicato da Ereticamente il 21 Giugno 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

  • firenze 21 novembre

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Primula Nera in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Articolo condivisibile in toto, così come il comm... Leggi commento »

    • Nebel in L’infezione americana: il Regno della Quantità - Roberto Pecchioli

      Bellissimo articolo, se ne potrebbe dibattere per ... Leggi commento »

    • Halfdan in I boschi sacri e l’albero cosmico secondo la Tradizione Indoeuropea - Fabrizio Bandini

      La sua invece è un'ignoranza spirituale. Lasci il... Leggi commento »

    • umberto bianchi in Caso Segre: la polizia del pensiero – Umberto Bianchi

      Mah...prima di fare certi commenti, questi sì ins... Leggi commento »

    • Carlo Ruisi in Joker - Luigi Angelino

      Questo Joker rappresenta gli ultimi, che non sono ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin