fbpx

Convegno: Julius Evola e la cultura tedesca

Convegno: Julius Evola e la cultura tedesca

pagine

 

fondazione

 

 

 

 

 

 

Convegno di Studi

Julius Evola e la cultura tedesca

Fondazione Julius Evola

Casa Editrice Pagine

evola

 

ROMA, Sabato 17 dicembre 2016, ore 16,00

Sala de “L’Universale” Libreria-Galleria delle Arti

Via Francesco Caracciolo 12, accanto al mercato Trionfale di Via A. Doria (Metro linea A fermata Cipro; Bus 490 – 495 – 492 – 913; Tram 19)

Relazioni

Ore 16,00: Gianfranco de Turris, Segretario della Fondazione Evola, “Le ragioni di questo Convegno”.

Ore 16,30: Giovanni Sessa, “La Germania segreta nella promozione culturale di Evola”.

Ore 17,00: Giovanni Perez,“Evola e Nietzsche. Interpretazioni e risonanze”.

Ore 17,30: Massimo Donà, “Evola e Jünger. La potenza del negativo, tra scienza e magia”.

Ore 18,00: Antonio Caracciolo, “Evola e Schmitt. Due vinti sopravvissuti alla disfatta dell’Europa”

Ore 18,30: Apertura dibattito.

Ore 19,00: Conclusioni e chiusura dei lavori

Buffet

Per facilitare l’organizzazione dell’evento, in particolare del buffet conclusivo, si prega vivamente confermare la propria presenza, entro e non oltre Giovedì 15 dicembre, a Maurizio Messina: 371 1278745.

Segreteria organizzativa:

Giovanni Sessa Mail: Sessa_Giovanni@libero.it

0775/434478

333/8289088

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Evento, Julius Evola

Pubblicato da Ereticamente il 18 Novembre 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • ekatlos

  • afrodite

  • siamo su telegram

  • spazioaref brescia

  • Fascismo e Massoneria

    Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi – 1^ parte – Luigi Morrone

    di Ereticamente

    1. La massoneria italiana tra ‘800 e ‘900 Le logge massoniche si diffondono nella penisola italiana a macchia di leopardo fin dalla metà del XVII[...]

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Federico in Le origini degli indoeuropei, parte seconda: la favola nostratica

      L'articolo è buono dal punto di vista ideologico.... Leggi commento »

    • Nicola Bizzi in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      No, Antonio, non fraintendermi. Non ho mai sostenu... Leggi commento »

    • Pierluigi Pittoni in Senso dello Stato e sua evanescenza – Enzo Caprioli

      Condivisibile ma disperante ...... Leggi commento »

    • Antonio in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      Non è questione di astronomia, il rferimento ai p... Leggi commento »

    • Enrico in Lo Squadrismo raccontato dagli squadristi – Giacinto Reale (1^ parte)

      Consiglio la lettura di “essenza dello squadrism... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin