L’agricoltura interiore – Alessandro Caredda ©

L’agricoltura interiore – Alessandro Caredda ©

L’agricoltura interiore della poliedricità dell’anima
come semenza e germoglio,
embrione e fermento della foresta urbana,
umido ecosistema simbiotico della collettività umana,
rigonfio della propria millenaria opera tradizionale,
è soppiantata dalla coltivazione intensiva di piante infestanti,
superficiali ortiche radicate di banalità,
sterili di cultura, senza frutto; senza seme e terra fertile.
Svuotate dalle profonde radici che si nutrono di sapienza, intuizione, L'agricoltura interiore
stimolante ricerca dell’acqua Regia,
attingono dal palustre apparire,
il bello svuotato dal fascino della saggezza,
stagno maleodorante di pochezza,
immondizia intellettuale omogenea,
spalmata su sette miliardi cubici di entità senzienti.
Quando il Petrarca ci suggerisce l’allegoria dell’ape e del miele
“le opere del passato sono come i fiori da cui le api traggono il nettare per fare il miele”
noi lo dissacriamo deificando il fascino del moderno,
non più veicolo dell’uomo e per l’uomo,
ma protagonista nell’altare del quotidiano,
plastificazione e ibernazione del genio creativo più intimo.
E vilipendiamo il Dante, nel suo convivio, che ci suggeriva di unirci alla sua mensa, dove il pan delli angeli si manuca; auspicio del poeta per una migliore umanità, sazia, dove quel pan dell’angeli sono le squisite pietanze culturali e spirituali del nostro bagaglio ancestrale.
La tavola dello Splendor Solis che allego a questo rigo, con quel suo sole bruciante e severo sulla città, è un invito al destarsi dal sonno plumbeo, la dormienza delle genti naufraghe nella corrente volgare delle distrazioni, rappresentate dal grigio teatro boschivo nel basso della tavola, una foresta mutilata, dai rami spezzati, privata dalla sua forza solare vivificante.

Alessandro Caredda ©® Copyright 2016 All rights reserved, tutti i diritti riservati.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Poesia

Pubblicato da Ereticamente il 23 Agosto 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

    Avviso ai lettori.

    Ci scusiamo per il disagio che stiamo arrecando in fase di pubblicazione dei commenti.
    Molti vanno nello Spam e stiamo cercando di comprenderne il motivo.
    Può essere Spam la lunghezza, il contenuto del commento
    Può essere Spam anche la pubblicazione di più link all'interno del commento
    può essere Spam una mail infetta

    Stiamo analizzando le impostazioni del plug-in che gestisce il servizio

    Questo sito genera tantissimo traffico quindi è soggetto anche a Spam invasivo di tipo commerciale

    Ci stiamo lavorando per risolvere il problema.
    Intanto Vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo una mail a :
    info@ereticamente.net

    specificando il giorno e l'ora dell'invio in modo da individuarlo subito nella cartella e ripristinarlo

    cordialmente
    La Redazione

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando