Strade d’Europa – Nancy e la bellezza regale della Lorena

Strade d’Europa – Nancy e la bellezza regale della Lorena

 

Attraversato il Reno, superata la famosa Colmar e le meravigliose alture dell’Alsazia, una mite pianura si è presentata dinanzi al nostro percorso, la magica terra regale della Lorena. Vi presentiamo l’antico Ducato in cui sorge la splendida città di Nancy, fondata nel 1050, da Gerardo, duca di Lorena, sorta come piccola roccaforte militare e che successivamente divenne la capitale dello stesso ducato nell’XI secolo.

Nella piacevolissima visita abbiamo potuto ammirare l’imponente cattedrale gotica, adiacente ai palazzi ed al giardino reali, e successivamente la dorata piazza Stanislao Leszczyński, il duca, re di Polonia e suocero di Luigi XV. La piazza fu creata dallo stesso Stanislao, oggetto in seguito ad alcune deturpazioni giocobine, fortunatamente ricomposte con pregevoli restauri.

Non nascondiamo la soddisfazione di aver ritrovato la bella atmosfera della Francia pre – rivoluzionaria, quella che un attento visitatore può sperimentare quando si abbandona all’estetica di posti incantati come Versailles o la nostra Reggia di Caserta.

Per EreticaMente, per Strade d’Europa, Luca, Marcella, Giulio e Flavia.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Strade d'Europa

Pubblicato da Ereticamente il 24 Luglio 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Vladislav in Da Platea a Minneapolis, passando per Fiume: dalla Tradizione all'Anti-Tradizione - Federica Francesconi

      Sarebbe interessante se l'autrice dell'articolo vo... Leggi commento »

    • Elettra BIANCHI in Chesterton: gli insegnamenti di un uomo buono - Roberto Pecchioli

      CHESTERTON ILLUSTRATO NEI VARI ASPETTI STORICI,FI... Leggi commento »

    • Vladislav in Da Platea a Minneapolis, passando per Fiume: dalla Tradizione all'Anti-Tradizione - Federica Francesconi

      Poi scusate, ma veramente parliamo della presa di ... Leggi commento »

    • Michele Simola in Una Ahnenerbe casalinga - Ventesima parte - Fabio Calabrese

      Cristianesimo, democrazia e marxismo, presentano l... Leggi commento »

    • Vladislav in Da Platea a Minneapolis, passando per Fiume: dalla Tradizione all'Anti-Tradizione - Federica Francesconi

      La grecita' classica? Gli Spartani?Le Termopili? I... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando