Democrazia il problema a cura di Giovanni Sessa

Democrazia il problema a cura di Giovanni Sessa

LIBRI: GIOVEDI’ 16 GIUGNO A ROMA PRESENTAZIONE DI

“DEMOCRAZIA IL PROBLEMA”

A PALAZZO FERRAJOLI IL SAGGIO DI ALAIN DE BENOIST A CURA DI

GIOVANNI SESSA

 

Roma, 7 giugno 2016 – “Democrazia il problema”, il fortunato saggio di Alain de Benoist uscito in Francia nel 1982 ed oggi in Italia grazie alla volontà dell’editore Luciano Lucarini che ha deciso di pubblicarlo per la collana de “I libri del Borghese”, a cura di Giovanni Sessa, sarà presentato a Roma giovedì 16 giugno, alle ore 17.30, presso Palazzo Ferrajoli, piazza Colonna 355.

Negli ultimi anni, nell’ambito della scienza politica, si è riacceso il dibattito intorno alla crisi della democrazia. Sul tema sono stati pubblicati moltissimi libri e sono state proposte soluzioni politiche disparate. La crisi della rappresentatività democratica si è trasformata nella sottrazione della sovranità politica ai popoli che, in tale sistema, dovrebbero essere i reali detentori del potere. A farci riflettere su quanto sta avvenendo e a proporre fattive soluzioni, contribuisce la nuova edizione di un volume di Alain de Benoist. Il libro rappresenta un momento significativo del percorso articolato e complesso del filosofo transalpino, caratterizzato, fin dagli esordi, da una certezza irrinunciabile: la critica radicale del liberalismo. Con Democrazia, il problema, de Benoist ha anticipato la profondità della crisi che viviamo, sia sotto il profilo politico che antropologico. Come ricorda nel saggio introduttivo Giovanni Sessa, la crisi della democrazia rappresentativa liberale, si accompagna alla più generale crisi del progetto moderno, storicamente incarnatosi nella volontà totalizzante della ratio illuminista e negli apparati della tecno-scienza. La fatica di de Benoist, in tal senso, lancia un appello accorato all’Europa perché ritrovi se stessa.

Interverranno: Paolo Borgognone saggista e membro del Comitato Scientifico del CIVG; Giuseppe del Ninno, giornalista e scrittore; Giovanni Sessa, autore della prefazione e segretario della Scuola Romana di Filosofia politica.  Modererà l’editore Luciano Lucarini.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Alain de Benoist

Pubblicato da Ereticamente il 9 Giugno 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Giuliano Kremmerz

  • Dramma in un atto

    Il motivo – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    Dramma in un atto   “Servono ragioni così valide per vivere che non ce ne vuole alcuna per morire.” (Rivarol)   Personaggi: Signore attempa[...]

  • la morte

  • dante celato

  • forte demonte

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • intorno al sacro

    letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter