La modernità è incapace di vedere l’intima verità e grandezza del Logos di Hegel – Giandomenico Casalino

La modernità è incapace di vedere l’intima verità e grandezza del Logos di Hegel – Giandomenico Casalino

Il recente intervento, pubblicato su questa Rivista, sulla “Logica originaria…”, dimora in guisa evidente nel campo dell’autentico significato del Logos difeso da Hegel: “Il Vero è l’Intero!”; la stupidità essoterica (che è tenuta al guinzaglio dal Mondialismo satanista esoterico che la gestisce…!) del Mondo moderno (quanto aveva ragione Daudet nel suo Lo stupido XIX secolo…!) non è geneticamente capace di con-prendere la cosmica Verità di quel Principio che è il Fondamento della Logica arcaica, esoterica e quindi “mistica” (o, in una parola, “ermetica”) dell’Uno che è i Molti e dei Molti che sono l’Uno; dove quelli che lo sciocchezzaio moderno definisce “ossimori” sono i “momenti”, le “dimensioni”, gli “stati”, i livelli, gli Enti, gli Dei, i Metalli, le Ere, le Civiltà, le Coscienze, le particelle, gli atomi e le molecole, quindi, differenti, contrari, contraddittori, “polemici” (il Polemos eracliteo…!) che tali “appaiono” all’insipiente, quali parti e non Intero e quindi falsi individui, qualificati dalla determinazione astratta (dal contesto, che è sempre l’Intero…) identitaria ed esclusiva dell’Altro, ma al Sapiente invero manifestano la Verità dell’Athanòr che Tutti li contiene e Tutti Esso è; Verità interna ed unitaria del Principio della Inclusione (coagula) dei Molti e dei Diversi quali necessari e liberi “momenti” dell’Uno dove, nel movimento che è il Tempo quale immagine mobile dell’Eterno, Essi si muovono e tra loro e dentro di loro confliggono ma nell’Eterno che è l’Istante (Platone, Parmenide, 155d-157b) l’Uno non si muove e non sta fermo!

Per la Logica “categoriale”: che è quella moderna e quindi astratta (categoria da katà agorà = secondo il giudizio della piazza, della moltitudine…) dell’identità, dell’individuo-ente, staccato dall’Essere: è questo il senso profondo del Dire antiontoteologico di Heidegger, che è simile pertanto a quello di Hegel; e del principio di non contraddizione, tutto ciò è incomprensibile!

La quaestio è invece molto semplice: Hegel insegna, con quel Principio, che è la Evidenza fenomenologica sia macro che microscopica, che la Sapienza arcaico-platonica cui si ispira (e che è il Logos che egli difende…) è oggi definita “speculativa” ma un tempo la stessa era definita “mistica” poiché è la Conoscenza intuitiva ed istantanea (vedi l’exàiphnes platonico nella VII Lettera…) cioè Intellettiva (noetica, mentre l’altra logica è quella dianoetica cioè discorsiva…) dell’Intero, del Tutto, la quale non esclude, proprio perché ne è al di sopra (come accadeva nelle Accademie neoplatoniche) la Logica moderna, come quella aristotelica, dell’identità (A=A; A diverso da non – A) essendo quest’ultima la legittima modalità di conoscenza della dimensione essoterica cioè sociale, politica e quindi retorica e giudiziaria dei Molti cioè della Democrazia che è come dire della Modernità.

Chi rifiuta tale Logos, poiché non vede l’intima Verità difesa da Hegel, non può vedere, effettualmente, il Sapere e la Scienza Sacra di tutte le Tradizioni iniziatico-sapienziali dell’Umanità, nonché dell’intera Tradizione Platonica che di quelle è Divina sintesi, sino al concetto “contraddittorio” della Trascendenza Immanente difeso da Evola; per giungere a ciò che sta rivelando, a chi ha occhi per vedere e cuore per intuire, la “misteriosa”, “contraddittoria”, “strana” quasi “mistica” meccanica quantistica e la sua filosofia di base che altro non è che il Discorso di Platone intorno a quella “realtà che non è realtà”, cioè la Chòra, ricettacolo di tutte le Forme ma che non è alcuna di esse, dicibile, secondo Platone, solo per mezzo di un “pensiero bastardo”, e quindi, ancora una volta, con una “contraddizione”!

 

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

Giandomenico Casalino, La prospettiva di Hegel. Circolarità e compiutezza del sapere come pensiero arcaico-ermetico, Lecce 2005.

Giandomenico Casalino, La conoscenza suprema. Essere la concretezza luminosa dell’Idea, Genova 2012.

Giandomenico Casalino, Sul Fondamento. Pensare l’Assoluto come Risultato, Genova 2014.

A.G. Magee, Hegel e la tradizione ermetica, Roma 2013.

 

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Filosofia

Pubblicato da Giandomenico Casalino il 7 Maggio 2016

Giandomenico Casalino

«... La Totalità autofondante, che è l'Intero ed è il Vero e cioè l'Assoluto, è il concetto-realtà di "ciò che è causa di sé stesso" e della effettuale convergenza di natura, essenza e verità tra Filosofia platonica, Tradizione Ermetica e Sapere di Hegel, poiché esse, anche se con linguaggi differenti, a causa dei diversi contesti storico-culturali in cui si manifestano, dicono il Medesimo... il Sapere è Uno e la Tradizione che è Sapere, Gnosi, può anche apparire in tanti volti e differenti immagini o discorsi, ma colui che è condotto dalla virtus del Cuore, inteso come centro vivente dell'Essere e quindi nous in senso arcaico, ne vedrà l'unica natura, riconoscendo sé stesso in essa come in uno specchio: " ... infatti gli interpreti dei Misteri dicono che «i portatori di ferule so- no molti ma pochi i posseduti dal Dio» e costoro, io penso, non sono altri che quelli che praticano la Filosofia nel vero senso del termine..." (Platone, Fedone, 69 c-d)...».

Commenti

  1. flores

    Complimenti e un cordiale saluto.

Lascia un commento

    Fai una donazione


    POCO MENO DEGLI ANGELI - ROMANZO ESOTERICO

    Palermo, 25 marzo 2022 h. 16.30 Fonderia Borbonica
  • archeospeleologia

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando