fbpx

Ex oriente lux, ma sarà poi vero? Quindicesima parte − Fabio Calabrese

Ex oriente lux, ma sarà poi vero? Quindicesima parte − Fabio Calabrese

Può sembrare strano riprendere ora il discorso della presunta “luce da oriente”, soprattutto dopo aver deciso di raccogliere tutte le tematiche archeologiche sotto il titolo della “Ahnenerbe casalinga”, ma in realtà affronteremo la questione della “luce da oriente” sotto un’angolatura nuova che non ha a che fare con la ricerca delle origini. La “luce” di cui parliamo stavolta, è quella dell’intelletto. In sostanza, è vero che gli asiatici sono più intelligenti degli europei? Ed è vero che nell’ambito dei bianchi caucasici gli ebrei sono il popolo più intelligente? O tutto questo non fa parte piuttosto di quella serie di concezioni che ci sono state inoculate come delle tossine a partire dalla sconfitta militare di settant’anni fa per far sì che l’uomo europeo avesse quanta meno stima possibile di se stesso, accettasse senza troppe ribellioni il destino che gli è stato imposto, ieri di dipendenza e servaggio, oggi di sparizione, sommerso dalle turbe allogene provenienti dal Terzo mondo?

Vediamo come nasce tutta la questione. Agli inizi del XX secolo, il ministero della pubblica istruzione francese commissionò allo psicologo Alfred Binet la ricerca di un metodo per individuare gli studenti con uno sviluppo intellettivo al disotto della media e che necessitavano di speciali programmi di recupero. Binet elaborò una serie di test e una scala per la misurazione dell’intelligenza.

Successivamente, le ricerche di Binet furono studiate e riviste dagli psicologi americani dell’università di Stanford, che svilupparono nuovi test e una scala modificata, la scala Stanford-Binet, in modo da poterla applicare anche alla misurazione dell’intelligenza degli adulti.

In seguito a ciò e all’uso sistematico dei test d’intelligenza, sono saltate fuori parecchie cose. Gli Stati Uniti, lo sappiamo, hanno una popolazione razzialmente mista; questo ha però almeno il vantaggio di renderli un “laboratorio” ideale per misurare le differenze razziali.

Si vide che, relativamente al quoziente d’intelligenza, c’è una forte disomogeneità riguardo alla razza. Considerato 100 il valore medio dell’intelligenza della popolazione bianca caucasica, gli afroamericani si attestano a 85, mentre gli americani di origine asiatica (cinese e giapponese) salgono a 105.Ma-Fr-Stra

Per quanto riguarda gli ebrei, invece, la presunzione di una loro superiorità intellettiva rispetto alla popolazione indoeuropea non si basa su ricerche statistiche quantitative, ma sul fatto che questa etnia ha avuto nella cultura “occidentale” (prescindiamo ora da quanto sia scorretto parlare di “Occidente”) un peso incomparabilmente superiore alla sua consistenza demografica: creazioni ebraiche sono il cristianesimo, il marxismo, la psicanalisi, l’antropologia culturale, la teoria della relatività, l’arte moderna e via dicendo, senza contare il fatto che attraverso Hollywood e il sistema mediatico americano, oggi gli ebrei hanno un controllo larghissimo sulla visione del mondo e le emozioni della gente, sembra proprio che l’uomo “occidentale” non possa fare altro che “pensare ebraico”, ne sia consapevole o no, e soprattutto se non ne è consapevole.

Non è obiettivamente possibile sottoporre a test d’intelligenza tutti i sette miliardi di individui zoologicamente collocati nella specie homo sapiens che attualmente abitano questo pianeta, e dobbiamo ricorrere a un procedimento indiretto, il confronto fra le diverse culture cui hanno dato vita, partendo dal principio che persone intelligenti fanno cose intelligenti e persone stupide fanno cose stupide.

C’è un’obiezione importante che va presa in considerazione: tutto ciò potrebbe essere il prodotto di fattori non biologici e genetici (quindi “razziali”) ma culturali e ambientali; i neri americani nella media (con possibili eccezioni che sono arrivate fino alla presidenza degli Stati Uniti) occupano posizioni socialmente inferiori a quelle della popolazione bianca.

Il problema non è di facile soluzione, infatti, se è vero che i ragazzi afroamericani hanno minori opportunità educative dei loro coetanei bianchi, è anche vero che queste ultime possono essere una conseguenza della maggiore intelligenza dei genitori bianchi, e i loro figli ne beneficeranno sia per via genetica (ereditandone i cromosomi) sia per via culturale-ambientale.

Per i democratici, vincolati dal DOGMA dell’uguaglianza degli uomini e dell’inesistenza delle razze, la spiegazione si riduce ai soli fattori culturali-ambientali; beninteso, nei rari casi in cui ammettono che questa differenza esiste e non cercano di negare semplicemente la realtà dei fatti e di impedire alla gente di conoscerla, ed è questa la strategia “democratica” più frequente.

Un modo realmente geniale di risolvere la questione è stato trovato dallo psicologo Arthur Jensen. Come è noto, gli afroamericani non sono dei neri “puri” ma hanno all’incirca un 25% di geni “bianchi” frutto di vari rimescolamenti razziali avvenuti dall’epoca della schiavitù fino a oggi. Lui lavorò con ragazzi afroamericani che suddivise in tre gruppi, a seconda che si avvicinassero di più al nero africano puro, fossero in una situazione intermedia o avessero caratteristiche maggiormente “bianche”. Costoro provenivano tutti dal medesimo ambiente sociale ed erano tutti considerati “neri”; in questo modo, i fattori ambientali venivano, come si dice nel gergo scientifico, “randomizzati” ed eventuali differenze sarebbero state riconducibili solo alla base genetica. I risultati furono chiarissimi: tanto maggiore era la proporzione di geni “bianchi”, tanto più il gruppo si rivelava intelligente.

Bisogna notare che Arthur Jensen non era per nulla un razzista tipo Ku Kux Klan; al contrario, aveva iniziato le sue ricerche allo scopo di dimostrare che l’inferiorità intellettiva dei neri era riducibile interamente a fattori ambientali e sociali, ma le evidenze sperimentali gli hanno fatto cambiare idea. Non solo, ma egli pubblicò i risultati delle sue ricerche nella convinzione di rendere un servizio alla comunità nera, evidenziando che i suoi ragazzi avevano bisogno di piani educativi speciali per competere coi loro coetanei bianchi su un piano di parità. Nulla da fare, l’aver infranto il dogma democratico dell’uguaglianza degli uomini, l’averne dimostrato la falsità, era una colpa inespiabile. Non soltanto la sua carriera accademica è stata spazzata via, ma nel corso degli anni ha subito vari attentati coi quali si è cercato di eliminarlo, e si è dovuto pagare guardie del corpo per proteggersi (intendo pagare DI SUA TASCA, che volete? Non è mica Saviano!).

Un altro tipo di verifica viene dallo studio dei ragazzi di colore adottati da famiglie bianche, anche in questo caso il responso è chiarissimo: costoro hanno un livello intellettivo vicino a quello dei genitori naturali, non di quelli adottivi. Ciò è stato recentemente evidenziato anche da un drammatico fatto di cronaca: un ragazzo afroamericano adottato da una famiglia bianca che avrebbe ucciso i genitori adottivi per motivi futili, ha ottenuto l’infermità mentale, perché con un quoziente intellettivo troppo basso per rendersi conto della gravità del suo gesto. Prepariamoci: è il tipo di situazione che le adozioni internazionali provocheranno sempre più spesso anche da noi, e sappiamo che la giustizia italiana è molto più permissiva di quella statunitense, tranne che verso chi esercita il diritto di autodifesa o veste una divisa.

Gli afroamericani, l’abbiamo visto, non sono dei neri “puri”, nell’Africa subsahariana il livello intellettivo medio scende a un misero 70. 70, per la cronaca, è considerato lo spartiacque tra normalità e ritardo mentale. Dal momento che esso è il valore medio del Q. I. della popolazione, metà di essa sarà più o meno al disopra e metà al disotto di tale valore. Almeno rispetto al nostri standard, metà di loro rientrano nel ritardo mentale. Questa è la vera realtà delle “risorse” che piacciono tanto alla sinistra e che l’immigrazione ci porta in casa.

In questo caso, vediamo che i conti tornano perfettamente: il basso livello intellettivo dei neri africani coincide pienamente con il fatto che l’Africa sotto il Sahara, l’Africa nera non ha prodotto alcuna civiltà, è rimasta al livello del paleolitico fino all’arrivo dei coloni bianchi nel XIX secolo, ma, per quanto riguarda ebrei e asiatici, la loro presunta superiorità intellettiva rispetto all’indoeuropeo, i conti non tornano.

Cominciamo con gli ebrei. La cristianizzazione dell’Europa ha prodotto un’oggettiva sopravvalutazione del “popolo eletto”, del “popolo di Gesù”. Non esiste un libro di storia antica che non dedichi almeno un capitolo agli ebrei, ma fate una prova molto semplice: andate a vedere la parte iconografica; a parte le ricostruzioni più o meno fantasiose dell’arca dell’alleanza (che nessuno in concreto ha mai visto), vi accorgete che qualsiasi oggetto di cui sono riportate le foto, non una ricostruzione immaginosa: vasi, statuette, bassorilievi, qualunque cosa, sono cananei, filistei, fenici e via dicendo, di realmente ebreo non c’è neppure un coccio di vaso. D’altra parte, la loro sterilità creativa la ammettono loro stessi, è la bibbia a raccontarci che il tempio di Gerusalemme, il centro della loro religione, Salomone lo fece costruire dai Fenici.

Non è tutto, perché la bibbia ci descrive l’Israele dell’epoca di Salomone come almeno una media potenza dell’area mediorientale. Ebbene noi troviamo su una stele egizia un ambiguo riferimento che forse parla di Israele e forse di tutt’altro; in compenso, non troviamo nessun riferimento a Israele nei testi fenici, ittiti, assiri, babilonesi, persiani. Come è possibile che dei vicini dell’antico regno ebraico, nessuno si sia accorto che esso esistesse? O forse quel che la bibbia ci racconta in proposito, non è che una fanfaronata.

A proposito, sapete cosa significa “bibbia”? Questa parola viene dal greco, ed è un neutro plurale “ta biblia”, “i libri”. La bibbia non è “il libro sacro” degli antichi ebrei, è TUTTA LA LORO LETTERATURA, una cosa che francamente scompare se la confrontiamo con quanto ci hanno tramandato la letteratura greca, quella latina, ma anche ad esempio, quella mesopotamica resa accessibile dalla traduzione delle tavolette cuneiformi.

Francamente è difficile non condividere quanto dice Rudolf Steiner in Principi di formazione del carattere, là dove depreca “La fantasia che esista un popolo scelto da un dio, superiore a ogni altro, e che ad esso ci si debba inchinare con deferenza. Questa idea è falsa ed offende le grandi civiltà che dimostrarono la loro grandezza con i frutti e con gli effetti, non con l’arroganza di una pretesa”.

La storia dell’ebraismo antico, dunque, non ci dà alcun modo di scorgere la benché minima traccia di questa presunta intelligenza superiore, ma cosa possiamo dire di quello moderno?

Durante il medioevo, il fatto che gli Europei cristiani abbiano lasciato nelle mani degli ebrei la pratica del prestito a interesse, li ha messi nelle condizioni di acquisire un potere spropositato quando, con la rivoluzione industriale, ha acquisito un’enorme importanza il controllo dei flussi di denaro. A ciò si aggiungono il sentimento di rivalsa contro i “gentili”, la mancanza di scrupoli e lo spirito di complicità reciproca tra correligionari. Intelligenza, o piuttosto la furbizia di un mercante di tappeti?

Se noi andiamo a esaminare da vicino i contributi che costoro hanno dato alla cultura europea, non si può fare a meno di ridimensionarli considerevolmente, oppure mettere in luce il fatto che questi ultimi sono andati sistematicamente nella direzione della sua disgregazione, piuttosto che rappresentare acquisizioni positive.

Di Marx e del marxismo, quasi non varrebbe la pena di parlarne, tanto è evidente che l’utopia “socialista” dell’uomo di Treviri si è concretizzata in una mostruosità sanguinaria che è riuscita a dare a milioni di uomini solo terrore, miseria, oppressione e morte, a togliere loro sia il benessere sia la libertà, sostituendo il capitalismo con una casta di feroci autocrati, spietati quanto inefficienti. Il rapido crollo nel 1989-91 dell’impero sovietico, non per un’aggressione esterna ma per implosione interna, di questo colosso deforme schiacciato sotto il suo stesso peso, rappresenta un evento inedito nella storia umana. Io ho dedicato un saggio diviso in due articoli pubblicati sulle pagine di “Ereticamente”, La mutazione genetica, ad analizzare sia questo fenomeno senza precedenti storici, sia il progressivo allontanamento della sinistra “rossa” dalle classi lavoratrici, e il tradimento delle stesse, mettendo in evidenza che ciò, in definitiva, non ha rappresentato altro che l’attuazione delle ingannevoli idee di Marx.

Parliamo dell’altro illustre “rabbino” le cui idee hanno influenzato profondamente la cultura contemporanea, Sigmund Freud. Qualcuno ha detto che le tre grandi rivoluzioni scientifiche che hanno caratterizzato la nostra epoca sono state tre grandi richiami alla modestia, e sono state quella di Copernico che avrebbe tolto all’uomo l’illusione di essere il centro dell’universo, quella di Darwin che gli avrebbe tolto l’illusione di essere il frutto di una creazione speciale, e infine quella di Freud che gli avrebbe tolto anche l’illusione di essere un essere razionale. Questa affermazione è notissima e si trova citata spesso. Quello che è meno noto, e che le toglie parecchio valore, però, è il fatto che a farla sia stato lo stesso Freud che, evidentemente, mettendosi su di un piedistallo accanto a Copernico e a Darwin, ha dimostrato che il richiamo alla modestia non intendeva certo applicarlo a se stesso.

La presunzione, il più delle volte, è un tratto caratteristico delle personalità mediocri, che in fondo sono consapevoli che se non fossero esse stesse a incensarsi, non lo farebbe nessun altro. La biografia di Freud rivela un uomo dal carattere incredibilmente arrogante e dispotico: aveva organizzato il movimento psicanalitico come un partito o una setta all’interno della quale vigeva la più rigida ortodossia: sono noti gli scontri, culminati con espulsioni e scomuniche, che Freud ebbe con quei suoi discepoli che osavano mostrare una sia pur minima originalità di pensiero, tra questi, Alfred Adler e soprattutto Carl Gustav Jung, che inizialmente Freud aveva designato come suo delfino.

Tuttavia, questo è ancora nulla. Qualche anno fa, è stato pubblicato un libro che io penso tutti dovrebbero leggere, Il crepuscolo di un idolo, smantellare le favole freudiane di Michel Onfray: L’autore, laureato in filosofia alla Sorbona, ha avuto “un’educazione” a base di marxismo, psicanalisi, antropologia culturale, Freud, Lacan, scuola di Francoforte, noveaux philosopes, e ha avuto modo di constatarne tutti i limiti. Il suo libro inchiesta sulla psicanalisi non ne lascia in piedi nulla. Freud era un ciarlatano privo di qualsiasi deontologia professionale il cui scopo dichiarato era solo quello di arricchirsi a spese dei pazienti, nella sua concezione non c’è nulla di originale, ma idee rubate ai colleghi Pierre Janet (che formulò prima di lui il concetto di inconscio) e Josef Breuer a cui scippò oltre alla pratica delle sedute sul lettino, il termine stesso di psicanalisi con cui la sua opera sarebbe stata identificata.

La psicanalisi freudiana non risponde neppure ai criteri minimi della metodologia scientifica, la verificabilità e ripetibilità degli esperimenti. Come i maghi, i ciarlatani, i santoni, i truffatori di ogni epoca, Freud vuole che gli si creda semplicemente sulla parola. E’ un peccato che Onfray non lo citi, ma non si può fare a meno di ricordare Karl Popper che in Congetture e confutazioni ha indicato proprio la psicanalisi fra le dottrine pseudo-scientifiche che non rispondono ai criteri minimi di scientificità, assieme all’astrologia E AL MARXISMO.

Non basta, perché Onfray ci rivela che Freud ha falsificato i protocolli delle sedute con i suoi pazienti, inventandosi guarigioni mai avvenute. In realtà, non risulta che la psicanalisi abbia mai guarito nessuno. In compenso, pare che Freud sia stato responsabile della morte di almeno quattro dei suoi pazienti, attribuendo a isteria quelli che erano invece i sintomi di malattie fisiche, e sconsigliando o non permettendo loro di ricorrere a cure efficaci.

Sicuramente meno noto di Marx e Freud, è Claude Levi Strauss fondatore dell’antropologia culturale, perché ha lavorato in un campo molto più specialistico, si tratta tuttavia di un altro ebreo “di genio” il cui lavoro come quello dei suoi due illustri predecessori, esaminato da vicino si rivela solo fuffa, inganno. Diciamo subito che l’antropologia culturale non è una scienza, non certo più di quanto lo sia la psicanalisi, ma un’ideologia che si basa su due presupposti che non possono essere messi in discussione per quanto l’esperienza li contraddica.

Il primo di essi è che non esistono popoli ma “culture”, nel senso che ciò che fonda le comunità umane non sono i legami di sangue, ma unicamente ciò che è appreso, le usanze, le tradizioni, i rituali, la lingua. Da questo lato, Levi Strauss, pur essendosi occupato di “culture extraoccidentali” di cui a ogni modo ha inteso negare la primitività, è assieme a Marx responsabile di aver dato vita a quella malattia tipicamente occidentale che Alessandro Mezzano ha così definito in un suo scritto recente che ho avuto già il piacere di citare in Una Ahnenerbe casalinga, ventesima parte:

“Un razzismo inespresso la cui base non è la difesa del corpo fisico di una stirpe, ma quella intellettuale di una civilizzazione esteriore in cui gli occidentali hanno fatto risiedere il significato della loro esistenza”.

L’altro presupposto, l’altro DOGMA dell’antropologia culturale è la non distinguibilità tra conoscenze e usi. In altre parole: se uno di noi si ammala e si rivolge a un medico, mentre nelle stesse circostanze un africano o un isolano della Nuova Guinea si rivolge a uno stregone e gli commissiona un esorcismo, questo non significa che noi abbiamo accesso a terapie efficaci derivate da ormai secoli di ricerca e indagine dei fenomeni naturali, e l’altro no, può ricevere soltanto il temporaneo sollievo dell’effetto placebo, dell’illusione di essere curato, no, significa solo che noi abbiamo certe usanze e lui ne ha altre.

Ora, si vede bene che “le idee” dell’antropologia culturale sono una panoplia di armi puntate contro quello che si chiama eurocentrismo, contro la percezione dell’uomo europeo di appartenere a una civiltà superiore.

Si può ricordare una recente intervista rilasciata da Luigi Luca Cavalli-Sforza, nella quale il ricercatore italiano ha detto quasi di sfuggita la verità ovvia: “Etnia e razza sono praticamente la stessa cosa”:

Ma come? Levi Strauss e discepoli hanno impiegato decenni a persuaderci che quello di etnia è un concetto culturale, che attiene al dominio dell’ambiente e dell’apprendimento e non ha nulla a che fare con la razza, e ora costui con una semplice frasetta, con un colpo di scopa, spazza via decenni di elaborate ragnatele?

Parlando di Levi Strauss, ne viene subito in mente un altro (in questo caso Levi era il nome e Strauss il cognome), un imprenditore che, avendo notato che i cercatori d’oro negli USA, che stavano tutto il giorno inginocchiati ad grattare il suolo, consumavano i pantaloni molto in fretta, pensò di confezionarglieli con una robusta tela che si usava per le vele o la copertura dei carri conestoga, e su questa trovata fondò un impero commerciale. Non si trattava ovviamente di genialità, ma di una furbata da mercante, tuttavia è innegabile che inventando i jeans, costui diede all’umanità un contributo molto maggiore di quello del suo quasi omonimo Claude.

In realtà però anche l’invenzione dei jeans non si è rivelata per nulla così innocente come potrebbe sembrare a prima vista, perché questi pantaloni hanno finito per diventare un simbolo di eversione, di ribellione giovanile della “gioventù bruciata”, e la loro diffusione planetaria è andata di pari passo con l’americanizzazione del mondo intero. Sembrerebbe una metafora perfetta del tocco dei nuovi re Mida circoncisi che hanno il potere di trasformare in oro, cioè di monetizzare tutto ciò che toccano, un oro da cui spande un sottile (e a volte nemmeno tanto sottile) miasma di corruzione.

Siamo a metà del guado, forse nemmeno a metà, perché non abbiamo ancora finito di analizzare i contributi dati dall’ “intelligenza” ebraica alla nostra cultura per capirne il reale significato, resta quanto meno da parlare di Einstein e della teoria della relatività, nonché del contributo ebraico all’arte moderna e poiché, lo sapete, io sono anche un appassionato e un autore di fantascienza, vorrei dirvi pure due parole riguardo a Isaac Asimov e alla centralità che questo autore sembra aver assunto in questo genere letterario.

E resta naturalmente aperto il discorso su quei cinque punti in più di quoziente d’intelligenza che gli asiatici estremo-orientali sembrerebbero avere rispetto agli occidentali di origine europea, ma per non rendere questo articolo eccessivamente chilometrico, rimandiamo il discorso alla prossima volta.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Approfondimento, ex oriente

Pubblicato da Fabio Calabrese il 29 Ottobre 2015

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Primula Nera

    Molti degli aspetti portati in Europa da pensatori e intellettuali ebrei non mi attirano affatto,tra questi metto i contributi di personaggi citati nell’articolo:Marx,Levi Strauss,io aggiungerei anche Marcuse,mentre su Freud tutto sommato sono meno critico;oppure quegli autentici disastri che sono l’arte contemporanea e il cinema hollywoodiano degli ultimi decenni(ma forse entra più in gioco il pensiero progressista in tali scempi…).
    Detto ciò e non volendo fare paragoni tra indoeuropei ed ebrei,anche perchè la maggior parte di questi ultimi forse sono ebrei solo nominalmente,in secoli di incroci con popolazioni europee,oppure considerate le conversioni di massa alla religione ebraica dei chazari,o di alcuni gruppi indoeuropei,è comunque opportuno ricordare che il contributo degli ebrei alla cultura occidentale non si limita solo a quei personaggi.
    Non si può negare che abbiano anche dato al nostro mondo contributi notevoli:ad esempio musicisti come Offenbach o Mendelssohn Bartholdy;registi come Pressburger(e suo nipote Kevin Mc Donald ha forse girato l’unico film capolavoro riguardante gli antichi romani in questi ultimi anni:”The Eagle”) o Stanley Kubrick,che al di là delle sue idee progressiste girava(credo si possa esser d’accordo su ciò)grandi film;scrittori come Kafka,Schnitzler,Schwob,Perutz,J.Roth,ma soprattutto Hofmannsthal uno dei padri della “rivoluzione conservatrice”nemico di ogni forma di liberalismo e socialismo.
    Insomma,non voglio far classifiche di “intelligenze”,ma indubbiamente delle personalità notevoli il mondo ebraico le ha prodotte,ed una parte di queste erano lontane anni luce dall’ideologia liberal-progressista(pensiamo a quanti ebrei furono vicini al fascismo nei primi anni).
    Saluti.

  2. I 5 punti in più sono presto spiegati: grazie al loro potere economico negli ultimi 300 anni, essi hanno potuto accoppiarsi con i migliori della razza Bianca, consentendo alla loro prole di aumentare il Q.I. Dopo aver “depredato” il corredo genetico Bianco, oggi è il turno degli Asiatici del nord-est: infatti è ormai regola per un ricco giudeo prendere in moglie una donna asiatica(vedasi Zuckerberg, Soros, Murdoch etc…).

  3. Giancarlo

    Mah, questa “fissazione” (possiamo chiamarla così?) per gli ebrei è uno dei motivi per cui in un altro post prendevo le distanze dal cosiddetto “ambiente” e dalla cosiddetta “Area”, il complotto giudeo-pluto-massonico non mi appartiene e mi sembra francamente, e senza offendere nessuno, un po’ una fissa.. Oltretutto le critiche a Marx e Freud mi sembrano abbastanza forzate ma anche se fossero fondate mi parrebbe che dovrebbero essere riportate nell’alveo delle critiche personali e non allargate a tutta una improbabilissima etnia, tantè che sia Marx che Freud era tutto fuorché ebrei credenti e praticanti (vedere il famoso saggio di Freud sul “Mosè egiziano”). Il tutto senza alcun intento polemico e nel massimo rispetto di Fabio Calabrese

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • ekatlos

  • siamo su telegram

  • milano 15 novembre

  • Vie della Tradizione 176

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • luigi in Gabriele D’Annunzio, presente al cuore - Claudio Antonelli

      E' scritto con passione e lucida ricostruzione sto... Leggi commento »

    • Albyphoto in Gustavo Adolfo Rol: Magia ed empatia - 2^ parte - Piervittorio Formichetti

      Articolo dettagliato e scritto in maniera impeccab... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Lo sviluppo della vita e dell'uomo nella Tradizione Vedica – Riccardo Tennenini

      Il giorno e la notte di Brahma: Prove da reperti f... Leggi commento »

    • Francesco Zucconi in I nemici della nazione - Enrico Marino

      Scrivere che i governi avrebbero calato le braghe ... Leggi commento »

    • Nebel in Bias cognitivi e camere d’eco: la trappola dei social - Ilaria Bifarini

      I suoi articoli sono sempre interessanti e ben esp... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin