fbpx

Sull’unicità della Donna Vera

Sull’unicità della Donna Vera

di Giuliana Poli

Non è un caso che nei momenti di difficoltà economica e di cambiamento epocale, tutti ritornano alle radici: alla terra e alla donna, ma nel mondo femminile ci sono spaccature sempre più grandi, poiché all’interno di questo universo ci sono delle diversità importanti. Tra le tante ci sono donne che ritengono giusto pretendere la metà del tutto.  Donne che vogliono la parità in tutto.  Ma è la miglior scelta culturale e sapienziale? In un mondo del lavoro, dove non prevale la meritocrazia, in una società consumistica, individualista, distruttiva, maschilista, convinta che per avere successo bisogna “correre” da soli  in aperto antagonismo con gli altri, la richiesta – a mio giudizio – di volere essere equiparate agli uomini, è implicitamente riconoscere che la donna ha fallito. Ha fallito, poiché ha distrutto se stessa, la propria aristocrazia spirituale, dignità, il proprio orgoglio, il modo di far l’amore, di essere sposa e madre, di essere capo in maniera diversa da quella maschile.  E’ un dichiarare che ormai le donne sono inPoli 1 guerra con se stesse e con gli altri, in quanto tendono ad auto-assimilarsi all’uomo, ad emularlo o scimmiottarlo in tutto. Sempre di più si vedono donne che sono ormai uomini con la “minigonna” dal bell’aspetto.

Vittime del vecchio sistema, del femminismo, giusto elemento di rottura da una mentalità “talebana” degli uomini, ma che poi ha portato ad una degenerazione, per non esser riuscite a superare e riportare la propria identità nei canoni del femminile. Le donne che pretendono, che scendono in piazza per l’uguaglianza con l’altro sesso, hanno irriflessivamente accettato di farsi “schiacciare” dallo stesso schema maschile che ufficialmente affermano di osteggiare. Continuando, purtroppo, a fare il gioco delle oligarchie, a cui, ovviamente, non interessa nulla delle donne ma solo a far cadere un governo avverso. Questo nuovo movimento femminile vuole la “metà del tutto”, in tutti i campi, la parità assoluta con l’uomo. Ora, con tutto il rispetto per tutte le donne, dissento fortemente – come donna della Tradizione – dal dovermi equiparare o comparare con un uomo. Sono una donna naturale ed ho la consapevolezza di appartenere ad un mondo completamente diverso da quello maschile. Inoltre, rivendicare la propria legittimità a partecipare in maniera più significativa alla vita politica e sociale, attraverso una proporzione matematica (la metà di tutto), considero sia abbastanza “castrante” (a proposito di donne/uomo). L’uomo e la donna non sono delle entità scientifiche che possono essere valutabili attraverso dei criteri scientifici, ma degli esseri umani, unici, irripetibili e totalmente complementari.

Ha ragione Kirk, quando afferma che il mondo delle fate e, quindi, della Natura, riusciranno sempre a vincere sulla scienza. Lo scientifico è tutto ciò che è dimostrabile. E’ tutto ciò che ripetuto infinite volte, dà il medesimo risultato. Gli esseri umani (uomini e donne), invece, rappresentano il mistero della vita. La Natura è mistero. Quando inizia e quando ha termine la vita naturale? La scienza non sembra saper rispondere… Come stabilire, allora, l’assegnazione della metà di tutto? Su quale base scientifica? Quella aritmetica del numero? E se all’interno di quel 50% ci fossero degli imbecilli, li considereremmo tutti ugualmente intelligenti, capaci e competenti, a maggioranza o per decreto? Ecco, dunque, la dimostrazione che la “parità” è un’astrazione, della pura demagogia, un soggetto di mera ed interessata propaganda. Al massimo, potrebbe produrre una semplice spartizione di poltrone tra uomini e donne, la cui competenza lascerebbe, comunque, molto a desiderare. Qual è, allora, il giusto criterio per stabilire se una donna, in un certo determinato campo, vale più di un uomo o viceversa? Io credo sia l’esperienza e competenza specialistica. Il poter dimostrare (e non soltanto dirlo, affermarlo o pretenderlo…) ciò che si è e che si vale, nella vita di tutti i giorni. Se questo fosse il criterio di valutazione, chi si sentirebbe scioccato o offeso dal fatto, ad esempio, che ci sia una più alta maggioranza di donne o di uomini capaci di occupare posti di comando?  Chi (uomo o donna che sia) si sente di essere capace e competente, e può simultaneamente e concretamente dimostrarlo, in che cosa disturberebbe gli uomini o le donne incompetenti? Il governo potrebbe a quel punto essere composto anche da sole donne.

Allora, mie care e predilette amiche, rimettiamo al centro della nostra vita, la Madre Natura. Natura aborret vacum. La Natura aborrisce il vuoto. Nulla nella Natura è vuoto. O si tiene conto di questo dato incontrovertibile o ci si auto-condanna ad estraniarci dalla realtà. Osservando la realtà della Natura, ritorneremmo a essere noi stesse. E non ciò che ci hanno ideologicamente convinto che dovremmo essere, per delle finalità che nulla hanno a che fare o a che vedere con la nostra reale ed intima esistenza. E’ soltanto attraverso l’osservazione e lo studio della Natura chePoli 2 possiamo trovare tutte le risposte ai nostri infiniti perché. E, di conseguenza, riuscire a risolvere l’insieme dei problemi delle nostre società. Invece, accecate e forviate dall’ingannevole credenza di essere le sole portatrici visibili e tangibili della verità assoluta ed indiscutibile, ci siamo distaccate da nostra Madre: la Natura.  Questo, come sappiamo, ha prodotto una società vacua ed astratta, dove non c’è sapienza, né competenza, ma dove tutti pensano di avere il diritto di poter dire o fare (o soltanto dire di fare?) tutto. Mentre, invece, la Natura ci insegna che ognuno di noi, per il semplice fatto di essere nato, ha senz’altro un ruolo nella società. E’ sufficiente cercarlo. Anche se, per cercarlo, con la certezza di poterlo trovare, è indispensabile conoscere se stessi. Non per niente, l’arte della politica è quella di riuscire a combinare le energie umane di cui realmente disponiamo. E non certo quella di armonizzare teoricamente ciò che non abbiamo o vorremmo avere.

Certo, le ideologie lasciano sperare che tutto è possibile. Anche trasformare una donna in uomo! Oppure, creare una ricchezza virtuale che, in realtà, non esiste. Situazione che, come sappiamo, ha alterato in maniera catastrofica la stessa economia mondiale. In Natura questo non può avvenire poiché la Natura stessa ci indica che un uomo, resta uomo, ed una donna, donna. E le risorse della terra non sono, né possono essere infinite. Una volta, le donne sapevano tutto questo, per istinto. E se oggi lo hanno dimenticato, lo debbono ricordare. Ascoltando la voce della vita che alberga in loro. Ci sono state ere, nel passato, in cui la donna non era una “cavernicola”, il cui ruolo era solo quello di fare figli, come ci hanno fatto credere, ma governava. E gli uomini erano felici di farsi governare, poiché essi stessi erano legati alla Madre e il ciclo naturale della vita si svolgeva con armonia…  Ora, siamo all’inizio di una nuova era.

E non è escluso che quest’ultima sia di nuovo quella delle donne… Quelle vere!

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Pianeta Donna

Pubblicato da Giuliana Poli il 2 Luglio 2015

Giuliana Poli

Giornalista, scrittrice ricercatrice . Dopo la laurea in giurisprudenza diventa giornalista e scrittrice studiosa di tradizioni arcaiche e corrispondente di testate giornalistiche e televisive. Collabora con Mario Polia al libro "Tra Sant'Emidio e la Sibilla" Forni Editore, Bologna, 2004. Nel 2008 a Napoli con Controcorrente Edizioni esce il suo primo libro "L'Antro della Sibilla e le sue sette Sorelle" un successo che apre un esteso dibattito culturale oggi in ristampa. Sta per essere distribuito in Italia il suo ultimo libro "Dio è Femmina?" Finis Terrae, Lugano 2014. Presentatrice di eventi culturali importanti è stata oggetto di vari riconoscimenti come Donna dell'Anno 2011 e la nomina onoraria e cattedratica dell'Accademia Tiberina nel 2013 per il suo operato sul recupero delle tradizioni, sul mito e le ritualità arcaiche. E’ stata capo-dipartimento di Antropologia culturale della scienza della tradizione etnografica del mito e del rito presso Ventura Research Institute di Lugano. Il suo modo di scrivere "iconoco" ed "eclettico" colloca Giuliana Poli come una scrittrice "Terra di mezzo" tra la Scienza e la Ricerca di frontiera nel mondo del sacro dove risiedono gli archetipi. Le sue opere sono un atto immaginativo singolare ed ineguagliabile, un ponte tra due grammatiche: la logica dalla forma saggistica "precisa e puntuale" nelle fonti e il linguaggio metalogico dalla tonalità evocativa, lirica, che và oltre la parola, poiché come Lei stessa afferma: "L'apparente non senso stimola la mente a trovare soluzioni". Donna estremamente pratica è responsabile nella Comunicazione, addetto stampa e relazioni esterne della IECSME (Indo-European Chamber of Small and Medium Enterprises) e promozione e sviluppo nelle relazioni e comunicazione a supporto della internazionalizzazione della piattaforma Web e-procurement E-PLATFORM.

Commenti

  1. stelvio dal piaz

    Questo articolo ci consola: esistono ancora delle vere donne ! Complimenti e cordialissimi saluti

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • T. Interlandi in Sulla vigliaccheria italica: l'attualità di una Nazione defunta - Alessandra Iacono

      Chi e'che per uscire doveva indossare un cerchio g... Leggi commento »

    • Marco in Sulla vigliaccheria italica: l'attualità di una Nazione defunta - Alessandra Iacono

      Da tempo non leggevo parole così vicine al mio pe... Leggi commento »

    • Marco Virginio Fiorini in Due poli di telai del Fato: Giza delle Piramidi e Pechino. A cura di Gaetano Barbella (Prima parte)

      Gaetano Barbella mi stupisce sempre con la sua gen... Leggi commento »

    • Claudio in Manualetto dell'antisfascista - Livio Cadè

      Grande come sempre Livio Cade'! Per me è una con... Leggi commento »

    • Livio Cadè in Manualetto dell'antisfascista - Livio Cadè

      Io mi sto impegnando per arrivare, come Lei, all'i... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO