fbpx

La festa della vergogna, prima parte

La festa della vergogna, prima parte

Di Fabio Calabrese

Pare proprio che questo 2015 sia un’annata di ricorrenze: il 25 aprile di quest’anno cadono i settant’anni dalla conclusione – sfortunata e tristissima per l’Italia – della seconda guerra mondiale, e un mese più tardi, il 24 maggio, il centenario del nostro intervento nel primo conflitto, la Grande Guerra, come fu chiamata quando non s’immaginava che in meno di una generazione ne sarebbe seguita un’altra di ancor più grandi dimensioni e più catastrofica.

Ma non vi preoccupate: ho già pronta e vi sto tenendo in caldo una serie di articoli che svelano alcuni retroscena dell’intervento italiano nel primo conflitto mondiale, su cui solitamente la storia ufficiale non si sofferma con attenzione, intenta come sempre a raccontarci ciò che fa comodo al potere. Ne riparliamo presto, ma ora concentriamoci sul significato del 25 aprile.

Settant’anni di sedicente repubblica democratica, in realtà di proconsolato dipendente da interessi stranieri, hanno gravemente compromesso l’immagine dell’Italia nel mondo, non hanno soltanto gravemente danneggiato le posizioni italiane in ogni settore, ci hanno anche coperti di vergogna e di ridicolo a livello planetario.

Una delle cose che senz’altro suscitano l’ilarità nei nostri confronti fuori dai nostri confini, è questa celebrazione, questa “festa” del 25 aprile, che non è soltanto la materializzazione della peggiore e più squallida retorica concepibile. Io credo che il caso italiano sia veramente unico a livello mondiale e inedito nella storia, di una nazione che celebra una sconfitta, e una sconfitta pesante quale fu quella che subimmo nel secondo macello planetario, come se fosse stata una vittoria. Ma come volete che gli stranieri ci rispettino quando siamo noi per primi, e ormai da quattordici lustri, a tirarci lo sterco addosso?

In realtà una simile bizzarria non è per nulla inspiegabile, perché il 25 aprile non è per nulla una “festa” nazionale, ma celebra la vittoria di una parte sull’altra della guerra civile che fu parallela al conflitto internazionale sul nostro territorio, “festa” non della nazione ma della fazione. Fazione, va detto, che ottenne la sua “vittoria” a poco prezzo, approfittando del fatto che l’Italia e chi realmente la difendeva, furono stritolati dall’avanzare di un nemico che vantava un’imponente superiorità di mezzi. Fazione che è quella anti-nazionale, quella “rossa” che da noi disgraziatamente gode ancora di una credibilità che ha perso quasi dovunque, ispirata a un’utopia mortifera che, come si è ben visto negli eventi del 1989-91 con la caduta del muro di Berlino, con la liquidazione dei regimi comunisti dell’Europa orientale e infine della stessa Unione Sovietica, i popoli che l’hanno subita, hanno immediatamente defenestrato per le vie brevi appena è stata data loro la possibilità di farlo.

In tempi recenti, man mano che gli ambienti della “destra neofascista” sono diventati sempre più “di destra” e sempre meno “neofascisti” e hanno perso parecchio non solo in termini di consenso elettorale ma di spina dorsale, hanno sempre più spesso avanzato la proposta di trasformare il 25 aprile in una “festa della riconciliazione nazionale”, proposta che gli ambienti antifascisti hanno sempre “sdegnosamente” respinto (naturalmente, si è sempre trattato di uno sdegno simulato, poiché per provare realmente sdegno occorre possedere una dignità). Non c’è niente da fare, il 25 aprile è e rimane la festa della fazione, anche se capace occasionalmente di travestirsi da nazione. L’unica cosa da fare per far recuperare un po’ di dignità a questa sciagurata Italia, sarebbe al riguardo quella di abolire questa festività immonda.

Il problema è quello che è stato (pudicamente) chiamato “della memoria divisa”. Continuano a esserci due parti di Italia che interpretano la storia recente in maniera opposta e ne abbiamo avuto un esempio tre anni fa col rifiuto di ricordare gli eroi di Nikolaewka e di El Alamein, caduti della “guerra fascista”, e tempi infelici attendono un Paese che dimentica i suoi eroi ed eleva al rango di eroi traditori e rinnegati quali furono i “resistenti”.

Per far comprendere l’esatta portata delle cose, soprattutto a beneficio dei più giovani, sarà bene spiegare con chiarezza cosa fu la seconda guerra mondiale e come vi fummo coinvolti, anche perché le versioni ufficiali propagandate dai media, dai libri di testo scolastici e – sempre a scuola – dai docenti di sinistra, sono perlopiù false e inattendibili, manipolate per creare consenso attorno al sistema di potere che da settant’anni abbiamo la (s)ventura di subire.

La vulgata canonica ufficiale attribuisce la responsabilità dello scoppio della seconda guerra mondiale al fascismo, ai fascismi, in particolare quello nazionalsocialista, ai Tedeschi e forse in definitiva a un solo uomo: Adolf Hitler. Ora tutto questo è falso, non è altro che una mistificazione che è l’esatto contrario della realtà.

Coloro che hanno voluto, programmato, provocato la seconda guerra mondiale, hanno attirato la Germania hitleriana in una trappola, costringendola ad agire attaccando i due Paesi slavi, prima la Cecoslovacchia, poi la Polonia dove le minoranze tedesche rimaste entro i loro confini a causa del trattato di Versailles, erano oggetto di durissime persecuzioni.

E’ diverso il caso dell’Austria. Essa, una repubblichetta formata dalle terre tedesche che avevano fatto parte dell’impero asburgico, reclamava l’annessione alla Germania dal 1918. Qui era nato lo stesso Hitler, qui il nazionalsocialismo era più diffuso e sentito che nel Reich tedesco, qui le truppe della Wehrmarcht entrarono senza sparare un colpo, accolte dagli applausi e dai festeggiamenti di ali di folla festante.

Sicuramente, i regimi cecoslovacco e polacco furono incitati a perseguitare le minoranze tedesche da chi voleva provocare l’intervento della Germania nazionalsocialista e trascinarla in un nuovo conflitto mondiale, colpevole di essersi rimessa in piedi troppo presto dopo le condizioni umilianti imposte a Versailles e la crisi del 1929. La seconda guerra mondiale non è stata che il secondo tempo del conflitto iniziato, o meglio entrato nella sua fase esplosiva nel 1914, e dietro il quale si legge la tendenza della massoneria e dell’alta finanza internazionale a imporre il proprio potere planetario distruggendo le élite e l’ordine tradizionale dell’Europa, un’unica mano che si scorge già dietro le rivoluzioni “liberali” dell’ottocento, e a partire dalla rivoluzione francese del 1789.

Nel maggio 1940, dopo il crollo della Polonia e con la Francia ormai prossima alla resa, Hitler fermò le divisioni corazzate ormai che stavano per annientare il contingente britannico intrappolato nella sacca di Dunkerque. Era la mano tesa di chi voleva la pace, dopo essere stato provocato e trascinato nel conflitto.

Il grave errore di Hitler fu quello di pensare che i dirigenti britannici avessero a cuore il benessere del popolo inglese come lui aveva a cuore quello del popolo tedesco, invece di essere agenti o strumenti di una cospirazione planetaria pronta ad annientare il popolo inglese come quello tedesco o chiunque, pur di travolgere l’ordine tradizionale europeo e assicurare il dominio della plutocrazia mondiale.

In mezzo a tante menzogne che sono ormai divenute da settant’anni “la verità” ufficiale, occorre cercare di ristabilire la verità autentica anche sulla partecipazione italiana a questo conflitto. Uno dei nostri migliori storici “non convenzionali”, Antonino Trizzino, scovò un documento dell’ammiragliato britannico, che riporta all’inizio del suo libro Navi e poltrone, in cui si richiede una grossa commessa di siluri aerei in vista del conflitto ormai imminente con l’Italia, nel quale si prevedeva il teatro aeronavale avrebbe avuto un ruolo determinante, ma la cosa sorprendente è la data di questo documento, al punto che lo stesso Trizzino pensa a un errore: 1938. Vale a dire che nello stesso momento in cui Francia e Inghilterra chiedevano la mediazione di Mussolini per risolvere la crisi cecoslovacca, mediazione che portò all’accordo di Monaco, la Gran Bretagna preparava la guerra contro l’Italia, il coltello da piantarci nella schiena.

Del resto, basta pensare a quell’incredibile farsa che furono le reazioni franco-britanniche alla campagna di Etiopia, le sanzioni e tutto il resto. Ma come? Costoro avevano imperi coloniali estesi nel loro insieme a più di metà del globo terrestre e trovavano intollerabile che l’Italia sottomettesse l’Etiopia? Per loro era così essenziale che gli Etiopi godessero di quella indipendenza che negavano senza alcuno scrupolo ai popoli da loro assoggettati?

C’è un piccolo particolare che di solito non viene considerato: tutti i rifornimenti italiani diretti in Africa orientale dovevano necessariamente passare per Suez, che era in mani inglesi; sarebbe bastato loro chiudere il transito per il canale di Suez alle navi italiane per renderci impossibile la conquista dell’Etiopia. No, SI VOLEVA che prendessimo l’Etiopia, in modo da avere il pretesto per isolarci internazionalmente, non lasciarci alternative all’alleanza con la Germania e distruggere noi e i Tedeschi nella guerra che andavano preparando.

Un’altra cartina di tornasole molto rivelatrice è rappresentata dalla guerra civile spagnola. Tutte le simpatie, tutti gli aiuti da parte franco-inglese-americana andarono chiaramente alla parte “repubblicana” cioè comunista. E’ credibile che costoro sottovalutassero così gravemente il pericolo insito nel trovarsi con due stalinismi convergenti dal lato orientale e da quello occidentale del nostro continente?

O piuttosto la verità è un’altra: il comunismo era già da allora incluso nella coalizione destinata a stritolare “i fascismi” e l’Europa. Della ben nota ferocia del regime staliniano, delle sofferenze del popolo sovietico, della privazione della libertà e dei diritti umani più elementari, ai “campioni della democrazia” non fregava nulla!

Ci sono dei retroscena della nostra partecipazione alla seconda guerra mondiale, mai adeguatamente approfonditi, che ci raccontano una storia molto diversa da quella consacrata dalle versioni ufficiali. A volere la nostra partecipazione al conflitto nel giugno 1940, che i Tedeschi avevano sconsigliato giudicando impreparate le nostre forze armate, furono soprattutto la monarchia e gli alti comandi militari, che moltiplicarono le pressioni su Mussolini, prendendo a pretesto il collasso militare francese, che poteva generare l’illusione che il conflitto fosse prossimo a concludersi.

L’Italia in quel momento era nelle condizioni peggiori possibili: al cronico ritardo industriale e tecnologico rispetto alla Germania, alla Francia, all’Inghilterra agli Stati Uniti, si sommava il fatto che ci trovavamo con gli arsenali vuoti, avendo da poco sopportato ben due conflitti, la guerra d’Etiopia e quella di Spagna, che Franco vinse grazie soprattutto all’aiuto italiano, ma le condizioni di impreparazione delle nostre forze armate furono ben occultate a Mussolini, a cui furono fatte credere cose molto diverse dalla situazione reale, in modo che prendesse la decisione fatale sulla base di informazioni errate.

La verità che emerge è sconcertante, eppure è incontestabile: a volere la guerra furono la monarchia e gli alti gradi militari a essa legati, e costoro perseguirono scientemente la sconfitta. I legami di casa Savoia con la massoneria internazionale non erano mai venuti meno, e ora la sconfitta militare appariva il mezzo più idoneo per sbarazzarsi del fascismo, ormai visto come un ostacolo ai disegni massonici di dominio planetario.

Nei suoi libri, soprattutto in uno dal titolo estremamente esplicito, Gli amici dei nemici, Antonino Trizzino ha raccolto un dossier impressionante di cattivo impiego delle nostre forze armate, di “errori” tattici e strategici, di sabotaggi, di informazioni passate al nemico. Era uno sporco, sporchissimo gioco sulla pelle dei nostri combattenti e della popolazione civile, sempre più coinvolta nel conflitto.

Nonostante l’indiscutibile valore dei nostri combattenti, si pensi alla Folgore a El Alamein, il fronte nord-africano crollò soprattutto per la penuria dei rifornimenti dovuta al fatto che i nostri convogli furono mandati senza scorta ad attraversare un mare dominato dalle flotte britanniche, mentre le corazzate e gli incrociatori che li avrebbero dovuti difendere rimanevano alla fonda, e i nostri marinai pagarono uno spropositato tributo di sangue del tutto inutile.

Di disastro in disastro, si arrivò all’invasione della Sicilia poi dell’Italia peninsulare nel 1943.

La capitolazione della Sicilia portò alla tempestosa seduta del Gran Consiglio del fascismo del 25 luglio, che si concluse con la sfiducia a Mussolini.

L’antifascismo, va detto, soprattutto il martellamento mediatico antifascista postbellico che ci assorda da settant’anni, non è solo in malafede, è anche meschino e stupido. Ci si è voluto dare a intendere che il vistoso dimagrimento che allora Mussolini cominciava a manifestare dipendesse dal fatto che egli fosse in qualche modo consustanziale al potere e che si andasse contraendo anche fisicamente man mano che il suo potere diminuiva, una spiegazione, come si vede, degna di minorati mentali. La realtà ovvia è esattamente opposta; furono i problemi di salute da cui il duce cominciava a essere afflitto, che verosimilmente gli impedirono di predisporre le misure per cautelarsi dai nemici del fascismo, dai nemici interni dell’Italia, oltre che di seguire l’evolversi della situazione strategica come sarebbe stato opportuno. Da cosa fosse affetto, precisamente non si sa, ma si sono ipotizzati un’ulcera o un tumore allo stomaco o all’intestino.

Per gli antifascisti è sempre stato e continua a essere motivo di imbarazzo il modo “parlamentare” in cui si svolse la caduta del fascismo. Dopo aver ricevuto la sfiducia del Gran Consiglio, Mussolini si recò dal re a presentare le proprie dimissioni come un qualsiasi presidente del Consiglio; è questo il comportamento di un “dittatore”, di un “tiranno”? Di certo, è il comportamento di un uomo dalla coscienza pulita.

E’ falso che all’uscita dal quirinale Mussolini sia stato “arrestato”; in realtà fu rapito con un atto che non aveva nessuna parvenza di legalità, e portato via in incognito su di un’ambulanza. Questo sequestro di persona del tutto illegale dimostra che il re e gli altri congiurati del 25 luglio temevano la reazione dei fascisti e la reazione popolare, la popolarità di cui, nonostante i rovesci bellici, Mussolini ancora godeva.

Una domanda tuttora senza risposta è se, e fino a che punto Mussolini avesse avvertito il clima di cospirazione da basso impero che gli si stava addensando intorno. E’ tipica delle persone oneste, leali, lineari, l’incapacità di cogliere la tortuosità e la malafede altrui. Le sue parole: “Il tradito può anche essere un ingenuo, ma il traditore è sempre un infame”, si attagliavano ora alla sua situazione, ma non è da escludere che egli fosse più consapevole di quel che si crede, di ciò che si andava preparando, c’erano state delle avvisaglie di cui non era possibile non tenere conto, fra queste l’assassinio di Ettore Muti, “il più bello” e certamente uno dei più stimati gerarchi fascisti, ucciso in un agguato in stile mafioso. Può essere che egli scegliesse di ignorare queste avvisaglie e di andare incontro al suo destino per risparmiare all’Italia il sommarsi alla sconfitta militare che si andava profilando sempre più chiaramente, l’orrore della guerra civile.

In ogni caso, la figura di Mussolini campeggia come quella di un gigante in mezzo a una torma di squallidi nani intenti a trarre vantaggio dalle sventure della Patria.

Sfortunatamente, quella guerra civile che Mussolini aveva cercato di evitare, e che i fascisti cercarono di evitare non reagendo al cambiamento di regime, era dietro l’angolo.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: venticinqueaprile

Pubblicato da Fabio Calabrese il 14 Aprile 2015

Fabio Calabrese

Nato a Trieste il 12 novembre 1952, coniugato, due figli. Laureato in filosofia, docente di scuola superiore. Scrittore di letteratura fantastica con all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui alcune in Gran Bretagna, Polonia, Francia. Studioso di neopaganesimo e di neoceltismo. Attivo da molti anni come opinionista politico dell'Area, ha collaborato con “Rinascita”, “Ciaoeuropa”, “Italia sociale”, “L'uomo libero”, il Centro Studi La Runa e negli ultimi anni soprattutto con “Ereticamente”, dove è una delle firme maggiormente rappresentate.

Commenti

  1. Giovanni F.

    Ottimo articolo, ma Ettore Muti fu assassinato nell’agosto del ’43, ben dopo il 25 luglio e proprio per prevenire una qualche reazione da parte del grande eroe fascista, quindi non poteva essere questa una “avvisaglia” per Mussolini del clima di congiura che sia andava preparando in vista del “Gran Consiglio”…
    Grazie comunque per gli articoli che scrivi, sempre appassionanti.

  2. stelvio dal piaz

    Mussolini si recò dal re dopo la seduta del gran consiglio non per dare le dimissioni. Le consultazioni erano periodiche e – dopo il gran consiglio – era logico l’incontro. Le dimissioni di Mussolini non esistono. L’Italia era una monarchia costituzionale che prevedeva che se dimissioni c’erano state queste dovevano essere presentate alla camera dei fasci e delle corporazioni, ratificatre dal re e pubblicate in gazzetta ufficiale. questa la procedura; formalità che non risultano documentalmente da nessuna parte. quindi per verità storica dobbiamo essere precisi nel riferire gli avvenimenti.

  3. Francesco sorsoli

    L’articolo è bellissimo! Complimenti vivissimi! Vorrei che tutti quanti lo leggessero per capire in che paese viviamo… Vorrei che lo leggessero anche i genitori dei bambini che frequentano scuole dove i docenti fanno lavaggi “rossi” del cervello. Riusciremo mai a salvare il nostro paese da credenze sbagliate? Riusciremo a smentire i finti eroi? Riusciremo mai a capire chi furono veramente i cattivi?

  4. PIO

    sarei contento se la smettessimo di parlare di fascismo o di comunismo due ideologie morte.
    Qualcuno, come l’autore di questo articolo crede ancora nel fascismo ?
    Non ha capito niente, come quelli che credono ancora nel comunismo.
    sono robe vecchie e mediterranee.
    La verità sta nel liberalismo, illumita.

    • Anonimo

      Pio non si tratta di ideologie o non ideologie si tratta di come sono accadute realmente le cose, di cose che funzionano e di cosa siano realmente. Il fascismo e il comunismo hanno avuto decenni per dimostrare cosa sono realmente e cancellare questa memoria sarebbe un crimine contro la storia. Il puro e semplice liberalismo ha una visione limitata, incapace di arrivare da molte parti, già comunismo (sofisticamente) cercò di superare le sue mancanze e (almeno) per buona parte ci riuscirono i così detti “fascismi”, questo non vuol dire che si rifiuta o accetta in toto il liberalismo, semplicemente lo si critica, lo si supera e si passa oltre. Un certo aveva detto che la verità sta nel intero.

  5. stelvio dal piaz

    Meno male che esiste ancora un ” pio ” che ha capito tutto ! Spero che vorrà spiegarci però cosa ha capito !

  6. Salve a tutti io penso che molte informazioni sul fascismo e su Mussolini che si sentono e che ci fanno anche studiare a scuola siano false o quantomeno incomplete. Ritengo che il potere distrugge le migliori prerogative degli uomini “vedi stalin”. Ricordiamoci che l’informazione non è mai totalmente libera ma sempre asservita ad un potere politico o economico. Quindi non mi stupisce che al fascismo siano state accollate più colpe di quante ne avesse veramente; sono dell’idea che la storia la scrivono i vincitori. Credo che il comunismo abbia fatto troppi danni al nostro modo di pensare al punto di farci diventare suicidi e autolesionisti. Purtroppo non credo che ne usciamo saremo spazzati via tra qualche generazione dagli immigrati musulmani e ci cancelleranno anche dai libri di storia. grazie ai compagni.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • Teurgia - libreria

  • fosforo e mercurio

  • i siculi

    la dimora del sublime

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli