fbpx

Aspettando l’invasione di primavera

Aspettando l’invasione di primavera

Per un momento – lo confesso – ho pensato di essermi sbagliato sullo spessore di Matteo Renzi. Non aveva trovato il coraggio di chiedere l’intervento della NATO per difendere l’Italia dalle minacce esplicite che le giungono dalla Libia, ma almeno – riflettevo – aveva avuto le palle per andare a Mosca a chiedere sostegno al Grande Dittatore inviso al Grande Alleato americano. E il Grande Dittatore – Politico con la P maiuscola – era stato ben lieto di impegnarsi seduta stante ad appoggiare in sede ONU ogni iniziativa a tutela delle ragioni italiane. Anche perché – aggiungo – l’ISIS è nemico dei suoi amici mediorientali (iraniani e siriani).immigrati

Naturalmente, si sarebbe dovuto iniziare da quella che è la minaccia più grave e imminente: il milione di migranti che gli uomini del Califfato custodiscono in Libia, e che a primavera scaglieranno contro le coste siciliane. Non è un mistero. Lo sanno tutti: CIA e nunzi apostolici, pii petrolieri dell’Arabia Saudita ed altrettanto pii concorrenti del Qatar, ONG americane e lobby israeliane e, naturalmente, le molte “antenne” che i nostri servizi segreti – nonostante tutto – conservano ancora a Tripoli e a Misurata. Così come tutti sanno (anche se nessuno ha il coraggio di ammetterlo) che una percentuale non so quanto grande di questo milione sarà formata da “soldati” jihadisti, mandati in Italia perché fungano da quinta colonna in vista di future azioni militari. Quali? Difficile dirlo. Ci potrebbe essere – Dio non voglia – un tentativo di conquista della Sicilia, calcando le orme dell’invasione islamica già realizzata nel Medio Evo. O ci potrebbe essere il tentativo di un’azione dimostrativa su Roma o contro il Vaticano. D’altro canto, le nostre strutture di pubblica sicurezza sono in ginocchio, falcidiate dalle riduzioni di personale e dai “tagli lineari” che le privano anche dell’indispensabile.

Il contesto è a tal punto drammatico, che l’ONU – attraverso il suo inviato Bernardino Leòn – si è espressa preventivamente, non più tardi di un paio di giorni fa, per un blocco navale dell’Unione Europea alle coste libiche; un blocco che impedisca l’arrivo in Italia di quella “bomba” migratoria. È una misura utile a tutelare l’Italia, ma è anche una misura profilattica contro una possibile strategia ISIS che volesse portare la guerra in Europa.

Ebbene, a questo punto, quando le parole dell’inviato ONU sembravano un provvidenziale “assist” per venire in soccorso dell’Italia, ecco che gli uomini del governo Renzi si precipitavano a gettare acqua sul fuoco. Iniziava il Ministro degli esteri Gentiloni, avvilente nel suo tentativo di minimizzare ogni cosa, contrario all’ipotesi di un blocco che potesse ostacolare l’azione di soccorso ai migranti; anzi, ha puntualizzato l’Incredibile Hulk, l’Italia fa già la sua parte ed auspica soltanto che l’Unione Europea le dia una mano più energica. Per che fare? Ma, perbacco – ci scommetto – per traghettare con più tranquillità il milione di profughi in territorio italiano!

Gli ha fatto sùbito eco la diafana Mogherini, quella vaga fanciulla – si ricorderà – che il Vispo Tereso è riuscito fortunosamente a piazzare come “alto rappresentante per gli affari esteri” dell’UE. No – ha detto la Mogherini – nessun blocco navale. Non ha aggiunto che il milione di migranti è il benvenuto, ma non ce n’era bisogno.

E Renzi, il “duro” che è andato a chiedere il sostegno di Putin? È semplicemente sparito dalla circolazione. Si occupa di Job Act e di rapporti con la minoranza del suo partito, e sembra ignorare completamente il problema del Califfato e del milione di migranti che si apprestano ad invaderci.

Evidentemente, Qualcuno gli ha tirato le orecchie, e il discoletto ha promesso di non farlo più. Chi potrebbe essere stato questo Qualcuno? Non so. Forse qualche suo amico finanziere particolarmente sensibile alle esigenze di Israele (che non è nemica dell’ISIS); forse qualche personaggio vaticano che sogna una nuova omelia di Papa Bergoglio a Lampedusa; o forse, più semplicemente, qualche tirapiedi dell’Ambasciata americana, o qualche latitante della NATO.

Fatto sta che il nostro sembra rientrato disciplinatamente nei ranghi. E la Sicilia, rassegnata, aspetta l’invasione di primavera.

Rallo_Social

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Immigrazione

Pubblicato da Ereticamente il 14 Marzo 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • ekatlos

  • misteri - ezio albrile

  • tradizione occidentale

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Gaetano Barbella in Sulle Ali della Memoria: riflessioni sull'opera di Maria Cacciola - Alessandra Iacono

      Può essere di sostegno capire che non tutto dell'... Leggi commento »

    • Max Dewa in I volti della decadenza, settima parte – Fabio Calabrese

      IL piano kalergi l'ennesima boiata , ma come potet... Leggi commento »

    • Michele in L'eredità degli antenati, seconda parte – Fabio Calabrese

      Gentilissimo professore pur non avendo la fortuna ... Leggi commento »

    • Loris in La verità su S’Anna di Stazzema

      Mia mamma con altre persone di Arni ,venne via da ... Leggi commento »

    • Fabio in Hiroshima e Nagasaki ... l'Oblio - Roberto Pecchioli

      Sig. Cono, in queste giornate così calde è megl... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin