Federico II: Storia e metafisica storica di un messia ghibellino tra spiritualità e politica

Federico II: Storia e metafisica storica di un messia ghibellino tra spiritualità e politica

Il fascino di un personaggio che – a distanza di secoli – non cessa di far parlare di sé. La novità editoriale di di Cristian Guzzo “Federico II: Storia e metafisica storica di un messia ghibellino tra spiritualità e politica”. 


“Il nucleo maggiormente innovativo della ricerca di Cristian Guzzo consiste, a parer mio, nella profonda riflessione sulla spiritualità di Federico II: una spiritualità sofferta e controversa costantemente tesa verso la proposizione di eterni, insolubili quesiti come quelli relativi all’esistenza di una vita ultraterrena. E ne risulta un convincente ritratto di un uomo potentissimo, con interessi filosofici, ma forse anche alle prese con la magia e altre scienze occulte e sempre alla ricerca di punti di riferimento sicuri. Un uomo, dunque, ben più moderno di quanto si pensi comunemente.”

(dall’introduzione di Pasquale Cordasco).
 
FedericoPer contatti e ordini, scrivere a editaonline@libero.it 

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Federico II, Recensione

Pubblicato da Ereticamente il 20 Febbraio 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando