Dalla Sgrena, a Greta e Vanessa: una nazione devitalizzata dalla sinistra, mentre i giapponesi ci impartiscono l’ennesima lezione di dignità

Dalla Sgrena, a Greta e Vanessa:  una nazione devitalizzata dalla sinistra,  mentre i giapponesi ci impartiscono l’ennesima lezione di dignità

di Riccardo Rosati

La liberazione di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli in Siria riporta alla memoria quella di altre due cooperanti in Medio Oriente: Simona Torretta e Simona Pari, sequestrate a Baghdad circa dieci anni fa. In tutta Italia si organizzarono fiaccolate e cortei per chiedere il rilascio delle Due Simone, come vennero ribattezzate dai media. Ci fu persino l’appello dell’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Tuttavia, i militanti del gruppo capeggiato da al-Zawahiri mostrarono fermezza, chiedendo in cambio della vita delle italiane, il rilascio di tutte le prigioniere musulmane nelle carceri irachene. Fatto sta che alla fine le ragazze vennero liberate al termine di una detenzione durata diciannove giorni, ma in che modo? Ovvio, pagando un riscatto! Ormai, anche il più sprovveduto tra i cosiddetti jihadisti sa bene che il nostro è un Governo assai “generoso”; inoltre i soldi non sono mica dei politici, ma del Popolo. Tanta ipocrita gioia e i soliti patetici trionfalismi stile Porta a Porta accolsero al rientro le nostre due compatriote, le quali affermarono che alla fine i terroristi non erano poi così male, visto che hanno chiesto loro scusa prima di rilasciarle. Le scuse al Popolo Italiano però non le fecero, come nemmeno un grazie al Governo, visto che a guidarlo c’era Berlusconi, odiato dal mondo della cooperazione terzomondista.

Torniamo ora alle due “Miss 12 Milioni”, come si potrebbero ben chiamare Greta e Vanessa. Entrambe erano già state in Siria altre due volte, possibile che non si fossero rese conto della gravità della situazione in quel Paese? Chi sono allora le persone che ci sono costate così tanti danari e l’ennesima figura da nazione senza attributi? Greta Ramelli, infermiera ventenne, originaria del varesotto, si dedica sin giovanissima al sociale, parola tanto amata dalla sinistra, ma che in soldoni non vuol dire nulla in particolare; anche pulire la strada davanti casa è un gesto socialmente utile o forse no? Vanessa Marzullo, anch’ella ventenne, originaria di Bergamo, studentessa di Mediazione Linguistica e Culturale. Qui sentiamo, proprio da linguisti, l’impellente necessità di aprire una brevissima parentesi. Ci rendiamo conto di quanta insensatezza ci sia spesso nel cambiare i nomi alle cose? Da Lingue e Letterature Straniere, si è passati a Mediazione Linguistica e Culturale, sembra tutto far parte di un progetto di istupidimento del mondo, così sapientemente descritto da Julius Evola:

L’antitesi Oriente-Occidente non ha più alcun senso, ma senso ha invece e soltanto la nuova antitesi fra coloro che in ogni terra tornano a riconoscere il diritto di una superiore visione spirituale come principio di civiltà e coloro che tutt’ora appartengono al mondo crepuscolare, decomposto, barbarico, disanimato dell’“età oscura” (1933).

Se noi occidentali seguissimo le parole del grande intellettuale italiano, beh, forse saremmo più rispettati, persino da quelli dell’ISIS.

Greta e Vanessa ci sono costate una valanga di denaro, come detto si parla di ben 12 milioni di dollari! Non solo con quei soldi oggi si sarebbero potute sostenere migliaia di famiglie italiane, ma la cosa più grave è che abbiamo armato i nostri nemici. Dunque, se ci saranno bombe in chiese o musei in Italia o altre forme di attentati, il “merito” sarà stato anche di queste due sciocche giovani, le quali non hanno chiesto nemmeno scusa per i problemi causati al Governo, nella scia delle Due Simone. Si sa, quando si è tipe da centro sociale, il proprio terzomondismo vale più di qualsiasi altra cosa; che paghi dunque lo Stato per loro, la sinistra è il nuovo Popolo Eletto e Greta e Vanesse due “apostole” del verbo globale.

Comunque, poco dopo che le due ragazze hanno fatto ritorno a casa – per giunta scandalosamente ingrassate, mai si sono visti prima di loro dei detenuti liberati da una prigionia con le guance paffute e un sorrisino un po’ ebete – sono stati rapiti e poi giustiziati, sempre dall’ISIS, due cittadini giapponesi. Il primo a essere ucciso è stato Haruna Yukawa: un contractor nel settore della difesa. I jihadisti avevano inizialmente chiesto al governo di Tōkyō di versare un riscatto di 200 milioni di dollari, ma il premier Shinzō Abe non si è smosso di un millimetro, riscatti non se ne devono pagare. Allora i terroristi hanno ucciso pure il secondo prigioniero: il giornalista Kenji Gotō. Per la sua liberazione stavolta l’ISIS non aveva preteso soldi, ma la scarcerazione di una delle cosiddette “Vedove Nere”, tale Sajida al-Rishawi: unica superstite di un quartetto suicida che nel novembre 2005 aveva fatto saltare in aria i saloni dell’Hotel Radisson Sas di Amman, durante un banchetto di nozze e colpito altri due alberghi, causando sessantuno vittime. Abe non ha neanche chiesto al Governo Giordano di liberare la terrorista, così da salvare la vita di Gotō, che è stato infatti decapitato senza pietà dagli islamici. La risposta di Tōkyō? Immediata e perentoria: “Un atto imperdonabile e oltraggioso”. Prima abbiamo accennato alla importanza delle parole. Badiamo bene allora al fatto che i giapponesi si siano detti “oltraggiati” dalla uccisione dei due loro connazionali; non hanno piagnucolato nell’italico modo, ma hanno mostrato sdegno e compattezza, qualità che fanno di un popolo tale. Per la cronaca, Sajida al-Rishawi è stata giustiziata come risposta della Giordania all’uccisione di un suo pilota, che era tenuto in ostaggio insieme ai giapponesi.

Sulla storia del riscatto pagato per la liberazione di Greta e Vanessa, il nostro Governo continua a non dare spiegazioni chiare all’opinione pubblica; eppure le due cooperanti sono vive grazie ai soldi dei cittadini italiani. Inoltre, come dimostrano bene le guance paffute al momento della liberazione, diversamente da Gotō e Yukawa, loro non sono mai state in vero pericolo: si sa, con gli italiani basta accordarsi per il prezzo. Aspettiamoci allora libri e interviste da parte delle due Miss 12 Milioni, che ci sono costate una montagna di soldi, solo a causa della loro irresponsabilità e stupidità.

I media si sono però dimenticati del fatto che da quasi due anni un altro nostro connazionale, Roberto Berardi, è detenuto in Guinea Equatoriale, in un carcere di massima sicurezza, per un reato finanziario che forse non ha commesso. Berardi è un imprenditore che in Africa ha costruito strade, ponti, dighe e palazzi, creando lavoro per le popolazioni locali. Purtroppo, egli non rientra nel cliché sinistrorso del cooperante. Ragion per cui, lo si può lasciare marcire in galera. Perché Renzi & Co. hanno trovato milioni di dollari per liberare le due “volontarie” recatesi in Siria, sapendo bene che ormai quella è la zona più pericolosa sul pianeta, ma non sborsano un soldo per pagare magari una mazzetta a qualche giudice locale e aiutare Berardi? Eh Italia, patria del doppiopesismo, una caratteristica, differentemente dalla integrità dimostrata ancora una volta dai nipponici, degna di un popolo vile e privo di onore, proprio come disse Dante: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”.

Quando si parla di questo genere di argomenti, non si può non pensare alla faccia di bronzo di Giuliana Sgrena. La giornalista del Manifesto rapita nel 2004 in Iraq e liberata un mese dopo grazie al sacrificio del funzionario del SISMI Nicola Calipari. La “signora” ha avuto la sfrontatezza di condannare un possibile intervento dell’Italia per far scagionare i nostri fucilieri di marina (preferiamo chiamarli così e non marò), da anni in attesa di un giusto processo in India. Che faccia tosta!

Dalla Sgrena, a Greta e Vanessa, passando per le Due Simone, tanti soldi e anche una vita umana buttati via. Chiediamoci, quanto valgono le cinque connazionali che abbiamo liberato? Valgono non solo tutto quel denaro, nonché la morte di Calipari, ma specialmente la perdita di dignità di una intera nazione?

Vediamo allora chi, malgrado i non pochi problemi causati dalla modernità, di onore e dignità ne ha ancora da vendere, ci riferiamo al popolo nipponico. Di recente la scrittrice Dacia Maraini, figlia del celebre yamatologo Fosco, è intervenuta sulle pagine del Corriere della Sera, in merito all’episodio delle scuse verso il proprio Paese da parte dei familiari dei due giapponesi uccisi dall’ISIS: “Un comportamento che nasce nella consapevolezza di appartenere a una collettività che viene prima di ogni altra cosa, compresi se stessi e la propria famiglia”. Un plauso se lo merita davvero la Maraini per le sue parole. Il vero apprezzamento però va completamente ai giapponesi, a partire dalle famiglie delle vittime. Una società, quella dell’Arcipelago, che è ancora oggi l’unico baluardo morale del mondo, in virtù del suo spirito: quel Yamato-Damashii così apprezzato proprio da Evola.

Riccardo Rosati

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità

Pubblicato da Ereticamente il 11 Febbraio 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Nicola

    Ma quale perdita di dignità. TUTTE le nazioni occidentali, USA e UK a parte, hanno sempre pagato i riscatti per i loro ostaggi (Francia, Germania, Spagna, Svizzera, Belgio…). Le lezioni di civiltà non si impartiscono lasciando ammazzare i propri cittadini in ostaggio, ma facendo cosette come sanzionare le monarchie arabe del Golfo Persico, questi nostri “alleti” e partner economici che intanto finanziano il terrorismo con somme enormemente superiori a quelle di qualsiasi riscatto (ma inglesi & americani si guardano bene dal farlo, loro i finanziamenti ai terroristi li evitano solo finché a pagare è qualche cittadino). Berardi è un imprenditore che ha fatto affari col figlio di un dittatore sanguinario, finché gli è convenuto. A quelli come lui e come voi preferisco centomila volte di più ragazze sane e altruiste come Greta Ramelli e Vanessa Marzullo. L’ingrassamento delle due ragazze lo vedono solo gli ebeti veri, come voi. Nessuna lezione di civiltà dal Giappone: loro e la Giordania erano dispostissimi allo scambio di prigionieri per salvare la pelle a Goto e al Kassasbeh, se non che quest’ultimo era già stato ucciso e allora lo scambio non si poteva fare, era una fregatura. Il Giappone non ha pagato riscatti per Yukawa solo perché 200 milioni sono una cifra spropositata: se avessero chiesto 5-10 milioni, come fanno di solito, li avrebbero pagati. A chi ha la memoria corta ricordo che qualche decennio fa il Giappone pagò i terroristi (non islamici, in quel caso) della “Armata Rossa Giapponese” per il rilascio dei passeggeri di un aereo nipponico dirottato, altro che fermezza. Altro che non smuoversi d’un millimetro, Abe ha continuato a ripetere che ogni misura sarebbe stata presa per liberare gli ostagi. Il Giappone ci dà sì una lezione di civiltà, quella vera: lì c’è chi come qui si è scagliato contro Goto per la sua imprudenza nell’andare in Siria, ma anche chi l’ha sostenuto e organizzato manifestazioni per chiedere la sua liberazione. Qui, checché voi ne diciate in apertura, la stampa schierata e la marea di italiani lobotomizzati che infesta Internet ha riversato solo fango, odio e falsità. Gli ostaggi italiani non sono mai in pericolo? Vi ricorda niente Enzo Baldoni? Ah no, quello era un sinistrorso, probabilmente siete contenti della sua uccisione, un comunista di meno.
    Dieci milioni di euro (12 mln di DOLLARI=10 mln di Euro: sapete fare le conversioni?) sono 20 centesimi a testa per cittadino, altro che “aiutare migliaia di famiglie”. Quanto al tentativo di scatenare l’isteria con “LI USERANNO CONTRO DI NOI!” i fatti degli ultimi mesi mostrano che basta un pazzoide con una pistola comprata con quattro soldi (magari neanche quella, anche solo un’auto o un coltello) per compiere attentati, non servono i milioni.
    Sì, Greta Ramelli e Vanessa Marzullo valgono tutti quei soldi, e anche molto di più. Voi, al contrario, non valete un’unghia di quelle ragazze, e per voi non spenderei nemmeno quei venti centesimi che ho felicemente “speso” per loro. Voi siete la rovina della civiltà. L’Italia è un Paese civile, che salva la pelle ai propri cittadini; i paesi ipocriti invece li lasciano ammazzare perché i loro governanti possano fare i duri sulla pelle degli altri, e poi non fanno nulla per bloccare i veri canali di finanziamento dei terroristi (chi compra il petrolio dell’ISIS? Ci guadagnano due milioni al giorno!)
    Naturalmente so che, da vigliacchi che siete, come tutti i fascistoidi, questo mio commento non sarà pubblicato: l’ho scritto solo perché voi sappiate quanto l’Italia sana vi disprezza.

  2. Michele Ruzzai

    Sì, certo, siamo così vigliacchi che:
    1) vedo che il suo commento è stato pubblicato
    2) siamo soliti firmarci con il nostro nome e cognome, caro sig. Nicola X

  3. lucio tassi

    Caro Nicola, tu sei così coraggioso, che non scrivi nemmeno il tuo nome per intero. E’encomiabile che tu difenda le due sguardinelle, facendole passare per anime candide che andavo ad aiutare i bambini, in realtà aiutavano “i ribelli” anti-Assad ovvero I MASSACRATORI DEL POPOLO SIRIANO.
    Tu caro Nicola sei solo un POVERO IMBECILLE degno rappresentante di quell’Italia “sana e antifascista” quella,decerebrata, falsa, ipocrita, che si crede perbenista in quanto aiuta i “più deboli” in realtà la peggior FOGNA UMANA, in realtà viscida, che ha solo come pensiero l’odio abissale e l’invidia verso i più forti e intrapendent, i più virili. Tu caro Nicola, non hai un pensiero, sei un pecorone deviato della pseudo-cultura imperante terzomondista. Te coraggiossimo Nicola, che ti nascondi nell’anonimato, a cui il disprezzo è reciproco, la tua filosofia non è la rovina della civiltà, è IL CANCRO DELL’UMANITA’.
    Saluti.

  4. lucio tassi

    Scusate, dei piccoli errori di ortografia, intrapendenti al posto di intrapendent
    coraggiossisimo al posto di coraggiosimo. Li faccio notare prima che l’individuo in questione, li esibisca come prova “dell’ignoranza fascista”.
    Grazie

  5. lucio tassi

    E anche andavo al posto di andavano. Scusate un’pò la fretta, un’pò la voglia di rispondere a quest’imbecille, mi ha fatto fare errori ortografici, mentre io presto molto attenzione a ciò che scrive.

  6. Nicola è la personificazione dell’italiota medio, che ha portato il cervello all’ammasso.Nutrito fin dall’infanzia di falsi miti resistenziali, parla senza cognizione di causa. Allora ricorderò a simile somaro che alla fine del 1945 il governo fantoccio antifascista, presieduto da Ferruccio Parri, osò dichiarare guerra al Giappone, nostro fiero alleato assieme alla Germania,mosso solo da cupidigia di servilismo verso gli occupanti la penisola vale a dire gli angloamericani,Onore, dignità,fedeltà,non sono valori validi per Nicola, che svezzato fin dall’infanzia a suon di miti resistenziali e a giornate della memoria altrui, non riesce a capire che l’Italia e il suo popolo a livello internazionale, dopo il tradimento dell’otto settembre 1943, sono considerati come sterco,feccia,vomito.Soprattutto nell’impero nipponico, ove alla perdita dell’onore e della dignità, i guerrieri preferiscono il tradizionale e rituale suicidio con la propria spada. Nicola, il tuo degno rappresentante italiota è il (sic) comandante Schettino!

Rispondi a Michele Ruzzai

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Vladislav in Da Platea a Minneapolis, passando per Fiume: dalla Tradizione all'Anti-Tradizione - Federica Francesconi

      La grecita' classica? Gli Spartani?Le Termopili? I... Leggi commento »

    • Bruno Cesca in Silentium Est Aureum: il nascondimento della verità - Brando Impallomeni

      Nesdun commento, ma apprezzamento... Leggi commento »

    • Bruno Cesca in Silentium Est Aureum: il nascondimento della verità - Brando Impallomeni

      Nessun commento ma apprezzamento... Leggi commento »

    • Massimo Micheli in Chesterton: gli insegnamenti di un uomo buono - Roberto Pecchioli

      Alla vigilia della festa dell'Assunta il buon Pecc... Leggi commento »

    • Loris in La verità su S’Anna di Stazzema

      Circa i massacri perpetuati da partigiani nei conf... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando